ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Morbio Inferiore, si accende la discussione sul moltiplicatore

Il Municipio propone due punti in meno. La minoranza della Gestione: ‘scelte mirate senza scivolare in tentazioni propagandistiche’. Ultima parola al Cc
Locarnese
4 ore

Tegna, l’ultimo grido del presidente: ‘Salviamo il campo!’

Marco Titocci ha firmato da solo il rapporto di minoranza commissionale sul messaggio con le varianti di Pr nel comparto Maggia-Melezza
Luganese
4 ore

Un laghetto di Muzzano sempre più... “nature”

Intervento in vista per la riva nord-est, prosegue il programma di valorizzazione avviato vent’anni fa
Luganese
13 ore

A Tesserete si celebra l’antropologo Bruno Manser

L’8 dicembre avrà luogo l’annuale riunione delle associazioni a tutela del territorio, con la partecipazione della Bruno Manser Fonds
Luganese
13 ore

Lugano, uno spettacolo per le persone con disabilità

Sabato 3 dicembre, per la Giornata internazionale delle persone con disabilità, si terrà al Lac un’azione performativa
Luganese
13 ore

Tesserete, posticipato il mercatino natalizio

L’evento si sarebbe dovuto tenere domenica 4 dicembre, ma è stato spostato all’11 dicembre a causa del meteo
Luganese
13 ore

Lugano, il Grand Tour of Switzerland al Parco San Michele

Lugano Region, in collaborazione con Svizzera Turismo, ha installato una postazione fotografica nel celebre punto panoramico
Mendrisiotto
13 ore

Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso

Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
14.03.2022 - 20:23

Bellinzona contro la guerra in Ucraina e pronta ad aiutare

Il Cc vota una risoluzione per Berna. Municipio sollecitato ad accogliere chi fugge, esporre la bandiera della pace e contribuire finanziariamente

bellinzona-contro-la-guerra-in-ucraina-e-pronta-ad-aiutare
Molti Comuni nel mondo l’hanno già appesa

Un messaggio municipale sul potenziamento del bike sharing, otto mozioni di cui alcune superate dagli eventi, diverse naturalizzazioni e una valanga d’interpellanze. Il tutto anticipato da una risoluzione contro la guerra in Ucraina. Seduta di alleggerimento questa sera per il Consiglio comunale di Bellinzona riunito a Palazzo civico. Per cominciare tutti d’accordo o quasi – quasi perché i due consiglieri comunisti Alessandro Lucchini e Massimiliano Ay non hanno votato e tra i banchi di Plr e Lega/Udc ci sono stati quattro astenuti – sulla risoluzione del gruppo Verdi/Mps/Fa che invita il Consiglio federale a "intervenire a ogni livello affinché si concretizzi celermente l’interruzione dell’aggressione militare da parte della Russia, il ritiro delle truppe russe da tutto il territorio ucraino, compresi i territori occupati totalmente o parzialmente e la fine di ogni ingerenza russa negli affari interni dell’Ucraina; l’apertura di negoziati, sotto l’egida internazionale, per garantire che le minoranze nazionali all’interno dell’Ucraina possano far valere i propri diritti all’autodeterminazione, nel quadro di un processo democratico e trasparente; una generosa politica del diritto d’asilo in Svizzera per chi fugge dall’Ucraina e per chi in Russia sta subendo una repressione a seguito delle proteste contro la guerra". Nella risoluzione motivata da Matteo Pronzini, il Cc invita inoltre il Municipio a "mettere a disposizione in modo generoso le infrastrutture della città (a cominciare dalle scuole) per la realizzazione della politica d’asilo in collaborazione con le autorità cantonali, a prendere iniziative per sviluppare la solidarietà con il popolo ucraino e con tutti coloro che si battono in Russia contro la guerra, a voler esporre su tutti gli edifici scolastici e gli stabili comunali la bandiera della pace, a deliberare un contributo finanziario a sostegno della popolazione in fuga dalla guerra per le loro prime necessità".

Il sindaco: ‘Ci stiamo attivando’

«A scanso di malintesi – ha spiegato il sindaco Mario Branda – il Municipio non ha atteso questa risoluzione, ma si è attivato per valutare quali strategie mettere in atto insieme alle autorità cantonali e gli enti preposti. Dobbiamo prepararci a una situazione che rischia di protrarsi a lungo nel tempo. L’organizzazione della presa a carico non è banale a nessun livello. L’importante è coordinarsi al meglio, anche con i molti privati già fattisi avanti. Metteremo a disposizione spazi e infrastrutture che ci verranno richiesti e che si renderanno necessari. Tema delicato è l’esposizione della bandiera della pace: siamo ovviamente tutti per la pace. Anche Putin, che però la intende in modo diverso rispetto a noi».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved