ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
52 min

Pila: ‘niente funivia, niente tasse d’uso e consumo’

A chiederlo al Municipio è una raccolta firme sottoscritta da 90 proprietari di abitazioni e frequentatori della frazione centovallina. L’impianto è fermo
Bellinzonese
52 min

Dalla paura nei rifugi alla motivazione negli spogliatoi dei Gdt

L’impegno della società turrita ha portato a offrire a giovani hockeisti ucraini l’opportunità di venire in Svizzera e giocare a Bellinzona
Luganese
52 min

Caslano, centinaia di lettere per il voto non recapitate

Il Municipio ha chiesto spiegazioni alla Posta, incaricata della distribuzione. Il Servizio diritti politici: ‘Non una violazione del diritto di voto’
Ticino
7 ore

Chiesa: ‘Poco sociali? Le nostre iniziative aiutano i cittadini’

Il presidente nazionale dell’Udc risponde alle critiche mosse da Claudio Zali, che ritiene Piero Marchesi e l’Udc interessati al suo seggio
Mendrisiotto
7 ore

Monte, inaugurati gli interventi del progetto intergenerazionale

Tre anni di lavoro e mezzo milione di franchi per la realizzazione di opere architettoniche volte a migliorare la qualità di vita delle persone anziane
Ticino
11 ore

Il 30% degli anziani ticinesi fa fatica ad arrivare a fine mese

È quanto emerge da uno studio di Pro Senectute, che riconosce quello a Sud delle Alpi come il dato più alto in Svizzera. E scatta subito l’interpellanza
Bellinzonese
11 ore

Violenza domestica, serata pubblica a Bellinzona

Mercoledì 12 ottobre interverranno Giorgio Carrara (Polizia cantonale), Frida Andreotti (Divisione giustizia) e l’avvocato Roberta Soldati
Bellinzonese
11 ore

Scuola bandistica del Bellinzonese, al via le lezioni d’assieme

Si apre la trentesima stagione dei corsi formativi
Bellinzonese
12 ore

Torna Poesia Curzútt, con Francesca Matteoni e Yari Bernasconi

Appuntamento per venerdì 14 ottobre
Locarnese
12 ore

‘A stanare prede nella notte’, gruppo di bracconieri nei guai

Alcuni cacciatori della regione sono finiti sotto inchiesta per illeciti venatori. Sequestrate armi modificate e un consistente bottino di catture
Luganese
14 ore

La Peonia del Generoso per lo stemma di Val Mara

Presentato il simbolo del nuovo Comune, nato dalla fusione di Maroggia, Melano e Rovio. Il Consiglio comunale approva i nuovi regolamenti comunali
Locarnese
15 ore

Ascona, per 6 mesi lavori allo svincolo San Materno

Messa in sicurezza degli attraversamenti stradali e nuova pavimentazione le opere previste
Bellinzonese
20 ore

Camorino, auto in fiamme sullo svincolo della A2

Il fatto è avvenuto ieri sera poco prima delle 23. Non si registrano feriti o intossicati
Locarnese
1 gior

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
1 gior

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
1 gior

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
1 gior

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
1 gior

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
2 gior

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
2 gior

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
2 gior

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
2 gior

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
laR
 
09.03.2022 - 05:30
Aggiornamento: 17:31

Nuova sede Ior a Bellinzona, dalle parole ai fatti

Studio di fattibilità con fondi privati: il Consiglio di fondazione ha incaricato l’architetto vodese Papadaniel, già membro della giuria per l’Irb

nuova-sede-ior-a-bellinzona-dalle-parole-ai-fatti
laRegione
La nuova sede Irb, inaugurata lo scorso novembre, e a destra il terreno della Città a disposizione per la nuova sede Ior

L’Istituto oncologico di ricerca (Ior) ha sete di spazio e non perde tempo. Nell’ottica di realizzare una propria nuova sede a Bellinzona, prevista in via Chiesa accanto a quella dell’Istituto di ricerca in biomedicina (Irb) inaugurata lo scorso novembre all’ex Campo militare dove lavorano 250 persone, ha trovato i fondi necessari a eseguire uno studio di fattibilità. Fondi privati. Lo conferma alla ‘Regione’ l’oncologo Franco Cavalli, padre dell’Istituto oncologico della Svizzera italiana (Iosi) e da alcuni anni presidente del Consiglio di fondazione dello Ior. I cui membri riuniti ieri in città sono stati aggiornati sull’avanzamento dell’iter. «Che è solo alle prime battute – ammette Cavalli – ma con una progressione che fa ben sperare per le fasi successive. In questo momento è importante verificare nel dettaglio, coinvolgendo uno specialista del ramo, lo stato pianificatorio del comparto e la relativa possibilità edificatoria considerando anche gli indici già utilizzati e sfruttati per il nuovo Irb e quelli rimanenti nel terreno accanto che pure appartiene alla Città» ed è già debitamente iscritto a Piano regolatore quale riserva per poter accogliere un secondo stabile da destinare alla ricerca medica. «Questa valutazione permetterà di farci un’idea chiara di quanto ammonterà l’investimento complessivo correlato allo spazio necessario per far crescere l’attività dello Ior come finora previsto».


Ti-Press
Franco Cavalli

L’aiuto privato e quello pubblico

L’aiuto privato viene assicurato da una donna, conoscente di Franco Cavalli e residente in Ticino, che ha già sostenuto nel recente passato diverse attività svolte dallo Ior. E che si è già detta disposta, nella fase successiva, a co-finanziare in modo importante la costruzione dell’edificio. «Determinante sarà il sostegno pubblico della Confederazione e del Cantone», annota il presidente Ior: «Da una prima stima dell’onere complessivo, risulta che questi tre attori insieme potrebbero raggiungere un livello tale di copertura da contenere al minimo l’esposizione ipotecaria dello Ior, a tutto vantaggio delle risorse da destinare alla ricerca. Così facendo intendiamo inoltre gravare il meno possibile sulla Città di Bellinzona. Il cui contributo di parecchi milioni a favore dell’Irb durante i suoi primi vent’anni di attività è stato fondamentale, mentre risulta per noi d’importanza vitale la disponibilità del Comune nel mettere a disposizione il terreno».


L’architetto vodese Dimitri Papadaniel

Professionista noto in Ticino

Per lo studio di fattibilità il Consiglio direttivo dello Ior ha deciso lunedì sera d’incaricare Dimitri Papadaniel, architetto di fama internazionale attivo a Morges nel Canton Vaud e in Grecia. Un volto noto alle nostre latitudini avendo fatto parte nel 2015 della giuria che scelse il progetto architettonico del nuovo Irb all’ex Campo militare (scelta caduta sulla proposta ‘Nel Parco’ elaborata dal compianto architetto Aurelio Galfetti) e avendo progettato nel 2002 insieme al pure compianto architetto Luigi Snozzi l’edificio di via Vela 6 a Bellinzona occupato per un ventennio proprio dall’Irb fino al recente trasloco. Palazzo vetrato di via Vela, ricordiamo, che a fine 2021 la Città ha acquistato per 6 milioni di franchi dalla società immobiliare allora proprietaria con l’obiettivo di continuare a inserirvi ricerca medica e scientifica. Lo studio Papadaniel è anche noto – e molti bleniesi se lo ricorderanno – per aver ricevuto l’incarico a metà anni 70 di pianificare l’inserimento di una grande stazione sciistica a Dötra dotata di impianti di risalita, duemila posti letto fra hotel, residenze collettive e individuali, strutture commerciali e culturali; un villaggio turistico car-free con collegamenti interni garantiti da furgoni e piccoli veicoli elettrici. Progetto faraonico mai decollato. Per fortuna, secondo molti amanti della montagna e della natura.

Un auditorium, pochi posteggi

Tornando con i piedi per terra, Dimitri Papadaniel dovrà consegnare il proprio studio preliminare entro sei/otto mesi. «Uno dei punti fermi – annota Cavalli – è che attualmente a Bellinzona manca un auditorium in grado di accogliere 200/250 persone. Verrebbe utile a noi ma potrebbe benissimo essere messo a disposizione di altri enti o eventi, come per esempio la Città, per conferenze e concerti, a dipendenza dal tipo di sala che verrebbe realizzata. Ma lo studio preliminare dovrà soprattutto dimostrare che l’esigenza di una nuova sede poggia su un concreto bisogno scientifico di spazi adeguati». A questo riguardo a tracciare la via è lo sviluppo conosciuto negli ultimi anni dallo Ior e da quello previsto a medio e lungo termine, che lo avvicinerà ai tredici gruppi dell’Irb: «Eravamo partiti da tre, oggi ne contiamo sette, dal primo luglio comincerà l’ottavo, nel 2023 dovrebbe aggiungersi il nono e fra due anni il decimo. Questo per dire che nella nuova sede Irb in via Chiesa, dove da quattro mesi operiamo a stretto contatto anche con i ricercatori dell’Ente ospedaliero cantonale, lo spazio non abbonda. Perciò abbiamo deciso di continuare a occupare in affitto, per il momento, anche la sede ‘storica’ di via Pometta. Ambire a una logistica nuova e unica ci sembra dunque una strada logica e sostenibile, considerando anche che Irb e Ior sono affiliati alla Facoltà di scienze biomediche dell’Usi e che insieme hanno costituito l’anno scorso l’associazione Bios+ con l’obiettivo anche di sviluppare gruppi di lavoro comuni. In questo contesto, dotarci di una nuova sede permetterebbe all’Irb a sua volta di crescere ulteriormente». Il tutto, conclude Franco Cavalli, riservando un occhio attento all’ambiente: «Considerata la migliorata raggiungibilità di Bellinzona con i mezzi pubblici in costante potenziamento, miriamo a contenere il più possibile il numero di posti auto». Peraltro, essendo totalmente finanziato da un privato, lo studio di fattibilità non ha richiesto in questa fase la procedura di concorso pubblico che interesserà invece le successive tappe progettuali e realizzative.

Precisione in oncologia: parla il prof. Dalla Favera

Lo Ior si distingue anche per le iniziative di divulgazione aperte al pubblico. La terza edizione della ‘Castelgrande Lecture’, in agenda domani, giovedì 10 marzo, porterà nuovamente in Ticino in modalità telematica un ricercatore di fama internazionale. Il professor Riccardo Dalla Favera, direttore dell’Institute for Cancer Genetics alla Columbia University di New York e membro del Comitato consultivo scientifico dello Ior, parlerà del tema "La nuova medicina di precisione in oncologia: l’esempio del linfoma". La conferenza online, in lingua italiana, si terrà alle 17 per la durata di circa un’ora. La presentazione verrà introdotta da Franco Cavalli e dal professor Andrea Alimonti, Group Leader dello Ior. Collegamento streaming all’indirizzo www.usi.ch/it/feeds/17896

Leggi anche:

Bellinzona, lo Ior chiede altro spazio nell’ex Campo militare

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved