ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’

Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
1 ora

Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione

In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
2 ore

‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’

Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Bellinzonese
2 ore

Airolo ha omaggiato i suoi 18enni

Il ricevimento ufficiale organizzato dal Municipio si è tenuto sabato 26 all’Infocentro A2 Gottardo Sud
Bellinzonese
3 ore

‘Raccontami una storia in ucraino’ a Bellinzona

L’attività promossa dalla biblioteca interculturale BiblioBaobab si terrà mercoledì 30 novembre dalle 10 alle 11 nella sua sede
Mendrisiotto
3 ore

Castel San Pietro, torna scintillante il mercatino di Natale

La manifestazione si terrà sul sagrato della chiesa dalle 14.30 in avanti, con 40 bancarelle e diverse occasioni di divertimento
Mendrisiotto
3 ore

Breggia festeggia i suoi diciottenni

Il sindaco Gaffuri ha augurato ai giovani del comune un degno accesso alla maggiore età
Mendrisiotto
3 ore

Luca Baluta vince il torneo scacchistico di Stabio

Il giovane momò Noah Pellegrini è arrivato secondo, sul podio anche Christian De Lucia
Mendrisiotto
3 ore

Pompieri e beneficenza, torna la raccolta fondi per Telethon

L’appuntamento è per sabato 3 dicembre dalle 8 alle 17 sia in piazzale del Municipio di Mendrisio sia al Centro di pronto intervento
28.12.2021 - 17:46
Aggiornamento: 19:10

Eritrea uccisa a Bellinzona, definitiva la condanna a 18 anni

Caso chiuso: la difesa del marito non ha interposto ricorso al Tribunale federale dopo la sentenza di Appello che ha inasprito la pena

eritrea-uccisa-a-bellinzona-definitiva-la-condanna-a-18-anni
Inquirenti al lavoro sul luogo dell’omicidio nell’estate 2017 (Ti-Press)

È definitiva la condanna a 18 anni di reclusione, all’espulsione dalla Svizzera per 15 e al risarcimento di 50mila franchi per ciascuno dei due figlioletti rimasti orfani della madre, pronunciata in Appello lo scorso settembre a carico dell’eritreo che la sera del 3 luglio 2017 durante una lite ha ucciso la giovane moglie connazionale spingendola giù dal balcone del loro appartamento situato al quinto piano di una palazzina di via San Gottardo a Bellinzona. Lette le motivazioni scritte trasmesse recentemente dalla Corte di appello e revisione penale, la difesa rappresentata dall’avvocata Manuela Fertile ha concluso consultandosi col proprio assistito, professatosi innocente sin dalla prima ora, che non vi fosse spazio di manovra per impugnare davanti al Tribunale federale la sentenza di secondo grado.


Il mazzo di rose lasciato da qualcuno vicino al punto dell’impatto al suolo (Ti-Press)

Tesi peritale promossa

La Corte presieduta dalla giudice Giovanna Roggero-Will, ricordiamo, ha inasprito di due anni la pena inflitta al termine del processo di primo grado. Dibattimenti entrambi fortemente indiziari mancando le prove schiaccianti, ma caratterizzati da un impianto accusatorio che ha infine superato ogni scoglio e sgombrato il campo dai dubbi, a tal punto che in Appello la proposta di pena formulata dal procuratore pubblico Moreno Capella è stata accolta integralmente. Il magistrato inquirente aveva fatto leva sulla perizia tecnico-scientifica affidata all’Istituto di medicina legale dell’Università di Berna. Secondo gli esperti solo attraverso una spinta, e non con l’atto volontario di lasciarsi cadere, il corpo della vittima poteva impattare al suolo nel punto dov’è stato rinvenuto, a circa tre metri e mezzo di distanza dall’edificio. Impianto accusatorio inoltre basato su alcuni altri elementi: dapprima il comportamento dell’uomo che subito dopo la caduta non ha allertato i soccorsi e ha nascosto il coltello usato in precedenza per minacciarla, come pure le testimonianze di alcuni vicini (che non hanno visto ma sentito il diverbio) e le escoriazioni sulla gamba e sul braccio della vittima, compatibili con la posizione a cavalcioni sul parapetto e col tentativo di aggrapparvisi per opporsi alla forza del marito.

Gelosia scatenante

Un uomo mosso dalla gelosia per il timore di essere stato tradito, considerata l’epatite B riscontrata dalla donna tuttavia non a seguito di rapporti extraconiugali ma a causa di una malattia cronica di origini remote, e anche per il timore che potesse essere rimasta incinta nonostante le rassicurazioni della dottoressa della moglie. La difesa, affidandosi a una controperizia eseguita all’Istituto di scienze forensi di Milano secondo cui la caduta sarebbe stata invece originata da una gesto volontario, nulla ha potuto per ottenere l’assoluzione o una riduzione di pena. Sentenza cresciuta in giudicato, quindi, e caso chiuso.

Leggi anche:

Eritrea deceduta, assassinio confermato, 18 anni per il marito

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved