Ajoie
0
Lugano
2
1. tempo
(0-2)
Zugo
0
Bienne
0
1. tempo
(0-0)
Ginevra
1
Losanna
1
1. tempo
(1-1)
Friborgo
1
Berna
1
1. tempo
(1-1)
Langnau
0
Lakers
0
1. tempo
(0-0)
Zurigo
3
Davos
0
1. tempo
(3-0)
Langenthal
1
Olten
0
1. tempo
(1-0)
Sierre
Zugo Academy
20:00
 
Ticino Rockets
0
GCK Lions
1
1. tempo
(0-1)
gli-impresari-si-schierano-con-i-cavisti-contro-la-legge
Ti-Press
Nicola Bagnovini, direttore Ssic
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
50 min

Presunto stupro di gruppo, in tre a processo

Rinviati a giudizio tre uomini che lo scorso 25 settembre avrebbero abusato di una donna dopo una serata in un locale del Sottoceneri
Locarnese
1 ora

Lungolago di Muralto, stop alla progettazione ‘totale’

Ritirato il messaggio per moderazione del traffico e riassetto urbano perché due dei tre comparti sono “troppo” legati alle incertezze in stazione
Ticino
1 ora

Scuole di musica e obbligo 2G: ‘Non ci sono margini di manovra’

Il Consiglio di Stato risponde al Conservatorio sulle novità introdotte a fine dicembre: formazioni non equiparate a scuola dell’obbligo o secondario II
Luganese
1 ora

Campione, ricorso al Tar contro il taglio della sanità ticinese

La delibera del Consiglio regionale della Lombardia è in vigore dal 15 dicembre. Un’avvocata chiede l’intervento del Tribunale amministrativo regionale
Mendrisiotto
1 ora

Piazza del Ponte, progetto in sospeso. ‘Che delusione’

La Lista civica torna alla carica con il Municipio di Mendrisio. ‘A che punto è il bando di concorso?’
Luganese
1 ora

Guasto risolto, i treni da Lugano al nord tornano in viaggio

Dopo due ore di disagi, le Ffs sono riuscite a ripristinare ‘la perturbazione tecnica agli impianti ferroviari’
Bellinzonese
1 ora

Anche Sant’Antonino si doterà di un custode sociale di paese

Il Municipio risponde positivamente alla richiesta Plr. Valutazioni in corso sulla proposta Ppd per un centro extrascolastico
Ticino
1 ora

Quote rosa ai vertici dell’Amministrazione? Commissione divisa

La ‘Costituzione e leggi’ ha firmato due rapporti di Filippini (Udc) e Lepori (Ps), tra monitoraggio e richieste di azione. Firme non ancora definitive
Locarnese
2 ore

Curling, ‘Torneo Camelie’ ad Ascona

Iscritte 14 squadre provenienti da tutta la Svizzera
Luganese
2 ore

Guasto alla stazione di Lugano, bloccati i treni verso nord

Emergenza ferroviaria. Dalle 16.30 attivati i bus navetta per Taverne e Giubiasco. Si indaga sulle cause della panne, ancora irrisolta
Bellinzonese
2 ore

Nuovo ospedale di Bellinzona: comprato il terreno

Firmato l’atto di compravendita tra Cantone e Armasuisse per la Saleggina e l’atto di servitù per l’Infocentro di Pollegio
Locarnese
2 ore

Verzasca, annullato l’incontro con Flavio Zappa

La causa: spazi stretti al Castello Marcacci di Brione non permettono il rispetto del distanziamento sociale
Luganese
3 ore

Tresa, la popolazione ha scelto il nuovo stemma comunale

Il sondaggio pubblico ha premiato ‘Tre-/-isca’ realizzato da Marco Andina. Sarà ora sottoposto a Municipio e Consiglio comunale per l’adozione
Luganese
3 ore

Agno, San Provino annullato per il terzo anno

La decisione è stata presa dal Municipio. Le formule alternative studiate non avrebbero permesso di vivere spensieratezza, allegria e spontaneità tipiche
Locarnese
3 ore

Lo svuotamento del lago Vogorno ha intorpidito l’acqua potabile

Problemi a Minusio e Tenero-Contra. Chiusa la captazione alle Brere e creati collegamenti con le reti idriche dei comuni vicini
Bellinzonese
3 ore

Faido-Carì, non c’è la neve ma c’è l’hockey in alternativa

Impossibile sciare sulle piste della località leventinese. Per creare ambiente e allegria ecco allora un quadrangolare di disco su ghiaccio amatoriale
Locarnese
3 ore

Passerella sulla Melezza, argini da consolidare

Nei pressi del ponte ciclo-pedonale tra Tegna e Losone, l’erosione delle piene ha minato la tenuta dei ripari. Sarà necessario intervenire a breve
 
06.12.2021 - 05:150
Aggiornamento : 15:53

Gli impresari si schierano con i cavisti contro la legge

La Ssic giudica la proposta messa in consultazione dal Dt troppo complicata, esigente e vincolante

Troppo complicata, troppo esigente dal profilo ambientale, troppo vincolante nelle disposizioni e nelle richieste in materia di sfruttamento, programma di gestione, garanzie finanziarie richieste al gestore, sistemazione finale, analisi preventive da eseguire, rapporti annuali da allestire e aggiudicazione delle concessioni. Sono diverse le criticità espresse dalla sezione ticinese della Società svizzera impresari costruttori (Ssic) verso il progetto di legge cantonale sulle cave posto in consultazione dal Dipartimento del territorio. Parere che si aggiunge al coro di ‘no’ salito dal Comune di Riviera, dai patriziati direttamente toccati, dall’Alleanza patriziale e, singolarmente, dalle ditte del ramo grandi e meno grandi.

‘Bene se la si promuove’

“Stiamo parlando – scrive il direttore della Ssic Nicola Bagnovini – di una delle poche materie prime che si riesce a sfruttare bene in Ticino e che denota caratteristiche estetiche e costruttive di indubbio pregio e durevolezza”. A tal proposito, gli impresari costruttori accolgono favorevolmente il principio sancito nell’articolo 14 volto a promuovere da parte del Cantone e dei Comuni l’utilizzo del materiale estratto dalle cave cantonali nelle procedure sottoposte alla legislazione in materia di commesse pubbliche, “sebbene spesso la scelta sia di tipo architettonico e dunque sarebbe importante sensibilizzare in tal senso i progettisti sull’uso dei nostri materiali”. In questo contesto “un bell’aiuto è comunque già offerto dalla Legge cantonale sulle commesse pubbliche che prevede di principio delibere a ditte con sede in Svizzera; inoltre la questione può essere regolamentata a livello di bandi di concorso”. L’articolo 14 dunque piace ma tutto il resto molto meno, se si vuole leggere il progetto di Legge “con un occhio di riguardo rivolto alla salvaguardia a medio e lungo termine di questa importante, quanto fragile, nicchia di attività economica locale”.

‘Immaginare le conseguenze’

Nonostante il nobile intento di meglio regolamentare un settore così particolare – annota Bagnovini – in queste situazioni “è importante cercare di immaginare tutte le conseguenze pratiche che una nuova legge come quella proposta comporterebbe agli addetti ai lavori in un contesto normativo già molto complesso e nel quale la burocrazia sta crescendo un po’ ovunque, imbavagliando di fatto l’iniziativa imprenditoriale”. E anche perché l’indotto economico per i Patriziati e quello occupazionale per le valli “non sono trascurabili”, il settore “va assolutamente tutelato”. Infatti il vero pericolo per la gestione delle cave “consiste nella malaugurata ipotesi di abbandono dell’attività, lasciando di fatto solo ferite aperte sul territorio, difficilmente sanabili soprattutto dai Patriziati, che generalmente dispongono di risorse finanziarie assai limitate”. Da qui la richiesta affinché si eviti che la nuova legge divenga un ostacolo insormontabile per gli imprenditori, “definendo meglio come considerare i contratti in essere e tuttora validi, introducendo delle deroghe temporali all’introduzione della legge medesima o delle disposizioni transitorie che considerino le situazioni esistenti, formatesi in seguito a decenni di attività sul territorio”.

‘Rischio blocco a lungo termine’

Uno dei rischi considerati dalla Ssic tocca gli aspetti pianificatori locali: per esempio se i Comuni non modificassero o non riuscissero a modificare il loro Piani regolatori (magari a causa di ricorsi o dei noti tempi lunghi per le modifiche pianificatorie) in funzione della nuova legge sulle cave, “il rischio concreto è di bloccare l’attività dei cavisti per lunghi periodi, togliendo di fatto l’indispensabile continuità operativa”. Detto in altre parole il timore in casa Ssic è che la nuova legge “sia talmente esigente dal profilo delle normative ambientali e impegnativa per quanto riguarda le garanzie richieste per la sistemazione finale, da precludere l’attività a diversi piccoli e medi imprenditori del ramo. Solo le grosse aziende avrebbero le capacità economiche e organizzative per far fronte al nuovo ordinamento e questo aspetto potrebbe influenzare negativamente il mercato ticinese della fornitura della pietra naturale”. Il rischio di un monopolio non sarebbe insomma da escludere.

‘Basterebbero le norme esistenti’

Peraltro, prosegue la Ssic, già talune attuali norme sarebbero sufficienti a gestire meglio il settore: “Visto che l’attività di estrazione e lavorazione della pietra d’opera è ammessa solo dopo l’ottenimento della licenza edilizia in base alla Scheda V8 del Piano direttore cantonale, i Comuni interessati e il Cantone possono già ora mettere i paletti necessari (valutazione aspetti ambientali e di proporzionalità degli investimenti economici richiesti al gestore) prima di rilasciare una concessione di estrazione, lavorazione e gestione del materiale”. In defînitiva, conclude il direttore Bagnovini, la nuova Legge non sembra indispensabile “e presenta risvolti poco chiari che meritano di essere approfonditi ascoltando tutte le parti in causa per evitare di mettere ulteriormente in difficoltà l’intera filiera”. Da qui l’auspicio della Ssic che il Dipartimento del territorio consideri e analizzi le varie problematiche sollevate in questa fase.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved