gli-impresari-si-schierano-con-i-cavisti-contro-la-legge
Ti-Press
Nicola Bagnovini, direttore Ssic
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Tenero, nuovo annegamento nelle acque lacustri

Un 54enne confederato è scomparso dalla visuale attorno alle 17, mentre nuotava poco distante dalla riva. Il cadavere recuperato verso le 20
Locarnese
3 ore

Festa Madonna della Neve a Terra Vecchia

La località centovallina accoglie domenica la tradizionale ricorrenza religiosa
Locarnese
4 ore

Cavigliano, Plr in festa ‘al Lambic’

La locale sezione propone un incontro con i propri simpatizzanti domenica 28 agosto
Grigioni
4 ore

Condanna bis al comandante della polizia William Kloter

Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Mendrisiotto
5 ore

Cloro in falda a Vacallo, riaffiora il problema

Vuotare la vasca quadrata non è bastato. Il Municipio chiede a Chiasso di chiudere anzitempo la piscina comunale
Luganese
5 ore

Riconoscete il luogo: un altro quiz estivo sul Luganese

Dopo la sorprendente immagine di Mezzovico-Vira negli anni Cinquanta, ecco una seconda immagine per voi. Sapreste riconoscere questa zona?
Bellinzonese
5 ore

Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio

In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Mendrisiotto
5 ore

Coldrerio, torna la Sagra da l’Asan

L’evento, organizzato dalla locale Associazione sportiva, si terrà il 25, 26 e 27 agosto al Capannone del campo sportivo
Ticino
5 ore

Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio

L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
6 ore

Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio

L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
6 ore

Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista

Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
Gallery e video
Luganese
6 ore

‘Trasloco’ di 40 metri per un edificio di 600 tonnellate

Spostamento necessario per la realizzazione del futuro sottopasso pedonale di Besso. Le operazioni sono durate tutta la mattinata
Luganese
6 ore

Funghi e fungiatt, a Rivera un corso

Si svolgerà a fine settembre alla Casa patriziale la formazione per esperti in micologia. Iscrizioni entro il 5 settembre.
Locarnese
6 ore

Allerta meteo sul Locarnese: forti temporali

Pericolo di grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Il fronte del maltempo procede a una velocità di 25 km/h
Mendrisiotto
6 ore

Mendrisio: pedalata popolare e sensibilizzazione sulle bici

La Polizia della Città dà il via all’azione ‘Pedalare +Sicuri’, cominciando dal 20 agosto, quando si svolgerà il ‘GP La Belvedere, gara MTB Eliminator’
Mendrisiotto
6 ore

A Breggia in 333 sono per il referendum sulle scuole

Il Comitato promotore consegna le firme in Cancelleria: ‘Obiettivo raggiunto’. Il nodo del problema, non i servizi didattici ma l’investimento
Locarnese
7 ore

A Brissago le opere dell’artista locarnese Vanna Alberti

Sabato 20 agosto alle 17 presso la Galleria Amici dell’Arte il vernissage con presentazione di Dario Bianchi. Esposti pitture, assemblaggi e sculture.
laR
 
06.12.2021 - 05:15
Aggiornamento: 15:53

Gli impresari si schierano con i cavisti contro la legge

La Ssic giudica la proposta messa in consultazione dal Dt troppo complicata, esigente e vincolante

Troppo complicata, troppo esigente dal profilo ambientale, troppo vincolante nelle disposizioni e nelle richieste in materia di sfruttamento, programma di gestione, garanzie finanziarie richieste al gestore, sistemazione finale, analisi preventive da eseguire, rapporti annuali da allestire e aggiudicazione delle concessioni. Sono diverse le criticità espresse dalla sezione ticinese della Società svizzera impresari costruttori (Ssic) verso il progetto di legge cantonale sulle cave posto in consultazione dal Dipartimento del territorio. Parere che si aggiunge al coro di ‘no’ salito dal Comune di Riviera, dai patriziati direttamente toccati, dall’Alleanza patriziale e, singolarmente, dalle ditte del ramo grandi e meno grandi.

‘Bene se la si promuove’

“Stiamo parlando – scrive il direttore della Ssic Nicola Bagnovini – di una delle poche materie prime che si riesce a sfruttare bene in Ticino e che denota caratteristiche estetiche e costruttive di indubbio pregio e durevolezza”. A tal proposito, gli impresari costruttori accolgono favorevolmente il principio sancito nell’articolo 14 volto a promuovere da parte del Cantone e dei Comuni l’utilizzo del materiale estratto dalle cave cantonali nelle procedure sottoposte alla legislazione in materia di commesse pubbliche, “sebbene spesso la scelta sia di tipo architettonico e dunque sarebbe importante sensibilizzare in tal senso i progettisti sull’uso dei nostri materiali”. In questo contesto “un bell’aiuto è comunque già offerto dalla Legge cantonale sulle commesse pubbliche che prevede di principio delibere a ditte con sede in Svizzera; inoltre la questione può essere regolamentata a livello di bandi di concorso”. L’articolo 14 dunque piace ma tutto il resto molto meno, se si vuole leggere il progetto di Legge “con un occhio di riguardo rivolto alla salvaguardia a medio e lungo termine di questa importante, quanto fragile, nicchia di attività economica locale”.

‘Immaginare le conseguenze’

Nonostante il nobile intento di meglio regolamentare un settore così particolare – annota Bagnovini – in queste situazioni “è importante cercare di immaginare tutte le conseguenze pratiche che una nuova legge come quella proposta comporterebbe agli addetti ai lavori in un contesto normativo già molto complesso e nel quale la burocrazia sta crescendo un po’ ovunque, imbavagliando di fatto l’iniziativa imprenditoriale”. E anche perché l’indotto economico per i Patriziati e quello occupazionale per le valli “non sono trascurabili”, il settore “va assolutamente tutelato”. Infatti il vero pericolo per la gestione delle cave “consiste nella malaugurata ipotesi di abbandono dell’attività, lasciando di fatto solo ferite aperte sul territorio, difficilmente sanabili soprattutto dai Patriziati, che generalmente dispongono di risorse finanziarie assai limitate”. Da qui la richiesta affinché si eviti che la nuova legge divenga un ostacolo insormontabile per gli imprenditori, “definendo meglio come considerare i contratti in essere e tuttora validi, introducendo delle deroghe temporali all’introduzione della legge medesima o delle disposizioni transitorie che considerino le situazioni esistenti, formatesi in seguito a decenni di attività sul territorio”.

‘Rischio blocco a lungo termine’

Uno dei rischi considerati dalla Ssic tocca gli aspetti pianificatori locali: per esempio se i Comuni non modificassero o non riuscissero a modificare il loro Piani regolatori (magari a causa di ricorsi o dei noti tempi lunghi per le modifiche pianificatorie) in funzione della nuova legge sulle cave, “il rischio concreto è di bloccare l’attività dei cavisti per lunghi periodi, togliendo di fatto l’indispensabile continuità operativa”. Detto in altre parole il timore in casa Ssic è che la nuova legge “sia talmente esigente dal profilo delle normative ambientali e impegnativa per quanto riguarda le garanzie richieste per la sistemazione finale, da precludere l’attività a diversi piccoli e medi imprenditori del ramo. Solo le grosse aziende avrebbero le capacità economiche e organizzative per far fronte al nuovo ordinamento e questo aspetto potrebbe influenzare negativamente il mercato ticinese della fornitura della pietra naturale”. Il rischio di un monopolio non sarebbe insomma da escludere.

‘Basterebbero le norme esistenti’

Peraltro, prosegue la Ssic, già talune attuali norme sarebbero sufficienti a gestire meglio il settore: “Visto che l’attività di estrazione e lavorazione della pietra d’opera è ammessa solo dopo l’ottenimento della licenza edilizia in base alla Scheda V8 del Piano direttore cantonale, i Comuni interessati e il Cantone possono già ora mettere i paletti necessari (valutazione aspetti ambientali e di proporzionalità degli investimenti economici richiesti al gestore) prima di rilasciare una concessione di estrazione, lavorazione e gestione del materiale”. In defînitiva, conclude il direttore Bagnovini, la nuova Legge non sembra indispensabile “e presenta risvolti poco chiari che meritano di essere approfonditi ascoltando tutte le parti in causa per evitare di mettere ulteriormente in difficoltà l’intera filiera”. Da qui l’auspicio della Ssic che il Dipartimento del territorio consideri e analizzi le varie problematiche sollevate in questa fase.

Leggi anche:

In Riviera un muro di granito contro la Legge sulle cave

Una Legge cantonale sulle cave? ‘Forse sì, ma non così’

Disegno di Legge sulle cave, una sassata dalle ditte

Una Legge sulle cave? ‘Così il Cantone non ci aiuta’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cavisti consultazione impresari nuova legge ssic
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved