chat-erotiche-con-minorenni-castrazione-chimica-per-46enne
Tutti i reati sono stati commessi online (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 ore

Muralto, botte in stazione: commozione celebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è successo nel tardo pomeriggio di oggi: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
8 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
9 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
9 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
9 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
9 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
9 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
9 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
10 ore

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
11 ore

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
Ticino
11 ore

‘Cavalli di razza’ sul banco degli imputati

’ndrangheta, prime decisioni giudiziarie in Italia sull’operazione che interessò anche il Ticino. I verbali del pentito
Ticino
11 ore

Tra aumento delle ditte senza notifica e lo spettro malaedilizia

Il bilancio 2021 dell’Associazione interprofessionale di controllo. Ambrosetti: ‘Sempre più permessi di corta durata’. Bagnovini: ‘Importante segnalare’
Mendrisiotto
11 ore

Corsie A2, ‘nessuna considerazione per il Distretto a Berna’

Il Plr di Mendrisio contesta il modus operandi dei servizi federali. ‘Si dia la precedenza ad AlpTransit a sud’
Video
Bellinzonese
11 ore

Riaperto il Passo del San Gottardo

Dalle ore 16 di oggi la strada è transitabile. Piccola colonna di auto e moto già sul posto all’ora indicata per la riapertura. Guarda il video
23.11.2021 - 12:32
Aggiornamento : 21:46

Chat erotiche con minorenni: castrazione chimica per 46enne

L’uomo, un plurirecidivo del Bellinzonese, è stato condannato per atti sessuali con fanciulli e pornografia a 15 mesi sospesi a favore di un trattamento

«Non riesco a togliermi questo vizio, dopo sto male perché lo faccio, ma non riesco. Non so bene come spiegarlo». Il ‘vizio’ in questione è l’attrazione sessuale per i minorenni, che a un 46enne svizzero domiciliato nel Bellinzonese è già costata diverse condanne. L’ultima oggi, alle Assise correzionali di Bellinzona: quindici mesi sospesi a favore di un trattamento ambulatoriale per ripetuti atti sessuali con fanciulli e pornografia. «Lo faccio perché sono un idiota» ha aggiunto l’imputato, incalzato dal presidente della Corte Amos Pagnamenta.

La chat, la webcam, la nudità

Nello specifico, fra la primavera e l’autunno del 2019, l’uomo si è servito di una popolare applicazione in voga fra i giovanissimi per chattare con quattro minorenni, in almeno otto occasioni. Non chiacchierate qualsiasi: chat erotiche, durante le quali veniva azionata la webcam, il condannato si spogliava e induceva anche i ragazzi a mostrarsi nudi. Non solo. L’uomo ha anche visualizzato, detenuto e in alcuni casi fatto circolare immagini erotiche di minorenni, di entrambi i sessi. E proprio da una di queste è partita l’indagine, ha spiegato la procuratrice pubblica Valentina Tuoni: «L’inchiesta è stata un po’ un’Odissea. Abbiamo iniziato tramite una fotografia segnalataci dalla Fedpol, grazie alla quale siamo risaliti all’imputato. Gli sono stati sequestrati computer e telefoni. Ma l’inchiesta purtroppo non ha permesso di recuperare dati oggettivi da quelle conversazioni».

Ha ammesso i fatti: ‘Una richiesta d’aiuto’

Un aiuto agli inquirenti l’ha fornito l’indagato stesso, che fin da subito ha ammesso quanto fatto e non ha mai cambiato versione dei fatti: «Una richiesta d’aiuto», secondo Tuoni. Comportamenti peraltro ai quali non è purtroppo nuovo. Atti sessuali con fanciulli, pornografia, esibizionismo, sono tutti reati per i quali è già stato processato e condannato più volte nell’ultima dozzina d’anni. «È un soggetto ben noto alle nostre autorità – ha ammesso l’avvocato difensore Stefano Genetelli –, è affetto da diverso tempo da turbe psichiche fra le quali disturbi della personalità e delle preferenze sessuali. Fortunatamente per lui, gli psichiatri hanno trovato un farmaco che gli consente di vivere in libertà senza commettere reati». Il medicamento è il Salvacyl, un noto inibitore del testosterone che azzera il desiderio sessuale. Sostanzialmente, una castrazione chimica.

Reati commessi durante l’interruzione del farmaco

Trattandosi di un plurirecidivo, il Salvacyl gli era già stato prescritto e lo ha assunto regolarmente per diverso tempo. Tuttavia, il 46enne ha ripreso a commettere i reati proprio in concomitanza con la sospensione dell’assunzione del farmaco, nel 2019. «Con l’accordo del giudice dei provvedimenti coercitivi aveva smesso con Salvacyl per poter avere rapporti con la moglie – ha spiegato il legale –, tornando però a commettere gli illeciti». A seguito di questi, nel giro di pochi mesi sono arrivati l’arresto e la carcerazione preventiva: quattro mesi. «Il tempo necessario per attendere che i livelli di testosterone nel sangue diminuissero nuovamente», ha chiarito Genetelli. Dopo il rilascio, nei confronti dell’imputato sono state adottate una serie di misure sostitutive alla carcerazione: un trattamento psichiatrico e farmacologico, il divieto di entrare in contatto con minori con propositi sessuali, il divieto di accedere a siti internet finalizzati al contatto sessuale con minorenni.

‘Senza le opportune misure, delinque’

Misure che negli ultimi ormai quasi due anni il 46enne ha rispettato, non commettendo ulteriori reati. Uno stato di cose che inizialmente ha portato accusa e difesa ad accordarsi e a proporre un rito abbreviato, istanza tuttavia respinta alcuni mesi fa. Nemmeno quello odierno è stato un procedimento breve, sebbene requisitoria e arringa abbiano sostanzialmente detto la stessa cosa: al carcere è preferibile il trattamento ambulatoriale, che c’è e ha dato i suoi frutti, purché questo sia seguito. «Se continua a prendere i medicamenti, secondo la perizia la prognosi è favorevole – ha detto a tal proposito l’avvocato –. Tornare in carcere non avrebbe effetti apprezzabili sulla recidiva né sulla sua risocializzazione». Una richiesta condivisa dalla pp e accolta dalla Corte. «Oggettivamente, per il numero e l’intensità limitata degli episodi, la sua colpa è lieve – ha sentenziato il giudice –. Soggettivamente però è grave perché si tratta di un plurirecidivo specifico, che senza le opportune misure ricade nel delinquere». La pena è stata così fissata in quindici mesi, sospesi a favore del trattamento ambulatoriale, ossia della castrazione chimica.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved