biasca-sara-aperta-al-dialogo-ma-oggi-la-fusione-non-e-un-tema
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 min

Monte Verità, presentazione libraria

Martedì alle 18.30 sarà illustrato il romanzo storico di Mattia Bertoldi ‘Il coraggio di Lilly’
Mendrisiotto
16 min

Il Plr di Mendrisio si riunisce in assemblea

Tempo di bilanci per la Sezione locale. In programma le relazioni del sindaco e dei municipali
Mendrisiotto
26 min

Il racconto della mafia negli occhi delle donne

A Vacallo va in scena uno spettacolo di teatro-canzone nel trentesimo delle stragi di Capaci e via D’Amelio a Palermo
Luganese
17 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
18 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
23 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
23 ore

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
1 gior

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
1 gior

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
1 gior

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
1 gior

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
1 gior

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
1 gior

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
laR
 
23.11.2021 - 08:21

‘Biasca sarà aperta al dialogo ma oggi la fusione non è un tema’

Il sindaco Galbusera spiega la volontà del Municipio di puntare sulle collaborazioni ma non chiude a un’eventuale futura fusione con la Bassa Leventina

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Durante le serate informative in vista della votazione consultiva popolare per l’aggregazione della Bassa Leventina in agenda il prossimo 13 febbraio, la parola Biasca è stata pronunciata più volte. In particolare il sindaco Igor Righini ha ribadito la contrarietà della maggioranza del Municipio e del Consiglio comunale di Pollegio alla fusione con solo Giornico, Bodio e Personico, sostenendo che per avere una realtà politica davvero forte bisognerebbe allargare gli orizzonti verso sud. Ma c’è anche chi, nello specifico Michele Guerra, municipale di Pollegio e promotore dell’aggregazione, ritiene che la fusione della Bassa Leventina possa essere un primo di altri passi, sulla linea di quanto fatto a Mendrisio e a Faido. Ci siamo dunque rivolti al sindaco di Biasca Loris Galbusera per captare la posizione del Comune polo delle Tre Valli.

Loris Galbusera, in un periodo in cui si parla tanto di aggregazioni, qual è la posizione di Biasca? Valuterete, a breve-medio termine, lo scenario di una fusione?

Tra i diversi dossier sul tavolo del Municipio di Biasca al momento non vi è quello dell’aggregazione. Visto che nel 2011 è fallito il progetto con Iragna e Pollegio e quattro anni fa è nato il nuovo comune di Riviera ritengo prematuro riproporre una fusione, a meno di una forte condivisione e richiesta degli altri Comuni. In questi anni si sono intensificati i rapporti con i Comuni della Regione e questo ha portato a sviluppare insieme diversi progetti importanti quali ad esempio la Polizia 3 Valli, il Masterplan per la riqualifica dei corsi d’acqua in Riviera, il Bike sharing Biasca - Valle di Blenio, e il Polo di sviluppo economico di Bodio-Giornico, nato dall’intesa dei Comuni di Biasca, Bodio, Giornico e Personico di trasferire le Officine Ffs presso il comparto della ex Monteforno. Vi è poi la collaborazione con il Comune di Pollegio per la gestione della scuola, per l’illuminazione del ponte sul fiume Brenno o ancora per il progetto di un percorso vita sul territorio dei due Comuni. Al momento il Municipio di Biasca preferisce quindi consolidare queste collaborazioni piuttosto che avviare dei cantieri aggregativi.

Il fatto che il suo Comune non sia stato preso in considerazione in questa aggregazione è secondo lei un’opportunità persa per la Bassa Leventina e forse anche per la stessa Biasca?

Non penso che sia un’opportunità persa, anche perché il cantiere delle aggregazioni è sempre aperto. È certamente vero che in questo Cantone il peso politico, demografico ed economico dell’Alto Ticino è minore rispetto ad altre regioni e quindi, al di là del processo aggregativo, ritengo fondamentale un maggior dialogo, coesione e solidarietà di tutti i Comuni delle Tre Valli su molti temi e progetti.

A Biasca sareste pronti a valutare le opportunità di aggregarsi insieme al nuovo Comune di Sassi Grossi se quest’ultimo si concretizzerà?

Biasca è sempre disponibile a dialogare con gli altri Comuni. Ritengo comunque corretto che a un Comune appena costituito sia dato il tempo di organizzarsi, di muovere i primi passi, di rispondere alle aspettative della popolazione. Per un’eventuale aggregazione tra Biasca e il nuovo Comune di Sassi Grossi ci sarà sicuramente occasione di discuterne, ma su una visione più a lungo termine.

A differenza di Iragna e Pollegio (60% di no), nel 2011 Biasca si era nettamente schierata a favore col 77% dei voti. In particolare a Pollegio, l’esito della votazione del prossimo 13 febbraio appare incerto. In caso di una esclusione dal progetto di questo Comune, Biasca vedrebbe ancora delle opportunità per rilanciare il discorso di una fusione quantomeno con Pollegio?

In questo caso andrebbero fatti degli approfondimenti sulla riforma istituzionale, visto che l’attuale piano cantonale delle aggregazioni non prevede questa eventualità. Come già ribadito il comune di Biasca è aperto a qualsiasi discussione e sempre disposto a collaborare con tutti per trovare delle soluzioni a temi e problemi comuni.

Il Consiglio di Stato non aveva considerato la nascita del nuovo Comune di Riviera in contrasto con la visione del Piano cantonale delle aggregazioni, pur se il Dipartimento delle istituzioni vede quale soluzione finale l’unione tra Biasca e Riviera. Oggi qual è la situazione?

Per i motivi già esposti nella risposta alla prima domanda, per ora ritengo prematuro riproporre l’aggregazione tra Biasca e il Comune di Riviera. I rapporti tra i due esecutivi sono buoni per cui al momento riteniamo opportuno continuare su questa linea.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aggregazione bassa leventina biasca loris galbusera tre valli
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved