casa-anziani-leventina-le-problematiche-ci-sono
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Fotovoltaico e aziende, giovedì 25 terzo e ultimo incontro

Promosso dal Dipartimento del territorio in collaborazione con la Cc-Ti, si terrà a S.Antonino nella Sala Multiuso
Luganese
3 ore

‘Devo allenarmi per l’uni ma... che fatica trovare spazi’

Prepararsi per l’ammissione alla facoltà di sport, tra vincoli comunali e cantonali e difficoltà a trovare una palestra: la testimonianza e le repliche
Ticino
4 ore

Pedibus, tra sicurezza ed ecologia

A oggi in Ticino oltre 1’300 bambini usufruiscono dei percorsi ufficiali, all’insegna di una mobilità sostenibile e più green
Mendrisiotto
4 ore

‘Fughe’ di cloro in piscina, chiudono tre vasche su quattro

Soluzione di compromesso di Chiasso davanti alla richiesta di Vacallo di archiviare la stagione balneare. Obiettivo comune, tutelare la falda idrica
Luganese
4 ore

‘Ha sede legale a Lugano’ lo Stato Antartico di San Giorgio

Lo studio di via Pioda valuta provvedimenti a tutela della propria immagine dopo essere stato tirato in ballo da persone finite sotto inchiesta in Italia
Mendrisiotto
4 ore

Operatore di prossimità, a Mendrisio c’è il bando

La Città cerca una figura a metà tempo a partire dal gennaio prossimo. L’assunzione segue la decisione di staccarsi dal Servizio regionale
Bellinzonese
4 ore

Lumino: contro pericoli naturali e roghi si punta pure sul bosco

Chiesti al Cc 50mila franchi per elaborare un piano di gestione del territorio forestale e prevedere strutture idonee per contrastare gli incendi
Ticino
5 ore

Estate: in bilico fra santi e falsi dei... e controlli radar

Come ogni venerdì la Polizia cantonale comunica le località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 22 al 28 agosto
Mendrisiotto
6 ore

Sat Mendrisio organizza una gita in Val Formazza

Si partirà dal capoluogo momò alle 6.30 di sabato 3 settembre. La camminata durerà cinque ore. Le iscrizioni entro il 27 agosto
Locarnese
6 ore

Assemblea dell’Associazione Football Club Locarno

Per i soci del sodalizio calcistico del Lido ritrovo martedì a Palazzo Marcacci. Oltre al preventivo vi saranno le nomine del comitato
Mendrisiotto
6 ore

Riva San Vitale, festa di fine estate con concerti dal vivo

Musica live dei gruppi Luis Landrini Band e Vasco Jam. Appuntamento per sabato 27 agosto al Lido comunale tra rock e folclore latino
Locarnese
6 ore

Orselina, proiezioni cinematografiche al Parco

Tre serate all’insegna della settima arte nel giardino del paese. Organizzate dalla Pro in collaborazione con Festival, Cisa e Ticino Film Commission
07.10.2021 - 20:26

Casa anziani Leventina, le problematiche ci sono

Istituito un gruppo di lavoro per approfondire le criticità emerse durante l’incontro odierno, in particolare di tipo gestionale, e individuare soluzioni

Sono confermate le problematiche all’interno dell’Istituto leventinese per anziani. È stata quindi avviata una verifica finalizzata a trovare soluzioni ai punti critici emersi, “in uno spirito di collaborazione costruttivo, con l’intento di ridare la giusta serenità all’ambiente di lavoro nell’interesse del personale e dei residenti”, si legge nel comunicato congiunto diffuso dalla Delegazione consortile dell’istituto, dalla Commissione interna del personale e dei sindacati Ocst e Vpod, riuniti oggi pomeriggio a Faido per discutere in merito al malessere di parte del personale delle tre case per anziani (Faido, Giornico e Prato Leventina per un totale di 250 collaboratori) emerso con la lettera anonima inviata a fine agosto al Dipartimento della sanità e della socialità e alla direzione, mentre i sindacati l’hanno ricevuta a metà settembre. Nessun dettaglio in più viene svelato dai presenti all’incontro, nel quale tuttavia, stando a nostre informazioni, sono emerse soprattutto criticità dal punto di vista gestionale che riguarderebbero l’operato dei quadri intermedi. La posizione del direttore non sarebbe invece oggetto di particolari critiche. Infatti nel comunicato stampa si precisa che “si è potuto stabilire come l’Istituto rispetti le norme di sanità e di legalità previste dal mandato di prestazione e dai disposti di legge”. Il tutto dovrà però essere approfondito dal gruppo di lavoro nel corso delle prossime settimane sentendo tutte le persone coinvolte. Gruppo di lavoro che sarà composto dalle rappresentanze della Delegazione consortile, dalla Commissione interna del personale e dai sindacati. Il gruppo si incontrerà a breve per poi riferire all’assemblea dei dipendenti (la data sarà decisa settimana prossima) i risultati dell’approfondimento.

Le critiche emerse

A indicare la presenza di un certo malessere vi è una serie di dimissioni spontanee (tre recentissime) di infermieri che nelle loro motivazioni puntano il dito contro le modalità di gestione del personale ritenute autoritarie. “Malumori e disservizi” che stando alla lettera e alle testimonianze di un gruppo di dipendenti pubblicate domenica sul ‘Mattino’ sarebbero originati dal coordinatore delle cure e dalla responsabile della qualità. A loro la lettera anonima imputa “una situazione lavorativa al limite dell’assurdo cominciata a inizio 2020” in concomitanza con l’avvio della pandemia da Covid. Nella missiva si parla poi di cattiva impostazione dei turni lavorativi che non terrebbe conto delle percentuali d’impiego, dei periodi di riposo e di un adeguato preavviso in caso di modifiche.

L’Mps: necessaria una riforma a livello cantonale

Nel frattempo anche l’Mps ha preso posizione sulla vicenda, presentando un’interpellanza nella quale, fra l’altro, torna a chiedere al Consiglio di Stato se non è il caso di procedere a “una riforma profonda sia da un punto di vista organizzativo che dei criteri di qualità” per quanto riguarda le case anziani in Ticino. Nel testo il Movimento per il socialismo domanda anche quali misure ha intrapreso il medico cantonale dopo essere entrato in possesso della lettera; se l’Ispettorato del lavoro è stato informato (visti i “chiari e precisi indizi di possibili infrazioni alla legge sul lavoro”) e quali passi ha intrapreso; cosa è emerso “dall’indagine sulla rilevazione della soddisfazione delle persone residenti nelle case anziani e dei loro familiari/persone di riferimento svolta nel mese di settembre presso due delle tre case anziani”. L’Mps ritiene infine che l’Adicasi (l’Associazione dei direttori delle case per anziani della Svizzera italiana) “non può essere considerata rappresentativa delle case anziani” e chiede quindi al governo cantonale se non sia “necessario promuovere la formazione di un’associazione” che effettivamente lo sia, così che possa diventare un partner istituzionale “attraverso il quale il Cantone potrebbe anche coordinare l’applicazione della politica cantonale”.

Leggi anche:

Istituto leventinese per anziani, ‘personale esasperato’

Casa anziani Leventina, le lamentele dei dipendenti coincidono

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
case anziani criticità leventina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved