ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
1 ora

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
2 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
2 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
3 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
4 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
4 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
5 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
6 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
6 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
6 ore

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
Ticino
6 ore

Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’

La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
07.10.2021 - 20:26

Casa anziani Leventina, le problematiche ci sono

Istituito un gruppo di lavoro per approfondire le criticità emerse durante l’incontro odierno, in particolare di tipo gestionale, e individuare soluzioni

casa-anziani-leventina-le-problematiche-ci-sono
(Ti-Press)

Sono confermate le problematiche all’interno dell’Istituto leventinese per anziani. È stata quindi avviata una verifica finalizzata a trovare soluzioni ai punti critici emersi, “in uno spirito di collaborazione costruttivo, con l’intento di ridare la giusta serenità all’ambiente di lavoro nell’interesse del personale e dei residenti”, si legge nel comunicato congiunto diffuso dalla Delegazione consortile dell’istituto, dalla Commissione interna del personale e dei sindacati Ocst e Vpod, riuniti oggi pomeriggio a Faido per discutere in merito al malessere di parte del personale delle tre case per anziani (Faido, Giornico e Prato Leventina per un totale di 250 collaboratori) emerso con la lettera anonima inviata a fine agosto al Dipartimento della sanità e della socialità e alla direzione, mentre i sindacati l’hanno ricevuta a metà settembre. Nessun dettaglio in più viene svelato dai presenti all’incontro, nel quale tuttavia, stando a nostre informazioni, sono emerse soprattutto criticità dal punto di vista gestionale che riguarderebbero l’operato dei quadri intermedi. La posizione del direttore non sarebbe invece oggetto di particolari critiche. Infatti nel comunicato stampa si precisa che “si è potuto stabilire come l’Istituto rispetti le norme di sanità e di legalità previste dal mandato di prestazione e dai disposti di legge”. Il tutto dovrà però essere approfondito dal gruppo di lavoro nel corso delle prossime settimane sentendo tutte le persone coinvolte. Gruppo di lavoro che sarà composto dalle rappresentanze della Delegazione consortile, dalla Commissione interna del personale e dai sindacati. Il gruppo si incontrerà a breve per poi riferire all’assemblea dei dipendenti (la data sarà decisa settimana prossima) i risultati dell’approfondimento.

Le critiche emerse

A indicare la presenza di un certo malessere vi è una serie di dimissioni spontanee (tre recentissime) di infermieri che nelle loro motivazioni puntano il dito contro le modalità di gestione del personale ritenute autoritarie. “Malumori e disservizi” che stando alla lettera e alle testimonianze di un gruppo di dipendenti pubblicate domenica sul ‘Mattino’ sarebbero originati dal coordinatore delle cure e dalla responsabile della qualità. A loro la lettera anonima imputa “una situazione lavorativa al limite dell’assurdo cominciata a inizio 2020” in concomitanza con l’avvio della pandemia da Covid. Nella missiva si parla poi di cattiva impostazione dei turni lavorativi che non terrebbe conto delle percentuali d’impiego, dei periodi di riposo e di un adeguato preavviso in caso di modifiche.

L’Mps: necessaria una riforma a livello cantonale

Nel frattempo anche l’Mps ha preso posizione sulla vicenda, presentando un’interpellanza nella quale, fra l’altro, torna a chiedere al Consiglio di Stato se non è il caso di procedere a “una riforma profonda sia da un punto di vista organizzativo che dei criteri di qualità” per quanto riguarda le case anziani in Ticino. Nel testo il Movimento per il socialismo domanda anche quali misure ha intrapreso il medico cantonale dopo essere entrato in possesso della lettera; se l’Ispettorato del lavoro è stato informato (visti i “chiari e precisi indizi di possibili infrazioni alla legge sul lavoro”) e quali passi ha intrapreso; cosa è emerso “dall’indagine sulla rilevazione della soddisfazione delle persone residenti nelle case anziani e dei loro familiari/persone di riferimento svolta nel mese di settembre presso due delle tre case anziani”. L’Mps ritiene infine che l’Adicasi (l’Associazione dei direttori delle case per anziani della Svizzera italiana) “non può essere considerata rappresentativa delle case anziani” e chiede quindi al governo cantonale se non sia “necessario promuovere la formazione di un’associazione” che effettivamente lo sia, così che possa diventare un partner istituzionale “attraverso il quale il Cantone potrebbe anche coordinare l’applicazione della politica cantonale”.

Leggi anche:

Istituto leventinese per anziani, ‘personale esasperato’

Casa anziani Leventina, le lamentele dei dipendenti coincidono

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved