casa-anziani-leventina-le-lamentele-dei-dipendenti-coincidono
Ti-Press
La sede di Faido
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
52 min

Locarno, alla Gestione piacciono gli orti comunali

Il rapporto commissionale preavvisa favorevolmente la richiesta di credito municipale per la realizzazione di 16 appezzamenti in zona Morettina
Bellinzonese
1 ora

Torna il Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

L’Associazione MeTeOra annuncia che il prossimo appuntamento è in programma per mercoledì 2 febbraio
Luganese
1 ora

Meditazione, silenzio e riflessioni al Convento del Bigorio

Nel mese di febbraio ci saranno tre appuntamenti. Il primo è dedicato a un aspetto della figura di S. Francesco d’Assisi
Locarnese
2 ore

Il presidente della Confederazione in visita da Rabinowicz

Nel Giorno della Memoria, Ignazio Cassis ha raggiunto nel suo domicilio di Locarno il 97enne artista, reduce dai campi di sterminio nazisti
Ticino
2 ore

Prestazione ponte Covid, il Governo propone la proroga

Il Messaggio del Consiglio di Stato recepisce gli auspici del Gran Consiglio chiedendo la proroga degli aiuti di almeno 6 mesi con effetto retroattivo
Luganese
2 ore

Paradiso, un corso per i giovani tiratori

Lo organizza la società San Salvatore e si rivolge a ragazzi e ragazze svizzeri nati tra il 2004 e il 2007
Bellinzonese
3 ore

‘Le mille e una notte’ sul palco dell’oratorio di Bellinzona

Il 4 febbraio saranno di scena nell’ambito della rassegna Minimusica gli attori di Storie di Scintille
Grigioni
3 ore

I fondisti (giovani e adulti) si sfidano a San Bernardino

Domenica mattina gara sul circuito di Fornas. La pista sarà poi nuovamente aperta al pubblico da mezzogiorno
Ticino
3 ore

In Ticino contagi in calo, pazienti Covid stabili e zero decessi

Restano 166 le persone positive al Covid in ospedale, una più nei reparti di cure intense dove sono 15 le persone con complicazioni più gravi da Covid
Ticino
4 ore

Torna la processionaria: come riconoscerla e come proteggersi

Osservati i primi nidi della farfalla le cui larve danneggiano gli alberi e possono causare infiammazioni cutanee e allergie a persone e animali
Locarnese
4 ore

Gordola, oltre 750 firme contro il ‘mastodonte’ alle Campagne

Abitanti preoccupati per l’inserimento del progetto immobiliare da circa 30 milioni. “Urge soluzione confacente, il Municipio faccia da mediatore”
Luganese
4 ore

Porto galleggiante contestato a Melide

Partita la raccolta di firme contro la variante pianificatoria votata ad ampia maggioranza dal Consiglio comunale nell’ultima seduta del 2021
Bellinzonese
5 ore

Danni del nubifragio, ‘nessuna responsabilità del Municipio’

L’esecutivo di Lumino risponde all’interrogazione Plr rispedendo al mittente ‘insinuazioni e speculazioni’ sull’alluvione del 7 agosto
Mendrisiotto
5 ore

Il Gran consiglio è con India e lancia ‘un messaggio forte’

Deputati compatti, tranne sui banchi della Lega (che si astiene). Critiche alla legge e all’attitudine del Cantone. Ma Gobbi non ci sta
Ticino
8 ore

Iniziativa popolare per abolire i livelli, si scaldano i motori

Scuola media. Vpod, lunedì riunione allargata per decidere su comitato e testo. Associazioni e studenti si esprimono dopo il no parlamentare al test
Locarnese
8 ore

Verzasca, tutti i lavori dopo lo svuotamento del lago

Al via le opere di manutenzione a più di cinquant’anni dalla prima messa in servizio del bacino per la produzione di energia idroelettrica
Luganese
14 ore

Schiacciato sotto un tornio industriale, non ce la fa

Vittima dell’infortunio avvenuto in una azienda di Agno un operaio di 51 anni del Canton Zurigo
 
05.10.2021 - 05:300
Aggiornamento : 16:34

Casa anziani Leventina, le lamentele dei dipendenti coincidono

Le informazioni raccolte negli ultimi giorni dalla Commissione del personale confermano in grandi linee quanto scritto nella lettera anonima

Una lettera anonima dai toni eccessivamente drammatici quella inviata un mese fa alla Direzione e alla Delegazione consortile della casa anziani leventinese, come pure al Dipartimento sanità e socialità nonché al medico cantonale, lamentando disfunzioni e pressioni nella gestione del personale? Oppure il quadro esposto corrisponde alla realtà dei fatti? Il punto sarà fatto giovedì pomeriggio quando le parti in causa si troveranno per discuterne insieme; al tavolo della Direzione e della Delegazione consortile si sederanno anche la Commissione del personale e i sindacati Ocst e Vpod. Questi ultimi tre si sono già trovati venerdì scorso per una prima valutazione comune. Da un lato è atteso il risultato delle verifiche attualmente in corso da parte della Commissione di accertamento interna già costituita dai vertici dell’istituto con l’obiettivo di prendere il toro per le corna analizzando la situazione per poi apportare le modifiche che eventualmente s’imporranno; dall’altro vi è già il materiale raccolto ‘motu proprio’ dalla Commissione del personale interpellando parte dei 250 collaboratori distribuiti nelle tre sedi di Faido, Giornico e Prato Leventina. Materiale che stando a nostre informazioni corrisponde in larga misura a quanto esposto nella missiva inviata ai sindacati solo verso metà settembre, ossia due settimane dopo quella spedita alle autorità cantonali e ai vertici dell’istituto, ma non alla Commissione del personale.

Partire dalle dimissioni

D’altronde a indicare la presenza di un certo malessere – fino a che punto radicato lo si sta appunto verificando – vi è una serie di dimissioni spontanee (tre recentissime) di infermieri che nelle loro motivazioni puntano il dito contro le modalità di gestione del personale ritenute autoritarie. Giovedì si saprà insomma se anche la Commissione interna avrà individuato l’origine del problema, ossia “malumori e disservizi” che stando alla lettera e alle testimonianze di un gruppo di dipendenti pubblicate domenica sul ‘Mattino’ sarebbero originati dal coordinatore delle cure e dalla responsabile della qualità. A loro la lettera anonima imputa “una situazione lavorativa al limite dell’assurdo cominciata a inizio 2020” in concomitanza con l’avvio della pandemia da Covid. Oltre a una cattiva impostazione dei turni lavorativi che non terrebbe conto delle percentuali d’impiego, dei periodi di riposo e di un adeguato preavviso in caso di modifiche – il tutto con fare manipolatorio, stando a quanto taluni dipendenti avrebbero riferito alla Commissione del personale – nella missiva viene lamentata la “mancata sostituzione degli operatori assenti per malattie brevi o lunghe, infortuni, trasferimenti tra le sedi oppure dimissioni”. Ciò che in linea teorica sarebbe da imputare più che altro alla Direzione degli istituti e alla Delegazione consortile.

‘Autoritario e non autorevole’

Roberto Cefis di Ocst ricorda che il settore sociosanitario durante l’ultimo anno e mezzo è stato sottoposto a enormi pressioni: «In questo difficile contesto sembra emergere, ma attendiamo conferme, che il coordinatore delle cure si sarebbe posto in modo autoritario anziché autorevole nei confronti dei suoi collaboratori. Prima di parlare di mobbing e di giungere a conclusioni affrettate, è perciò doveroso ascoltare tutte le campane per poi circoscrivere il problema. Resta il fatto che nessun collaboratore è mai venuto a parlarci direttamente di questa fattispecie, preferendo la via della lettera anonima: questo crea un certo dispiacere, perché il sindacato è sempre pronto ad ascoltare e intervenire. Idem la Commissione del personale, preposta ad ascoltare i dipendenti e a mobilitarsi in presenza di problemi. D’altronde però mi chiedo se tutto quanto scritto nella lettera anonima sia totalmente veritiero. A noi comunque interessa poter contribuire a riportare il sereno».

‘Ma il problema è nel manico’

«Stando a una prima valutazione cui dovranno seguire gli approfondimenti del caso – evidenzia dal canto suo Stefano Testa del sindacato Vpod – si è in presenza di due ordini di problemi, uno conseguente all’altro. Il primo vede coinvolto un elevato numero di case anziani ticinesi ed è la scarsità di personale. O meglio, i parametri con i quali vengono stabilite le esigenze di assunzione sono a nostro avviso troppo ‘tirati’ per poter rispondere adeguatamente alle più recenti e future esigenze delle case di riposo. Esigenze caratterizzate da prese a carico sempre più complesse dovute alle molteplici patologie e all’età molto avanzata degli ospiti che diventano tali dopo una lunga permanenza a casa loro dove beneficiano, di più rispetto al passato, delle cure a domicilio. Il problema insomma è nel manico».

Ecco perché i sindacati da una parte insistono affinché si aggiornino quei parametri e dall’altra sollecitano la politica cantonale per una modifica del sistema di finanziamento chiamando i Comuni a versare cifre più consistenti: «Peccato che i Comuni, nell’ambito del sistema perequativo delle case anziani, siano molto restii», lamenta Stefano Testa. Il secondo ordine di problemi, prosegue il sindacalista, «è la ripercussione sulle strutture di quanto ho appena spiegato. Di fronte alla scarsità di personale talune direzioni e quadri per dimostrare efficienza adottano provvedimenti che finiscono per generare malcontento fra i collaboratori e, in definitiva, tra gli ospiti e i loro familiari. A tutto ciò si aggiunge poi la necessità di migliorare il livello salariale e lavorativo del personale formato e di quello in formazione», come chiede la mozione parlamentare presentata dal Ps nel 2019 “Per un finanziamento che garantisca una presa a carico degli ospiti delle case anziani in Ticino e un minor sovraccarico/stress del personale”.

Ti-Press
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved