caso-targhe-domande-sul-poliziotto-attivita-incompatibile
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
10 min

Evento con Andrea e Michele Fazioli al Dazio Grande

Appuntamento per sabato 27 agosto con un dialogo ritmato, serio e scherzoso fra un padre che legge e un figlio che scrive
Bellinzonese
10 min

Premiazione de ‘Il Ceneri e le sue Terre, gallerie di persone’

Ieri sera a Cadenazzo la Dea Bendata ha sorriso alla famiglia Barloggio di Locarno, sul podio anche Monica Gianetti e Ivano Giovannari
Mendrisiotto
12 min

Serpiano, una nuova panchina gigante panoramica

L’Hotel Serpiano ne ha annunciato l’installazione nel giardino adiacente l’ingresso dell’albergo. L’attrazione è aperta a tutti
Bellinzonese
26 min

Giubiasco, tutto pronto per tornare all’asilo dopo il nubifragio

Poco più di un anno fa la Scuola dell’infanzia Palasio era stata invasa da acqua e fango. Lavori di ripristino conclusi in tempo e preventivo rispettato
Luganese
30 min

Morcote, cinema muto posticipato a mercoledì 24

Appuntamento al Parco Sherrer alle 21. I fratelli Quinn accompagneranno a tempo di musica il film ‘Nanuk l’eschimese’ di 78 minuti
Luganese
44 min

‘Le vie dei pardi’ spostato al Cinema Iride di Lugano

Inizia oggi, fino al 20 agosto, la 21esima edizione della rassegna cinematografica. Saranno proposte tre pellicole presentate a Locarno75
Locarnese
44 min

Losone, la Polizia comunale passa all’auto elettrica

Transizione verso una mobilità sostenibile: dopo l’Ufficio tecnico è il turno degli agenti
Locarnese
51 min

Uno spazio pubblico multifunzionale per Solduno

Area per manifestazioni e un autosilo. In pubblicazione il Piano particolareggiato; seguirà il concorso architettonico
Luganese
53 min

Lugano, penultimo tiro obbligatorio

Appuntamento sabato 20 dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 18 allo stand della Resega. Sarà possibile tirare anche per il tiro federale in Campagna
Bellinzonese
58 min

Il Municipio di Giornico dice sì all’aggregazione con Bodio

A maggioranza l’Esecutivo ha deciso di portare avanti una fusione ridotta rispetto al progetto Sassi Grossi abbandonato. Si attende la conferma di Bodio
Luganese
1 ora

Mai più sola, nuova associazione contro la violenza sulle donne

La presidente Deborah Magagna ci racconta il progetto di sostegno per le vittime. In programma un numero d’emergenza e sportelli nei Comuni
Bellinzonese
1 ora

Osco, festa patronale di San Maurizio

L’evento è in programma questo weekend e sarà allietato dalle note del Coro delle Gioie di Lugano
Locarnese
3 ore

Smottamento in Gambarogno: chiusa la strada per Indemini

Nottata tutto sommato tranquilla malgrado le forti precipitazioni. Ma una frana crea qualche disagio fra i Monti di Fosano e l’Alpe di Neggia
Locarnese
7 ore

Cevio: Esecutivo richiamato dalla Sel; forse si va al Tram

L’autorità di vigilanza chiede spiegazioni al Municipio sul volantino pre-referendum. Mattei annuncia il ricorso al Tribunale amministrativo
Ticino
7 ore

‘Inutile e dannoso’, no dei benzinai al contratto collettivo

Diverse opposizioni alla modifica ch introdurrebbe salari minimi per i dipendenti. Centonze: ‘in Ticino c’è già la Legge sul salario minimo’.
09.09.2021 - 11:19
Aggiornamento: 17:33

Caso targhe, domande sul poliziotto: attività incompatibile?

L'Mps interpella il Municipio di Bellinzona sul sottufficiale della Polcom che avrebbe fatto due acquisti dall'assicuratore e dal funzionario indagati

Ad alcune settimane dallo scoppio del caso dello smercio illegale di targhe, piovono interrogativi sul sottufficiale della Polizia comunale di Bellinzona entrato in contatto con uno o entrambi gli indagati, ossia il consulente assicurativo 48enne del Luganese e il 34enne funzionario del Servizio immatricolazioni della Sezione circolazione nel frattempo licenziato dal Cantone, nonché presidente della sezione Udc di Bellinzona e valli e consigliere comunale (funzione e carica politica che il diretto interessato ha comunicato di voler lasciare). A chiedere lumi sull'agente della Polcom è il Movimento per il socialismo (Mps) che in un'interpellanza al Municipio lo descrive come “specializzato nel far da intermediario tra venditori e acquirenti di targhe pregiate”. Lo stesso, ricordiamo, è stato sentito anche dagli inquirenti come persona informata sui fatti. Stando a nostre informazioni, in buona fede avrebbe acquistato un paio di targhe dall'assicuratore – per un ammontare complessivo di circa 7'000 di franchi, prezzo inferiore a quello che avrebbe potuto scaturire da una loro messa all'asta da parte dei servizi cantonali – con l'obiettivo poi di rivenderle a terze persone già in contatto con lui perché interessate a mettere le mani su numeri particolari. Quanto alla sua buona fede, non risulta che fosse al corrente dell'accordo corruttivo – questa una delle accuse mosse ai due indagati dal procuratore generale Andrea Pagani – tra assicuratore e funzionario della Circolazione.   

Anche se non rimunerata

Buona fede o no, i consiglieri comunali Matteo Pronzini, Angelica Lepori, Giuseppe Sergi evidenziano che l’articolo 33 del Regolamento organico dei dipendenti comunali (Rod) indica che “per l’esercizio di un’attività accessoria rimunerata, anche se temporanea, occorre l’autorizzazione preventiva del Municipio” e che “il collaboratore non può esercitare un’attività accessoria rimunerata o non rimunerata che sia incompatibile con la funzione o che vi arrechi pregiudizio, che comprometta l’adempimento dei doveri di servizio o che costituisca concorrenza nel campo professionale”. Stando alla ‘Regione’ del 26, 27 e 28 agosto, in un rapporto scritto chiesto dal sindaco il sottufficiale avrebbe chiarito la propria posizione illustrando l’attività da lui svolta in privato. Attività legale (sempre che non sia fatta col metodo messo in piedi dai due indagati) ma caratterizzata da consistenti giri di denaro. “Anche lasciando in sospeso la questione che il nostro sottufficiale chiedesse un pizzo per la sua intermediazione – annotano gli interpellanti – è pacifico che la stessa attività sia incompatibile con la funzione, vi arreca pregiudizio e compromette l’adempimento dei doveri di servizio…”. Da qui una serie di domande, cui l'Esecutivo è tenuto a rispondere durante la seduta del 20 settembre.

Gli interrogativi

Se è vero che il sottufficiale svolgesse, o svolge ancora, un’attività d'intermediazione nel commercio di targhe, lo ha fatto/lo fa da quanto tempo e con quali modalità descritte nel suo rapporto trasmesso al sindaco? Il Municipio ha avviato, o intende farlo, un'inchiesta amministrativa? Se no, perché? Tale attività è rimunerata? A quanto ammonta l'eventuale guadagno conseguito? È stato regolarmente segnalato al Fisco nella dichiarazione delle imposte? Quando il Municipio ne è venuto a conoscenza? Ha poi autorizzato tale attività? Oppure ne ha chiesto la sospensione? Non ritiene che, ai sensi dell’articolo 33 del Rod, tale attività non può essere esercitata? Quali passi sono stati intrapresi al fine di rispettare il Rod?

Cantone ed ex colleghi si sono costituiti accusatori privati

Al centro dell'inchiesta vi è la cessione sottobanco a privati di una quindicina di targhe, prevalentemente a quattro cifre, tra fine dicembre 2020 e fine maggio 2021. La conoscenza fra i due non è peraltro di ‘antica data’ ma è iniziata l'anno scorso, durante la pandemia. Un ‘giro’ che avrebbe permesso all'ex funzionario Simone Orlandi d'intascare poco più di 30'000 franchi (questa la cifra imputatagli dal Pg Pagani). Nel frattempo il Cantone Ticino si è costituito accusatore privato ritenendosi parte lesa considerato che la mancata messa all'asta delle targhe particolari e deviate privatamente dai due indagati non ha permesso all'ente pubblico d'incassare svariate decine di migliaia di franchi. Accusatori privati sono anche i due collaboratori della Circolazione, un giovane apprendista e una funzionaria cui Orlandi aveva a loro insaputa sottratto l'account che gli consentiva di accedere all'area informatica protetta delle targhe depositate (da qui l'ipotesi di reato di acquisizione illecita di dati, reato a querela di parte). Emerge infine che l'assicuratore ha cambiato difensore, passando da quello d'ufficio e a uno di fiducia; Orlandi dal canto suo è sempre patrocinato dall'avvocato Davide Ceroni.

Leggi anche:

Circolazione: due account e una dozzina di targhe smerciate

Inchiesta targhe: intascati da Orlandi 30mila franchi

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
interrogativi mps municipio polcom sottufficiale targhe
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved