caso-targhe-domande-sul-poliziotto-attivita-incompatibile
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 min

’Quali soluzioni per mitigare gli effetti dell’inquinamento?

I Municipi di Agno, Bioggio e Manno propongono una serata alla sala Aragonite con Marco Gaia, responsabile del Centro regionale sud di MeteoSvizzera
Luganese
14 min

Iniziano le serate dell’Mps sul Polo sportivo di Lugano

La prima avrà luogo domani sera all’aula magna delle scuole di Besso. Seguono incontri a Carona, Sonvico e Molino Nuovo
Bellinzonese
20 min

Mostra alla casa comunale di Olivone

L’inaugurazione si terrà venerdì 29 ottobre alle 17
Luganese
20 min

Agno, in prova l’area di socializzazione per cani

L’autorità ha messo a disposizione una zona in via della Campagna. Gli animali con il loro padrone possono accedervi e restarci nopn più di mezz’ora
Locarnese
47 min

Locarnese, i campeggi han fatto faville

Nella regione Lago Maggiore e valli, per la stagione 2021, pernottamenti da primato
Locarnese
51 min

Tenero, tutti i talenti ticinesi a raccolta

Un centinaio i partecipanti iscritti all’undicesima edizione del campo 4T al centro sportivo
Luganese
1 ora

Camera di consiglio per l’accoltellamento di Pregassona

È tornato in aula, davanti alla Corte di Appello di Locarno, il 38enne iracheno accusato di tentato omicidio intenzionale e lesioni
Locarnese
1 ora

Ad Ascona settimana del jazz classico

Nel programma della 25esima edizione ‘lunch concert’ e jam session
Bellinzonese
2 ore

Bellinzona, buon successo di pubblico per ‘Sapori e Saperi’

Da una valutazione sulla sostenibilità è emerso che i prodotti ticinesi hanno conseguito dei risultati che vanno da buono a molto buono
Mendrisiotto
2 ore

Chiasso, il cantiere di via Livio entra nel vivo

Da mercoledì strada chiusa, sarà creata una piazza di giro sul parcheggio ‘Gambrinus’ e cambiamenti alla viabilità in via Lavizzari e vicolo dei Calvi
Luganese
2 ore

Alberto Stival nuovo presidente del Panathlon Club Lugano

Stival succede a Claudio Ortelli. Lasciano anche Roberto Mazza e Christian Crivelli, ai quali subentrano Ivan Degliesposti e Mauro Terribilini
Grigioni
2 ore

Roveredo, pranzo della Classe 1950 di Mesolcina e Calanca

Appuntamento per venerdì 5 novembre dalle 11 al grotto San Fedele di Roveredo
Locarnese
2 ore

Minusio: il camionista era ubriaco, addio patenti

Scattate le manette per l’autista polacco autore della folle corsa sabato a Minusio. Le scorrettezze avrebbero anche potuto causare un frontale
Mendrisiotto
2 ore

Castel San Pietro: da ex scuole a uffici amministrativi

Inaugurato l’edificio, completamente ristrutturato per ospitare – oggi interamente e dall’anno prossimo parzialmente – l’amministrazione comunale
Luganese
2 ore

Paradiso, sciopera la squadra esterna degli operai

Bloccato per qualche ora l’accesso ai magazzini comunali. Le parti hanno poi trovato un canale di dialogo.
Bellinzonese
09.09.2021 - 11:190
Aggiornamento : 17:33

Caso targhe, domande sul poliziotto: attività incompatibile?

L'Mps interpella il Municipio di Bellinzona sul sottufficiale della Polcom che avrebbe fatto due acquisti dall'assicuratore e dal funzionario indagati

Ad alcune settimane dallo scoppio del caso dello smercio illegale di targhe, piovono interrogativi sul sottufficiale della Polizia comunale di Bellinzona entrato in contatto con uno o entrambi gli indagati, ossia il consulente assicurativo 48enne del Luganese e il 34enne funzionario del Servizio immatricolazioni della Sezione circolazione nel frattempo licenziato dal Cantone, nonché presidente della sezione Udc di Bellinzona e valli e consigliere comunale (funzione e carica politica che il diretto interessato ha comunicato di voler lasciare). A chiedere lumi sull'agente della Polcom è il Movimento per il socialismo (Mps) che in un'interpellanza al Municipio lo descrive come “specializzato nel far da intermediario tra venditori e acquirenti di targhe pregiate”. Lo stesso, ricordiamo, è stato sentito anche dagli inquirenti come persona informata sui fatti. Stando a nostre informazioni, in buona fede avrebbe acquistato un paio di targhe dall'assicuratore – per un ammontare complessivo di circa 7'000 di franchi, prezzo inferiore a quello che avrebbe potuto scaturire da una loro messa all'asta da parte dei servizi cantonali – con l'obiettivo poi di rivenderle a terze persone già in contatto con lui perché interessate a mettere le mani su numeri particolari. Quanto alla sua buona fede, non risulta che fosse al corrente dell'accordo corruttivo – questa una delle accuse mosse ai due indagati dal procuratore generale Andrea Pagani – tra assicuratore e funzionario della Circolazione.   

Anche se non rimunerata

Buona fede o no, i consiglieri comunali Matteo Pronzini, Angelica Lepori, Giuseppe Sergi evidenziano che l’articolo 33 del Regolamento organico dei dipendenti comunali (Rod) indica che “per l’esercizio di un’attività accessoria rimunerata, anche se temporanea, occorre l’autorizzazione preventiva del Municipio” e che “il collaboratore non può esercitare un’attività accessoria rimunerata o non rimunerata che sia incompatibile con la funzione o che vi arrechi pregiudizio, che comprometta l’adempimento dei doveri di servizio o che costituisca concorrenza nel campo professionale”. Stando alla ‘Regione’ del 26, 27 e 28 agosto, in un rapporto scritto chiesto dal sindaco il sottufficiale avrebbe chiarito la propria posizione illustrando l’attività da lui svolta in privato. Attività legale (sempre che non sia fatta col metodo messo in piedi dai due indagati) ma caratterizzata da consistenti giri di denaro. “Anche lasciando in sospeso la questione che il nostro sottufficiale chiedesse un pizzo per la sua intermediazione – annotano gli interpellanti – è pacifico che la stessa attività sia incompatibile con la funzione, vi arreca pregiudizio e compromette l’adempimento dei doveri di servizio…”. Da qui una serie di domande, cui l'Esecutivo è tenuto a rispondere durante la seduta del 20 settembre.

Gli interrogativi

Se è vero che il sottufficiale svolgesse, o svolge ancora, un’attività d'intermediazione nel commercio di targhe, lo ha fatto/lo fa da quanto tempo e con quali modalità descritte nel suo rapporto trasmesso al sindaco? Il Municipio ha avviato, o intende farlo, un'inchiesta amministrativa? Se no, perché? Tale attività è rimunerata? A quanto ammonta l'eventuale guadagno conseguito? È stato regolarmente segnalato al Fisco nella dichiarazione delle imposte? Quando il Municipio ne è venuto a conoscenza? Ha poi autorizzato tale attività? Oppure ne ha chiesto la sospensione? Non ritiene che, ai sensi dell’articolo 33 del Rod, tale attività non può essere esercitata? Quali passi sono stati intrapresi al fine di rispettare il Rod?

Cantone ed ex colleghi si sono costituiti accusatori privati

Al centro dell'inchiesta vi è la cessione sottobanco a privati di una quindicina di targhe, prevalentemente a quattro cifre, tra fine dicembre 2020 e fine maggio 2021. La conoscenza fra i due non è peraltro di ‘antica data’ ma è iniziata l'anno scorso, durante la pandemia. Un ‘giro’ che avrebbe permesso all'ex funzionario Simone Orlandi d'intascare poco più di 30'000 franchi (questa la cifra imputatagli dal Pg Pagani). Nel frattempo il Cantone Ticino si è costituito accusatore privato ritenendosi parte lesa considerato che la mancata messa all'asta delle targhe particolari e deviate privatamente dai due indagati non ha permesso all'ente pubblico d'incassare svariate decine di migliaia di franchi. Accusatori privati sono anche i due collaboratori della Circolazione, un giovane apprendista e una funzionaria cui Orlandi aveva a loro insaputa sottratto l'account che gli consentiva di accedere all'area informatica protetta delle targhe depositate (da qui l'ipotesi di reato di acquisizione illecita di dati, reato a querela di parte). Emerge infine che l'assicuratore ha cambiato difensore, passando da quello d'ufficio e a uno di fiducia; Orlandi dal canto suo è sempre patrocinato dall'avvocato Davide Ceroni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved