castelli-di-bellinzona-migliore-accessibilita-entro-meta-2022
Vi sono ancora difficoltà logistiche e nell'ambito dell'informazione (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
6 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
6 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
7 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
7 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
7 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
8 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
8 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
8 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
8 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
Locarnese
8 ore

Festa patronale a Frasco, in Verzasca

Messa, processione e incanto dei doni
Mendrisiotto
9 ore

Ligornetto, binomio di poesia e musica antica al Museo Vela

Sabato 27, si terrà una serata dedicata al dialogo tra parola e suono dell’arte antica con Luca Pianca alla trioba e con Marcel Dupertuis e i propri poemi
Luganese
9 ore

Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato

Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
07.09.2021 - 15:22

Castelli di Bellinzona, migliore accessibilità entro metà 2022

Rispondendo a un'interrogazione dell'Unità di sinistra, il Municipio conferma che la situazione attuale 'non è soddisfacente'

La situazione attuale per quanto riguarda l'accessibilità ai castelli di Bellinzona per le persone con mobilità ridotta (in particolare per coloro che utilizzano una sedia a rotelle) “non è soddisfacente, sia dal profilo logistico che da quello dell'informazione all'ospite”. Lo ha indicato il Municipio, rispondendo a un'interrogazione dell'Unità di sinistra (primo firmatario Danilo Forini, direttore di Pro Infirmis Ticino). Tuttavia, nella prima metà del 2022 il Cantone (proprietario della fortezza) prevede di apportare le prime modifiche urgenti in quest'ambito. In seguito, “considerato che il tema dell'accessibilità non si concluderà con gli interventi di questa prima fase, la Città e il Cantone saranno al medesimo tavolo nello sviluppo delle ulteriori fasi di intervento, in quanto le stesse si affiancheranno temporalmente al progetto di valorizzazione” dei castelli, come previsto nel messaggio municipale approvato dal Consiglio comunale lo scorso 8 marzo, che prevede un investimento di 1,82 milioni di franchi.

Abbozzato un primo concetto di segnaletica

Nell'ambito invece dell'informazione rivolta agli ospiti a mobilità ridotta che intendono accedere ai castelli, la competenza è della Città (gestore della fortezza) in collaborazione con l'Organizzazione turistica regionale (Otr) per quanto riguarda l'accoglienza generale del turista. Una competenza che il Comune di Bellinzona “può e deve certamente assumere”. Concretamente, “un primo concetto di segnaletica è stato abbozzato ed è in fase di sviluppo, da parte della Città, in collaborazione con l'Otr”, afferma l'esecutivo, aggiungendo che “lo sviluppo della prima bozza ha coinvolto il Laboratorio cultura visiva della Supsi, attivo sul fronte dell'accessibilità”. Inoltre, “la definizione di una segnaletica fissa dovrà essere allineata all'esecuzione degli interventi previsti dal Cantone”. Un'informazione ritenuta “fondamentale” da parte della Città, visto che gli interventi previsti dal Cantone “non permetteranno un'accessibilità completa a tutti gli elementi della fortezza”.

Sfruttare al meglio le sinergie possibili

Infine, il Municipio si dice “certamente” intenzionato a cercare le migliori soluzioni possibili relative all'accessibilità a medio/lungo termine ai castelli. “Per questo motivo la scelta delle partnership esterne per il progetto di valorizzazione tiene conto dei lavori già in atto da parte del Cantone sul tema dell'accessibilità. Questo allineamento tra Città e Cantone è voluto proprio per sfruttare al meglio le sinergie possibili, per permettere al progetto di valorizzazione di tenere conto degli sviluppi progettuali in corso in ambito di accessibilità e viceversa”.

Come indicato nel messaggio municipale “la fase di progettazione definitiva per la valorizzazione durerà circa 18 mesi”. E solo dopo questa fase “potrà partire la realizzazione, a patto, ovviamente, che i legislativi comunale e cantonale approvino i crediti necessari”. Il Municipio ricorda che “il progetto di valorizzazione intende tenere conto non solo dell'accessibilità ai disabili motori, ma mira a proseguire le collaborazioni già avviate per altri progetti puntuali con istituzioni di ricerca specializzate nell'accessibilità generale alla cultura, nonché al tema della sostenibilità”.

Danilo Forini: 'Dichiarazioni molto positive'

Danilo Forini è “fiduciosamente soddisfatto” delle risposte del Municipio, anche se “ora bisogna cambiare passo anche nell’accoglienza turistica”, si legge in una nota. In ogni caso sono “dichiarazioni molto positive che fanno ben sperare per il futuro, anche se forzatamente occorre attendere la prova dei fatti”. Per il direttore di Pro Infirmis Ticino è poi “fondamentale migliorare l’informazione”. Aspetto sul quale “ci sono stati in effetti degli sviluppi interessanti, ma rimane ancora tantissimo da fare. Ci vuole su questo punto un cambio di passo da parte dell’Otr Bellinzona e Valli e in generale da parte di tutti gli enti di promozione turistica ticinesi”. Infatti, “le persone con difficoltà motorie o con una disabilità in generale, al di là della fondamentale questione dei diritti, non sono ancora pienamente visti come un target turistico che merita attenzione e un’accoglienza specifica. E con l’invecchiamento della popolazione e del turista, questo è un vero peccato”.

Leggi anche:

Castelli ancora inespugnabili per chi ha difficoltà motorie

I castelli di Bellinzona verso un’offerta più tecnologica

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved