ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 min

La Divisione urbanistica e infrastrutture sale a Cardada

Una gita fuori ufficio per i dipendenti del settore della Città, un po’ per diletto un po’ per toccare con mano progetti e sfide del territorio
Mendrisiotto
4 ore

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
4 ore

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
10 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
11 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
12 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
12 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
13 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
14 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
14 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
14 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
15 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
15 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
15 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
09.03.2021 - 19:54
Aggiornamento: 31.03.2021 - 15:35

I castelli di Bellinzona verso un’offerta più tecnologica

Dal Cc luce verde al credito di progettazione (1,82 milioni), mentre la fase esecutiva del rilancio ne richiederà 14, di cui metà a carico del Cantone

i-castelli-di-bellinzona-verso-un-offerta-piu-tecnologica
A passo di corsa verso (anche) la realtà virtuale (Ti-Press)

Avanti con la valorizzazione turistica dei castelli di Bellinzona, patrimonio mondiale dell’Unesco. Sì convinto questa sera in Consiglio comunale (con solo tre astenuti e zero contrari) al credito di 1,82 milioni necessario alla progettazione delle varie opere previste con l’obiettivo di riposizionare la Fortezza turrita in cima alle attrattive medievali elvetiche, avvicinando soprattutto le famiglie grazie a innovative e tecnologiche attrazioni in grado di rappresentare una realtà secolare in parte ormai andata persa. Il Cantone, proprietario dei manieri, farà la sua parte partecipando in questa fase con 890mila franchi. Al termine dei 12 mesi necessari alla progettazione, seguirà la richiesta di credito per le opere stimata in 14 milioni, con inaugurazione stimata fra tre/quattro anni.

Il dibattito

«È giunta l’ora di rilanciare la Fortezza sul piano internazionale», ha sottolineato la relatrice della Gestione Lelia Guscio (Lega) rimarcando anche l’aumento dei visitatori ticinesi e confederati l’anno scorso (+50%) caratterizzato dalla pandemia: «Da approfondire l’accesso veicolare ai due castelli collinari, come pure il problema del littering e la mai concretizzata trasformazione della ‘casa del vignaiolo’ al Montebello in una struttura di ristoro e vendita di prodotti tradizionali». Charles Barras (Sinistra) ha dal canto suo rimarcato che il progetto di rilancio globale «si è risvegliato quando la Città l’ha preso in mano». Pieno appoggio anche dal Ppd: secondo Ivan Ambrosini (Ppd) la rivalorizzazione «rappresenta uno dei maggiori progetti strategici della nuova Bellinzona e stimolerà la cultura imprenditoriale cittadina fra attività ricreative, economiche, culturali e ricettive. Bene anche la nuova governance tramite un'apposita fondazione: no a gestioni dilettantistiche con posti occupati per pura rappresentanza». Voce fuori dal coro quella di Giulio Deraita (Liberi) secondo cui un investimento di tale portata, a suo dire di 20 milioni, sebbene supportato per metà dal Cantone «non è al momento opportuno perché arriva nel bel mezzo di una crisi pandemica che incide sulle finanze comunali e indica la probabile necessità di aumentare il moltiplicatore d'imposta». A nome del Plr Silvia Gada gli ha risposto evidenziando «come proprio in questo delicato momento sia importante poter soddisfare la voglia di vivere e rinnovarsi. Si tratta di una risposta culturale, economica, culturale. Dopo i primi studi avviati nel 2014, è giunto il momento di concretizzare, beneficiando anche dei vari aiuti finanziari previsti». Un progetto di grande spessore culturale, a mente del sindaco Mario Branda: «L'etichetta Unesco comporta responsabilità nel curare adeguatamente il bene protetto. Siamo fieri e contenti di aver assunto la leadership del progetto. Investimento che sarebbe impensabile portare avanti senza il coinvolgimento dei vari organismi regionali, cantonali e federali». In soldoni, metà sarà a carico del Cantone e un quarto verrà coperto dal credito per l'aggregazione comunale. Confermata anche l'intenzione di ristrutturare la ‘casa del vignaiolo’, il cui recupero è calcolato in 2,5 milioni.

Buoni acquisto, la mozione non passa

Il Legislativo ha successivamente trattato alcune mozioni. In particolare bocciata quella dei Verdi (4 sì, 35 no e 8 astenuti) che proponeva di trasformare in buoni acquisto da usare nei commerci cittadini il 20% degli onorari percepiti dai municipali e il 50% delle diarie versate ai consiglieri comunali. Una soluzione che la Commissione della Gestione e lo stesso Esecutivo hanno bollato come impraticabile a fronte sia degli elevati costi di gestione del sistema (fra i 32 e i 64mila franchi annui su un valore globale dei buoni pari a 147mila franchi), sia della limitazione della libertà individuale. A sostegno dei commerci locali viene in definitiva preferita la strategia messa in campo dal Municipio con le misure urgenti Covid e la già prevista ampia paletta di aiuti comunali. Marco Noi (Verdi) ha spronato a credere nella necessità di costruire filiere corte negli acquisti, «per le quali è necessario immettere le dovute risorse iniziali che col tempo sono destinate a diminuire». Il relatore della Gestione Vito Lo Russo (Plr) parla di idea nobile ma schiacciata da troppe criticità. Anita Banfi (Plr) ha infine rimarcato il grande impegno, anche finanziario, messo in campo dai commercianti di Giubiasco e Bellinzona in concorsi e animazione, sensibilizzando così i colleghi di Legislativo a fare le giuste scelte negli acquisti. Ritenute invece irricevibili (non rientrando nelle competenze del Legislativo) due mozioni dell'Mps: la prima per riconoscere il corrispettivo salario ai dipendenti comunali costretti lo scorso aprile, durante la settimana di Pasqua, a prendere quattro giorni di libero durante il lockdown, la seconda volta a considerare tempo lavorativo l'attesa dell'esito del tampone per i dipendenti delle case anziani comunali.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved