ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
1 ora

Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole

Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
4 ore

Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’

A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
4 ore

Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’

La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
4 ore

Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’

Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
5 ore

Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione

Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Mendrisiotto
5 ore

‘Goccia a goccia’, i primi vent’anni di Espérance Acti

Il documentario che testimonia l’attività dell’associazione di Balerna verrà presentato il 14 e 15 ottobre alla Torre dei Forni
Luganese
5 ore

Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr

Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
Bellinzonese
5 ore

Pecore moribonde: ‘Chi avrebbe dovuto tutelare la loro salute?’

I Verdi (primo firmatario Marco Noi) interrogano il Consiglio di Stato in merito al gregge abbandonato a se stesso in zona diga del Lucendro
Locarnese
5 ore

Da ‘Stranociada a Strarisotada’, sempre di successo si tratta

Lasciata alle spalle (si spera) la pandemia, archiviata un’edizione 2022 gettonatissima dalla popolazione, si prepara il futuro dell’evento
Luganese
5 ore

Lugano, lotta alla povertà in tempi di crisi

Simposio con la Federazione delle Ong della Svizzera italiana sabato 22 ottobre nell’auditorio dell’Usi
Luganese
6 ore

Lugano, condividere e conoscere per progettare insieme

Il 25 ottobre al Palazzo dei Congressi un incontro promosso da Autismo Svizzera italiana e Fondazione Ares
Luganese
6 ore

Alambicco in funzione nel nucleo di Astano

La tradizionale sagra sarà proposta sabato 8 ottobre. Ad animare la giornata anche bancarelle, una mostra e l’alambicco in funzione
25.06.2021 - 09:13
Aggiornamento: 16:36

Castelli ancora inespugnabili per chi ha difficoltà motorie

A Bellinzona l’Unità di sinistra sollecita il Municipio ad attivarsi per implementare finalmente con Cantone e Otr soluzioni provvisorie e anche durature

castelli-ancora-inespugnabili-per-chi-ha-difficolta-motorie

Di certo nel Medioevo progettisti e costruttori dei tre castelli di Bellinzona non avevano considerato le esigenze delle persone con andicap fisici. Ma oggigiorno lascia perplessi che non si siano ancora realizzate soluzioni per facilitarne l'accesso. Da qui l'appello dell'Unità di sinistra che tramite un'interrogazione al Municipio (primo firmatario Danilo Forini, direttore di Pro Infirmis Ticino) propone una strategia da sviluppare su due assi: primo, un intervento temporaneo spronando e sostenendo il Cantone a migliorare gli aspetti più urgenti legati all’accessibilità al piano terra dei castelli e sviluppare con l’Organizzazione turistica regionale una migliore strategia informativa; secondo, affrontare in maniera approfondita e definitiva la questione nell’ambito degli investimenti previsti dal progetto di rilancio turistico.

Tante belle attività ad accessibilità ridotta

Dichiarati patrimonio dell’umanità dall’Unesco ormai da 21 anni – attacca il testo firmato da altri quattro consiglieri – i castelli “rappresentano l’elemento fondante dell’identità della nostra città e per ogni abitante è un piacere accedervi. Inoltre accolgono e offrono numerose occasioni di cultura e di svago per l’intera cittadinanza. Riposarsi nel prato all’ombra di una torre, gustare una cena a Castelgrande, assistere a un matrimonio a Sasso Corbaro, visitare il rinnovato museo archeologico al Montebello. In estate inoltre, proiezioni, concerti, manifestazioni si svolgono a Castelgrande e in parte negli altri manieri”. Peccato che con una sedia a rotelle buona parte degli spazi esterni e interni siano irraggiungibili e impraticabili. Basti pensare alla burla di Montebello, dove “all’interno delle mure esiste un servizio igienico accessibile e a norma, dotato di maniglioni e ganci, tuttavia preceduto da un viale d'accesso con ghiaia, da ripide rampe, da passaggi dissestati privi di valenza storica; ostacoli che impediscono di entrare nel maniero se si utilizza una sedia a rotelle”. Numerosi i problemi anche a Sasso Corbaro, “come una soglia enorme all’entrata e un posteggio dedicato alle persone con disabilità coperto con dei sagomati impossibili da superare con una carrozzina”.

Il progetto c'è ma i tempi si dilatano

Viene quindi suggerito di “agire immediatamente con piccoli ma decisivi interventi volti a migliorare l’accessibilità almeno al livello piano terra e migliorare sensibilmente segnalazioni e informazioni”. Vero è che il Cantone, proprietario dei sedimi, ha elaborato un progetto per migliorare temporaneamente almeno l’accessibilità al livello terra; progetto approvato dall’Ufficio dei beni culturali ma “purtroppo i tempi di elaborazione e realizzazione si stanno dilatando”. Il contatto delle associazioni coinvolte con i servizi della logistica cantonali “sono sempre stati ottimi”. Anche L'Otr “ha dimostrato sensibilità e abbozzato le prime indicazioni sull’accessibilità”. Il Municipio “ha inoltre provveduto a rendere accessibile il nuovo centro di accoglienza in piazza Collegiata”. Occorre tuttavia migliorare sensibilmente – scrivono gli interroganti – l’informazione ai residenti e ai turisti sulle modalità e i limiti di accesso ai castelli e in generale a tutti siti turistici e pubblici della Città: “È probabilmente nel contesto della rivalorizzazione della fortezza che occorrerebbe a questo punto affrontare la questione in maniera organica ed elaborare delle misure a lungo termine risolutive, in collaborazione con tutti gli attori coinvolti”.

‘Il Municipio coordini’

Da qui una serie di domande volte a capire il grado di conoscenza e coinvolgimento del Municipio in questi aspetti, con l'auspicio che “diventi parte attiva per collaborare con l’Otr nel concretizzare un piano d’informazione (digitale, cartacea e con dei pannelli sul territorio) per gli ospiti a mobilità ridotta che intendono accedere ai castelli”. L'Esecutivo viene poi sollecitato ad assumere il ruolo di coordinamento dei vari enti implicati per migliorare, almeno parzialmente, la situazione in tempi brevi e ovviamente, mirando a soluzioni ottimali e durature sul medio e lungo termine approfittando del progetto di valorizzazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved