iragna-il-nuovo-asfaltificio-suscita-perplessita-anche-a-biasca
La ditta intende rinnovare completamente l'impianto presente dal 1982 (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
23 min

Lugano apre Palazzo Civico per ricordare Marco Borradori

Si svolgerà nel patio la cerimonia richiesta dalla Lega e fatta propria dal Municipio a un anno dalla scomparsa dell’ex sindaco
Mendrisiotto
51 min

Mendrisio, i vincitori del tiro sportivo di Pro Militia

Alla manifestazione hanno preso parte una quarantina di tiratori. Ospite anche il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi
Locarnese
1 ora

Locarnese, slitta la passeggiata degli ‘Amis da la forchéta’

La manifestazione sarà riproposta il 22 ottobre in una veste nuova e con numero limitato di persone
Locarnese
1 ora

Film per le famiglie domenica in Piazza Grande

Dopo due anni di pausa forzata dovuta alla pandemia, torna la proposta cinematografica promossa dal Gruppo genitori
Mendrisiotto
1 ora

Il Gruppo Progetto Monte organizza merenda, spettacolo e musica

L’appuntamento, organizzato con il sostegno del Comune di Castel San Pietro, è in piazza della Chiesa a Monte domenica 14 agosto, dalle ore 17 alle 19
Locarnese
1 ora

Monte Comino, domenica torna la festa popolare

Appuntamento in quota al Grotto al Riposo romantico; carne alla griglia, musica e intrattenimenti per i più piccoli nel programma della giornata
Mendrisiotto
1 ora

Chiasso, la piscina quadrata non riaprirà

La decisione è stata presa a titolo precauzionale a seguito della perdita di cloro. Da metà settembre la vasca sarà oggetto di analisi approfondite
Grigioni
2 ore

Un Ferragosto alpino a San Bernardino

Ricca offerta di attività per famiglie in centro al paese e nei dintorni
Luganese
2 ore

Alla Resega sbarcano due nuove macchine del ghiaccio

Le ENGO IceTiger, che vanno a propulsione elettrica, permetteranno di ripulire la superficie della Cornèr Arena in pochissimo tempo
06.07.2021 - 18:05
Aggiornamento: 18:42

Iragna, il nuovo asfaltificio suscita perplessità anche a Biasca

La sinistra chiede chiarimenti al Municipio sui possibili impatti ambientali per il territorio confinante con Riviera, dove i partiti si sono già opposti al progetto

Non sono nel Comune di Riviera suscita perplessità l'intenzione della ditta Comibit Sa di Taverne di realizzare ad Iragna, nella zona industriale Piretta, un nuovo impianto di produzione di miscele bituminose in sostituzione dell'asfaltificio attuale. Alla contrarietà al progetto espressa attraverso un'interpellanza interpartitica dalle quattro forze politiche del Legislativo di Riviera – le quali ritengono che vi siano sufficienti elementi per negare la licenza edilizia –, si aggiungono ora i dubbi provenienti dal paese limitrofo di Biasca. Attraverso un'interpellanza è il gruppo Insieme a Sinistra in Consiglio comunale a esporre le proprie preoccupazioni e a chiedere chiarimenti al Municipio guidato dal sindaco Loris Galbusera.

Pur considerando “apprezzabile” l'intenzione della ditta di mantenere il sito di produzione in località Piretta, aumentarne la capacità e “progredire verso processi produttivi più sostenibili (con uso di granulato d'asfalto riciclato)”, per la sinistra di Biasca “il persistente bisogno di edificare una torre di evacuazione di dei fumi dell'altezza di 38 metri, può suscitare qualche legittimo interrogativo”. Consapevoli che l'interpellanza non riguarda un progetto sul territorio comunale di Biasca, gli interpellanti ritengono però che in questo caso il tema sia di interesse generale. Al Municipio si chiede quindi se sia stato interpellato per la questione di eventuali impatti ambientali che il progetto potrebbe avere a Biasca; se non ritiene che queste specifiche domande di costruzione siano da trasmettere anche ai Comuni limitrofi e come intende tutelarsi nei confronti dei propri cittadini in caso di problemi futuri. 

Torre già bocciata in passato da Municipio e Consiglio di Stato 

La precedente domanda di costruzione, risalente al 2015, era stata bocciata dall’allora Municipio di Iragna, dal Consiglio di Stato e nel 2019 anche dal Tribunale amministrativo cantonale espressisi su alcune opposizioni: nei primi due casi non accettando proprio che la torre per l’evacuazione dei fumi raggiungesse l’altezza di 38 metri (un palazzo di dieci piani) ossia quasi quattro volte il limite massimo ammesso di dieci metri sancito dalle Norme d'attuazione del Piano regolatore. Il Tribunale amministrativo aveva invece dato luce verde alla torre applicando la deroga prevista per i corpi tecnici e impianti speciali, ma aveva tuttavia ravvisato un mancato rispetto della distanza minima dal bosco (10 metri).

In base alla nuova domanda di costruzione pubblicata all’albo comunale di Riviera fino a metà luglio e affiancata dal Rapporto d’impatto ambientale, l’asfaltificio risalente al 1982 verrebbe completamente demolito e sostituito da uno tutto nuovo che permetterebbe di raddoppiare la produzione (quindi non più solo aumentarla di un terzo) passando dalle attuali 30-54’000 tonnellate all’anno a 50-75’000. 

 

 

 

Leggi anche:

Asfaltificio d’Iragna, dalla Comibit un progetto tutto nuovo

La rivolta di Riviera: ‘Non vogliamo il nuovo asfaltificio’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
asfaltificio biasca iragna perplessità
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved