l-importanza-dei-fondi-ue-per-la-ricerca-all-irb-di-bellinzona
Davide Robbiani, direttore dell'Irb (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
8 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
10 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
10 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
11 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
11 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
11 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
11 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
11 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
12 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
12 ore

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
Luganese
12 ore

Besso pulita! in assemblea

Si parlerà anche dei disagi provocati dai lavori alla stazione Ffs di Lugano
Locarnese
13 ore

Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’

Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
Luganese
13 ore

Molestie all’Unitas, assemblea tesa

Allontanati i giornalisti, trapela malcontento; il Comitato attende l’esito dell’inchiesta
Locarnese
15 ore

San Nazzaro, annegamento al bagno pubblico

Si tratterebbe di un turista. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e gli agenti della Polizia cantonale e della Polizia lacuale
Grigioni
1 gior

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
laR
 
24.06.2021 - 05:30
Aggiornamento : 11:45

L’importanza dei fondi Ue per la ricerca all’Irb di Bellinzona

Secondo Davide Robbiani, senza accordo quadro vi è il rischio di 'ricevere meno finanziamenti per la ricerca e di perdere giovani talenti'

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Le incertezze generate dall’interruzione delle trattative da parte della Svizzera con l’Unione europea (Ue) in merito all’accordo quadro «di certo non giovano». Davide Robbiani, direttore dell’Istituto di ricerca in biomedicina (Irb) di Bellinzona, spiega a ‘laRegione’ i motivi per cui questa decisione potrebbe avere ripercussioni negative sull’intero settore della ricerca svizzero. Le preoccupazioni maggiori riguardano l’aspetto finanziario, ma anche quello del personale altamente qualificato che potrebbe decidere di lasciare o non arrivare in Svizzera. In ogni caso, stando al direttore dell’Irb, sarebbe opportuno che la Confederazione collabori maggiormente anche con Paesi extraeuropei come Stati Uniti o Cina.

Davide Robbiani, anche se il settore della ricerca non era direttamente legato alle trattative con l’Ue sull’accordo quadro, l’interruzione di queste ultime quali conseguenze potrebbe avere per la ricerca accademica elvetica?

Su questo tema ci sono due aspetti importanti: uno legato al finanziamento dei progetti accademici di ricerca, l’altro connesso alla capacità di mantenere o attirare in Svizzera il talento. La ricerca scientifica, già da tempo, si svolge su un piano non nazionale o continentale, ma globale. Questo è vero nel campo della biomedicina, dove siamo attivi all’Irb, ma anche in altri settori della ricerca fondamentale e applicata. In generale, sono quindi importanti le collaborazioni internazionali e quei meccanismi che permettono di finanziarle. Per quanto concerne l’Ue, ci sono a questo scopo programmi di finanziamento competitivo (come ‘Horizon’ e ‘European Research Council’) che, grazie agli accordi ottenuti in passato tra Unione europea e Svizzera, hanno finora permesso ai nostri ricercatori di accedere a queste importanti risorse. Ora, con l’interruzione delle trattative, queste sorgenti di finanziamento potrebbero venire a mancare. C’è chi dice che questo problema è temporaneo, che ci vorrà un anno o due e poi si troveranno accordi. Forse, ma come esserne sicuri?

E per quanto riguarda invece la problematica del talento?

Un’esclusione da programmi europei potrebbe rendere meno interessante per i giovani rimanere in Svizzera e anche più difficile attirare nella Confederazione talenti dall’estero, sia per il periodo di formazione, sia per la carriera universitaria. Questo comporterebbe una perdita di ‘materia grigia’ il cui impatto sulla qualità della ricerca e dell’insegnamento sarebbero valutabili forse solo sul medio-lungo termine.

Ma l’Irb è dunque a rischio?

Grazie all’alta competitività internazionale dei nostri ricercatori, l’Irb beneficia in modo sostanziale dei finanziamenti europei di ricerca. Questo è il caso per i nostri programmi di ricerca nel campo dell’immunologia e per quelli legati ai tumori. Lo stesso vale per i progetti Covid tuttora in atto e largamente sostenuti da fondi europei. Per fare delle cifre: negli ultimi 10 anni abbiamo ottenuto 15,7 milioni di franchi da finanziamenti europei; solo nel 2020 erano 2,2 milioni, che è simile a quanto otteniamo da progetti del Fondo nazionale svizzero e che corrisponde al 25% delle entrate per progetti di ricerca. Il discorso è simile per lo Ior [l’Istituto oncologico di ricerca di Bellinzona, ndr] e per i ricercatori dell’Usi e della Supsi, dove la qualità dei programmi di ricerca ha finora permesso di attirare importanti fondi europei.


(Foto: Team Aurelio Galfetti/Dati: Irb)

Quindi vi sono solo nubi all’orizzonte per la piazza di ricerca svizzera?

La ‘situazione europea’ non è rosea e speriamo che si possano al più presto trovare soluzioni per rientrare in questi schemi di finanziamento. Ma l’Europa non è tutto. Come dicevo all’inizio, la ricerca non si gioca su un piano continentale ma globale. Quindi, anche a livello istituzionale, sembrerebbe importante puntare su alleanze strategiche ragionando anche al di là dei confini europei. Da parte di noi ricercatori questo già avviene. Per esempio, l’Irb è già in rete con numerosi centri di ricerca di punta negli Stati Uniti, beneficiando addirittura di fondi provenienti dall’ente di ricerca americano Nih, e il nostro network di collaborazioni scientifiche si estende a Paesi extraeuropei. È importante che continui a essere così.

Cosa si aspetta dal futuro?

Noto positivamente come il Fondo nazionale svizzero di ricerca abbia sviluppato già da alcuni anni programmi bilaterali per sostenere collaborazioni scientifiche internazionali, come per esempio con la Cina. Alla luce delle incertezze europee, sarebbe auspicabile poter potenziare ulteriormente questi sforzi ed estenderli ad altri Paesi scientificamente molto forti al di fuori dell’Europa. Penso alla Gran Bretagna post-Brexit, a Israele e agli Stati Uniti. Mi pare che i temi della ricerca e dell’innovazione siano stati sollevati anche durante il recente summit con il presidente statunitense Joe Biden a Ginevra ed è indubbio che gli Usa siano e continueranno a essere trainanti, soprattutto nelle ‘life sciences’, le scienze della vita. 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
accordo quadro bellinzona davide robbiani fondi europei irb ricerca
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved