ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
1 ora

Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole

Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
3 ore

Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’

A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
3 ore

Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’

La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
4 ore

Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’

Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
4 ore

Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione

Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Mendrisiotto
4 ore

‘Goccia a goccia’, i primi vent’anni di Espérance Acti

Il documentario che testimonia l’attività dell’associazione di Balerna verrà presentato il 14 e 15 ottobre alla Torre dei Forni
Luganese
4 ore

Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr

Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
Bellinzonese
4 ore

Pecore moribonde: ‘Chi avrebbe dovuto tutelare la loro salute?’

I Verdi (primo firmatario Marco Noi) interrogano il Consiglio di Stato in merito al gregge abbandonato a se stesso in zona diga del Lucendro
01.06.2021 - 17:18
Aggiornamento: 18:27

Progetto Usi ad Airolo, si studia la sostenibilità

Studio di fattibilità in dirittura d'arrivo: se il progetto verrà ritenuto ragionevole il messaggio per l'acquisto potrebbe arrivare ancora quest'anno

progetto-usi-ad-airolo-si-studia-la-sostenibilita
Ti-press
Lo stabile dell'ex Posta di Airolo

La Casa della sostenibilità non è ancora realtà, perché è allo studio la sua... sostenibilità. Non è un gioco di parole ma il motivo per cui non sono ancora concluse le trattative tra il Comune di Airolo e la Posta per l’acquisizione dello stabile dove potrebbe vedere la luce un’antenna dell’Università della Svizzera italiana (Usi). Negli scorsi mesi, spiega il sindaco Oscar Wolfisberg, il Comune ha conferito mandato allo studio di architettura e ingegneria civile Gendotti Sa di Airolo per avviare uno studio di fattibilità per definire gli elementi essenziali del progetto. Lo studio sta ora giungendo a termine e se indicherà che il progetto è sostenibile «l’obiettivo è di sottoporre al Consiglio comunale il messaggio per l’acquisto entro dicembre», afferma il sindaco. Le trattative Posta-Comune (l'ipotesi di cifra non viene per ora svelata) sono supportate dall'Ente regionale per lo sviluppo Bellinzona e Valli. La Casa della sostenibilità che si vorrebbe realizzare ad Airolo, in un contesto alpino come quello del Gottardo, è orientata allo sviluppo sostenibile: dai cambiamenti climatici alla produzione di energia, dai trasporti al turismo, fino all’aspetto della biodiversità e dell’architettura paesaggistica. L'Usi non parteciperà all’acquisto dello stabile, ma s'impegnerà ad assicurare i contenuti della Casa e la sua futura gestione. Per quanto concerne la ristrutturazione dello stabile, una prima indicazione elaborata dall’Usi indica la possibilità di creare spazi per seminari in grado di accogliere dalle 25 alle 80 persone, un’area espositiva di 154 metri quadrati, un dormitorio con 30 posti letto, una zona cucina e depositi per materiale. 

Boom di ristrutturazioni

Se da un lato nel Comune altoleventinese c’è fermento per interessanti progetti come quello della Casa della sostenibilità, dall’altro chi passeggia per il paese non può fare a meno di notare ancora diversi edifici dismessi. Non il miglior biglietto da visita per promuovere il turismo della regione. Su questo punto il sindaco tiene a far presente che il Comune prevede dei contributi per il risanamento degli stabili «contributo che l’anno scorso è stato aumentato. Riceviamo diverse richieste e negli ultimi due anni si è verificato un boom di ristrutturazioni, anche forse in previsione del raddoppio della galleria del Gottardo e degli importanti progetti che vi ruotano attorno». E tra questi vi è quello del Parco San Gottardo, che con i materiali di estrazione del traforo prevede la realizzazione di una copertura verde con contenuti turistico, ricreativo, sportivo e percorsi pedonali che in inverno diventeranno circuiti per lo sci di fondo.

Leggi anche:

Progetto Usi ad Airolo, trattative decisive per l'ex Posta

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved