ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
13 min

La Sagra della castagna riparte ‘con il botto’

A Morbio Superiore sono pronti ad accogliere l’edizione numero 43 della manifestazione, che torna alla normalità
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio ritrova la ‘sua’ Fiera di San Martino

Da giovedì 10 a domenica 13 sui prati attorno alla chiesetta si rinnoverà l’incontro con il mondo agricolo
Mendrisiotto
1 ora

Disturbi dell’apprendimento, conferenza a Riva San Vitale

L’appuntamento è per mercoledì 19 ottobre nell’aula magna dello Steger Center Viginia Tech
Luganese
1 ora

‘Cambiare il sistema di nomina per i direttori delle scuole’

È quanto chiede, con un’interpellanza al Governo, l’Mps dopo l’arresto per atti sessuali con fanciulli del direttore di una scuola media di Lugano
Locarnese
1 ora

Locarno, la Mappo-Morettina chiusa di notte per lavori

Gli interventi di manutenzione degli impianti elettromeccanici si protrarranno da lunedì prossimo al 28 ottobre. Traffico deviato sulle cantonali
Luganese
2 ore

‘Lugano città universitaria?’, se ne parla in una conferenza

L’evento promosso da Lugano Forum 2030 è in programma lunedì 17 ottobre al palazzo dei Congressi
Mendrisiotto
2 ore

Risparmio energetico, ‘come si sta organizzando Mendrisio?’

Il consigliere comunale Massimiliano Robbiani (Lega-Udc-Udf) interroga il Municipio e lamenta il ritardo nell’annunciare le misure
Luganese
2 ore

Lugano, si misurano pressione e glicemia

Il controllo, gratuito, è organizzato dalla sezione del Sottoceneri della Croce Rossa Svizzera
Luganese
3 ore

Lugano, nell’amministrazione non ci sono differenze di salario

La Città ha pubblicato i risultati delle analisi effettuate sui collaboratori retribuiti secondo il Regolamento organico comunale
Mendrisiotto
3 ore

‘Ampliare le scuole? Un pilastro per attrarre famiglie’

Il Municipio di Breggia difende il progetto di ampliamento della sede di Lattecaldo. ‘Sostenibile per le finanze, necessario per la didattica’
Ticino
3 ore

I ghiacciai ticinesi rischiano di sparire entro 5-10 anni

Le scarse nevicate e l’estate caldissima hanno accelerato la fusione. Il ghiacciaio del Basòdino potrebbe sciogliersi del tutto in mezzo secolo
Locarnese
4 ore

Apertura al pubblico della miniferrovia Minusio Mappo

Nel fine settimana in circolazione treni a vapore, diesel ed elettrici provenienti anche da Oltralpe e dalla Germania
Luganese
5 ore

Nel mondo delle sale Snoezelen con Sofia Santori

Popolari nelle case per anziani e negli istituti per disabili, oggi si diffondono sempre più anche nell’ambito privato grazie al loro valore terapeutico
Ticino
5 ore

‘Ok al libero esercizio, ma solo in vista dell’esame federale’

È il controprogetto del governo a due iniziative per il riconoscimento di naturopati, terapisti complementari e arteterapeuti con certificato settoriale
laR
 
26.06.2020 - 06:00
Aggiornamento: 09:17

Progetto Usi ad Airolo, trattative decisive per l'ex Posta

Municipio e Gigante giallo stanno discutendo il passaggio di proprietà dello stabile fra acquisto, ristrutturazione e futura gestione

progetto-usi-ad-airolo-trattative-decisive-per-l-ex-posta
L'ex Posta di Airolo disegnata dall'architetto Rino Tami (Ti-Press)

Sono settimane decisive per la concretizzazione ad Airolo della Casa della sostenibilità, progetto promosso dall'Università della svizzera italiana (Usi) che mira a portare nell'alta Leventina una propria 'antenna' in grado di offrire a studenti e professori “una modalità innovativa di formazione, utilizzando lo spazio alpino e in particolare la regione del San Gottardo come laboratorio, un luogo dove vedere, toccare con mano e comprendere che cosa significa sviluppo sostenibile: dai trasporti al turismo, dall’agricoltura alla produzione di energia, fino ai cambiamenti climatici”. Quale sede ideale, ricordiamo, l'Usi ha individuato l'anno scorso lo stabile che fino all'autunno ha ospitato l'ufficio postale trasferito in novembre alla stazione Ffs. L'edificio risalente al 1950 e progettato dal rinomato architetto ticinese Rino Tami, ha una volumetria generosa e ben si adatterebbe alle varie tipologie di attività previste dall'università, che non si limiterebbe ad aprire un semplice sportello di rappresentanza. Centrale il ruolo che potrà giocare il Comune, considerato che si prospetta da parte sua l'acquisizione e forse anche la successiva trasformazione e gestione con modalità attualmente in fase di approfondimento. Le trattative Posta-Comune (l'ipotesi di cifra non viene per ora svelata) sono ora entrate nel vivo e vengono supportate dall'Ente regionale per lo sviluppo Bellinzona e Valli.

Il rettore: 'Questa forte progettualità ci sprona'

Il rettore dell'Usi, Boas Erez, conferma che non sarebbe l'università a comprare l'edificio: «Detto un po' brutalmente, non abbiamo soldi da destinare all'acquisizione, ma abbiamo molte idee che se sviluppate possono contribuire a generare flussi finanziari e finanziamenti utili a questo scopo». Progettualità che peraltro va ad aggiungersi ad altra progettualità: «Se puntiamo su Airolo - annota Erez - è perché qui percepiamo una gran voglia di fare. C'è una progettualità diffusa in vari ambiti, ad esempio quello dell'accoglienza se pensiamo al turismo, agli esercizi pubblici e agli impianti sportivi». Il tutto favorito dalla grande spinta generata dal risanamento ambientale del fondovalle previsto nell'ambito della realizzazione della seconda canna autostradale sotto il Gottardo. Il direttore dell'Ente regionale sviluppo, Manuel Cereda, rimarca dal canto suo l'interesse che tale progetto riveste in chiave di politica regionale: «Su questo siamo tutti d'accordo ed è dunque un buon punto di partenza. Avere ad Airolo un'antenna proattiva dell'Usi, che non si limiti a un'azione di rappresentanza, comporterebbe indubbie e interessanti ricadute sul territorio. Ecco perché è nostro desiderio fare il possibile per supportare Comune e Posta nelle trattative».

I contenuti della trasformazione

“Vista la missione - scrive l'Usi nel dossier di presentazione - il progetto di trasformazione edilizia potrà e dovrà tener conto di tutti e tre gli aspetti della sostenibilità (ambientale, sociale ed economico), senza dimenticare il valore storico e architettonico dell’edificio stesso”. Nel frattempo è stato realizzato un primo progetto di ristrutturazione tenendo conto dei diversi bisogni. La proposta indica la possibilità di creare spazi seminariali in grado di accogliere dalle 25 alle 80 persone, un'area espositiva di 154 metri quadrati, un dormitorio con 30 posti letto, una zona cucina e depositi per materiale. L’obiettivo è promuovere attività e incontri in dialogo con la ricchezza di iniziative ed enti che operano in Alta Leventina. Enti pubblici, musei, associazioni culturali e sociali, centri sportivi, aziende private ed enti scientifici vanno ad aggiungersi - sottolinea l'Usi nell'apposita brochure - alle caratteristiche e alla storia della regione del San Gottardo, rendendo questa zona un luogo privilegiato in cui osservare e sperimentare i grandi temi legati alla sostenibilità. L’obiettivo è quello di creare un centro in cui queste realtà possano trovare un punto di incontro e favorire ponti e collaborazioni con le diverse iniziative locali e a beneficio della popolazione. 

Potenzialità del territorio

Quanto al bisogno di immaginare e sviluppare nuovi modelli capaci di far riflettere ed educare allo sviluppo sostenibile, le Alpi “possono essere un luogo di osservazione e sperimentazione". Nelle Alpi "si addensano infatti pratiche nate attorno a un nuovi modi di vivere, di lavorare e di abitare, consapevoli delle potenzialità del territorio e dell’importanza della sua valorizzazione, ma anche dei limiti posti dalle sue particolari caratteristiche”. Da qui l'Usi, “chiamata a svolgere il proprio ruolo nella sensibilizzazione allo sviluppo sostenibile”. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved