bellinzona-senza-partita-branda-confermato-sindaco-col-60
Una poltrona per uno (Ti-Press)
+3
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

Morbio Inferiore, ‘A cena con papà’

La manifestazione, organizzata dal Dicastero cultura, venerdì 20 maggio
Luganese
4 ore

Ponte Capriasca, evento solidale per Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
4 ore

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
4 ore

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
4 ore

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
5 ore

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
5 ore

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
5 ore

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
5 ore

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
5 ore

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
5 ore

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
Ticino
6 ore

Presidente del Consiglio sinodale riformato è Stefano D’Archino

Nell’esecutivo della Chiesa evangelica succede a Tobias Ulbrich. Approvata una mozione critica nei confronti del Patriarca Kirill
Grigioni
6 ore

Mesi decisivi per la nuova scuola di San Vittore

In pubblicazione fino al 23 maggio la domanda per la licenza edilizia. I cittadini dovranno esprimersi in votazione popolare sul credito di 6,8 milioni
Locarnese
6 ore

Locarno, concerto conclusivo della Società popolare di musica

L’evento si svolgerà al Fevi, venerdì 20 maggio, dalle 18. È consigliato prenotare il posto a sedere
Ticino
6 ore

L’Atg: ‘Preoccupati per il futuro della nostra professione’

L’Associazione ticinese dei giornalisti in assemblea è preoccupata per ‘una parte della politica che mostra costante insofferenza nei nostri confronti’
Locarnese
6 ore

Premio Fondazione Verzasca, ecco i primi vincitori

Il riconoscimento è stato istituito per valorizzare la ricerca e la cultura della valle e della cultura subalpina
Locarnese
6 ore

Locarno, ‘vergognoso non proibire il fumo nei parchi giochi’

L’Associazione svizzera non fumatori prende posizione sulla decisione del Consiglio comunale che non approva la mozione ‘verde’. Annunciato il referendum
Locarnese
6 ore

Alvad, col progetto Ril cure qualitative a costi sostenibili

La messa in rete dei servizi sociali e sanitari è la sfida futura per gli operatori pubblici e privati del settore delle cure a domicilio
Ticino
6 ore

‘Caro benzina, il governo chieda a Berna di intervenire’

Con un’interrogazione Lara Filippini (Udc) invita il Consiglio di Stato a farsi portavoce col Consiglio federale dei disagi economici in Ticino
16.05.2021 - 13:11
Aggiornamento : 20:05

Bellinzona senza partita, Branda confermato sindaco col 60%

Con 9'169 voti contro i 6'024 dello sfidante Gianini, il socialista si aggiudica lo scranno per la terza volta consecutiva: ‘Risultato oltre le aspettative’

Con un netto vantaggio di 3'145 voti la locomotiva Mario Branda ha nettamente superato oggi il liberale radicale Simone Gianini nella sfida per la poltrona di sindaco di Bellinzona durante la legislatura breve 2021/24. Gianini ha raccolto 6'024 voti (39,65%) e il sindaco uscente e di quindicina ben 9'169 (60,35%). Un distacco decisamente superiore rispetto ai 67 voti personali che li separavano al primo turno del 18 aprile. Evidentemente si è ripetuta, e addirittura quasi triplicata, l'allora differenza di 1'200 voti preferenziali che vedeva già nettamente in testa il candidato dell'Unità di sinistra giunto al suo terzo mandato consecutivo dopo quelli del 2012 (vecchia Città) e 2017 (Città aggregata). Gianini e il Plr, che ambivano al colpaccio, non hanno insomma fatto breccia nell'elettorato che ha preferito riconfermare ‘super Mario’, forte peraltro dell'appoggio espresso al secondo turno da Verdi e ForumAlternativo, schieratisi tuttavia con poca convinzione.

‘Confermata la gestione sin qui data alla Città’

La partecipazione al voto è stata del 57,75% (era stata del 58,67% un mese fa, segno che qualcuno, pochi in realtà, ha ascoltato l'invito dell'Mps a non recarsi alle urne e che la sfida ha suscitato più o meno lo stesso interesse riservato dall'elettorato al primo turno) e le schede bianche hanno raggiunto quota 338, contro le precedenti 298. Il risultato personale ottenuto «va oltre le aspettative», è il primo commento a caldo di Mario Branda. Cosa dimostra il 60%? «Anzitutto, la partecipazione al voto dimostra che i bellinzonesi hanno avuto piacere esprimersi su quale sindaco desideravano avere. Chi invitava a disertare le urne è stato insomma sconfessato. Quanto ai voti andati alla mia persona, li interpreto come una chiara scelta di campo e un voto di continuità con quello che è stato espresso dall'elettorato al primo turno, ossia la voglia di conferma dell'impostazione sin qui data alla gestione della Città. E questo considerando anche i problemi avuti durante l'ultimo anno: molti elettori – conclude Branda – hanno certamente compreso quale fosse il livello di difficoltà e l'impegno messo nel cercare di affrontare e risolvere le delicate situazioni».   

Dicasteri, ‘dovremo discuterne’. Gianini: ‘Tengo il mio’

A meno di sorprese, domani il Municipio dovrebbe tornare in assetto operativo normale con l'assegnazione dei Dicasteri così com'era stata definita dopo le elezioni: Amministrazione generale a Branda e Territorio e mobilità a Gianini, che presiede peraltro la Commissione regionale dei trasporti. Il condizionale è tuttavia d'obbligo, avverte Branda: «Ci riuniremo e faremo le debite riflessioni e discussioni», così da impostare nel miglior modo possibile la suddivisione dei settori, e relativi carichi lavorativi, sebbene la prima decisione di due settimane fa abbia già considerato questa necessità. Dal canto suo Simone Gianini, che dovrebbe peraltro assumere la carica di vicesindaco lasciata da Andrea Bersani, rivela per contro che i giochi sono ormai fatti ed è perciò più che mai deciso a tenersi il proprio dicastero gestito sin dal 2012, anno in cui entrò in Municipio insieme a Branda.

L'abbraccio in piazza Nosetto al canto di ‘Bella ciao’

Divergenze da relativizzare considerato l'abbraccio fra i due in piazza Nosetto al momento dell'arrivo di Branda – al canto di ‘Bella ciao’ intonata dai suoi sostenitori – davanti a Palazzo Civico poco prima delle 14. A ogni modo mentre Gianini sembra orientato a digerire senza troppi patemi d'animo la ‘scoppola’ odierna, Branda sgombra il campo dai dubbi assicurando la chiara volontà di proseguire in un clima costruttivo.

Gianini: ‘Porterò avanti le nostre proposte’

La campagna per il voto di ballottaggio, soprattutto in casa Plr, ha registrato la volontà di mettere in campo maggiori energie a favore dell'economia locale, bisognosa di rilancio, e della vitalità in generale della Turrita proprio ora che l'estate è alle porte e la pandemia ha rallentato lasciando sul terreno molti problemi da affrontare e risolvere. Partendo però dalle cifre nude e crude, fatti i complimenti di rito al vincitore, Simone Gianini non fa troppi giri di parole: «Con la sezione e il partito confidavamo ovviamente in un risultato migliore. L’analisi andrà fatta a freddo, ma è verosimile che abbia votato bene per me soprattutto il Plr - che ho sentito molto vivo nei quartieri della cintura se consideriamo da dov’eravamo partiti quattro mesi fa - mentre le correnti degli altri partiti si siano orientate su Mario Branda. E stiamo sempre parlando di un sindaco uscente, persona di assoluta statura politica e amata dai bellinzonesi. L’esercizio era in partenza in salita e ne eravamo perfettamente coscienti». Come Branda, anche Gianini ritiene elevata la partecipazione al voto, «visto che l’avevamo prevista sotto il 50%». L’esercizio del ballottaggio, prosegue Gianini, «ha permesso ancora per due-tre settimane di parlare del futuro della Città, dei temi che contano e dei valori. E averne parlato, per quanto mi riguarda, in chiave liberale nel senso politico del termine, mi porta a pensare che siano ‘passati’ nella popolazione e che verranno accolti dal Municipio nell’ambito di un’azione collegiale. Cito ad esempio l’attenzione all’economia locale e alla vitalità in generale». Quanto alla nuova legislatura, assicura di volerla affrontare «con lo stesso impegno degli ultimi nove anni». Il Dicastero territorio e mobilità «è peraltro quello con il maggior numero di progetti strategici di valenza territoriale, i quali daranno un’impronta al futuro della Città».

Nobile: ‘Sconfitta netta, ma rigiocheremmo la partita’

«Onore al vincitore». Il presidente della sezione liberale radicale Marco Nobile non usa mezzi termini parlando di «sconfitta netta». Era, aggiunge, «legittimo crederci, consapevoli che un distacco c’era in partenza e che Mario Branda è sindaco di una certa statura, benvoluto dai bellinzonesi in modo trasversale». Di buono c’è che l’esercizio «ha permesso agli elettori di fare una scelta di campo e d’interessarsi a quale politica vogliono sia portata avanti». Il Plr con tre municipali e venti consiglieri comunali rimane pur sempre il partito di maggioranza relativa; ma, nella sconfitta, qual è il risultato positivo di oggi? «A inizio campagna elettorale venivamo dati quasi per morenti, invece ci siamo risollevati e siamo arrivati a giocare la fase finale di una partita difficile. La rigiocheremmo».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona gianini mario sindaco
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved