Slovacchia
Spagna
18:00
 
Svezia
Polonia
18:00
 
GRANOLLERS M./ZEBALLOS H.
0
DJOKOVIC N./HERRERA C.
0
1 set
(5-3)
GOLUBIC V. (SUI)
2
BENCIC B. (SUI)
0
fine
(6-4 : 6-4)
bellinzona-senza-partita-branda-confermato-sindaco-col-60
Una poltrona per uno (Ti-Press)
+3
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
14 min

Bellinzona, ecco i primi film all'aperto di Estate in Città

Il 24 giugno a Preonzo sarà proiettato 'Sing', mentre il 28 giugno 'The Blues Brothers' a Giubiasco
Locarnese
43 min

Tiri in campagna e obbligatorio allo stand di Brissago

Sabato si spara al bersaglio al poligono di Piodina con la Società tiratori delle Isole
Bellinzonese
52 min

Biasca, incrocio chiuso al traffico per lavori

Dal 5 al 16 luglio è previsto un intervento all’acquedotto e alla pavimentazione stradale: l'incrocio fra via S. Franscini e via Quinta sarà sbarrato.
Luganese
58 min

Bus della Tpl, 2020 da dimenticare: disavanzo di 1,5 milioni

La pandemia ha scalfito l'esercizio, che ha visto una flessione dei passeggeri, inferiori ai 10 milioni. Angelo Jelmini lascia la presidenza del CdA
Bellinzonese
1 ora

Centro professionale di Biasca, Davide Pedretti nuovo direttore

È stato nominato dal Consiglio di Stato e sostituisce Andrea Galbusera, a capo dell'istituto durante l'ultimo quadriennio
Locarnese
1 ora

Bosco Gurin, la slittovia è finalmente pronta

Completato il collaudo dell'alpin bob della località turistica, inaugurazione il weekend del 3-4 luglio. Costi lievitati, sicurezza aggiornata ai nuovi standard
Luganese
2 ore

Emanuele Dati a capo dell'ospedale regionale di Lugano

L'Eoc ha nominato il nuovo direttore "chiamato alle impegnative sfide del dopo pandemia e in un contesto di continuo sviluppo"
Bellinzonese
5 ore

Esplodono di 17 milioni i costi per il Liceo di Bellinzona

La sede provvisoria completa ne richiederà 6,5 in più di quella inizialmente prevista, e quasi 11 in più l'edificio da risanare completamente
Bellinzonese
5 ore

Bellinzona e Valli, prodotti turistici acquistabili online

Lanciato un mercato digitale dove sarà possibile prenotare biglietti, prodotti e servizi dei principali attrattori del comprensorio
Luganese
5 ore

Medie di Barbengo, nuova palestra da 3,7 milioni

Il Consiglio di Stato ha licenziato il credito per sostituire la struttura provvisoria edificata nel 2011 dopo l'incendio doloso dell'anno prima
Luganese
5 ore

Processo per furti con scasso, condannati due giovani Rom

Tra le vittime pure un noto avvocato penalista. Inflitte condanne sospese con la condizionale in virtù della loro confessione. Espulsi dalla Svizzera
Locarnese
6 ore

Centovalli, annullate anche quest’anno le feste di Comino

Le tradizionali manifestazioni sui monti non si terranno a causa delle difficoltà logistiche-organizzative legate alla pandemia
Bellinzonese
6 ore

Casa anziani Sementina, 'capo struttura appaltata?'

L'Mps in un'interpellanza sostiene che il personale dirigente della struttura sia stato esternalizzato e chiede dunque lumi al Municipio di Bellinzona
Locarnese
6 ore

LocarneseTech cerca un coordinatore per le proprie attività

L'associazione, che mira a supportare le aziende del territorio attive nella robotica e meccatronica, ha aperto un bando di concorso
Luganese
7 ore

Lugano, Parco Ciani: sale sul cancello e cade, ferite serie

Questa notte un giovane ha provato a scavalcare l'accesso, ha perso l'equilibrio ed è caduto dall'altezza di alcuni metri
Ticino
7 ore

Covid, tre contagi e nessuna ulteriore ospedalizzazione

Non si è verificato neanche alcun decesso legato alla pandemia. I pazienti ricoverati restano due, dei quali nessuno in cure intense
Locarnese
7 ore

Centovalli, l'Ente autonomo riattiva la navetta dei monti

Da mercoledì prossimo torna in servizio il bus che da Tenero, via Locarno, porta i clienti escursionisti di alcuni hotel sui monti di Porera
Mendrisiotto
12 ore

'Mendrisio non è ancora diventata un campus universitario'

Parla Mario Botta, papà dell'Accademia, dopo lo 'scontro' fra agenti e studenti. 'Il bilancio di questi anni? Do un voto favorevole'
LGBTQ+
12 ore

La non-binarietà spiegata da chi la vive

Sul fatto di non identificarsi come 'maschio' o 'femmina' circolano molta confusione e parecchi stereotipi. Una testimonianza per capirci di più
Bellinzonese
16.05.2021 - 13:110
Aggiornamento : 20:05

Bellinzona senza partita, Branda confermato sindaco col 60%

Con 9'169 voti contro i 6'024 dello sfidante Gianini, il socialista si aggiudica lo scranno per la terza volta consecutiva: ‘Risultato oltre le aspettative’

Con un netto vantaggio di 3'145 voti la locomotiva Mario Branda ha nettamente superato oggi il liberale radicale Simone Gianini nella sfida per la poltrona di sindaco di Bellinzona durante la legislatura breve 2021/24. Gianini ha raccolto 6'024 voti (39,65%) e il sindaco uscente e di quindicina ben 9'169 (60,35%). Un distacco decisamente superiore rispetto ai 67 voti personali che li separavano al primo turno del 18 aprile. Evidentemente si è ripetuta, e addirittura quasi triplicata, l'allora differenza di 1'200 voti preferenziali che vedeva già nettamente in testa il candidato dell'Unità di sinistra giunto al suo terzo mandato consecutivo dopo quelli del 2012 (vecchia Città) e 2017 (Città aggregata). Gianini e il Plr, che ambivano al colpaccio, non hanno insomma fatto breccia nell'elettorato che ha preferito riconfermare ‘super Mario’, forte peraltro dell'appoggio espresso al secondo turno da Verdi e ForumAlternativo, schieratisi tuttavia con poca convinzione.

‘Confermata la gestione sin qui data alla Città’

La partecipazione al voto è stata del 57,75% (era stata del 58,67% un mese fa, segno che qualcuno, pochi in realtà, ha ascoltato l'invito dell'Mps a non recarsi alle urne e che la sfida ha suscitato più o meno lo stesso interesse riservato dall'elettorato al primo turno) e le schede bianche hanno raggiunto quota 338, contro le precedenti 298. Il risultato personale ottenuto «va oltre le aspettative», è il primo commento a caldo di Mario Branda. Cosa dimostra il 60%? «Anzitutto, la partecipazione al voto dimostra che i bellinzonesi hanno avuto piacere esprimersi su quale sindaco desideravano avere. Chi invitava a disertare le urne è stato insomma sconfessato. Quanto ai voti andati alla mia persona, li interpreto come una chiara scelta di campo e un voto di continuità con quello che è stato espresso dall'elettorato al primo turno, ossia la voglia di conferma dell'impostazione sin qui data alla gestione della Città. E questo considerando anche i problemi avuti durante l'ultimo anno: molti elettori – conclude Branda – hanno certamente compreso quale fosse il livello di difficoltà e l'impegno messo nel cercare di affrontare e risolvere le delicate situazioni».   

Dicasteri, ‘dovremo discuterne’. Gianini: ‘Tengo il mio’

A meno di sorprese, domani il Municipio dovrebbe tornare in assetto operativo normale con l'assegnazione dei Dicasteri così com'era stata definita dopo le elezioni: Amministrazione generale a Branda e Territorio e mobilità a Gianini, che presiede peraltro la Commissione regionale dei trasporti. Il condizionale è tuttavia d'obbligo, avverte Branda: «Ci riuniremo e faremo le debite riflessioni e discussioni», così da impostare nel miglior modo possibile la suddivisione dei settori, e relativi carichi lavorativi, sebbene la prima decisione di due settimane fa abbia già considerato questa necessità. Dal canto suo Simone Gianini, che dovrebbe peraltro assumere la carica di vicesindaco lasciata da Andrea Bersani, rivela per contro che i giochi sono ormai fatti ed è perciò più che mai deciso a tenersi il proprio dicastero gestito sin dal 2012, anno in cui entrò in Municipio insieme a Branda.

L'abbraccio in piazza Nosetto al canto di ‘Bella ciao’

Divergenze da relativizzare considerato l'abbraccio fra i due in piazza Nosetto al momento dell'arrivo di Branda – al canto di ‘Bella ciao’ intonata dai suoi sostenitori – davanti a Palazzo Civico poco prima delle 14. A ogni modo mentre Gianini sembra orientato a digerire senza troppi patemi d'animo la ‘scoppola’ odierna, Branda sgombra il campo dai dubbi assicurando la chiara volontà di proseguire in un clima costruttivo.

Gianini: ‘Porterò avanti le nostre proposte’

La campagna per il voto di ballottaggio, soprattutto in casa Plr, ha registrato la volontà di mettere in campo maggiori energie a favore dell'economia locale, bisognosa di rilancio, e della vitalità in generale della Turrita proprio ora che l'estate è alle porte e la pandemia ha rallentato lasciando sul terreno molti problemi da affrontare e risolvere. Partendo però dalle cifre nude e crude, fatti i complimenti di rito al vincitore, Simone Gianini non fa troppi giri di parole: «Con la sezione e il partito confidavamo ovviamente in un risultato migliore. L’analisi andrà fatta a freddo, ma è verosimile che abbia votato bene per me soprattutto il Plr - che ho sentito molto vivo nei quartieri della cintura se consideriamo da dov’eravamo partiti quattro mesi fa - mentre le correnti degli altri partiti si siano orientate su Mario Branda. E stiamo sempre parlando di un sindaco uscente, persona di assoluta statura politica e amata dai bellinzonesi. L’esercizio era in partenza in salita e ne eravamo perfettamente coscienti». Come Branda, anche Gianini ritiene elevata la partecipazione al voto, «visto che l’avevamo prevista sotto il 50%». L’esercizio del ballottaggio, prosegue Gianini, «ha permesso ancora per due-tre settimane di parlare del futuro della Città, dei temi che contano e dei valori. E averne parlato, per quanto mi riguarda, in chiave liberale nel senso politico del termine, mi porta a pensare che siano ‘passati’ nella popolazione e che verranno accolti dal Municipio nell’ambito di un’azione collegiale. Cito ad esempio l’attenzione all’economia locale e alla vitalità in generale». Quanto alla nuova legislatura, assicura di volerla affrontare «con lo stesso impegno degli ultimi nove anni». Il Dicastero territorio e mobilità «è peraltro quello con il maggior numero di progetti strategici di valenza territoriale, i quali daranno un’impronta al futuro della Città».

Nobile: ‘Sconfitta netta, ma rigiocheremmo la partita’

«Onore al vincitore». Il presidente della sezione liberale radicale Marco Nobile non usa mezzi termini parlando di «sconfitta netta». Era, aggiunge, «legittimo crederci, consapevoli che un distacco c’era in partenza e che Mario Branda è sindaco di una certa statura, benvoluto dai bellinzonesi in modo trasversale». Di buono c’è che l’esercizio «ha permesso agli elettori di fare una scelta di campo e d’interessarsi a quale politica vogliono sia portata avanti». Il Plr con tre municipali e venti consiglieri comunali rimane pur sempre il partito di maggioranza relativa; ma, nella sconfitta, qual è il risultato positivo di oggi? «A inizio campagna elettorale venivamo dati quasi per morenti, invece ci siamo risollevati e siamo arrivati a giocare la fase finale di una partita difficile. La rigiocheremmo».

Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved