ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano

Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
4 ore

‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’

È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Mendrisiotto
5 ore

Direttiva Plr a porte chiuse a Mendrisio

I vertici si sono ritrovati al Coronado, ma nessuno parla. I commenti sono rinviati ai prossimi giorni
Mendrisiotto
7 ore

Giornata contro il cancro infantile, ci si trova a LaFilanda

Il gruppo genitori ‘Insieme con Coraggio’ organizza un pomeriggio di festa per il 15 febbraio
Mendrisiotto
7 ore

Cena benefica a favore del Togo

L’appuntamento di sabato 4 febbraio sarà inoltre un’occasione per parlare dell’inaugurazione di un blocco operatorio nell’ospedale di Ayomé
Luganese
7 ore

Monteceneri: inquinamento privato, risanamento pubblico

Malgrado la bonifica tra il 2002 e il 2003, nelle acque sotterranee del sito, in cui operava una ditta decenni fa, sono finite tracce di cromo esavalente
Luganese
7 ore

Funicolare Monte Brè, quale sostegno dalla Città?

In Commissione le opinioni divergono, la durata del contributo potrebbe venir dimezzata ma non tutti sono d’accordo
Gallery
Mendrisiotto
7 ore

Laveggio, i giorni passano e i problemi restano

Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
campione d'italia
8 ore

Il Presidente della Provincia di Como in visita sul Ceresio

Massimo Mastromarino ha elogiato l’intervento del battello che si occupa di ripulire i fondali
Mendrisiotto
8 ore

L’Ostello di Scudellate entra nella rete svizzera

La struttura aprirà i battenti il primo marzo e offrirà 24 posti letto. L’edificio, storico, è stato ampliato e rinnovato
Ticino
9 ore

Nel 2050 obiettivo -90% di emissioni di CO² e consumi dimezzati

Il governo mette in consultazione il nuovo Piano energetico e climatico cantonale. Zali: ‘Allungare il passo, no a tasse e divieti. Sì agli incentivi’
Bellinzonese
9 ore

Lattodotto, elettrodotto e acquedotto per l’Alpe Angone-Crestumo

Il Consiglio di Stato chiede di stanziare un contributo cantonale massimo di quasi 840mila franchi, per un investimento complessivo di 2,35 milioni
Luganese
9 ore

Il gruppo Ps&Si Capriasca si riunisce in assemblea

L’appuntamento è per domenica 12 febbraio a Tesserete
Ticino
9 ore

Dichiarazione di fedeltà alle Leggi per Luca Federico Guastalla

La cerimonia a Palazzo delle Orsoline per il nuovo procuratore pubblico supplente nominato a titolo temporaneo in sostituzione della pp Canonica Alexakis
Ticino
9 ore

‘Uno statuto speciale per gli agenti della Polizia cantonale’

Mozione dei deputati del Centro Claudio Isabella e Giorgio Fonio: occorre un regolamento maggiormente consono alle esigenze di servizio
Bellinzonese
10 ore

Il lupo banchetta vicino alle case di Dalpe: ‘Siamo preoccupati’

Il Cantone segnala la predazione odierna di un cervo. Il sindaco attende dal governo una risposta ai timori e indicazioni su come comportarsi
Locarnese
10 ore

Ronco s/Ascona, le stime di spesa inducono fiducia

Preventivo 2023 rassicurante, grazie anche a un forte gettito d’imposta; aumentano spese e introiti. La capacità di autofinanziamento è buona
morbio inferiore
10 ore

Dimissioni del vicesindaco, un subentrante entro fine mese

Il Municipio ha dato avvio alla procedura di designazione del successore di Matteo Mombelli
Locarno
11 ore

Voto ai 16enni e agli stranieri, ‘la Città cosa ne pensa?’

Lo chiedono con un’interrogazione al Municipio i consiglieri comunali dei Verdi Buzzi, Machado, Antunovic e Mileto
laR
 
02.04.2021 - 05:15

Gudo, ferie al camping con l’antenna 5G: timori fra i vicini

Domanda di costruzione sospesa dal Comune di Bellinzona ritenendo lacunosa la documentazione presentata da Sunrise. Pronti a opporsi alcuni confinanti

gudo-ferie-al-camping-con-l-antenna-5g-timori-fra-i-vicini
L'antenna prevista nel camping supera in altezza gli alberi

Accanto ai campi sportivi, sui campanili delle chiese, nelle discariche, lungo autostrade e strade cantonali, nelle zone industriali, ai margini dei quartieri abitati, dentro i quartieri abitati, sopra i tetti di abitazioni. Le antenne di telefonia mobile sembrano non avere confini sebbene vi siano Comuni (come la Città di Bellinzona) dotatisi di basi legislative che impongono alle compagnie telefoniche il rispetto del ‘sistema a cascata’ indicante la necessità di posarle prioritariamente nelle zone marginali meno sensibili per la salute della popolazione. L’ultima ‘frontiera’ arriva dal quartiere più occidentale di Bellinzona, Gudo, dove Sunrise il 18 marzo ha posato una modina alta venti metri nel bel mezzo di un… camping, peraltro in zona non edificabile.

I clienti tornerebbero lì in vacanza?

Il luogo è Progero, a sua volta periferia ovest di Gudo. Il campeggio La Serta, confinante con tre palazzine abitate da decine di famiglie e con alcune abitazioni mono e bifamiliari, ha dimensioni molto contenute. Capienza massima 29 posti, micro piscina riempita con l’acqua del vicino riale, servizi ridotti all’indispensabile, adatto a chi non ha grandi esigenze. Nella bella stagione registra spesso il tutto esaurito. Vi sono clienti affezionati che vi giungono da decenni; un micro luogo di relax molto apprezzato peraltro dagli appassionati di canyoning. In questi giorni di sole alcuni clienti hanno posato le loro sdraio con vista direttamente sulla modina. Quasi certamente si stanno chiedendo se l’anno prossimo si sentiranno ancora così tranquilli, qualora l’antenna dovesse realmente sorgere in quel luogo; e se, perciò, vorranno ancora trascorrervi le ferie.

Inquilini pronti ad andarsene

La novità ha subito generato preoccupazione fra alcuni vicini, già attivatisi con lettere e telefonate al Comune di Bellinzona e pronti a impugnare con un’opposizione l’eventuale domanda di costruzione. Infatti la domanda di Sunrise c’è ma non è ancora stata pubblicata dal Comune – ha appurato la ‘Regione’ – ritenendo incompleta la documentazione presentata; a mancare, fra le altre cose, sarebbe la prova di aver valutato e scartato nella zona soluzioni alternative meno vicine alle abitazioni, come richiesto appunto dal ‘sistema a cascata’ che però a Bellinzona non è ancora entrato in vigore essendo stato votato dal Consiglio comunale lo scorso 8 marzo; sistema che tuttavia il Municipio considera già ora dato per acquisito. L’allerta nel vicinato è comunque già alta e sta prendendo corpo l’ipotesi di una raccolta firme per sensibilizzare il Comune. Non da ultimo, taluni inquilini stanno meditando di traslocare qualora l’antenna dovesse veramente sorgere a poche decine di metri dai loro appartamenti.

Ci aveva già provato Swisscom

Nel cuore del Piano di Magadino la copertura di telefonia mobile è attualmente lacunosa, come risulta dall’apposita mappa online della Confederazione: le antenne più vicine si trovano ad alcuni chilometri di distanza, ossia a ovest sulla discarica del Pizzante (territorio di Locarno sul Piano), a est fra Sementina e Monte Carasso e a sud, sponda sinistra del fiume Ticino, a Sant’Antonino e Cadenazzo. Nel 2014 una soluzione era stata ipotizzata da Swisscom prevedendo un’antenna accanto al parco giochi sorto sul terreno patriziale situato nella parte opposta del paese. Risultato: opposizione di un confinante e mobilitazione del vicinato con un centinaio di abitanti rivoltisi per iscritto all’autorità cantonale. In quella circostanza il Dipartimento del territorio, responsabile delle domande di costruzione in zone non edificabili, aveva preavvisato negativamente l’antenna; e conseguentemente, essendo vincolante il ‘no’ cantonale, l’allora Municipio aveva accolto l’opposizione del privato e azzerato le mire di Swisscom. La situazione potrebbe ripetersi oggi trattandosi, come detto, di un terreno non edificabile e di un impianto, stando al vicinato, troppo vicino alle abitazioni. E poco importa che si tratti di un’antenna di ultima generazione, dotata cioè della nuova tecnologia ‘Beamforming’ che non trasmette più segnali diffusi ma genera tanti campi elettrici piccoli e mirati la cui intensità media minore si adegua alle esigenze di ogni utente (stanziale o di passaggio) incrementando la capacità e la velocità di rete: in assenza di garanzie riguardo all'influsso sulla salute, taluni confinanti temono per se stessi e, aspetto non secondario, anche per il valore delle loro proprietà. Per contro è notorio che le compagnie prevedono lauti compensi per i proprietari dei terreni su cui sorgono le antenne.

Il titolare: ‘Non bella da vedere, ma necessaria’

«Al giorno d’oggi tutti si aspettano di poter telefonare e navigare su internet con il proprio smartphone senza difficoltà, ma nessuno vuole le antenne necessarie». Philippe Cottini, che gestisce il campeggio La Serta, è quindi convinto che la costruzione di un’antenna 5G sul suo terreno possa anche migliorare la situazione. Infatti «molti clienti mi chiedono regolarmente perché la ricezione telefonica sia così scadente», precisa alla ‘Regione’. È tuttavia innegabile che un’antenna 5G possa generare malumori. «È chiaro che non sarà bella da vedere, nemmeno a me piace. In effetti bisognerebbe rendere tutte le antenne di telefonia più gradevoli alla vista. Per quanto riguarda invece ad esempio le radiazioni, personalmente non ho paura. Di formazione sono tecnico elettronico e quindi so di cosa sto parlando». Cottini non teme nemmeno di perdere clienti: «Probabilmente da un lato ci saranno persone che non torneranno per soggiornare nel campeggio, ma dall’altro arriveranno nuovi clienti che apprezzeranno il fatto di poter telefonare e navigare su internet senza problemi». Ma non sarebbe stato meglio costruire questa antenna in un altro posto? «Innanzitutto non c’è ancora e sinceramente dubito che sarà costruita. In secondo luogo, ripeto, tutti vogliono una ricezione migliore, ma nessuno vuole un'antenna sul proprio terreno. Se si trovasse un altro posto dove costruirla permettendo ai clienti del camping e agli abitanti di Gudo di avere una ricezione migliore, non avrei nulla in contrario».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved