ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
11 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
14 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
17 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
21 ore

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
1 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
19.03.2021 - 15:37
Aggiornamento: 16:55

Claro, 500 firme per il ripristino del selciato della casa comunale

Oltre alla ricostruzione del mosaico con la data di costruzione della stabile, i firmatari chiedono anche la realizzazione di un paio di posteggi di prossimità

claro-500-firme-per-il-ripristino-del-selciato-della-casa-comunale

Quasi 500 cittadini (nello specifico 453), in maggioranza abitanti del quartiere di Claro, ma anche claresi “espatriati” e simpatizzanti, chiedono una revisione dei lavori eseguiti dalla Città sul piazzale dell’ex casa comunale di Claro, lavori che hanno portato alla rimozione dell’acciottolato storico esistente, compreso un grande mosaico di pietre naturali colorate che recava la data di costruzione dello stabile, il 1926. A pochi anni dal secolo di vita, questo selciato e questo mosaico va ricostruito com’era, chiedono i firmatari della petizione, guidati dall’ex municipale e vicesindaco del comune, Tarcisio Bullo che ha personalmente consegnato le firme alla cancelleria della città giovedì 18 marzo.

Per i promotori della petizione non si tratta solo di ripristinare il selciato (a questo proposito, ricordiamo, rispondendo a un'interpellanza di Bixio Gianini il Municipio di Bellinzona ha annunciato che il mosaico sarà ricreato). La petizione chiede infatti anche la realizzazione di un paio di posteggi di breve durata sul piazzale dello stabile al servizio degli utenti dell'ufficio postale che da qualche settimana si è inserito nell'ex casa comunale.  “La nuova viabilità, progettata a seguito della chiusura della Posta e al trasferimento presso lo sportello comunale dei servizi postali – si legge nel comunicato diramato dai promotori della petizione – non convince tutti, in particolare perché penalizza le persone anziane e con ridotta mobilità, che non possono usufruire del posteggio appositamente destinato agli invalidi a ridosso dell’entrata dello stabile, ma sono costrette a posteggiare a monte o a valle dell’ex-casa comunale, dovendo poi affrontare delle scalinate per recarsi all’ufficio postale“. 

“La raccolta delle firme è stata un bell’esercizio di democrazia, avvenuto al di fuori degli schemi di partito e senza nessun appoggio da parte di nessuna organizzazione o associazione”, fanno notare i promotori della petizione. I quali, pur riconoscendo che le battaglie fondamentali nella vita sono altre, affermano che ci sono anche cose piccole che meritano attenzione. “Avere rispetto per quanto ci è stato tramandato dalle generazioni passate è un esercizio che dimostra attenzione, passione e amore verso un Paese a cui vogliamo bene anche oggi che si è vestito da quartiere” sottolinea Tarcisio Bullo, primo firmatario della petizione.

 

 

 

Leggi anche:

Dove sono finiti i ciottoli dell'ex casa comunale di Claro?

Ex casa comunale di Claro, il mosaico sarà ricreato

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved