Seattle Kraken
2
NAS Predators
4
fine
(1-1 : 1-2 : 0-1)
VAN Canucks
2
EDM Oilers
3
fine
(0-0 : 2-0 : 0-2 : 0-1)
un-fiume-per-i-cittadini
Ti-Press
Le autorità alla presentazione dei lavori questa mattina a Bellinzona
+1
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

In mountain bike sul San Giorgio. Ma l’idea non piace a tutti

Da un anno il progetto è fermo. Tra la decina di opposizioni vi sono anche le censure di Pro Natura e della Stan
Luganese
1 ora

Melide entra nella videosorveglianza di Lugano

Sottoscritta una convenzione fra i due Comuni. L’accordo è provvisorio: l’adeguamento della base legale è in corso. Telecamere posate in primavera
Ticino
8 ore

Livelli e sperimentazione, domani il giorno del giudizio

Oggi in Gran Consiglio i gruppi hanno anticipato quanto andrà in scena con l’emendamento del governo: sarà tirata, con possibili sorprese
Luganese
9 ore

Parlamento dei giovani di Lugano, eppur qualcosa si muove

Inattivo dal 2017, giovedì quattro ‘aspiranti politici’ incontreranno la responsabile delle politiche giovanili: ‘Si sono proposti loro’
Bellinzonese
10 ore

A Castione idee alternative per la ciclopista intercantonale

Il co-fondatore dell’Amica, Fabrizio Falconi, nella propria opposizione suggerisce un tracciato più sicuro e l’inserimento di strutture per la popolazione
Luganese
10 ore

Bedano, Stella Maris in rete con la struttura di Mezzovico

Pronto il preventivo 2022 della casa per anziani consorziata. Piace la proposta di accogliere una ventina di utenti per i lavori in Al Vedeggio
Ticino
10 ore

‘La pianificazione ospedaliera non dipende dalla pandemia’

Il consigliere di Stato Raffaele De Rosa conferma il ruolino di marcia: entro la fine dell’estate arriverà il messaggio e per il 2023 i mandati
Ticino
11 ore

‘Carcere, nell’autunno 2023 l’apertura della sezione femminile’

Così Norman Gobbi in Gran Consiglio. Undici celle, di cui una per detenuta con bambino, per le donne in espiazione di pena o in esecuzione anticipata
Luganese
11 ore

Agno-Magliaso, nuotata popolare nella Festa nazionale

I due Comuni ripongono la traversata del golfo che diventa pure benefico con la collaborazione con Greenhope
Luganese
11 ore

Giovani indipendenti, ‘un contributo per tenerli a Lugano’

Il consigliere comunale leghista, Andrea Sanvido, propone in un’interrogazione versamenti di 2500 franchi una tantum
Ticino
11 ore

La lunga marcia dei senzapartito (soprattutto a destra)

Lo studio dell’Osservatorio della vita politica regionale riflette sul numero crescente di astenuti e schede senza intestazione
12.03.2021 - 15:250
Aggiornamento : 17:11

Un fiume per i cittadini

Conclusi gli interventi di rinaturazione del Fiume Ticino effettuati in zona Torretta a Bellinzona. A settembre in arrivo una passerella ciclopedonale

«Bellinzona finalmente guarda il suo fiume e non gli volta le spalle». Sono parole cariche di significato e anche di emozione quelle pronunciate oggi da Edgardo Malè, presidente Consorzio correzione Fiume Ticino, nell’ambito della presentazione dei lavori del comparto Torretta iniziati un anno fa e ora conclusi. Questi interventi di rinaturazione del fiume Ticino rappresentano la prima tappa del Parco fluviale Saleggi-Boschetti, costata circa 1,8 milioni di franchi. Una prima parte di lavori, avvenuti tra il ponte della Torretta situato al termine di Viale Franscini e il Centro sportivo cittadino, che ha comportato tre allargamenti distinti dell’alveo del fiume. Con la rimozione e la ricollocazione dell’argine sommergibile sono state create delle anse che favoriscono la biodiversità di flora e fauna. Ma queste insenature facilitano anche l’accesso al corso d’acqua. Grazie alla realizzazione di una rampa, i cittadini possono infatti fruire di queste baie fin da subito. «Il Fiume Ticino è un elemento identitario della nostra Città – ha evidenziato il sindaco di Bellinzona Mario Branda –. Per molto tempo è stato vissuto come componente ostile, poi a fine Ottocento è stato addomesticato, divenendo però un punto di divisione. Ora il fiume diventa il centro della vita cittadina, avvicina le persone e collega paesaggisticamente i tredici Comuni che sono confluiti nella Città». 

Qualche cifra

Laurent Filippini, capo Ufficio corsi d’acqua, ha fornito qualche cifra relativa agli interventi di rinaturazione effettuati nel comparto Torretta che sono durati 110 giorni. Sono stati spostati 30mila metri cubi di materiale, sono state posate 10mila tonnellate di blocchi di granito per garantire la sicurezza e sono state messe a dimora 80 nuove piante. Per quanto riguarda il finanziamento dei lavori fluviali, 250mila franchi sono stati stanziati dalla Città, 50mila sono a carico del Consorzio correzione Fiume Ticino, mentre il resto viene coperto da sussidi cantonali e federali. Un progetto importante «di cui il Cantone va particolarmente fiero», ha evidenziato il Consigliere di Stato Claudio Zali, direttore Dipartimento del territorio. E che rappresenta un «antipasto» di ciò che verrà. Il cantiere infatti si inserisce in un più ampio progetto di rinaturazione e messa in sicurezza del corso d’acqua che costerà circa 80 milioni di franchi. La prima tappa, ha sottolineato Simone Gianini, municipale, capo Dicastero Territorio e mobilità di Bellinzona, ha permesso di mostrare alla popolazione – che già da ora si è riavvicinata al suo fiume – ciò che sarà il progetto globale di rinaturazione del corso d’acqua. 

Proprio in corrispondenza con l’ex ponte della Torretta, il comparto verrà inoltre presto dotato di una nuova passerella ciclopedonale che permetterà di raggiungere Carasso in sicurezza a piedi o in bicicletta. Si prevede che la realizzazione abbia inizio nel mese di settembre. 

Le prossime tappe

Le prossime tappe prenderanno il via entro la fine del 2021, innanzitutto con la procedura di pubblicazione dei piani riferiti al grande comparto Boschetti (Sementina-Gudo). Una tappa da 40 milioni di franchi circa, i cui lavori dovrebbero iniziare alla fine del 2022. Nel comparto Boschetti l’intervento prevede l’allargamento del letto del fiume per contrastare il costante abbassamento dell’alveo e ridurre notevolmente i rischi di esondazione legati alle piene. Sempre nell’ottica della sicurezza, è inoltre prevista una nuova pozza che fungerà anche da riserva in caso di incendi boschivi.

Seguirà la tappa in zona Saleggi, altro cantiere da 40 milioni circa, la cui pubblicazione dei piani è prevista a fine 2023 e l’inizio dei lavori è stimato a fine 2024. L'auspicio della Città è che questa opera di rinaturazione del corso d’acqua possa in seguito essere estesa anche a Nord di Bellinzona. 

Ti-Press
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved