ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
15 ore

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
16 ore

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
17 ore

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
20 ore

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
1 gior

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
1 gior

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
1 gior

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 gior

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
1 gior

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
1 gior

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
1 gior

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
10.03.2021 - 15:28

La promozione dei bus elettrici parte da Bellinzona

L'obiettivo della Città e di AutoPostale è quello di impiegare veicoli a emissioni zero sull'intera linea 3 entro la fine del 2023

la-promozione-dei-bus-elettrici-parte-da-bellinzona
Alex Malinverno (a sinistra) e Simone Gianini di fronte a un bus elettrico (Ti-Press/Golay)

La promozione della mobilità elettrica di AutoPostale parte da Bellinzona: fino al 21 marzo sulla linea 3 Scuola media 2-S. Antonino centri commerciali circolerà infatti un bus a emissioni zero. Si tratta di «un segnale importante» ha affermato Simone Gianini, presidente della Commissione regionale dei trasporti del Bellinzonese (Crtb). L'auspicio è quello «di equipaggiare questa linea con bus a propulsione esclusivamente elettrica» entro il 10 dicembre del 2023. In generale, AutoPostale con l’Azienda elettrica ticinese, le aziende elettriche locali (tra cui l'Azienda multiservizi Bellinzona, Amb) e alcune aziende di trasporto pubblico mirano a introdurre in Ticino veicoli a batteria «su almeno sei linee», sempre entro la fine del 2023, ha da parte sua precisato Alex Malinverno, responsabile Mercato e clienti settore sud di AutoPostale. Un obiettivo ambizioso e non privo di difficoltà: da una lato questi autobus sono più costosi rispetto a quelli diesel e dall'altro bisognerà anche realizzare le stazioni di ricarica.

«Si tratta di un passo caldeggiato dalla Crtb e dalla Città di Bellinzona che già nel 2014 furono dei precursori in quest'ambito, introducendo otto bus ibridi (a propulsione diesel ed elettrica)», ha sottolineato Gianini durante una conferenza stampa a Bellinzona. Ora si vuole quindi proseguire su questa strada: «Con AutoPostale e l'Amb abbiamo promosso uno studio di fattibilità, il quale ha dimostrato che la linea 3 è ideale per l’introduzione di bus a propulsione elettrica». In generale, l'obiettivo è quello di puntare su «una mobilità sempre più sostenibile e sempre meno inquinante anche dal punto di vista fonico: avere in circolazione mezzi così silenziosi è sicuramente un vantaggio anche per la popolazione». Vantaggi che comportano però anche dei costi: i bus elettrici attualmente costano il doppio rispetto a quelli diesel ed e necessario prevedere delle stazioni di ricarica (per la linea 3 sarebbero previsti ai due capolinea). A ciò va poi aggiunto l'impatto della pandemia sulle finanze pubbliche che «imporrà ovviamente qualche riflessione», ha rilevato Gianini. «Ma come è già stato il caso con il potenziamento di dicembre, questi sono investimenti epocali e strategici che cambiano l’approccio di una città e che non dobbiamo farci sfuggire», ha aggiunto. Ricordiamo che dallo scorso dicembre nel Bellinzonese l'offerta di trasporto pubblico è stata ampliata con una aumento delle frequenze e nuove linee. 

Altro cambiamento d'orario il 5 aprile

Un'offerta che sarà adattata con il cambio d'orario previsto il prossimo 5 aprile, quando la galleria di base del Monte Ceneri potrà venir sfruttata a pieno regime dalle ferrovie. «Dovremo modificare gli orari su 41 linee per garantire le coincidenze con i treni», ha spiegato Malinverno, consigliando quindi agli utenti di verificare attentamente il nuovo orario. Dal 5 aprile nel Bellinzonese saranno inoltre «leggermente potenziate» la linea che collega la città all'ospedale San Giovanni e quella che serve la valle Morobbia, ha aggiunto.

Tornando alla mobilità elettrica, «entro il 2023 vorremmo avere in Ticino almeno 6 linee completamente elettrificate», compresa la linea 3 di Bellinzona che è servita da 11 bus. Oltre a quest'ultima, AutoPostale vorrebbe introdurre veicoli a propulsione completamente elettrica anche sulle linee Cadenazzo-Dirinella e Locarno-Losone. Le altre linee saranno individuate nel Sottoceneri, sia nel Luganese sia nel Mendrisiotto. Per quanto riguarda invece l'intera Svizzera, l'obiettivo è quello di avere in servizio 100 veicoli con motori alternativi (elettrici o a idrogeno) entro il 2024 e di avere l'intera flotta priva di combustibili fossili entro il 2040. «Il futuro sarà quindi più pulito e silenzioso a beneficio dell’ambiente, dei passeggeri e delle persone che vivono vicino alle linee di AutoPostale», ha sottolineato Malinverno. Per promuovere la mobilità elettrica, fino a luglio in diverse regioni della Svizzera (partendo da Bellinzona) circolerà quindi un bus elettrico di nuova generazione che ha un'autonomia di 200 chilometri e impiega quattro ore per essere ricaricato. 

Infine, Malinverno ha ricordato che «il passaggio alla mobilità sostenibile necessita l’aiuto dei Cantoni che devono garantire il finanziamento dei costi aggiuntivi». E in questo senso il Ticino «si è espresso di principio a favore del progetto in corso».

Leggi anche:

Più bus e collegamenti nel Bellinzonese, ma anche più costi

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved