ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
52 min

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
57 min

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
2 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
2 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
2 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
2 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
3 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
3 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
3 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
4 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
Mendrisiotto
4 ore

Chiasso, la Smac offre nuovi corsi per tutte le età

Dalle lezioni di fumetto al teatro, dallo yoga alla musica in gruppo. Per ogni attività la prima lezione è gratuita.
Ticino
4 ore

Falegnami, una serata sulle possibilità di formazione

Una professione molto diffusa in Ticino, ma che soffre per mancanza di personale altamente qualificato
Bellinzonese
4 ore

Code uguali ma tempi d’attesa diversi: ‘Più veloci verso Sud’

Gottardo, ribadite dalla consigliera federale Sommaruga le ipotesi di Ustra: chi va in ferie guiderebbe più speditamente
Ticino
4 ore

Mobilità aziendale, in vigore il nuovo credito di 2 milioni

Il Consiglio di Stato informa sulle novità e sulle attività oggetto di questo secondo finanziamento. Aumenta il cofinanziamento per posteggi di bici
Ticino
4 ore

Pensioni del Cantone, ‘in piazza per opporci a un altro taglio’

Il gruppo per la difesa delle rendite (ErreDiPi) chiama a raccolta gli affiliati all’Ipct. Il portavoce: ‘Si rischia di impoverire la società ticinese’.
Bellinzonese
4 ore

Domande e risposte sulla sessualità nei luoghi di cura

Giovedì 13 ottobre questa tematica delicata sarà al centro del convegno annuale della Fondazione Sasso Corbaro. Si rifletterà su limiti e approcci diversi
Luganese
4 ore

Ex direttore indagato, incontro informativo per i genitori

Domani sera è prevista una riunione riservata ai familiari della sede delle scuole Medie. Intanto il docente ha incaricato un avvocato di fiducia
Locarnese
4 ore

Alla Magistrale la Festa del libro per bambini e ragazzi

Una giornata dedicata, con letture, incontri con gli autori, mercatino, workshop e firmacopie, sabato 1° ottobre dalle 10 alle 18 a Locarno
Locarnese
4 ore

Ascona, incontro con il vincitore del premio Amalago

Per presentare gli obiettivi del riconoscimento letterario e annunciare l’apertura della seconda edizione
Locarnese
5 ore

Caffè riparazione dell’Acsi a Quartino

Per far durare di più oggetti e materiali; per un’economia circolare pro ambiente
Ticino
5 ore

Sabato l’evento ‘Anziani sicuri e agili sulle proprie gambe’

Nell’ambito della Giornata internazionale degli anziani, al Centro diurno Atte di Lugano l’incontro organizzato da Dss, Upi e altre associazioni
Locarnese
5 ore

Losone, per lo Zandone ‘pochi bus e niente ciclopista’

Interpellanza del Centro (Ppd+Gg) per l’uso dei mezzi pubblici e della bicicletta verso la zona industriale
Luganese
5 ore

Lugano, a processo per un buco da oltre 8 milioni

Rinviato oggi, a causa dell’assenza dell’imputato principale, il procedimento a carico di quattro persone accusate di reati finanziari e patrimoniali
Grigioni
5 ore

Nasce il Club Soroptimist Moesano

Progetti nel settore dell’industria tessile con conferenze per tutti e giornate di studio nelle scuole
Bellinzonese
5 ore

A Biasca il nuovo avvincente giallo di Monica Piffaretti

‘La memoria delle ciliegie’ sarà presentato il 28 settembre alla Bibliomedia: protagonista la detective Delia Fischer
01.12.2020 - 15:45
Aggiornamento: 17:44

Più bus e collegamenti nel Bellinzonese, ma anche più costi

Dal 13 dicembre sia le linee urbane, sia quelle regionali saranno potenziate. Previsti costi di oltre nove milioni di franchi per il 2021.

piu-bus-e-collegamenti-nel-bellinzonese-ma-anche-piu-costi
Simone Gianini (archivio Ti-Press)

“Più capillarità, più frequenza, più comfort e sostenibilità” per i passeggeri e, ovviamente, anche più costi. È quanto prevede, in estrema sintesi, il potenziamento del trasporto pubblico del Bellinzonese (tpb) che entrerà in vigore il 13 dicembre con il cambio di orario. L'obiettivo è quello di «raddoppiare l’utenza entro il 2022-2023, rispetto al 2014» ha affermato Simone Gianini, presidente della Commissione regionale dei trasporti del Bellinzonese. Un obiettivo che «con questo ulteriore potenziamento confidiamo di raggiungere», ha precisato il municipale a ‘laRegione’. «Contiamo sul fatto che con l'apertura della galleria di base del Monte Ceneri, che renderà il trasporto pubblico più efficace e attrattivo, si possa raggiungere anche una copertura maggiore del costo non coperto».

Servizio più frequente

Concretamente, le linee urbane 1, 2, 3 e 5 circoleranno ogni 30 minuti anche il sabato mattina e la domenica. Inoltre, per la linea 3, tra Giubiasco e Bellinzona vi saranno corse ogni 15 minuti durante gli orari di punta dal lunedì al venerdì. È poi previsto un aumento della frequenza (cadenza semioraria) per le linee regionali 221, 222 (entrambe collegano Bellinzona a Biasca) e, soprattutto, per la 311 (Locarno-Gudo-Bellinzona), per la quale sono pure previsti bus di dimensioni maggiori. In questo modo si cerca quindi di far fronte ai problemi di sovraffollamento che riguardano questa tratta, in particolare durante gli orari di punta, visto il grande numero di studenti che da Locarnese e Piano di Magadino si recano a Bellinzona. Nelle ore di punta sono pure previste corse ogni 30 minuti sulla linea 212 (Giubiasco-Carena) e un aumento della frequenza durante il weekend. Anche sulla linea 231 (Cadenazzo-Robasacco), sono previste più corse: dal lunedì al venerdì, anche al di fuori del periodo scolastico.

Nuova linea che passa dal centro paese di Claro

Per quanto riguarda la capillarità, la novità principale riguarda l’introduzione della nuova linea 8 tra Castione e Claro Scubiago, passando dal paese. Il servizio prevede undici corse giornaliere dal lunedì al venerdì e sei corse il fine settimana. Le zone collinari di Camorino (Vigana) e Sant’Antonino (Pairadi), sinora scoperte, verranno pure servite da una nuova linea (213), con corse ogni ora e capolinea a Sant’Antonino e Giubiasco, con le relative coincidenze. Da parte sua la linea 3 coprirà anche il quartiere Geretta-Pratocarasso, in precedenza servito dalla linea 5. In questo modo saranno a disposizione bus più capienti e la frequenza sarà aumentata. Sarà inoltre prolungata fino a Sant’Antonino la linea (350) in provenienza da Dirinella, che servirà pure il centro paese di Cadenazzo, sinora scoperto. La stazione Ffs e i centri commerciali saranno così collegati da una corsa ogni 30 minuti. Insomma, «il trasporto pubblico deve diventare attrattivo per qualsiasi attività, che sia andare al lavoro, per andare a divertirsi o per fare acquisti», ha rilevato Gianini.

Zali: ‘Grande soddisfazione’

Tutte queste novità sono state presentate oggi durante una conferenza stampa a Bellinzona, introdotta dal Consigliere di Stato Claudio Zali che ha elogiato la riforma del sistema di trasporto pubblico del Bellinzonese iniziata nel 2014: da allora, in percentuale, è stata registrata «una crescita dell’utenza a doppia cifra» che permesso in pochi anni di raggiungere risultati «di grande soddisfazione per il Cantone». L’apertura della galleria di base del Monte Ceneri permetterà inoltre a questa regione di «raggiungere traguardi ancora più ambiziosi». Zali ha anche voluto rassicurare la popolazione in merito alla sicurezza dei trasporti pubblici in questo periodo contraddistinto dalla pandemia di coronavirus: «I piani di protezione che vengono messi in atto in maniera ferrea dalle compagnie», fanno sì che «i trasporti pubblici non sono un luogo di contagio», ha precisato.

Pandemia, previsto un calo dei passeggeri del 20%

È poi intervenuto Alex Malinverno, responsabile Vendita Sud di AutoPostale, che ha presentato diversi dati significativi: con il potenziamento previsto a partire dal 13 dicembre, vi saranno 23 nuovi conducenti per un totale di 109 (+27%), «tutti residenti in Ticino», ha sottolineato. Verranno inoltre impiegati 6 veicoli supplementari per un totale di 33 (+20%) che percorreranno circa 400’000 chilometri in più (+25%) rispetto a quelli percorsi nel 2020 (1,06 milioni). Per quanto riguarda i passeggeri, dal 2014 al 2019 sono aumentati di 1,1 milioni, raggiungendo la cifra di 2’671’718 l’anno scorso. Per il tpb si tratta dunque «di una storia di successo e siamo convinti, Covid a parte, che se proseguirà su questa strada». Un successo che comprende anche i bus notturni (che circolano il venerdì e il sabato) che presentano «un trend positivo e costante: dall’introduzione nel 2015 vi è stato un aumento del 156%» dei passeggeri che nel 2019 sono stati 7’081. «Un servizio, dunque, sempre più apprezzato, soprattutto dalle fasce più giovani della popolazione». Ovviamente, a causa della pandemia, il 2020 presenta cifre nettamente negative: anche se l’anno è «iniziato bene» con un incremento del 2% dei passeggeri, durante il lockdown «abbiamo registrato un calo (-85% nel mese di aprile)». Con «l’introduzione dell’obbligo di indossare la mascherina a inizio luglio, i passeggeri sono nuovamente aumentati e nel mese di ottobre abbiamo quindi registrato un calo solamente del 9%». In generale, per l’anno in corso «prevediamo una diminuzione dei passeggeri di circa il 20%», per un totale di 2,1 milioni. Anche Malinverno si aspetta quindi «una crescita dopo questo periodo caratterizzato dalla pandemia».

Il 13 dicembre sarà inaugurato il nodo intermodale di Sant'Antonino

Gianini ha poi sottolineato come il tpb sarà «più confortevole»: dopo i due nodi intermodali già attivi a Castione e Bellinzona, «il 13 dicembre aprirà ufficialmente i battenti» anche quello di Sant’Antonino, al quale si aggiungerà anche quello di Giubiasco ancora in fase di progettazione definitiva. «Le fermate della rete urbana sono ora 178 e più di 100 sono munite di pensilina. Trenta sono inoltre già rese conformi alla Legge federale sui disabili, rialzando il marciapiede». Venti fermate sono già munite di pannelli e paline informative elettroniche che mostrano l’orario di arrivo dei bus in tempo reale. In questo ambito, «l’obiettivo è quello centralizzare il sistema d’informazione», così da averne uno per l’intero cantone per coordinare in particolare gli avvisi di bus e treni. Il tpb sarà anche «più sostenibile: tutti nuovi bus sono di ultima generazione, a bassa emissione di CO2». Sono inoltre 8 i bus ibridi («il maggior numero in Svizzera della flotta di AutoPostale»). Ora l’obiettivo è quello «di puntare all’elettrico»: per il Bellinzonese «è stato completato uno studio di fattibilità per equipaggiare una linea con bus elettrici». 

Prevista una spesa di 7,7 milioni di franchi per la Città di Bellinzona nel 2021

Tutti questi miglioramenti prevedono tuttavia anche dei costi supplementari. Nel 2014 il tpb era finanziato interamente dai Comuni (3,7 milioni di franchi), «perché non aveva ancora raggiunto la qualità che permettesse di attingere al 50% di finanziamento da parte del Cantone», ha rilevato Gianini. Con il potenziamento nel 2020 i costi sono così lievitati a 7,8 milioni (+111%). La metà viene però finanziata dal Cantone, facendo sì che l’importo versato dai Comuni sia quasi rimasto costante. Una spesa che dovrebbe però ulteriormente aumentare con questo nuovo potenziamento: i costi complessivi previsti per il 2021 ammontano infatti a 9’287’000 franchi. Ad esempio, per la Città di Bellinzona, l'anno prossimo è prevista una spesa di 7,7 milioni, ovvero il 35% in più rispetto al 2019. In generale, «sono sforzi importanti e onerosi», ma frutto «di una politica chiara e lungimirante: miope sarebbe stata quella politica che non avrebbe sfruttato adesso questa occasione», ha affermato il municipale, riferendosi all'apertura della galleria di base del Monte Ceneri. «Questi costi dovranno però avere un riscontro nell’utenza, così da essere giustificati a livello finanziario. Riteniamo che sia una scommessa che si può vincere, ma sta poi alla politica e alla cittadinanza rendersi conto dell’importanza di questa offerta e utilizzarla».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved