esplosioni-che-hanno-messo-in-pericolo-la-vita-di-terzi
L'episodio più eclatante alle scuole sud: l'imputato ritiene che le sue responsabilità si limitino ad aver fabbricato e consegnato l'ordigno all'autore materiale dell'esplosione(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Coronavirus in Ticino, 46 contagi e un decesso

Nel bilancio delle ultime 24 ore si contano 7 dimissioni (a fronte di un nuovo ricovero). Le persone in ospedale sono 80
Grigioni
1 ora

Una cinquantina i lupi nei Grigioni, aumentati del doppio

È nel rapporto dell'Ufficio grigionese caccia e la pesca: malgrado l'alta mortalità dei piccoli, la popolazione dei predatori dovrebbe continuare a crescere
Gallery
Bellinzonese
3 ore

Biasca, fiamme in un appartamento: un intossicato

Incendio domato, cause al vaglio della Polizia scientifica. È accaduto ieri poco prima delle 23. Le condizioni della persona non desterebbero preoccupazioni.
Mendrisiotto
18 ore

Chiasso, videosorveglianza regionale come fiore all'occhiello

Sono una sessantina le postazioni che controllano il territorio convenzionato con la Polizia Regione 1. Parola alla capodicastero Sonia Colombo-Regazzoni
ELEZIONI COMUNALI
20 ore

Politica al femminile, per fare la differenza

Tra i candidati al Consiglio comunale dei Comuni del Mendrisiotto le donne rappresentano solo il 31,45%: intervista a due sindache e a una municipale
Mendrisiotto
22 ore

Destino di Valera a Mendrisio, siamo (quasi) al dunque

La bozza del rapporto della Commissione parlamentare è annunciato a 'breve'. L'obiettivo? 'Trovare l'adesione di tutte le forze politiche'
Gallery
Mendrisiotto
1 gior

Liceali di Mendrisio al microfono a caccia di record

Dal 12 al 14 aprile, in occasione dell'autogestione, diretta live su Radio LiMe di ben venticinque ore
Locarnese
1 gior

La nuova tassa sui lampioni non piace

Gambarogno vorrebbe introdurla (minimo 25, massimo 60 franchi annui, per tutti). Ma c'è chi contesta
Bellinzonese
1 gior

In Ticino 74 nuovi contagi e nessun decesso

Nelle ultime 24 ore nel Cantone altri sette ricoveri. In undici hanno potuto lasciare le strutture sanitarie
Bellinzonese
1 gior

Metadone letale per una giovane a Giubiasco

Il piccolo quartiere residenziale di via Sasso Grande s’interroga dopo il decesso di una 22enne
Mendrisiotto
1 gior

A Chiasso giocando a tennis senza l'assillo del Covid-19

Taglio del nastro volto all'inaugurazione dell'impianto di sanificazione del Centro Tennis Club di Seseglio
Ticino
1 gior

Poche le segnalazioni di autotest positivi

Zanini: ‘Non sapremo mai la percentuale di persone che farà il proprio dovere chiamando l'hotline’
Ticino
1 gior

In piazza contro la violenza sessuale

Il collettivo ‘Io l’8 ogni giorno’ invita a manifestare lunedì prossimo. Sotto accusa la riforma blanda dei reati di natura sessuale
Luganese
1 gior

Poligono di tiro a Monteceneri, vince 'Fuoco e centro'

Fra i 23 partecipanti al concorso, la spunta il Consorzio Mons Ceneris. L'investimento totale è stimato in 60 milioni di franchi
Luganese
1 gior

Paradiso chiude i conti 2020 in attivo di 1,3 milioni

Il Consiglio comunale deciderà anche su nuovi investimenti per l'autosilo in zona riva lago, acqua potabile, scuola infanzia, zone verdi
Locarnese
1 gior

Plr Locarno, incontri con i candidati

Con le misure anti-Covid, per incontrare e discutere con gli elettori in vista del voto del 18 aprile
Locarnese
1 gior

In pensione il capo-giardiniere di Muralto

Impiegato del Comune per 44 anni, è stato uno degli artefici del lungolago
Luganese
1 gior

Lugano, scagionato l'agente denunciato da Wicht

Confermato il decreto d'abbandono della Procura: senza fondamento le accuse di favoreggiamento, abuso di autorità e violazione del segreto d'ufficio
Ticino
1 gior

Ecco le località munite di radar la prossima settimana

La lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli della velocità  dal 12.04.2021 al 18.04.2021
Luganese
1 gior

Lugano, 'il Civico non sarà di prossimità'

Il Municipio rassicura e smentisce le informazioni dell'interrogazione Plr: 'Il presidio sanitario luganese rimane centrale in Ticino'
Gallery
Luganese
1 gior

A Lugano fioriscono i tulipani per la vita

La città aderisce per la seconda volta alla campagna nazionale quale vicinanza e solidarietà alle donne vittime di tumore al seno e ai loro cari
Mendrisiotto
1 gior

Mendrisio, piazza del Ponte diventa un giardino in città

Dal 23 aprile al mese di agosto lo spazio sarà occupato da cassette coltivate con fiori, ortaggi o erbe
Bellinzonese
25.02.2021 - 14:540
Aggiornamento : 15:51

‘Esplosioni che hanno messo in pericolo la vita di terzi’

Chiesti 4 anni e mezzo per il 22enne ritenuto il responsabile delle esplosioni avvenute tra il 2019 e il 2020. La difesa chiede al massimo 24 mesi sospesi

Si è aperto questa mattina nell’aula penale di Lugano il processo a carico del 22enne di Bellinzona ritenuto il responsabile dell’esplosione di sei ordigni artigianali nella nostra regione fra il gennaio 2019 e il 13 marzo 2020, quando infine è stato arrestato dopo l'ultimo petardo fatto saltare in golena. Il suo agire aveva attirato l’attenzione della popolazione per svariati mesi, botto dopo botto, generando una curiosità generale sull’origine delle esplosioni udite nel raggio di chilometri.

L’evento principale è stato la deflagrazione avvenuta nella notte del 26 febbraio sul piazzale delle Scuole comunali sud cittadine, scoppio che ha causato un piccolo cratere nell’area di gioco e danni per 18mila franchi alle finestre e alle aule. In questo caso la miccia della “bomba delle bombe” (così l’ha definita in aula l’imputato indicandola come la più grande da lui costruita) è stata accesa da un complice, il 20enne condannato martedì, al quale il 22enne aveva consegnato l'ordigno (composto da un tubo d’acciaio, rinforzato con del nastro adesivo e una cintura di sicurezza per automobili, nel quale erano stati infilati 600 grammi di polvere pirica prelevata da altri petardi) per poi allontanarsi prima della detonazione. Sul luogo dell'esplosione, ricordiamo, a fungere da palo c'era anche un minorenne. 

Gli altri episodi

Venendo agli altri episodi di cui il 22enne ha ammesso di essere l'autore materiale, il primo, risalente al 2019, riguarda l’esplosione, in un prato di Galbisio, di un ordigno assemblato con sei petardi contenenti 100 grammi l’uno di polvere pirica inseriti in un contenitore in cartone avvolto con corda e nastro adesivo e con attaccate quattro bombole di gas per fiamma ossidrica per aumentare il potere esplosivo. Seguono – sempre nottetempo – altri eventi simili sfociati nel danneggiamento di pareti e bidoni della spazzatura, come pure di alberi in golena a Giubiasco, vicino al sentiero pedonale lungo il quale peraltro un ragazzo stava facendo jogging. 

In pericolo la vita di terzi

Comparso davanti alla Corte delle Assise criminali presieduta dalla giudice Francesca Verda Chiocchetti, l'imputato ha ammesso le sue colpe riconoscendo i fatti descritti nell'atto d'accusa stilato dalla procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis, la quale ha chiesto quattro anni e mezzo di carcere. La pp non si oppone a un'eventuale sospensione della pena al beneficio di un trattamento psicoterapeutico stazionario per far fronte alla turba psichica del giovane nell'ambito di un disturbo della personalità di tipo narcisistico. «Se la Polizia non l’avesse fermato, sarebbe andato avanti arrivando presto o tardi a ferire qualcuno», ha affermato Canonica Alexakis. Un convincimento, ha continuato la pp, a cui si giunge vedendo il materiale che gli inquirenti hanno rinvenuto a casa del giovane dopo il fermo (diverse granate fumogene, varie bombole di gas, attrezzature per saldare, attrezzatura varia per confezionare gli ordigni). «È un giovane intelligente, ma deve imparare a usare la sua intelligenza in maniera costruttiva e non distruttiva. All’età di 22 anni ha ancora tutta la vita davanti». 

'Ero frustrato e volevo dare fastidio'

Tre, ha sottolineato l'imputato, i motivi alla base delle sue azioni. «In primis il fatto che non avevo niente da fare. In secondo luogo, mi sono sempre piaciuti i petardi. Da ultimo direi che probabilmente ero frustrato e il fatto di infastidire la gente che sentiva le esplosioni era quindi una sorta di sfogo. Le persone si allarmavano e diventavano isteriche. Mi divertivo anche un po’ cosi, guardando le pagine su Facebook che dopo pochi minuti pubblicavano vari commenti. Ognuno dava la sua versione: attività paranormali oppure l'ipotesi che qualcuno stesse scavando una galleria sotterranea». Il giovane ha inoltre confermato che, seppur solo all'inizio, c'era anche interesse al fattore mediatico. «Quando leggevo l’articolo mi facevo una risata. Ma il movente non era certo quello di finire sul giornale». 

A pesare nella commisurazione della pena, è in particolare il reato di ripetuto uso delittuoso di materie esplosive configurato dalla pp. Per il magistrato inquirente, l'agire del giovane ha infatti messo in pericolo Ia vita e l’integrità di altre persone, e meglio degli altri giovani che di volta in volta hanno assistito agli eventi in qualità di spettatori. Va aggiunto, ha sottolineato la pp, che la sera dell'esplosione alle Scuole sud era inoltre in corso il Carnevale Rabadan. 

'Non ero d'accordo di farlo esplodere alle scuole'

Proprio in merito ai fatti del 25 febbraio 2020 si focalizza la contestazione del giovane, il quale sostiene che era assolutamente contrario all'idea di far esplodere l'ordigno sul piazzale delle scuole. «Era lui – ha detto in aula riferendosi al complice – che si era imputato con quest'idea. Io avevo proposto la Golena, il Sasso Corbaro o la spiaggetta di Arbedo ma lui era irremovibile. Gli ho fatto presente che ritenevo eccessivo farlo esplodere a scuola: ci sono tanti luoghi, ma la scuola è l’ultimo posto dove farei esplodere una bomba artigianale, perlopiù la sera del Carnevale. Ma visto che lui insisteva ed era molto preso dalla cosa – è venuto al punto il 22enne rispondendo a una precisa domanda della giudice – gli ho fatto per così dire un favore, gli ho consegnato il petardo accontentandomi di sentire il botto dalla golena, che alla fine non ho neppure sentito. Mi rendo conto di aver sbagliato, lavandomene le mani. Tuttavia non immaginavano danni simili, anche perché non sapevo il punto esatto avrebbe fatto il petardo. Sapevo solo che erano le scuole». Per l’accusa era invece pienamente d’accordo e determinato a fare esplodere l'ordigno in quel punto preciso. 

La difesa chiede al massimo 24 mesi sospesi

Patrocinato dall’avvocato Niccolò Giovanettina, dopo l’arresto l'imputato ha dapprima trascorso 84 giorni in detenzione preventiva, per poi passare nel giugno scorso in esecuzione anticipata della pena al penitenziario cantonale della Stampa. Per il legale, oggi battutosi per una pena detentiva sospesa non superiore ai 24 mesi, il suo assistito non ha messo in pericolo la vita di nessuno. Inoltre, secondo la difesa, non c'è stato un fine delittuoso ma solo la curiosità di osservare le esplosioni. Giovanettina ha sottolineato la capacità di analisi del rischio del 22enne, il quale ha sempre fatto esplodere i petardi in sicurezza, nel cuore della notte in prossimità della Golena assicurandosi che nessuno fosse nei paraggi. Quanto al petardo alle Scuole sud, «non voleva assolutamente che quel petardo venisse fatto esplodere alle scuole. Non aveva coscienza di dove l'altro ragazzo l'avrebbe fatto esplodere. E per quanto conosceva l'amico, il suo scopo poteva essere solo quello di fare rumore». Per la difesa, il 22enne non ha consegnato il petardo al complice sul sedime sulle scuole, ma lo ha fatto in precedenza in un altro luogo. L'avvocato ha descritto il suo assistito come un ragazzo completamente cambiato, che si è assunto le sue responsabilità ed è disposto a seguire un trattamento psicoterapeutico. 

«Non c'è dubbio che ho commesso un errore marchiano – ha affermato il giovane quando la giudice gli ha concesso la facoltà  dell'ultima parola –. Onestamente ritengo però che dopo un anno di carcere abbia pagato il mio debito con la giustizia, soprattutto dal momento che ho intenzione di cambiare pagina».  

La sentenza è attesa nel tardo pomeriggio.  

 

 

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved