ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 min

PatriziAmo, manifestazione al via (in presenza) a Lugano

Quindici patriziati di Lugano da venerdì nel patio del Municipio per farsi conoscere e per offrire i propri prodotti locali
Bellinzonese
9 min

Giovani a confronto su servizio pubblico e privatizzazioni

È ancora possibile iscriversi alla giornata di lavoro che si terrà sabato 8 ottobre dalle 9 alle 16.30 alla Scuola cantonale di commercio di Bellinzona
Grigioni
13 min

Nell’Alto Moesano due giovani lupi potranno essere abbattuti

L’Ufficio federale dell’ambiente ha concesso oggi l’autorizzazione per regolare il branco di Moesola, presente a sud del Passo del San Bernardino
Locarnese
34 min

Eranos Ascona, ‘senza passato non c’è futuro’

Venerdì inizia il ciclo di conferenze al Monte Verità. Ospite della prima serata sarà Paolo Flores d’Arcais
Mendrisiotto
44 min

Stabio, piantati dei gelsi nel prato del museo

La scelta dell’albero, spiega il Municipio è stata fatta perché la struttura ha allevato e continuerà ad allevare, bachi da seta a scopo didattico
Locarnese
1 ora

Giovedì sera l’assemblea dell’Associazione Locarnaval

All’ordine del giorno le varie relazioni, le nomine statutarie e un resoconto degli scenari dei quali si sta discutendo per la Stranociada 2023
Mendrisiotto
2 ore

Stabio presenta le misure di risparmio energetico

Avviata questa settimana la campagna di sensibilizzazione e saranno spente o ridotte al minimo l’illuminazione pubblica stradale e le decorazioni a Natale
Locarnese
3 ore

Maggia, un sabato tra le bancarelle

Appuntamento con i prodotti alimentari del territorio sulla piazza del paese, tra le 8.30 e le 13
Luganese
3 ore

Pensioni cantonali, il Liceo Lugano 2: sì alla mobilitazione

Il Collegio dei docenti ha approvato all’unanimità una risoluzione che condanna la riduzione del tasso di conversione delle rendite dell’Ipct
Luganese
3 ore

Si barrica in casa per una notte, la polizia interviene

Si è conclusa verso mezzogiorno l’operazione di polizia, scattata in via delle Aie nel quartiere luganese di Molino Nuovo a seguito di una segnalazione
Ticino
4 ore

Una ticinese, prima donna, eletta giudice del Tribunale federale

La professoressa dell’Usi Federica De Rossa è stata nominata a Berna dalle Camere federali riunite con 212 voti su 217 schede valide
Video
Ticino
4 ore

Un meno 40% alle pensioni che non va proprio giù

Entra nel vivo in mattinata la giornata indetta al fine di protestare contro il taglio delle rendite dei dipendenti statali e parastatali
Mendrisiotto
5 ore

Polus di Balerna: 110 anni celebrati nella Sala Carlo Basilico

In occasione dei recenti festeggiamenti allo spazio è andata in scena una pièce di teatro della Compagnia Teatro Oltre
Locarnese
5 ore

Al Teatro Paravento si plana attraverso la nebbia

Domenica va in scena un’opera ispirata al Macbeth di Shakespeare e frutto del progetto ‘La Bottega del Teatro’ dell’Associazione Giullari di Gulliver
Bellinzonese
5 ore

Faido, pranzo in compagnia al Centro Atte

Mercoledì 5 ottobre
Ticino
5 ore

79,5 milioni di disavanzo d’esercizio nel preventivo 2023

Inserita anche una spesa di 20,5 milioni per l’adeguamento dei salari dei dipendenti cantonali al rincaro. Il deficit totale ammonta a 164,4 milioni
Locarnese
5 ore

‘No vax’ in vetta al concorso letterario Salviamo la montagna

Il racconto di Carlo Bava si è imposto nella sezione Narrativa (premio Plinio Martini) dell’evento promosso dalla Fondazione Valle Bavona
22.01.2021 - 15:22
Aggiornamento: 19:52

Classe in quarantena alle Elementari Nord di Bellinzona

L'Ufficio del medico cantonale lo ha deciso dopo la terza positività. Iniziata nell'aula magna la vaccinazione degli over 80

classe-in-quarantena-alle-elementari-nord-di-bellinzona
Può colpire anche i bambini (Ti-Press)

Tre compagni di classe alle Scuole elementari Nord di Bellinzona sono risultati positivi al Covid-19. Fino a questa mattina, venerdì, le valutazioni effettuate negli ultimi giorni dall’Ufficio del medico cantonale non indicavano la necessità d’istituire una quarantena di classe (si tratta di una quarta). Motivo, riferitoci dal Decs: «I primi due bambini risultati positivi da inizio settimana hanno contratto il virus non svolgendo attività comuni scolastiche o extra-scolastiche, bensì nell’ambito dei rispettivi nuclei familiari». In una delle due famiglie, tuttavia, non risultano esserci altri contagi. Nel frattempo il bilancio in classe si è aggravato con la terza positività confermata nella tarda serata di giovedì. Seguita, oggi pomeriggio verso le 15, dall’ordine del medico cantonale di mettere subito l’intera classe in quarantena per la durata di dieci giorni.

Ciò che sta creando apprensione fra taluni genitori per le possibili ripercussioni nei rispettivi nuclei familiari, visto anche il tempo trascorso (più giorni) fra le prime due positività e la decisione di mettere tutti in quarantena. Per ora non viene confermata, invece, la positività di almeno un altro alunno di quinta. La quarantena di classe può essere istituita partendo da due casi di positività ma a precise condizioni, fra cui quella di avere svolto attività comuni di vario genere (sia interne, sia esterne all’istituto) senza rispettare le norme di distanziamento previste e coinvolgendo altri compagni.

La Lega interpella: ‘Informazione lacunosa alle famiglie’

Intanto il caso diventa anche politico, con una serie di domande che la Lega pone sotto forma d'interpellanza al Municipio partendo da “diverse” testimonianze raccolte presso genitori preoccupati. Riguardo alle decisioni relative alle quarantene, “sono state ordinate in tempo utile?”. Spesso – viene rimarcato – le famiglie chiedono informazioni, ma altrettanto sovente si trovano rimbalzate da un muro di gomma. Ciò che fa concludere per una “trasparenza volutamente lacunosa”. Da qui la richiesta di dati precisi su tutti i casi di positività riscontrati fino ad oggi nelle scuole comunali. La Lega vuole anche sapere come mai a specifiche richieste d'informazione i genitori non hanno potuto ottenere spiegazioni: “Dipende tutto dalla privacy oppure si sarebbe potuto, soprattutto in ottica preventiva, informare più puntualmente?”. Quanto alle Scuole Nord, “la direzione ha messo in atto tutte le misure preventive?”.

I Verdi chiedono lumi sull'insegnamento a distanza

Anche i Verdi colgono l'occasione per rivolgere alcune domande al Municipio. Tema, l'insegnamento a distanza che secondo i consiglieri comunali Ronald David e Marco Noi ha mostrato dei limiti durante la prima ondata, anche nel côté tecnico. Da qui una serie di domande: “Il Municipio ha predisposto la possibilità di ricevere, in caso di necessità, il materiale tecnico necessario (hardware) per permettere agli allievi di seguire le lezioni a distanza per le scuole comunali? Ha contemplato anche la possibilità di ricevere delle connessioni internet, limitata al solo uso scolastico, a quelle famiglie che ne sono sprovviste? Come si svolge l'insegnamento nel caso in cui la quarantena disposta dalle autorità sanitarie riguarda unicamente uno o comunque pochi allievi? Quali strategie adotta il Municipio per permettere a questi allievi di ricevere il diritto fondamentale all'insegnamento?”.

Piazzale transennato

Da notare che proprio nell’aula magna delle Scuole Nord la Città ha istituito il centro di vaccinazione in funzione da ieri e fino a lunedì/martedì prossimi per la prima fase riservata agli anziani con più di 80 anni e loro conviventi over  75. Una vicinanza logistica anziani-bambini risolta dalle autorità con la creazione di due percorsi d'entrata differenti per ‘vaccinandi’ e alunni, così da evitare l’incrocio. «Ciò che ha però obbligato a concentrare in un solo lato del complesso l'entrata e l'uscita degli allievi, prima meglio distribuita, limitando anche l'uso a scopo ludico del piazzale per consentire il posteggio dei veicoli», annota, con tanto di foto alla mano, Matteo Pronzini dell'Mps che aveva già sollevato la questione della vicinanza all'indirizzo del governo.

Prima giornata ‘senza intoppi’

Intanto il Comune di Bellinzona informa alle 9 di stamattina l’aula magna ha accolto i primi cittadini over 80 che erano in possesso di un appuntamento per vaccinarsi. In questa prima fase il Centro regionale organizzato dalla Città rimarrà aperto fino a lunedì 25. La prima giornata si è svolta senza intoppi né ritardi. Con 150 cittadini vaccinati al giorno, verranno accolte 600 persone da qui fino a lunedi 25. Dopo aver ricevuto il preparato di tipo Moderna, sul posto viene fornito l’appuntamento per il richiamo previsto a 28 giorni di distanza. Una volta rese note le tempistiche per le ulteriori dosi disponibili del vaccino, la Città prenderà contatto anche con il centinaio di over 80 che ha aderito all’appello ma che non ha finora ricevuto un appuntamento. Al momento la raccomandazione a vaccinarsi da parte delle autorità è stata ben accolta, con oltre due terzi degli anziani in questa fascia d’età che hanno mostrato interesse. Chi non lo avesse ancora fatto, può ancora annunciarsi agli sportelli di quartiere per essere iscritto sulla lista d’attesa. Successivamente verranno aperte le iscrizioni per gli over 75. A livello logistico l’aula magna è stata adibita in modo da poter garantire tre linee di vaccinazione. Il tutto senza interagire con gli allievi e il corpo insegnanti. Oltre al medico che supervisiona le operazioni ed effettua le anamnesi, agli infermieri della Croce Verde di Bellinzona e ai collaboratori della Città, anche alcuni militi della Protezione civile stanno collaborando per l’organizzazione del centro.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved