bellinzona-vota-i-conti-in-rosso-antipasto-ai-sacrifici
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Bellinzonese
34 min

Faido, riuscita la festa sportiva sul ghiaccio

Un successo la prima edizione del quadrangolare di hockey amatoriale voluto per animare un cartellone invernale orfano di carnevali e (per ora) di neve
Ticino
2 ore

Telefonate dai falsi poliziotti: una vittima nel Mendrisiotto

La Polizia cantonale riporta numerose segnalazioni di tentate truffe telefoniche volte ad estorcere o sottrarre con l’inganno grosse somme alle vittime
Locarnese
2 ore

L’ambasciatrice di Polonia in visita a Losone

le autorità comunali hanno accolto Iwona Kozłowska, per discutere delle celebrazioni degli 80 anni dalla costruzione della Strada dei polacchi
Locarnese
2 ore

Il semaforo del CO²: col rosso ‘scatta’ la ventilazione

In tutte le aule delle scuole comunali di Locarno posati i sensori che registrano il tenore dell’anidride carbonica
Locarnese
3 ore

Premio Dalcol 2021 all’associazione ‘Nella Casa del Padre mio’

L’associazione opera a favore della gioventù bisognosa in Ghana. A ritirare il riconoscimento è stato il medico dentista Luca Cheda con la moglie Adelia.
Ticino
3 ore

In Ticino +14 pazienti Covid e nessun decesso. Contagi in calo

Continua per il quinto giorno di fila la diminuzione dei casi giornalieri. Due persone in meno in cure intense. 25 i positivi in casa anziani in 72 ore
Mendrisiotto
3 ore

Ente turistico e Football club Chiasso assieme per la regione

Collaborazione tra Ort Mendrisiotto e Basso Ceresio e la squadra di calcio per incrementare la promozione del territorio
Locarnese
8 ore

Verzasca, fiume e foce limacciosi: si aspetta la pioggia

Sono visibili le prime e inevitabili conseguenze ambientali dello svuotamento della diga lungo il greto del fiume, fino alla foce.
Mendrisiotto
8 ore

A Stabio i giovani aiutano a trovare casa al loro Spazio

Il Municipio ha convocato una Commissione. Da 19 anni il Centro condivide con i ragazzi attività ed esperienze
Ticino
8 ore

‘Specialisti utili alla ricerca e all’economia elvetiche’

Il Consiglio di Stato: sì all’ammissione agevolata sul mercato del lavoro degli stranieri di Stati terzi con master o dottorato conseguito in Svizzera
Ticino
16 ore

Trenord, il Covid continua a colpire il personale

I dati forniti da Regione Lombardia dopo le proteste dei pendolari
Locarnese
18 ore

Cevio, lieve calo demografico nel 2021

La diminuzione della popolazione nel capoluogo distrettuale è dovuta soprattutto alle partenze
Locarnese
18 ore

Locarno, quest’anno non si scaccia gennaio

La Pro Città Vecchia ha annullato l’edizione della tradizione che da tempo immemore coinvolge i bambini alla fine di questo mese
Luganese
18 ore

Montagnola, una nuova guida per il museo Hermann Hesse

La direttrice Regina Bucher lascerà l’incarico alla fine di quest’anno. La fondazione si attiva per ricercare una persona in grado di sostituirla
Luganese
18 ore

Lugano, scazzottata tra due ventenni in piazza Dante

Dopo la lite nelle prime ore di oggi, un giovane finisce all’Ospedale Civico per un possibile trauma cranico. La polizia avvia accertamenti
Locarnese
18 ore

Locarno, conferenza su Francesco Chiesa e identità culturale

A proporla è il Lyceum Club Locarno, giovedì 27 gennaio alla Biblioteca cantonale, con la partecipazione del professor Ariele Morinini
Luganese
19 ore

Lugano, si adotti il label ‘VilleVerte Suisse’

Mozione dei Verdi chiede passi avanti: la certificazione avrebbe effetti benefici sul necessario aumento della biodiversità in città
Bellinzonese
19 ore

‘Contrastare il traffico parassitario’ a Monte Carasso

Il consigliere comunale di Bellinzona Luca Madonna torna alla carica sul problema irrisolto ormai da anni
Bellinzonese
20 ore

Ampio sostegno trasversale alla fusione nella Bassa Leventina

In un volantino un centinaio di persone e alcuni ‘tenori’ si schierano a favore dell’aggregazione
Locarnese
21 ore

Ascona, Antoinette al cinema Otello

Secondo appuntamento con il cineclub dell’Alliance française, martedì 25 e mercoledì 26 alle 18.15
Mendrisiotto
21 ore

‘30x30’, mostra collettiva alla Filanda di Mendrisio

Esposizione del Gruppo Acquarellisti Ticinesi fino al 30 gennaio per sottolineare il nuovo traguardo del sodalizio
Mendrisiotto
22 ore

‘Ri-pensare i confini’, a Mendrisio film sulle frontiere

Al via dal 26 gennaio un ciclo organizzato da Museo etnografico della Valle di Muggio e Cineclub
Bellinzonese
22 ore

Quartieri Bellinzona: avanti con 3 commissioni ma non in centro

Al via la pubblicazione per candidarsi a Monte Carasso, Sementina e Gudo: deciderà poi il Municipio chi incaricare
21.12.2020 - 22:160
Aggiornamento : 22:34

Bellinzona vota i conti in rosso, antipasto ai sacrifici

Accolte le richieste della Gestione di anticipare al 2021 l'assunzione dell'operatore di strada e di riattivare le scuole montane nell'anno 2021/22

Il giorno più corto dell’anno ha riservato al Consiglio comunale di Bellinzona l’inizio di seduta più lungo della sua recente storia. Dai banchi della destra Tuto Rossi ha subito invitato il presidente Luca Madonna (Lega) a rispedire tutti a casa ritenendo che il Municipio abbia forzato la mano del vicepresidente Vincenzo Mozzini (Plr) facendogli inserire nell’ordine del giorno i due messaggi sui sorpassi per Stadio cittadino (1,6 milioni) e Policentro della Morobbia (1,2), ordine che Madonna invece si era rifiutato dieci giorni fa di firmare. Messaggi che Lega e Udc vorrebbero discutere più in là nel tempo, con più dati a disposizione e una volta noto l’esito dell’inchiesta disciplinare sul capo Settore opere pubbliche sospeso dallo scorso aprile; e anche perché l’eventuale referendum ricadrebbe così in piena campagna elettorale, ciò che giocherebbe a favore della destra.

Rossi ha informato il plenum di aver inoltrato oggi al Consiglio di Stato un ricorso contro la convocazione del Legislativo, ricorso tuttavia ritenuto irricevibile dal governo. Dal canto suo il sindaco rispondendo subito all’interpellanza di Paolo Locatelli (Ppd), che chiedeva lumi sull’agire dell’Esecutivo nella stesura dell’ordine del giorno, ha specificato che in base alla Legge organica comunale la competenza di redigere l’ordine del giorno spetta al Municipio e non al presidente del Cc: «Non vi è perciò stata nessuna invasione di campo». Dal canto suo il presidente ha comunque messo ai voti la proposte di Rossi (annullamento seduta e in via subordinata rinvio dei due messaggi), tuttavia respinte a larghissima maggioranza. Ergo, a meno di ulteriori sorprese i due messaggi saranno discussi nella seduta di martedì 22.

Aspettando la spending review

Piatto forte della serata il bilancio preventivo 2021 (votato a grande maggioranza con 49 sì, 2 no e 5 astenuti) che dopo tre anni di cifre positive mostra per la prima volta un disavanzo di 8 milioni (invariato al 93% il moltiplicatore d’imposta) e l’avvio di una revisione completa della spesa pubblica (spending review) il cui risultato è atteso entro fine legislatura o in vista del preventivo 2022. Accolta poi con 51 voti contro uno la proposta della Gestione di anticipare al 2021 (anziché gennaio 2022) l'assunzione dell'atteso operatore di strada. Accolta anche la richiesta, sempre della Gestione, di riattivare subito l'organizzazione di scuole montane bianche e verdi a partire dall'anno scolastico 2021/22.

Razionalizzare il personale

A dare il via alle danze la presidente della Gestione e capogruppo Lega/Udc Lelia Guscio: «Fra i motivi di questo rosso vi sono anche la gestione allegra dei tre progetti oggetto di crediti suppletori, nonché la crisi pandemica. Chiediamo a gran voce che il Municipio faccia un lavoro certosino in tutti i dicasteri» con l’obiettivo di individuare possibilità di miglioramento e margini di risparmio. I progetti strategici sul tavolo «richiedono una solida base finanziaria. Ma le spese sono aumentate del 4% e bisognerà razionalizzare il personale che rappresenta il 55-60% della spesa complessiva. Considerando tutto ciò, nonché i nuovi riversamenti di oneri cantonali per trasporto pubblico, anziani e socialità, nonché il calo del contributo di livellamento (-1,2 milioni) e delle sopravvenienze d’imposta (-1,2), serve un esame accurato che mostri i settori comunali sovra o sottodimensionati».

Sacrifici necessari

Fabio Käppeli (capogruppo Plr) ha invitato a guardare al di là delle cifre nude e crude, con un presente e un futuro (progetti strategici) che richiedono fiducia e ottimismo, considerando i miglioramenti dei servizi nel frattempo intervenuti: «Basti pensare al trasporto pubblico, notevolmente potenziato negli ultimi 10 anni. O alle sfide che richiedono il nuovo Quartiere Officine. Certo, saranno necessari correttivi e sacrifici». Per Lisa Boscolo (Sinistra) il Municipio è stato capace di tracciare la via giusta preparando il terreno dei progetti strategici della nuova Bellinzona, «ma è stato disattento nel gestire i dettagli. Bisogna diminuire le disfunzioni nell’amministrazione comunale e rivedere la politica del personale, migliorando la formazione continua. E se i costi aumentano (scuole e trasporto pubblico) è perché si fanno scelte politiche volte a migliorare la qualità. Sarebbe sbagliato ora rivederle. E sarebbe troppo presto procedere ora con dei tagli: invito quindi a valutare bene le entrate, ma senza incidere troppo sui costi».

Approfondire i bisogni della popolazione

Ivan Ambrosini (Ppd) non ha dubbi: «La coda delle conseguenze del Covid sarà molto lunga. Il nuovo Piano finanziario ora presentatoci dal Municipio, indica un dimezzamento in quattro anni del capitale proprio con una chiara riduzione della capacità d'investimento. Bisogna agire subito. Ci saremmo tuttavia aspettati già qualche segnale nel preventivo 2021. Bisognerà presto rivalutare le priorità e approfondire i bisogni della popolazione». No tuttavia a tagli lineari e un aumento della pressione fiscale.

C'è chi dice no

Luigi Calanca ha motivato il voto contrario della formazione Liberi mostrandosi severo col Municipio, «incapace di contenere l’aumento della spesa. E che dire della Gestione, che ci ha sottoposto un rapporto ben fatto ma acritico, per non calpestare i piedi all’Esecutivo. Preoccupano l’aumento dell’organico, alla faccia delle promesse fatte prima dell’aggregazione, nonché il potenziamento del trasporto pubblico (fino a dove potremo spingerci?). Per contro, non si è potenziato dove realmente necessario, ossia la Polizia comunale». Per il collega di lista Giulio Deraita l’aumento del moltiplicatore è dietro l’angolo: «È un preventivo scarno, privo di misure di contenimento della spesa che ogni azienda sta invece pianificando. Eh sì che i segnali erano chiari già l’anno scorso: solo grazie a una diversa contabilizzazione degli ammortamenti si era avuto un avanzo di 1,4 milioni, anziché una perdita di 4,6».

Strategici per chi?

A nome dei Verdi Ronnie David ha espresso disaccordo sulle scelte politiche orientate a una crescita economica illimitata: «Meglio sarebbe puntare su modelli più qualitativi. E gli investimenti… strategici, ma per chi? Per gli impresari costruttori che stanno cementificando la regione, e gli immobiliaristi che ne trarranno vantaggio? Ci opporremo a chiamare alla cassa i dipendenti pubblici e gli scolari». Pure criticata la credibilità del Municipio: «Più situazioni l’hanno minata». Parlando di bilancio minimalista, a nome dell’Mps Monica Soldini ha motivato l'astensione affermando che poco si è fatto dopo l’aggregazione: «Ci si riempie la bocca con i progetti strategici, ma manca un’attenzione alla crescita sociale e culturale della città. Nulla si sa dei doposcuola e degli asili nido. Scarse riflessioni poi nel Preventivo sulle case anziani, colpite duramente dalla pandemia».

Il sindaco: scelte chiare 

La pandemia – ha attaccato il sindaco rispondendo ai vari interventi – inciderà sulla progettualità non solo di Bellinzona ma anche del Cantone e della Confederazione. Quanto ai sorpassi di spesa, «non hanno un’incidenza finanziaria milionaria sui bilanci 2021, ma certo un’incidenza politica». Vi sono poi i progetti strategici: «Non sono tutti nostri, ma si portano avanti a più livelli insieme a Cantone e Confederazione. E comunque sono di fondamentale importanza per imprimere la svolta immaginata alla città aggregata». E a proposito di Cantone, dei costi riversati sulla Città, «abbiamo fatto scelte chiare prevedendo, ad esempio, trasporti pubblici capillari e il collegamento di quartieri periferici. E questo costa, come tutto quanto è stato migliorato». Quindi i tagli: «Non prevediamo tagli nella scuola, settore nel quale abbiamo semmai aumentato la spesa annua di 1,5 milioni. Inoltre le mense sono passate da 150 a 330 posti, gli apprendisti da 15 a 80. In linea generale ovviamente non si può avere tutto. E prima o poi bisognerà valutare dove proporre dei contenimenti».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved