ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 min

Con Unicef i bambini aiutano i bambini

Parte l’azione ‘Settimane delle stelle’ che coinvolge scuole, gruppi, associazioni e famiglie
Bellinzonese
3 min

In crescita il numero di visitatori al museo Sasso San Gottardo

Un successo le esposizioni tematiche e la nuova sala del silenzio, che verrà riproposta con sessioni regolari anche durante la prossima stagione
Mendrisiotto
6 min

Arrestato a Mendrisio un 19enne accusato di spaccio di cocaina

Da alcuni mesi avrebbe venduto al dettaglio la sostanza stupefacente a clienti locali: sequestrati 100 grammi
Bellinzonese
31 min

Finisce a Mendrisio il Piumogna Gastro Award 2022

Conclusa la rassegna gastronomica ‘Al nos mangee’. I giudizi dei clienti hanno decretato vincitore il dessert del ristorante Acquafaba
Locarnese
32 min

Musei civici di Locarno aperti l’8 dicembre

Per la festa dell’Immacolata gli spazi espositivi di Casa Rusca, Castello, Casorella saranno fruibili dalle 10 alle 17, non stop
Luganese
39 min

Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio

Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Locarnese
39 min

Vernissage fotografico al centro diurno Insema

Mercoledì 7 dicembre dalle 10.30 in mostra l’attività di fotografia di un gruppo di appassionati di Solduno e Tenero gestita da Annika Fibbioli
Locarnese
55 min

Il professor Eugenio Lecaldano ospite di Orizzonti filosofici

Martedì 6 dicembre alle 20 nella sala delle conferenze del Centro Leoni a Riazzino si parlerà della concezione dell’identità personale secondo David Hume
Bellinzonese
1 ora

Terraneo, Daldini e Rossetti in lista per il Plr di Rivera

L’assemblea distrettuale ha ratificato le candidature del deputato uscente, della segretaria sezionale e del consigliere comunale per il Gran Consiglio
04.12.2020 - 13:31
Aggiornamento: 14:45

Più posti di lavoro alle Officine, ‘Bellinzona prema sulle Ffs’

Appello della sezione socialista cittadina dopo l'ammissione del Consiglio federale sulla necessità di potenziare la manutenzione dei treni

piu-posti-di-lavoro-alle-officine-bellinzona-prema-sulle-ffs
Un rendering delle Ffs su come potrebbe apparire il nuovo stabilimento di Castione

“Non c’è nessuna ragione per ridurre il personale delle Officine”. Perciò il Municipio di Bellinzona insieme al Consiglio di Stato “faccia pressione sulle Ffs affinché nel nuovo stabilimento di manutenzione previsto a Castione impieghino ben più dei 230 posti a tempo pieno minimi inseriti nell’accordo con Cantone e Città”, cifra che ridurrebbe di un terzo l’attuale forza lavoro occupata nello stabilimento cittadino che verrà dismesso, costituita da 453 operai (non tutti a tempo pieno) di cui 112 interinali e 49 frontalieri. È quanto chiede la sezione socialista di Bellinzona alla luce della risposta che il Consiglio federale ha dato al consigliere nazionale Bruno Storni, risposta anticipata dal nostro giornale il 3 dicembre e leggibile anche sul nostro sito online

Intensificare la battaglia

Il nuovo Ceo delle Ffs Vincent Ducrot, ricordiamo, in estate ha ammesso che è da prevedere un potenziamento della manutenzione a livello nazionale considerata la forte crescita di chilometri percorsi e di passeggeri trasportati nell’ultimo decennio e (+30-40%) da qui al 2030. Questo a mente del Ps turrito dimostra che il fabbisogno di materiale rotabile e di manutenzione “è stato sottostimato dalla precedente dirigenza delle Ffs” guidata fino alla scorsa primavera da Andreas Meyer. Da qui la necessità di “intensificare la battaglia per dimensionare correttamente le nuove Officine, in linea con i bisogni futuri di un trasporto pubblico di qualità, e salvare il lavoro nel Bellinzonese”. La Città in qualità di partner della transizione da Bellinzona a Castione “deve esercitare con decisione la necessaria pressione sulle Ffs che stanno ancora definendo i contenuti del nuovo moderno stabilimento industriale”, fase che dovrebbe concludersi – stando al governo federale – solo verso metà 2021, ossia due anni dopo le iniziali previsioni.

Garantire un futuro a lungo termine

Quanto al Ps di Bellinzona – che insieme alle altre forze politiche rappresentate in Municipio è stato più volte criticato dalle maestranze per aver aderito al progetto Città-Cantone-Ffs – oggi il vicepresidente Danilo Forini ricorda che la sezione aveva accettato di sostenere la costruzione del nuovo moderno stabilimento a Castione “al fine di garantire un futuro a lungo termine dell’attività delle storiche Officine, ritenendo questo trasferimento la premessa migliore per garantire anche in futuro il mantenimento di più posti di lavoro possibili. Questo stabilimento deve quindi essere all’altezza dell’aumento del traffico ferroviario che richiederà sempre più manutenzione. E in Ticino abbiamo la manodopera e le competenze necessarie”. Il Ps – come d’altronde anche le stesse Ferrovie hanno fatto nel recente articolo della ‘Regione’ – ricorda infine che l’accordo siglato già contemplava l’indicazione di prevedere dove possibile degli ampliamenti: “Ed è quello che occorre e che auspichiamo succeda ora”, conclude la sezione socialista.

Leggi anche:

Officine di Castione, piano industriale (solo) a metà 2021

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved