ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

‘I pirati del Lago Maggiore’ al Centro Triangolo

Marco Bazzi presenterà il suo libro giovedì 1 dicembre alle 17.30, in occasione del finissage della mostra di Maddalena Mora e Luca Albrecht
Locarnese
1 ora

Contro la violenza sulle donne, le scarpe rosse in piazza

Azione di sensibilizzazione in via Ramogna sulla tematica da parte delle socie di Soroptimist Club e Zonta Club Locarno
Locarnese
1 ora

Concerto del Coro Calicantus nella Chiesa di Maggia

Appuntamento venerdì, alle 20.30. La formazione diretta dal maestro Mario Fontana proporrà canti tradizionali dal mondo intero
Luganese
3 ore

Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità

La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
6 ore

Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità

Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
6 ore

Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione

I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
Luganese
14 ore

Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’

Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
14 ore

Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione

Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Mendrisiotto
14 ore

Morbio Inferiore, a dicembre torna Natale in piazza

Dal 2 al 23 saranno diverse le attività e proposte. Non mancheranno il tradizionale albero addobbato e lo chalet, ma non verranno usate luminarie
04.12.2020 - 13:31
Aggiornamento: 14:45

Più posti di lavoro alle Officine, ‘Bellinzona prema sulle Ffs’

Appello della sezione socialista cittadina dopo l'ammissione del Consiglio federale sulla necessità di potenziare la manutenzione dei treni

piu-posti-di-lavoro-alle-officine-bellinzona-prema-sulle-ffs
Un rendering delle Ffs su come potrebbe apparire il nuovo stabilimento di Castione

“Non c’è nessuna ragione per ridurre il personale delle Officine”. Perciò il Municipio di Bellinzona insieme al Consiglio di Stato “faccia pressione sulle Ffs affinché nel nuovo stabilimento di manutenzione previsto a Castione impieghino ben più dei 230 posti a tempo pieno minimi inseriti nell’accordo con Cantone e Città”, cifra che ridurrebbe di un terzo l’attuale forza lavoro occupata nello stabilimento cittadino che verrà dismesso, costituita da 453 operai (non tutti a tempo pieno) di cui 112 interinali e 49 frontalieri. È quanto chiede la sezione socialista di Bellinzona alla luce della risposta che il Consiglio federale ha dato al consigliere nazionale Bruno Storni, risposta anticipata dal nostro giornale il 3 dicembre e leggibile anche sul nostro sito online

Intensificare la battaglia

Il nuovo Ceo delle Ffs Vincent Ducrot, ricordiamo, in estate ha ammesso che è da prevedere un potenziamento della manutenzione a livello nazionale considerata la forte crescita di chilometri percorsi e di passeggeri trasportati nell’ultimo decennio e (+30-40%) da qui al 2030. Questo a mente del Ps turrito dimostra che il fabbisogno di materiale rotabile e di manutenzione “è stato sottostimato dalla precedente dirigenza delle Ffs” guidata fino alla scorsa primavera da Andreas Meyer. Da qui la necessità di “intensificare la battaglia per dimensionare correttamente le nuove Officine, in linea con i bisogni futuri di un trasporto pubblico di qualità, e salvare il lavoro nel Bellinzonese”. La Città in qualità di partner della transizione da Bellinzona a Castione “deve esercitare con decisione la necessaria pressione sulle Ffs che stanno ancora definendo i contenuti del nuovo moderno stabilimento industriale”, fase che dovrebbe concludersi – stando al governo federale – solo verso metà 2021, ossia due anni dopo le iniziali previsioni.

Garantire un futuro a lungo termine

Quanto al Ps di Bellinzona – che insieme alle altre forze politiche rappresentate in Municipio è stato più volte criticato dalle maestranze per aver aderito al progetto Città-Cantone-Ffs – oggi il vicepresidente Danilo Forini ricorda che la sezione aveva accettato di sostenere la costruzione del nuovo moderno stabilimento a Castione “al fine di garantire un futuro a lungo termine dell’attività delle storiche Officine, ritenendo questo trasferimento la premessa migliore per garantire anche in futuro il mantenimento di più posti di lavoro possibili. Questo stabilimento deve quindi essere all’altezza dell’aumento del traffico ferroviario che richiederà sempre più manutenzione. E in Ticino abbiamo la manodopera e le competenze necessarie”. Il Ps – come d’altronde anche le stesse Ferrovie hanno fatto nel recente articolo della ‘Regione’ – ricorda infine che l’accordo siglato già contemplava l’indicazione di prevedere dove possibile degli ampliamenti: “Ed è quello che occorre e che auspichiamo succeda ora”, conclude la sezione socialista.

Leggi anche:

Officine di Castione, piano industriale (solo) a metà 2021

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved