Roma
1
Cagliari
0
2. tempo
(1-0)
Lugano
2
Bienne
3
fine
(1-0 : 1-1 : 0-2)
WAS Capitals
VAN Canucks
20:00
 
officine-di-castione-piano-industriale-solo-a-meta-2021
Il consigliere nazionale socialista Bruno Storni (Ti-Press)
+1
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
45 min

Assemblea generale alla Domus Poetica

L’incontro è previsto giovedì 27 gennaio nella sede di Bellinzona
Ticino
1 ora

Livelli alle medie, Vpod pronta a iniziativa per eliminarli

Il sindacato dei docenti chiede al Gran Consiglio di rifiutare lo stralcio della spesa inserita nel Preventivo 2022
Bellinzonese
2 ore

Frontale a Cadenazzo, strada bloccata

Traffico fortemente congestionato sul Piano di Magadino a causa di un incidente
Ticino
2 ore

Offerta Trenord-Tilo ridotta almeno per un’altra settimana

Le assenze di macchinisti e capitreno a causa della pandemia si fanno ancora sentire. Soppresse anche tutte le linee notturne
Mendrisiotto
2 ore

Opere d’arte per i campus di Mendrisio e Viganello

Il concorso ha premiato Davide Cascio e Adriana Beretta. Le opere saranno inaugurate nel corso del prossimo autunno
Mendrisiotto
3 ore

Riva, annullata la Sagra del Beato Manfredo

L’evento era in programma il 30 gennaio. Lo ha deciso il Municipio considerato l’evolversi della situazione pandemica
Bellinzonese
3 ore

‘Trasporti pubblici gratuiti per giovani e anziani’

A proporlo con una mozione è il consigliere comunale Ppd di Bellinzona Pietro Ghisletta
Mendrisiotto
3 ore

Castel San Pietro ha 43 abitanti in più

Il saldo migratorio di +47 ha compensato il saldo naturale di -4. Ad aumentare maggiormente sono stati i ticinesi
Mendrisiotto
4 ore

Solidarit’eau, il sostegno di Stabio va all’Uganda

Comune e Aziende municipalizzate hanno deciso di devolvere il contributo all’Associazione SwissLimbs
Bellinzonese
4 ore

Il grande nord in un documentario

Appuntamento sabato 22 gennaio alle 20.30 al Cinema Leventina di Airolo
Mendrisiotto
4 ore

Riri sempre più polo dedicato agli accessori di lusso

La società di Mendrisio ha acquisito l’azienda toscana Dmc, specializzata nei componenti metallici per l’alta moda
Bellinzonese
4 ore

Riprendono gli spettacoli di Minimusica

Primo appuntamento mercoledì 19 gennaio all’oratorio parrocchiale di Salita alla Motta a Bellinzona
Luganese
5 ore

Quando il robot te lo costruisci tu

Dal 5 febbraio a Lugano corsi per bambini dai 9 agli 11 anni promossi dall’associazione Robo-Si
Locarnese
5 ore

Brissago, sotto controllo l’incendio boschivo

Stamane ultimi lavori di bonifica da parte della decina di pompieri rimasta di picchetto. Limitati i danni alla vegetazione
Bellinzonese
6 ore

Disastro del Palasio, gli allievi torneranno in settembre

Domani a Giubiasco inizieranno i lavori per il ripristino edilizio vero e proprio che dureranno fino al 25 luglio, poi si procederà al trasloco
04.12.2020 - 11:440

Officine di Castione, piano industriale (solo) a metà 2021

Il Consiglio federale risponde in modo evasivo a Bruno Storni, evidenziando però la necessità di potenziare la manutenzione sul piano nazionale

Interpellare il Consiglio federale su cosa intendano fare le Ffs non è facile. Ne sa qualcosa il consigliere nazionale socialista Bruno Storni che dopo una prima interpellanza evasa in estate con una certa sufficienza (eufemismo) non si è perso d’animo e lo scorso settembre è tornato con nuove domande relative al dimensionamento della nuova officina di manutenzione ferroviaria prevista a Castione al posto del sito di Bellinzona. Alla seconda interpellanza, rimarcando che la competenza in questo campo è delle Ferrovie, Berna fornisce qualche indicazione in più sul tanto atteso piano industriale chiamato a indicare volumi di lavoro e braccia da impiegare: “Secondo quanto dichiarato dalle Ffs, la definizione delle prestazioni del nuovo stabilimento di Castione è ancora in corso e si concluderà presumibilmente solo verso la metà del 2021”. Con due anni di ritardo, dunque, rispetto alle prime scadenze risalenti ancora all'estate 2019, quando sono state fornite immagini del possibile capannone, ma non cifre.

Riserve oggi insufficienti

La seconda tornata di domande di Storni prendevano spunto dalle affermazioni fatte questo giugno dal nuovo Ceo delle Ffs Vincent Ducrot, secondo cui le riserve e la manutenzione di materiale rotabile non sarebbero sufficienti. Un problema cui si aggiunge il sensibile aumento dell’offerta ferroviaria totale (+42% di km percorsi nell’ultimo decennio) e dell’utenza (+72% dal 2000 a oggi) che secondo il consigliere nazionale ticinese ha richiesto anche alle Ffs un aumento e un uso più intenso del materiale rotabile. Tutto ciò farebbe dunque presupporre che, parallelamente, andrebbe di pari passo potenziato il settore manutentivo.

‘Singoli siti possono subire una riduzione dell'occupazione’

Ergo, c'è da chiedersi se siano da prevedere buone notizie per i 453 operai (di cui 112 interinali e 49 frontalieri) impiegati nello storico stabilimento turrito e che a Castione verrebbero ridotti di un terzo, in base alle informazioni fornite a suo tempo dalle Ferrovie. Il Consiglio federale tuttavia non si sbilancia e rispondendo premette che “il corretto dimensionamento degli stabilimenti di manutenzione rientra nell’ambito della responsabilità operativa delle Ffs”. Secondo le informazioni da loro fornite, prosegue, “nei prossimi anni a livello svizzero si assisterà a una crescita del numero di posti a tempo pieno per la manutenzione, a seguito dell’ammodernamento e dell’aumento del parco veicoli. Nonostante ciò, singoli siti possono subire una riduzione dell’occupazione”. E in effetti è quanto si teme per Bellinzona che passando a Castione scenderebbe, come sempre indicato, da 400 a 230 unità a tempo pieno. Lo stabilimento di Castione – ricorda dal canto suo il Consiglio federale – sarà destinato principalmente alla manutenzione di composizioni della flotta di Ffs Viaggiatori e delle locomotive di Ffs Cargo. Peraltro quest’ultima, annuncia Berna, “prevede di ammodernare e ampliare gli impianti di servizio a Chiasso realizzandovi un nuovo capannone”.

Viaggiatori e merci su del 40 e 30% entro il 2030

Ora, in attesa di conoscere i dettagli su Castione, Berna aggiunge che “le prospettive di traffico elaborate dalla Confederazione prevedono una crescita della domanda nel trasporto ferroviario di viaggiatori e di merci rispettivamente del 40 e del 30 per cento a livello nazionale entro il 2030”. Ma, ancora una volta, viene ricordato che “l’elaborazione di scenari per la manutenzione pesante e leggera è responsabilità delle Ffs”.

Storni: ‘Forse un cambiamento di rotta’

Leggendo fra le righe le dichiarazioni fatte sei mesi fa da Ducrot e le odierne risposte di Berna, Storni esprime un po’ di fiducia: «Sembrerebbe – ipotizza alla ‘Regione’ – che con la nuova Direzione le Ffs stiano rivedendo la pianificazione dei mezzi per la manutenzione. Risulta sempre più chiaro che invece di tagliare, come le Ferrovie fanno da anni, dovranno cambiare rotta e ricominciare ad aumentare personale, anche per la manutenzione». Ciò che lascia ben sperare per Castione. «È quindi più che opportuno, come già avevo richiesto in Gran Consiglio, adottare nuovi parametri per la costruzione del nuovo stabilimento – annota Storni – e non continuare con gli obiettivi concordati con Cantone e Città dall’ex Ceo Andreas Meyer che prevedevano 230 posti di lavoro tagliando un terzo degli attuali». Infine, il fatto che il piano industriale e il dimensionamento stiano richiedendo più tempo del previsto, secondo Bruno Storni è un buon segnale: «Probabilmente le Ferrovie si stanno rendendo conto che i programmi di Meyer vanno rivisti».

Le Ffs: ‘I 230 posti sono la base iniziale’

Di più, al momento, non si riesce a sapere nemmeno dalle Ferrovie stesse: “I 230 posti di lavoro a tempo pieno, come le Ffs hanno sempre ribadito, sono la base iniziale di occupazione nel futuro stabilimento di Castione”, ci risponde il portavoce Patrick Walser: “Oggi è prematuro dire se e come questa cifra aumenterà nel tempo”.

Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved