laRegione
pedibus-a-piedi-in-sicurezza
+4
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

‘Ndrangheta, al maxi processo di Lamezia c’è pure Pulice

Killer giovanissimo, il collaboratore di giustizia ha trascorsi anche in Ticino dove avrebbe riciclato denaro per conto del clan Mancuso
Luganese
1 ora

Ponte Marca a Gola di lago, si ristruttura

Il Consorzio prevede lavori di manutenzione e un ristoro
Luganese
2 ore

Edilizia privata a Lugano, serve più personale

Ghisletta chiede alla Città di incrementare il personale, altrimenti si rischiano problemi di varia natura, come la disparità di trattamento
Grigioni
2 ore

Mesocco, 2020 positivo per la centralina Nan Ros

L'anno scorso l'impianto ha prodotto 1,4 milioni di kWh. Si tratta del 2,9% in più rispetto alla media decennale
Ticino
2 ore

I Verdi: ‘Test rapidi a tappeto nelle scuole’

Con un'interpellanza di Marco Noi gli ecologisti chiedono anche di inserire i docenti nella categoria prioritaria per il vaccino
Ticino
2 ore

Circolazione, Camorino aperta solo su appuntamento

La misura è legata all'emergenza coronavirus. Esami di guida e collaudi si svolgeranno regolarmente
Bellinzonese
2 ore

Covid-19, servizi comunali a domicilio

Arbedo-Castione, consegna della spesa, di farmaci urgenti e ritiro della spazzatura per persone in quarantena, in isolamento o vulnerabili
Mendrisiotto
2 ore

Delitto di via Valdani a Chiasso, in aula dal 15 marzo

Davanti alla Corte delle Assise criminali presieduta dal giudice Marco Villa compariranno padre e figlio per rispondere del delitto di Angelo Falconi
Luganese
3 ore

Alto Malcantone, petizione contro la chiusura della Posta

Preoccupa la decisione de La Posta che quando pose fine all'attività di Breno, promise il mantenimento del servizio ad Arosio-Mugena
Luganese
3 ore

Campione d'Italia, 51enne arrestato e incarcerato

I carabinieri lo hanno rintracciato nella sua casa. L'uomo deve scontare 5 anni e otto mesi per furto, possesso di armi, minaccia, calunnia e diffamazione
Locarnese
3 ore

Locarno, strumenti gratuiti con l'Atm

Aperte le iscrizioni per il secondo semestre dei corsi di musica
Locarnese
3 ore

Brione sopra Minusio, il Plr scalda i motori

Assemblea virtuale per l'approvazione delle liste in vista delle elezioni del prossimo 18 aprile
Mendrisiotto
4 ore

Biblioteca di Breggia chiusa fino al 28 febbraio

Sarà comunque possibile consegnare i libri e avere nuovi prestiti previo appuntamento telefonico
Mendrisiotto
4 ore

Monte verso un territorio per la 'quarta generazione'

Un milione di franchi per finanziare un progetto atto a migliorare la qualità di vita degli anziani: non 'muri', ma lo spazio del paese nel quale vivono
Mendrisiotto
4 ore

Novazzano perde un residente e vincono le donne

Leggero saldo negativo per la statistica 2020 della popolazione che si attesa a 2'337 (1'906 gli svizzeri). Meglio rappresentati i 50enni.
Mendrisiotto
4 ore

Popolazione in calo a Morbio Inferiore

Il Comune ha chiuso il 2020 con 52 abitanti in meno. I decessi hanno superato le nascite
Luganese
4 ore

Campione d'Italia incluso nella campagna di vaccinazione

Una quarantina di residenti nell'enclave si sono già prenotati. La crisi del governo italiano preoccupa il sindaco Roberto Canesi.
Bellinzonese
16.09.2019 - 17:380

Pedibus, a piedi in sicurezza

L’offerta compie 20 anni, la Città di Bellinzona realizza delle mappe con i percorsi casa-scuola per tutti i quartieri

Andare a scuola a piedi può essere un modo per socializzare con altri bambini, scoprire il territorio in cui si vive e fare del sano movimento fisico. Ma i benefici sono anche ambientali: meno genitori che portano i figli a scuola in macchina significa anche meno inquinamento. Sensibilizzare riguardo a questi temi è un obiettivo di Pedibus Svizzera, che in questi venti anni di vita di strada ne ha fatta. L’offerta è nata nel 1979, su iniziativa dell’Associazione traffico e ambiente (Ata), e oggi anche in Ticino si contano ormai oltre 1’100 bambini che ne fanno parte. Il Pedibus è un sistema di accompagnamento a piedi, che permette a un gruppo di bambini tra i 4 e gli 8 anni di recarsi a scuola sotto la guida di un adulto. A differenza di uno scuolabus, sono i genitori partecipanti a determinare l’itinerario, le fermate e gli orari di passaggio. Normalmente sono gli stessi genitori a guidarlo, a turno. «Camminare fa bene, eppure troppi papà e mamme taxi non sembra ne siano al corrente, oltretutto scarrozzando lungo le strade d’accesso alle scuole, le rendono meno sicure a tutti gli altri bambini che camminano», ha fatto presente Bruno Storni, vicepresidente dell’Ata, durante un incontro con i media. «Con il Pedibus vogliamo sensibilizzare i genitori al problema e contribuire a migliorare la sicurezza stradale e la salute dei bambini, a sostenere i trasporti ecologici e a promuovere i legami sociali nei quartieri», ha aggiunto Storni.

Sensibilizzare i genitori

L’Ata intende aumentare la sensibilità verso la mobilità attiva dei bambini, diminuire il tasso di obesità infantile e invitare gli enti pubblici a proporre spazi urbani che permettano di vivere con serenità gli spostamenti a piedi. Su questi temi convergono anche gli sforzi della Città di Bellinzona, che li ha infatti posti alla base del proprio Piano di Mobilità scolastica (Pms), ora esteso nei principi e nelle misure a tutti i quartieri del nuovo Comune aggregato. Principi che la Città ha nel Dna, come ha evidenziato Simone Gianini, municipale a capo del dicastero territorio e mobilità e presidente della Commissione regionale dei trasporti del Bellinzonese. Gianini elenca alcuni importanti passi che sono stati fatti, tra cui il miglioramento della situazione di fronte alle Scuole Sud di Bellinzona, dove tempo fa, al termine delle lezioni una moltitudine di automobili si fermavano davanti all’accesso della scuola creando ingorghi. «Era una giungla – ricorda Gianini – siamo quindi intervenuti in maniera incisiva, allargando i marciapiedi e posando dei paletti per vietare l’accesso alle auto e ora non ci sono più problemi». La maggior parte dei bambini oggi si recano alle Sud a piedi, in bicicletta e monopattino «pochi genitori li portano in auto, non vogliamo demonizzarli, ma insistere sulle buone regole», ha aggiunto. Negli ultimi cinque anni, la Città ha speso circa 9 milioni per interventi a favore della mobilità scolastica e altre importanti opere sono previste in futuro.
Per marcare l’adozione del Pms in tutte le sedi scolastiche, oltre al materiale informativo e a quello catarifrangente già in dotazione, per l’inizio del corrente anno scolastico sono state realizzate delle mappe giocose per tutti gli allievi di scuola elementare e dell’ultimo anno di scuola dell’infanzia, raffiguranti il proprio quartiere di residenza con indicati i percorsi casa-scuola consigliati, i punti di interesse e le regole per essere un buon pedone e buon ciclista.

Festa della mobilità sostenibile a Giubiasco e una mostra itinerante

Una giornata di festa per sottolineare il traguardo del 20esimo anno del progetto Pedibus Svizzera e dell’estensione del Piano di mobilità scolastica a tutti i quartieri del nuovo Comune di Bellinzona. L’appuntamento è venerdì 20 settembre in piazza Grande a Giubiasco; l’evento è organizzato dalla Città e dall’Ata. Vi prenderanno parte oltre 500 bambini della scuole dell’infanzia ed elementari, in concomitanza con la Settimana europea della mobilità che si svolge dal 16 al 20 settembre. A partire dalle sedi scolastiche dei quartieri di Bellinzona, Camorino, Giubiasco, Sementina e Pianezzo, sei cortei formati dagli allievi delle scuole, insegnanti e accompagnatori illustri, raggiungeranno a piedi il luogo della festa. Lara Gut-Behrami accompagnerà il corteo proveniente da Camorino, mentre quello delle Scuole Sud di Bellinzona sarà accompagnato dai Frontaliers della Rsi, che animeranno la piazza dove convergeranno i cortei che saranno accolti dalle autorità; seguirà uno spettacolo circense. In piazza Grande, dove sarà pure presente laRegione con gadget e un concorso, sarà allestita anche la mostra fotografica itinerante “Pedibus, 20 anni di avventure!”, che sarà esposta in una dozzina di città svizzere e sarà visitabile fino al 26 settembre, mentre dal 7 al 20 ottobre sarà installata a Lugano. Il 15 dicembre, a Locarno invece, è prevista la proiezione di cortometraggi sulla mobilità.

Strade ancora troppo pericolose

Come fatto notare da Caterina Bassoli, coordinatrice Pedibus Ticino, un terzo degli incidenti che coinvolgono bambini si verifica sulla strada per la scuola. Da un confronto internazionale emerge che la Svizzera deve migliorare la sicurezza dei bambini nella circolazione: il tasso di mortalità è superiore a quello dei Paesi dell’Unione europea. Secondo uno studio, il 41% dei genitori intervistati considera pericoloso il percorso casa-scuola. Questo senso di insicurezza sulla strada è il motivo principale che spinge i genitori ad accompagnare i figli ancora troppo spesso in auto. Questo comportamento accresce però il pericolo dovuto alla densità del traffico in prossimità delle scuole e crea un circolo vizioso.

 
 
Guarda tutte le 8 immagini
© Regiopress, All rights reserved