31.07.2019 - 08:56

Nuovo volto digitale per 'La via dell'acqua'

Aggiornato di recente, il sito online presenta l'aggiunta di materiale interattivo, multimediale e di approfondimento per meglio scoprire il percorso didattico in Valle Morobbia

a cura de laRegione
nuovo-volto-digitale-per-la-via-dell-acqua

Un nuovo sito internet, interamente dedicato all’itinerario, con l’aggiunta di materiale interattivo, multimediale e di approfondimento. Questa la nuova veste digitale de “La via dell’acqua” pensata dall’Azienda multiservizi Bellinzona nell’anno del decimo anniversario della realizzazione del percorso in Valle Morobbia. All’interno del nuovo portale online (www.laviadellacqua.ch) si trovano tre sezioni che permettono una comprensione virtuale più dettagliata della storia e del viaggio che l’acqua compie per generare energia elettrica. Nella prima sezione (“Il percorso”) ognuna delle 9 tappe è approfondita con informazioni storiche e tecniche, immagini, grafici e foto a 360° (integrate anche in Google Street View). In aggiunta, si trovano anche il Gps tracker e un video del percorso. La seconda sezione è invece dedicata agli approfondimenti con i quali si ha la possibilità di vedere le scansioni 3D e comprendere meglio il funzionamento delle principali infrastrutture che trasformano l’acqua in energia idroelettrica. L’ultima sezione, “Il fortino”, è infine dedicata ai fortini della fame, in quanto la tappa numero 7 si interseca con il percorso delle fortezze di Camorino. I nuovi prospetti informativi e il sito sono entrambi disponibili sia in italiano sia in tedesco.

Il percorso didattico

Il percorso, lungo circa 8 km e correlato da 9 pannelli didattici, inizia alle porte di Vellano, frazione di S. Antonio. In circa 3 ore e mezzo il sentiero permette di scoprire come l’acqua si trasforma in elettricità, partendo dalla diga di Carmena fino a raggiungere la centrale idroelettrica Morobbia, dove viene prodotto il 12 % dell’energia erogata dall’Amb. Il percorso è segnato come difficoltà T2, in quanto la conformità del terreno richiede passo fermo ed abbigliamento adeguato. I tratti esposti sono stati comunque messi in sicurezza.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved