Allo studio il consulente del click

Tecnologia
10.8.2017, 14:522017-08-10 14:52:29
@laRegione
@laRegione

Allo studio il consulente del click

Allegati

Conviene cliccare su un link trovato su Internet o facendolo condividiamo troppi dati privati? Un algoritmo sviluppato da Mahsa Taziki, ricercatrice del Politecnico federale di Losanna (EPFL), potrà rispondere alla domanda facendo da "consulente dei click". I suggerimenti online possono essere molto utili, ma quante informazioni vengono diffuse con un click non è sempre chiaro all’utente.

Il nuovo algoritmo è stato sviluppato per creare trasparenza, si legge in un comunicato odierno dell’EPFL. Viene infatti valutato il numero di informazioni che vengono inviate con un click, mettendole in rapporto con l’utilità che ne deriva per l’utilizzatore. Il sistema mostrerà infine, attraverso un codice colorato, il rapporto costi-benefici. "Alcuni click sono molto utili e non intaccano quasi per niente la sfera privata, altri sono invece l’esatto opposto", ha detto Mahsa Taziki, citata nella nota.

A differenza dei programmi che bloccano le pubblicità, che agiscono indistintamente, il nuovo algoritmo suggerisce semplicemente quali click possono risultare utili e quali no. Sarà ad ogni modo sempre l’utente a prendere la decisione finale. Il sistema non è però ancora pronto per il mercato: Taziki vuole continuare a svilupparlo. Fra le altre cose è in programma un’estensione, che durante la navigazione avverte dei siti che si prendono troppe libertà con le informazioni personali. "Vogliamo dare agli utenti i vantaggi di un consulente, che però gli lasci il totale controllo sui dati", ha sottolineato la ricercatrice.