ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
3 ore

Il poliziotto Mattia

Mattia Da Dalt si occupa di formazione, interna ed esterna al Corpo di Polizia, dalla scuola dell’infanzia fino agli adulti. Anche con l’amico Peo.
Ticino7
8 ore

Ho visto Jerry Seinfeld

Trattato come uno scarto da chi maneggiava palinsesti, dopo di lui nulla è stato più come prima: buio in sala, sul palco di Tucson la leggenda.
Ticino7
16 ore

Gioco, partita, incontro e citazione

Per inaugurare l’edizione n. 4 dedicata allo sport ticinese, parole di tennis (non ticinese)
Newsletter
6 gior

C’era una volta il primo skilift

È quello di Airolo-Lüina, nato nel 1950. C’erano una volta pure gli Ittiti e Hattusa, città sacra. Attualissimi, invece, gli insulti e gli insetti
Ticino7
6 gior

Da più di settant’anni, a Lüina si scia

‘Per i ragazzi la giornaliera costava 3 franchi, 5 per gli adulti. La salita singola, rispettivamente 30 e 50 centesimi’: storia del primo ski-lift
Ticino7
6 gior

Bärbel Koch e i piccoli abitanti del pianeta

Di Besazio, biologa di formazione con una passione per gli insetti nata durante gli studi, dirige la Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino7
1 sett

Hattusa, nell’antica terra degli Ittiti

Scoperta in Turchia, fondata dal bellicoso popolo indoeuropeo venuto dal Caucaso, potrebbe esserne stata la città sacra
Ticino7
1 sett

Scrittore sarà lei!

Jane Austen vs Mark Twain, Virginia Woolf vs James Joyce, Truman Capote vs Jack Kerouac: le vie dell’insulto sono infinite
Ticino7
1 sett

Capra! Capra! Capra! Capra!

Mettiamola così: noi che abbiamo visto Vittorio Sgarbi e pensiamo di aver visto tutto, non abbiamo visto niente
Ticino7
1 sett

Mario Venuti, un equilibrista fra l’Etna e il Corcovado

C’è un pezzo della storia del cantautore siciliano dentro ‘Mai come ieri’, album in cui è presente il duetto con la Cantantessa e tanto Brasile
Ticino7
1 sett

Disavventure latine. Messico: diari da Oaxaca

Nella città che canta l’amore tra un quarantenne e una ventenne, io stesso finirò intrappolato in quelle parole
Ticino7
2 sett

Loretta Bubola, la parola è ‘cambiamento’

La sua missione: mettersi al servizio degli altri ma, in primis, togliersi di dosso strati che non la fanno esprimere per quella che è la sua essenza
Ticino7
2 sett

Il peggio non è passato, ma è comunque ‘Un sabato italiano’

Nella ‘Roma felliniana’ del 1983 usciva l’italian standard di Sergio Caputo, il ‘Re delle tronche’. Ne approfittiamo per fare un po’ di musica...
Ticino7
2 sett

Che musica ascoltano i ‘vampiri’?

Era il 1983, l’anno dell’Ep ‘4AD’, sei testimonianze dell’evoluzione dei Bauhaus (e una piccola nota su ‘Bela Lugosi’s Dead’, che piaceva tanto a Bowie)
Ticino7
2 sett

Permette un ballo?

La danza giova a muscoli e articolazioni, stimola la circolazione sanguigna, migliora l’equilibrio, previene la depressione. Lo diceva anche David Bowie
Ticino7
2 sett

I figli unici e il peso dello ‘stile genitoriale’

Gli psicologi (e non solo loro) s’interrogano da sempre su questa condizione, che le contingenze hanno reso nuovamente d’attualità
Ticino7
2 sett

Avere è bello ma desiderare è meglio

Siamo noi che governiamo i desideri o sono i desideri che ci manipolano a loro piacimento?
Ticino7
3 sett

Incapace di solitudine (l’altro Gianni Brera)

Il narratore, quello de ‘Il corpo della ragassa’, ‘Naso bugiardo’, ‘Il mio vescovo e le animalesse’ e altre storie non calcistiche
Ticino7
3 sett

Mirko Cotti Piccinelli tra Sashimi e community

Social Media Manager per laRegione, sogna di cambiare il nostro cantone, “che a molti dei miei coetanei e non solo – dice – va sempre più stretto”.
Ticino7
3 sett

E ti amo Rino

Rino Gaetano non compare nella lista dei figli unici che hanno fatto la storia, perché fu il fratello di Giuseppe e Anna. Al suo posto c’è una canzone
Ticino7
3 sett

Giallo con roselline. Un racconto di Giorgio Genetelli

“Maramore non aveva resistito al passo lungo della donna e l’aveva fermata vicino a un bar, le aveva accennato, erano entrati, avevano parlato...”
Ticino7
4 sett

Andreas Gysin e l’arte “cibernetica”

Mentre il nuovo anno è dietro l’angolo, il percorso dell’artista e designer ticinese racconta di un futuro che è già qua (per chi non se n’è accorto)
Ticino7
4 sett

In attesa della Rondine

Vive soprattutto nelle campagne e in Svizzera si stima una popolazione di 100-150mila coppie. Una cifra fortemente diminuita negli ultimi vent’anni
Ticino7
4 sett

Sentitamente ringraziamo. E felice anno nuovo!

“Ciò che ci sta alle spalle e ciò che ci sta di fronte, sono ben poca cosa rispetto a ciò che è dentro di noi” (Ralph W. Emerson, 1803-1882)
Ticino7
4 sett

Buoni propositi per l’anno che verrà?

Come funzionano le abitudini e come poterle cambiare. Evitando di cadere nel tranello delle ‘grandi ed eroiche aspettative’
Ticino7
1 mese

Friedrichstrasse. Sei note berlinesi

“La serenità è ridurre la distanza tra il fuori e il dentro, per esempio tra il fuori e il dentro di noi. La serenità è nel non coprire”
Ticino7
1 mese

Quattro tiri con Remo Semmler (tutti a canestro)

È stato uno dei fondatori del Gruppo Paraplegici Ticino ed è al timone dei cestisti dei Ticino Bulls. Ha la capa tosta e ama le sfide, leggere per credere
Ticino7
1 mese

L’insospettabile Merlo acquaiolo

È possibile vederlo anche in città, purché vi siano fiumi o ruscelli che possano garantirgli un luogo per la nidificazione e puliti per trovare nutrimento
14.01.2023 - 06:00
Aggiornamento: 17.01.2023 - 13:07

Di tutto un pop: Ballando con Bowie (40 anni di ‘Let’s Dance’)

Galeotta fu Montreux, galeotti furono i Queen, Nile Rodgers e quell’album che fece del visionario Bowie una popstar mondiale

di Sergio Mancinelli
di-tutto-un-pop-ballando-con-bowie-40-anni-di-let-s-dance
Keystone
David Bowie, Frankfurt am Main, Germany, 1983

Sound design: Giuseppe Milano

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione

"Under Pressure". Fu con questo brano che nell’estate del 1982 iniziò la svolta musicale di David Bowie, a Montreux, sul lago di Ginevra, per registrare ‘Cat People’ in collaborazione con Giorgio Moroder. Con i Queen nella sala a fianco, nacque spontaneo il desiderio di fare qualcosa insieme, ma il micidiale giro di basso di ‘Under Pressure’, così vicino a quelli degli Chic, fece scattare in Bowie la voglia di andare oltre, di dare una dimensione nuova alla sua musica, che gli consentisse non solo di puntare al vertice delle classifiche mondiali ma di catturare una nuova generazione di ascoltatori che non erano cresciuti a pane e ‘Starman’, a pane e ‘Ziggy Stardust’. Il Duca Bianco sognava un disco con almeno quattro, cinque canzoni che ogni radio avrebbe messo in onda. Un disco in grado di arrivare al numero 1 in tutto il mondo. Un disco che si sarebbe chiamato ‘Let’s Dance’.

Tra groove e blues

Una volta innescata la miccia, fu impossibile tornare indietro, complice anche un lungo viaggio nelle Isole del Pacifico per le riprese del film ‘Merry Christmas Mr. Lawrence’, che lo vedevano impegnato come attore. Per trascorrere quelle settimane lontano da casa, Bowie si preparò delle cassette audio con dentro la musica dei suoi artisti preferiti, soprattutto rhythm and blues degli anni 60. Questo lo portò a riflettere su quanto quella musica ancora gli piacesse e lo facesse stare bene. Virò di 180 gradi rispetto a quanto prodotto fino a quel momento e chiamò il nuovo Re Mida delle produzioni discografiche, proprio quel Nile Rodgers inventore degli Chic e di tutta la disco music newyorkese.

Il disco partì con l’attacco micidiale di ‘Modern Love’, un suono forte e compatto con dentro i colori della dance e le tinte forti del rock, complice la chitarra di Stevie Ray Vaughan che Bowie aveva ascoltato dal vivo l’estate precedente proprio al Montreux Jazz Festival: aveva fatto di tutto per averlo, nel nuovo disco prima e nel tour successivo subito dopo, per quei novantasei concerti del Serious Moonlight Tour che lo avrebbero riportato sul palco dopo cinque anni di assenza.

Obiettivo: n. 1

In ‘Let’s Dance’, uscito il 19 gennaio del 1983, per la prima volta nella sua carriera, David Bowie non suonò nessuno strumento. Si affidò completamente a Nile Rodgers e al suo gruppo di musicisti, che in tre settimane riuscirono a portare a termine quell’album che fece di Bowie una popstar mondiale e non più lo sperimentatore visionario degli anni 70. Del resto, la sua casa discografica, la Rca, non aveva intenzione di investire ulteriormente su di lui dopo le scarse vendite degli album della trilogia berlinese. Non si lasciò sfuggire l’occasione la Emi, altra etichetta globale che propose all’artista un contratto in esclusiva per una cifra monstre: 20 milioni di dollari come anticipo per i successivi tre album, con l’intento di riportarlo in cima alle classifiche. Obiettivo centrato al primo colpo.

Come gli impiegati

La collaborazione dell’estate precedente con Giorgio Moroder fece maturare il nuovo corso con una svolta ritmica senza precedenti. Nile Rodgers organizzò tutta la nuova cornice con arrangiamenti perfetti per lo scopo. David Bowie fu solo l’interprete. Un nuovo inizio. Disintossicato da alcol e cocaina che avevano avuto il sopravvento negli anni precedenti, Bowie accettò anche il nuovo modo di lavorare di Nile Rodgers: non più registrazioni notturne fino all’alba, ma turni regolari dalle dieci del mattino alle sei del pomeriggio, poi tutti a casa per riprendere il giorno successivo. Per uno come lui abituato a non dormire mai e a vivere la notte nella più forte intensità, sembrò all’inizio un lavoro impiegatizio, ma nei suoi dischi successivi non rinunciò più a quell’organizzazione. ‘Let’s dance’ fu n. 1 contemporaneamente in Inghilterra e negli Stati Uniti, dove poi rimase per 198 settimane in classifica.

Mondo criminale

L’immagine della copertina così fisica e diretta, in quello scatto da boxeur con i capelli corti, lasciava ormai lontana l’ambiguità sessuale che era stata, negli anni precedenti, una delle chiavi del suo successo. Un’immagine e un’estetica androgina, elegante e decadente al tempo stesso; un’immagine che catturò tre giovani dandy londinesi chiamati Metro, che nel 1976 avevano scritto e inciso ‘Criminal World’ proprio ispirandosi a quell’immagine di Bowie. L’atmosfera tardoromantica inglese perfettamente glamour venne però censurata dalla Bbc perché ritenuta sessualmente troppo esplicita. "Lei è una ragazza estrema in questo mondo criminale, ma ti insegnerà a far sparare la tua pistola...". David Bowie decise di riprenderla, con un arrangiamento più efficace, e con la splendida chitarra di Stevie Ray Vaughan.

Imperialismo e pantere

Qualcosa di quel Bowie sperimentatore introspettivo degli anni precedenti resta in un altro piccolo capolavoro dell’album Let’s Dance: ‘China Girl’, canzone scritta insieme a Iggy Pop a metà anni 70 durante il loro soggiorno berlinese. Dura, ruvida, rock quella incisa all’epoca da Iggy Pop; molto più patinata e avvolgente quella del 1983. ‘China Girl’ è una presa di coscienza del saccheggio culturale che l’Imperialismo inglese aveva attuato nelle colonie d’Oriente. Del resto, David Bowie era incantato dalla cultura orientale e, soprattutto, dalla magia del Teatro Kabuki. Non da meno Iggy Pop, che in quei giorni a Berlino s’innamorò di una ragazza vietnamita, Kvelan Nguyen, cui il pezzo è, naturalmente, dedicato.

A chiusura dell’album, David Bowie decise di reincidere ‘Cat People’, il brano scritto l’anno precedente con Giorgio Moroder per la colonna sonora del film ‘Il bacio della pantera’ di Paul Schrader. Il regista aveva chiesto esplicitamente a Bowie un suo pezzo da inserire tra le musiche alle quali Moroder stava lavorando. L’atmosfera cupa, gotica e ipnotica, con la sua voce profondamente baritonale, venne completamente trasformata in questa nuova versione, dando così al pezzo suoni e colori molto più immediati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved