ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

Le corde (distorte) dei The Heads

Nel ventennale di un disco tutto da riscoprire, ancora oggi il quartetto di Bristol rappresenta un illuminante esempio di neopsichedelia “evoluta”
Ticino7
1 gior

James Taylor che fermò il tempo in ‘Hourglass’

Venticinque anni fa, un american standard prima di ‘American standard’, un libro aperto premiato con due Grammy, uno dei quali al Miglior album pop.
Ticino7
2 gior

Chi li ascolta? I giovani, l’attivismo e certi ‘fastidi’

Per alcuni sono degli ‘sdraiati’ (titolo di un fortunato romanzo di Michela Serra). Per altri delle menti manipolate. Ma loro, i ragazzi, che ne pensano?
Ticino7
2 gior

Fabiano Bevilacqua e le strade dell’arte

"Ne demande pas ton parcour a quelqu’un qui le connaît: tu risquerais de ne pas te perdre" (Nachman di Breslov; 1772-1810)
Ticino7
2 gior

Michael Jackson. ‘Thriller’: 40 anni di un album killer

Impossibile in questo fine 2022 non celebrare l’album più venduto della storia. L’occasione per ricordare come nacque e in quale contesto musicale maturò
Ticino7
2 gior

Extraterrestre portami via (quarant’anni di E.T.)

Dal genio di Spielberg, figlio di separati, e dalle mani di Carlo Rambaldi, fabbricante di mostri. Storia dell’alieno buono amato da tutti (o quasi)
Ticino7
3 gior

Scisma. Rock italiano senza il rimmel (o altri trucchi)

Quanto tempo deve passare per poter emettere un giudizio minimamente obiettivo sulla qualità di un disco? Nel caso di ‘Rosemary Plexiglas’ 25 anni bastano
Ticino7
3 gior

Er Thrilleraro e l’artri ‘Immortacci’

Perché, se non vedete l’ora di rivedere gente famosa di cui (in qualche modo) si sono perse tracce e corpi, dovete solo andare a Roma, eh
Ticino7
1 sett

La pigna: simboli, significati, leggende e atmosfere natalizie

Con un po’ di fantasia e un pizzico di manualità questi elementi vegetali, raccolti per tempo nel sottobosco, possono dare vita a suggestive decorazioni
Ticino7
1 sett

Natale in giallo. E per le feste un bel caso da risolvere...

‘Ero andato a trovare il mio vecchio amico Sherlock Holmes due giorni dopo Natale, con l’intenzione di fargli gli auguri per le festività...’
Ticino7
1 sett

Il Natale visto da Milco Margaroli

"In una Svizzera sempre più secolarizzata" è importante riscoprire le radici cristiane. Che sono alla base di molti momenti di festa nei quali riflettere
12.11.2022 - 11:41

Ecco il Balestruccio (prima che sia troppo tardi)

Nei mesi freddi se ne va al caldo, in quelli più miti nidifica anche nel nostro cantone. Che – pure per questa specie – è diventato un luogo poco ospitale

di Chiara Piccaluga / in coll. con Ficedula
ecco-il-balestruccio-prima-che-sia-troppo-tardi
© BirdLife Schweiz

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione

Il Delichon urbicum è una specie antropofila, vale a dire che condivide le abitazioni degli uomini da molto tempo. Costruisce il nido agglutinando delle palline di terra incollate
con della saliva alle mura degli edifici.

I balestrucci sono uccelli sociali e nidificano in colonie che contano generalmente da due ad diverse decine di coppie. Maschi e femmine presentano un elegante piumaggio nero con riflessi blu metallizzati, le parti inferiori della testa e del corpo sono bianche così come il groppone, la coda è corta, leggermente forcuta ma senza lunghe timoniere esterne. Sono uccelli migratori che tornano alle nostre latitudini in aprile e spesso raggiungono il luogo dove sono nati o si sono riprodotti. Passano l’inverno fra la zona saheliana e il sud dell’Africa e durante i loro viaggi sono esposti a molteplici pericoli. La femmina fecondata depone 4-5 uova nella seconda metà di maggio, che poi cova per 14-16 giorni. I piccoli lasciano il nido circa 22 giorni dopo la schiusa e una seconda covata è intrapresa generalmente durante l’estate a partire dal mese di luglio. Sono uccelli che cacciano in volo numerosi e si nutrono di insetti alati: mosche, zanzare, afidi, piccoli imenotteri. Quando si posano al suolo, lo fanno principalmente per prelevare della terra umida necessaria alla costruzione del nido. Un nido a quarto di sfera è formato da 700-1’500 palline di terra e saliva che, seccando, si induriscono come cemento.


© Ficedula

Un uccello minacciato

Le grandi colonie di centinaia di coppie che si vedevano negli anni Cinquanta sono in gran parte scomparse; i pericoli oggi sono l’asfaltatura di numerose piazze di paese e delle strade sterrate agricole, che ha fortemente ridotto la possibilità per il Balestruccio di trovare la terra necessaria alla costruzione del nido. La diminuzione della quantità di insetti è forse pure all’origine della decrescita di questi uccelli. Certi edifici moderni, i cui muri sono troppo lisci, non consentono più di installarsi.

Il Balestruccio in Ticino

Nel corso della primavera 2019, Ficedula in collaborazione con l’Ufficio della Natura e del Paesaggio del Canton Ticino ha realizzato l’inventario cantonale dei siti di nidificazione del Balestruccio in ogni comune/località del Ticino. Gli scopi sono stati conoscitivi e di conservazione. Per ogni edificio del Ticino si conoscono il numero di nidi occupati, interi non occupati, rotti, in costruzione, nidi artificiali e tracce di nidi, dalle quali è spesso possibile ricostruire l’evoluzione delle colonie. Un progetto grosso, nel suo genere unico. Sono stati controllati 131’392 edifici di cui 3’591 con nidi o tracce, 1’827 con nidi occupati. Tutti questi dati sono fondamentali per garantire la conservazione di questa specie. Tutti gli interessati possono ricevere gratuitamente delle schede sulla conservazione del Balestruccio inviando il proprio nome, cognome e indirizzo postale a segreteria.ficedula@gmail.com.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved