ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
3 gior

Sportivamente parlando

L’avvento dello sport in Ticino, dalle riserve iniziali ai successivi eccessi (risse incluse)
Ticino7
3 gior

Generazione ‘Aftersun’

Presentato lo scorso maggio a Cannes, è diventato un caso. Paul Mescal (Calum nel film) è candidato all’Oscar come Miglior attore protagonista
Ticino7
3 gior

Il poliziotto Mattia

Mattia Da Dalt si occupa di formazione, interna ed esterna al Corpo di Polizia, dalla scuola dell’infanzia fino agli adulti. Anche con l’amico Peo.
Ticino7
3 gior

Ho visto Jerry Seinfeld

Trattato come uno scarto da chi maneggiava palinsesti, dopo di lui nulla è stato più come prima: buio in sala, sul palco di Tucson la leggenda.
Ticino7
4 gior

Gioco, partita, incontro e citazione

Per inaugurare l’edizione n. 4 dedicata allo sport ticinese, parole di tennis (non ticinese)
Newsletter
1 sett

C’era una volta il primo skilift

È quello di Airolo-Lüina, nato nel 1950. C’erano una volta pure gli Ittiti e Hattusa, città sacra. Attualissimi, invece, gli insulti e gli insetti
Ticino7
1 sett

Da più di settant’anni, a Lüina si scia

‘Per i ragazzi la giornaliera costava 3 franchi, 5 per gli adulti. La salita singola, rispettivamente 30 e 50 centesimi’: storia del primo ski-lift
Ticino7
1 sett

Bärbel Koch e i piccoli abitanti del pianeta

Di Besazio, biologa di formazione con una passione per gli insetti nata durante gli studi, dirige la Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino7
1 sett

Hattusa, nell’antica terra degli Ittiti

Scoperta in Turchia, fondata dal bellicoso popolo indoeuropeo venuto dal Caucaso, potrebbe esserne stata la città sacra
Ticino7
1 sett

Scrittore sarà lei!

Jane Austen vs Mark Twain, Virginia Woolf vs James Joyce, Truman Capote vs Jack Kerouac: le vie dell’insulto sono infinite
Ticino7
1 sett

Capra! Capra! Capra! Capra!

Mettiamola così: noi che abbiamo visto Vittorio Sgarbi e pensiamo di aver visto tutto, non abbiamo visto niente
Ticino7
2 sett

Mario Venuti, un equilibrista fra l’Etna e il Corcovado

C’è un pezzo della storia del cantautore siciliano dentro ‘Mai come ieri’, album in cui è presente il duetto con la Cantantessa e tanto Brasile
Ticino7
2 sett

Disavventure latine. Messico: diari da Oaxaca

Nella città che canta l’amore tra un quarantenne e una ventenne, io stesso finirò intrappolato in quelle parole
Ticino7
2 sett

Loretta Bubola, la parola è ‘cambiamento’

La sua missione: mettersi al servizio degli altri ma, in primis, togliersi di dosso strati che non la fanno esprimere per quella che è la sua essenza
Ticino7
2 sett

Il peggio non è passato, ma è comunque ‘Un sabato italiano’

Nella ‘Roma felliniana’ del 1983 usciva l’italian standard di Sergio Caputo, il ‘Re delle tronche’. Ne approfittiamo per fare un po’ di musica...
Ticino7
2 sett

Che musica ascoltano i ‘vampiri’?

Era il 1983, l’anno dell’Ep ‘4AD’, sei testimonianze dell’evoluzione dei Bauhaus (e una piccola nota su ‘Bela Lugosi’s Dead’, che piaceva tanto a Bowie)
Ticino7
2 sett

Permette un ballo?

La danza giova a muscoli e articolazioni, stimola la circolazione sanguigna, migliora l’equilibrio, previene la depressione. Lo diceva anche David Bowie
Ticino7
2 sett

Di tutto un pop: Ballando con Bowie (40 anni di ‘Let’s Dance’)

Galeotta fu Montreux, galeotti furono i Queen, Nile Rodgers e quell’album che fece del visionario Bowie una popstar mondiale
Ticino7
3 sett

I figli unici e il peso dello ‘stile genitoriale’

Gli psicologi (e non solo loro) s’interrogano da sempre su questa condizione, che le contingenze hanno reso nuovamente d’attualità
Ticino7
3 sett

Avere è bello ma desiderare è meglio

Siamo noi che governiamo i desideri o sono i desideri che ci manipolano a loro piacimento?
Ticino7
3 sett

Incapace di solitudine (l’altro Gianni Brera)

Il narratore, quello de ‘Il corpo della ragassa’, ‘Naso bugiardo’, ‘Il mio vescovo e le animalesse’ e altre storie non calcistiche
Ticino7
3 sett

Mirko Cotti Piccinelli tra Sashimi e community

Social Media Manager per laRegione, sogna di cambiare il nostro cantone, “che a molti dei miei coetanei e non solo – dice – va sempre più stretto”.
Ticino7
3 sett

E ti amo Rino

Rino Gaetano non compare nella lista dei figli unici che hanno fatto la storia, perché fu il fratello di Giuseppe e Anna. Al suo posto c’è una canzone
Ticino7
1 mese

Giallo con roselline. Un racconto di Giorgio Genetelli

“Maramore non aveva resistito al passo lungo della donna e l’aveva fermata vicino a un bar, le aveva accennato, erano entrati, avevano parlato...”
Ticino7
1 mese

Andreas Gysin e l’arte “cibernetica”

Mentre il nuovo anno è dietro l’angolo, il percorso dell’artista e designer ticinese racconta di un futuro che è già qua (per chi non se n’è accorto)
Ticino7
1 mese

In attesa della Rondine

Vive soprattutto nelle campagne e in Svizzera si stima una popolazione di 100-150mila coppie. Una cifra fortemente diminuita negli ultimi vent’anni
Ticino7
1 mese

Sentitamente ringraziamo. E felice anno nuovo!

“Ciò che ci sta alle spalle e ciò che ci sta di fronte, sono ben poca cosa rispetto a ciò che è dentro di noi” (Ralph W. Emerson, 1803-1882)
Ticino7
1 mese

Buoni propositi per l’anno che verrà?

Come funzionano le abitudini e come poterle cambiare. Evitando di cadere nel tranello delle ‘grandi ed eroiche aspettative’
Ticino7
1 mese

Friedrichstrasse. Sei note berlinesi

“La serenità è ridurre la distanza tra il fuori e il dentro, per esempio tra il fuori e il dentro di noi. La serenità è nel non coprire”
Ticino7
1 mese

Quattro tiri con Remo Semmler (tutti a canestro)

È stato uno dei fondatori del Gruppo Paraplegici Ticino ed è al timone dei cestisti dei Ticino Bulls. Ha la capa tosta e ama le sfide, leggere per credere
Ticino7
1 mese

L’insospettabile Merlo acquaiolo

È possibile vederlo anche in città, purché vi siano fiumi o ruscelli che possano garantirgli un luogo per la nidificazione e puliti per trovare nutrimento
Ticino7
1 mese

Incanto e disincanto: versi (inediti) di Alberto Nessi

“(...) Si accorgerà della mia assenza / questo carpino bianco, senza foglie / nella stagione dell’abbandono?”
Ticino7
1 mese

Dai che passa, l’importante è non mollare

Anche sotto Natale, la società si divide: chi all’eccitazione delle feste non resiste, chi fa buon viso e mangia... e poi quelli che bene bene non stanno
Ticino7
1 mese

Amrita Hospital: perché le cure sono un diritto per tutti

Viaggio alla scoperta di una struttura sanitaria privata dove sostenibilità, tecnologia e spiritualità si intrecciano. Qui i più poveri non pagano
Ticino7
1 mese

Disavventure Latine. Messico: respirare in Città

Con circa 22 milioni di abitanti, è la 12esima metropoli più popolosa del mondo. Forse basterebbe questo per capire cosa stiamo per raccontare...
Ticino7
1 mese

La Scarabattola: Napoli e l’arte del presepe

Quando l’Italia non si scaldava ancora alle idee progressiste dei geniali fratelli Scuotto, l’estero li riconosceva come artisti liberi e visionari
Ticino7
1 mese

“Te piace ’o presepio?”. “No!”. Il perché è una vecchia storia

Certe tradizioni forse non spariranno mai. Ma farle resistere al vortice dei pacchetti regalo a tutti i costi rimane una missione a volte assai complessa
Ticino7
1 mese

Le amare profezie culturali di Luciano Bianciardi

“Parrà strano, ma nel mondo delle lettere il peggior peccato di uno scrittore consiste nello scrivere”
Ticino7
1 mese

Quel piccolo mondo dei ‘fatti minori’ (per modo di dire)

Poderose legnate, scontri rocamboleschi, curiosi infortuni dalla cronaca ticinese del secolo scorso. Roba da ridere, quando i protagonista sono gli altri
13.03.2022 - 09:05
Aggiornamento: 16:19

Chi sono gli Incel e i Redpillati. E perché (a volte) uccidono

Nessuno vi vuole perché il “look” non è quello giusto, non siete ricchi e nemmeno la vostra considerazione in società è un granché?

di Mariella Dal Farra
chi-sono-gli-incel-e-i-redpillati-e-perche-a-volte-uccidono
L’incapacità di approcciarsi all’universo femminile porta alcuni uomini a isolarsi, anche sessualmente, dalle donne, e al celibato involontario.
+2

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato del sabato a laRegione.

Fa parte del gioco, quello dell’amore e delle relazioni: lei sceglie solo alcuni lui; lui preferisce certe lei, seguendo metri di scelta soggettivi, anche se sovente influenzati da modelli e aspettative sociali. Può succedere una, due, dieci volte… ma quando il rifiuto è una costante nella vita di una persona e (apparentemente) non dipende da lei ma da "fattori diversi", possono sorgere dei problemi comportamentali e manifestarsi ossessioni e derive violente. A volte mortali.

Signore e signori, il momento è critico. Da tutti i punti di vista: ambientale, politico, economico e, ultimamente, pure sanitario e di equilibri internazionali. Viviamo in un’epoca d’instabilità e il senso d’insicurezza che ne deriva determina ricadute psicologiche sulle singole persone, i gruppi e la società nel suo insieme. A questo stato di cose contribuisce la sempre più ineguale distribuzione della ricchezza: secondo l’OCSE, nei Paesi membri il reddito medio del 10% più ricco della popolazione è circa nove volte superiore a quello del 10% più povero mentre, 25 anni fa, lo era "solo" di 7. Uno degli esiti più evidenti di questa sperequazione, e delle tensioni che ne derivano, è il dilagare del pensiero dietrologico, o "complottista", proprio cioè di chi "ritiene che dietro a molti accadimenti si nascondano cospirazioni, trame e complotti occulti" (Treccani).
L’attitudine a spiegare gli eventi che ci coinvolgono, a livello individuale o collettivo, ipotizzando l’esistenza di misteriosi gruppi di potere che agirebbero perseguendo finalità malvagie o, quanto meno, volte a massimizzare i propri interessi a discapito di quelli rappresentati dalla società, è piuttosto antica. Un esempio prototipico è quello costituito dalla caccia alle streghe che ebbe luogo fra il 1450 e il 1750 in Europa – più precisamente, in un territorio comprensivo della Francia fino all’arco alpino, secondo Carlo Ginzburg – a seguito delle crisi economiche e sociali in atto in quel periodo, fra cui la Riforma Protestante, la Controriforma, la Guerra dei Trent’anni e le epidemie di peste. In periodi storici più recenti, di fatto contingenti, il Deep State teorizzato dal gruppo politico di estrema destra QAnon (un tema approfondito anche in Ticino7 n. 43/2020, ndr), sostenitore dell’ex presidente Donald Trump, presenta sorprendenti rassomiglianze al prototipo, con qualche piccola variazione sul tema (se le streghe venivano accusate di mangiare i bambini, QAnon sostiene che Hillary Clinton sia a capo di un network di pedofili ricchi e potenti).

Incel: celibi per forza

I vantaggi psicologici del pensiero complottista – non immediatamente intuibili, considerata la visione non proprio felice e anzi tendenzialmente persecutoria del mondo – sono almeno di due tipi: da una parte, consente di esternalizzare "il male", attribuendolo a cause indipendenti dalla volontà del soggetto e, quindi, deresponsabilizzandolo; dall’altra, comporta una paradossale forma di rassicurazione poiché fornisce una spiegazione pseudologica a eventi che si trovano al di fuori del controllo dell’individuo, dandogli la sensazione (illusoria) di comprenderli e, quindi, di non essere del tutto impotente rispetto a essi. A questo punto, è opportuna una precisazione: non è che i complotti e le lobby di potere non esistano; il fatto è che agiscono prevalentemente a livello istituzionale, laddove risiedono le vere leve del potere. Attribuire questo tipo di azioni a chi invece si colloca in fondo alla catena alimentare (immigrati, minoranze etniche o religiose, candidate presidenti che hanno perso le elezioni eccetera) rappresenta quasi sempre una forma di dietrologia… che però, sfortunatamente, fornisce spesso l’innesco a genocidi e stragi.
Nel 2014, vicino al campus universitario di Santa Barbara, in California, il ventiduenne Elliot Rodger, prendendo di mira soprattutto le ragazze, uccise sei persone e ne ferì gravemente altre quattordici prima di togliersi la vita. Quest’uomo si riconosceva nella community degli Incel (da Involuntary Celibate, "celibe involontario"): un gruppo di individui, localizzato prevalentemente negli Stati Uniti e in Canada, che si sentono vittime del rifiuto affettivo e sessuale delle "donne" (intese come categoria generale ed evidentemente astratta), colpevoli di selezionare i propri partner in base a ciniche valutazioni di ordine economico, genetico e di status sociale. Non si trattò di un caso isolato: almeno otto omicidi di massa, per un totale di sessantuno vittime, sono stati commessi da uomini che si identificano in questa comunità, descritta dai ricercatori e dai media come "misogina, incoraggiante l’uso della violenza, estremista e con la tendenza a radicalizzare i propri membri" (da Incel in Wikipedia). E se per ora il fenomeno, quantomeno nelle sue implicazioni più ferali, sembra circoscritto al Nord America, alcune propaggini sembrano arrivare fino a noi, mescolandosi e ibridandosi con le inquietudini misogine nostrane.


Nel 2014, vicino al campus universitario di Santa Barbara, in California, il ventiduenne Elliot Rodger, prendendo di mira soprattutto le ragazze, uccise sei persone e ne ferì gravemente altre quattordici prima di togliersi la vita. Quest’uomo si riconosceva nella community degli Incel (da Involuntary Celibate, "celibe involontario").

Redpillati: i figli di Matrix

La "costellazione" degli Incel è parte di una galassia ideologica nota come Manosphere (letteralmente, "uomo-sfera") che include movimenti per "la difesa dei diritti degli uomini" in cui confluiscono istanze di varia natura, dalle più "comprensibili" – per esempio, per un’applicazione equilibrata delle leggi che regolano divorzio, mantenimento e gestione dei figli – alle più bizzarre (suprematismo maschile e altre amenità). Queste comunità condividono una particolare visione del mondo, a cui si riferiscono allusivamente usando l’espressione "red pill" con riferimento al film Matrix (1999) in cui una pillola rossa consente di liberarsi delle illusioni per vedere le cose come stanno realmente. E cioè, secondo i "redpillati", più o meno in questi termini: 1. non è vero che le donne subiscono discriminazioni, perché i movimenti femministi hanno provveduto a trasferire buona parte del potere nelle loro mani, e ora sono i maschi a trovarsi in svantaggio; 2. i rapporti fra i sessi sono regolati da un sistema di valutazione reciproca basata sui parametri "LSM" ("Look, Status, Money", "estetica, status e ricchezza"); 3. nonostante l’ordinamento che ne deriva sia rigidamente gerarchizzato, le donne tentano costantemente di "ipergamare" (dal neologismo "hypergamy"), ovvero di accoppiarsi con uomini superiori a loro per bellezza, disponibilità economica e/o posizionamento sociale. Quest’ultimo assioma è stato addirittura formalizzato in una regola aritmetica, la "legge 80/20", secondo la quale l’80% delle donne desidera esclusivamente quel 20% di uomini che si trova ai vertici del sistema, ignorando crudelmente tutti gli altri.


"È la tua ultima occasione, se rinunci non ne avrai altre. Pillola azzurra, fine della storia: domani ti sveglierai in camera tua, e crederai a quello che vorrai. Pillola rossa, resti nel paese delle meraviglie, e vedrai quant’è profonda la tana del bianconiglio. Ti sto offrendo solo la verità, ricordalo. Niente di più". (dal film ‘Matrix’ del 1999)

Vedo tutto nero

Ed è qui che si passa dalla pillola rossa a quella "nera", ovvero a una radicalizzazione che caratterizzerebbe soprattutto la community degli Incel e che segnerebbe il passaggio a una forma di nichilismo potenzialmente pericoloso. "Un Incel black-pillato vede la vita come un’eterna condanna, una maledizione, un fato. Nessuna possibilità di ricominciare o di imparare a migliorare. Parimenti, non sussiste alcuna responsabilità individuale. […] Per questi aderenti, la certezza depressiva di essere (per sempre) soli genera un’attitudine indifferente alla propria stessa esistenza". Ed è così che "il supporto fra Incel si trasforma da una rete di auto-mutuo-aiuto e solidarietà a un network che incoraggia i propri membri a individuarsi attraverso l’ostilità" (J. Bratich & S. Banet-Weiser, "From pick-up artists to Incels: Con (fidence) games, networked misogyny, and the failure of neoliberalism", International Journal of Communication, 2019).
Ora, credo si possa ragionevolmente affermare che il "non mi si fila nessuno" sia uno stato d’animo piuttosto spiacevole e tuttavia universale: lo sperimentano tutti almeno una volta nella vita; uomini, donne e pure le persone che non si identificano all’interno di una logica binaria. Non si capisce quindi su quali basi gli Incel debbano rivendicarne l’esclusiva, e addirittura metterla a sistema. Inoltre, se è vero che il modello capitalistico tende a capitalizzare anche le persone, conferendo loro un valore di tipo strumentale (vedi il tanto sbandierato ma di fatto insidioso concetto di "autostima"...), allora sarebbe opportuno cercare di modificare il sistema stesso, invece che perpetuarne la logica a discapito di qualcun altro. "Gli uomini e i ragazzi Redpillati e Incel sono arrabbiati perché hanno perso diritti o privilegi dati per scontati e, oltre a questo, nel caso degli Incel, perché si sentono sviliti e denigrati. Entrambi i gruppi, invece di rivendicare diritti e spazi per sé, o di decostruire modelli maschili normativi e rigidi, rivolgono la rabbia contro le donne (A. Dordoni e S. Magaraggia, "Modelli di mascolinità nei gruppi online Incel e Red Pill: narrazione vittimistica di sé, deumanizzazione e violenza contro le donne", AG About Gender-Rivista internazionale di studi di genere, 2021).

Persone-oggetto

La violenza non è prerogativa degli uomini, e neppure delle donne; neanche la violenza di genere lo è. Una donna che valuti l’appeal di un uomo in base a considerazioni di carattere meramente estetico, oppure in termini di vantaggio economico e sociale che un’unione con lui potrebbe comportare, lo sta di fatto oggettualizzando. Un’operazione non dissimile da quella messa in atto da un uomo che consideri una donna alla stregua di un oggetto sessuale. L’oggettualizzazione è una forma di violenza, anzi, ne costituisce l’essenza, e il comportamento violento può essere messo in atto tanto dagli uni quanto dalle altre, e più in generale da ciascuna/o di noi, con le ben note implicazioni e conseguenze. Non è il genere a cui apparteniamo a renderci "cattivi" ma il permanere, prima di tutto mentalmente, all’interno di sistemi troppo angusti: un modello economico che amplifica le disuguaglianze e frena la mobilità sociale; le "gabbie" create dai pregiudizi e dalla paura... La parola "cattivo", in fondo, deriva dal latino captivus, "prigioniero".


© Shutterstock

LA PRIGIONE DELLE EMOZIONI
A proposito di apprendimenti o, meglio, condizionamenti "imprigionanti", è certo degno di nota quello che vieta agli uomini, soprattutto se bianchi ed eterosessuali, la libera espressione delle emozioni. E questo sulla base di un belief (un convincimento/credenza implicita/inconscia) secondo il quale manifestare apertamente gioia, paura, dolore o sorpresa rende un uomo "un po’ meno uomo" di quanto non dovrebbe essere. Il "vero uomo" sarebbe infatti quello impassibile, impenetrabile, non emotivo – tipo Clint Eastwood, con le sue due espressioni: con la sigaretta e senza – laddove l’emotività è stata per secoli fraintesa con la tendenza (peraltro del tutto rispettabile) a commuoversi facilmente. C’è un’unica emozione considerata "virile", ed è la rabbia: forse anche per questo alcuni uomini invece di dire "ho paura" oppure "sono triste", diventano violenti.

PICK UP ARTIST
Secondo gli studi svolti sull’argomento, la community degli Incel nasce – per protesta – da quella dei "Pick up Artist", espressione traducibile all’incirca come "gli artisti del rimorchio": guru che "insegnano" a uomini timidi o inesperti come sedurre le donne, facendosi pagare lautamente per i preziosi "consigli". Nel film Magnolia (1999) di Paul Thomas Anderson, uno sconcertante Tom Cruise interpreta magistralmente proprio un Pick up Artist di successo.

Leggi anche:

QAnon: i complottisti e Donald Trump

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved