ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
6 ore

Cartoline da Barcellona

Arriva un giorno in cui alcune città di mare crescendo se ne allontanano. Come se non ci fosse più.
Ticino7
8 ore

Cesare Veglio, o semplicemente Maestro Cesare

Ha poco più di 30 anni, ha cominciato nel 2012 alle scuole elementari di Acquarossa, poi è stato chiamato a Olivone e ora è tornato al paese d’origine...
Ticino7
11 ore

Moda e inclusività (stiamo lavorando per voi)

Proposte sempre meno discriminanti, senza paletti di taglia, gender, cultura o età. Il mondo del fashion è davvero più fluido e democratico?
Ticino7
14 ore

L’amore ai tempi delle neuroscienze

Molti i progressi in questo ambito, e quanto è stato scoperto è interessante, anche se resta irrisolta la questione principale: cos’è l’amore?
Ticino7
16 ore

Amore amore, amore un Festival

Per introdurre l’edizione odierna, nella quale camminano a braccetto sentimento e neuroscienze, un amoroso aneddoto dagli ‘squallidi’ risvolti
Ticino7
6 gior

Sportivamente parlando

L’avvento dello sport in Ticino, dalle riserve iniziali ai successivi eccessi (risse incluse)
Ticino7
6 gior

Generazione ‘Aftersun’

Presentato lo scorso maggio a Cannes, è diventato un caso. Paul Mescal (Calum nel film) è candidato all’Oscar come Miglior attore protagonista
Ticino7
1 sett

Il poliziotto Mattia

Mattia Da Dalt si occupa di formazione, interna ed esterna al Corpo di Polizia, dalla scuola dell’infanzia fino agli adulti. Anche con l’amico Peo.
Ticino7
1 sett

Ho visto Jerry Seinfeld

Trattato come uno scarto da chi maneggiava palinsesti, dopo di lui nulla è stato più come prima: buio in sala, sul palco di Tucson la leggenda.
Ticino7
1 sett

Gioco, partita, incontro e citazione

Per inaugurare l’edizione n. 4 dedicata allo sport ticinese, parole di tennis (non ticinese)
Newsletter
1 sett

C’era una volta il primo skilift

È quello di Airolo-Lüina, nato nel 1950. C’erano una volta pure gli Ittiti e Hattusa, città sacra. Attualissimi, invece, gli insulti e gli insetti
Ticino7
1 sett

Da più di settant’anni, a Lüina si scia

‘Per i ragazzi la giornaliera costava 3 franchi, 5 per gli adulti. La salita singola, rispettivamente 30 e 50 centesimi’: storia del primo ski-lift
Ticino7
1 sett

Bärbel Koch e i piccoli abitanti del pianeta

Di Besazio, biologa di formazione con una passione per gli insetti nata durante gli studi, dirige la Società entomologica della Svizzera italiana
Ticino7
2 sett

Hattusa, nell’antica terra degli Ittiti

Scoperta in Turchia, fondata dal bellicoso popolo indoeuropeo venuto dal Caucaso, potrebbe esserne stata la città sacra
Ticino7
2 sett

Scrittore sarà lei!

Jane Austen vs Mark Twain, Virginia Woolf vs James Joyce, Truman Capote vs Jack Kerouac: le vie dell’insulto sono infinite
Ticino7
2 sett

Capra! Capra! Capra! Capra!

Mettiamola così: noi che abbiamo visto Vittorio Sgarbi e pensiamo di aver visto tutto, non abbiamo visto niente
Ticino7
2 sett

Mario Venuti, un equilibrista fra l’Etna e il Corcovado

C’è un pezzo della storia del cantautore siciliano dentro ‘Mai come ieri’, album in cui è presente il duetto con la Cantantessa e tanto Brasile
15.01.2022 - 08:00
Aggiornamento: 17.01.2022 - 12:29

Ghiacciaio del Chüeboden. Una storia di piccoli iceberg

In un recente volume, il meteorologo e glaciologo Giovani Kappenberger ripercorre la nascita e la scomparsa di un fenomeno inedito per le nostre regioni

di Redazione/GF
ghiacciaio-del-ch-eboden-una-storia-di-piccoli-iceberg
© SalvioniEdizioni
+7

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato settimanale de laRegione

“Agli iceberg del Gerenpass, con gli amici che di volta in volta mi hanno accompagnato, ho dato un nome: si chiamano Olaf, Irene, Cervino, Centrale, Due Balene, Estremo Nord… Dopo l’apparizione degli iceberg e fino al loro dileguamento, sono salito nove volte al cospetto dei giganti di ghiaccio: documentare la loro breve esistenza e cercare di capirne la dinamica mi è parso un omaggio doveroso, degno della loro bellezza”.

Lo spettacolo è mozzafiato sulle alture del Geren che collegano la Val Bedretto al Vallese. A causa del riscaldamento globale, ai piedi del ghiacciaio si è formato un laghetto dove da alcuni mesi sono affiorati dei blocchi di ghiaccio simili a degli iceberg. L’acqua penetra sotto la lingua del ghiacciaio e la sua pressione stacca dei pezzi che poi riemergono, galleggiando nel laghetto. Sembrano proprio degli iceberg: un fenomeno che raramente si è visto negli ultimi anni, di solito a staccarsi è un blocco unico e non dei pezzi in più eventi come è successo sul passo del Geren, ha precisato il glaciologo. Ma lì, come d’altra parte sta avvenendo in altri luoghi con ghiacciai, questi iceberg si scioglieranno nelle prossime estati e con il tempo il ghiacciaio scomparirà completamente”.
Così un servizio della RSI del dicembre 2020 raccontava quanto Giovanni Kappenberger stava studiando sulle cime tra Ticino e Vallese. Ora quelle osservazioni sono diventate un piccolo e interessantissimo volume. Siamo in Alta Valle Bedretto: dalla località All’Acqua (1’612 metri) con circa un’ora di cammino si sale alla capanna Piansecco. Dopo altre due ore a piedi si raggiunge il Gerenpass, un valico a 2’700 metri di quota che divide il nostro Cantone dal Vallese. Qui si trova il piccolo Ghiacciaio del Chüeboden, dalla forma rotonda con una spessa coltre di ghiaccio; oltre 70 metri, molto maggiore, per esempio, rispetto ai 25 metri di spessore del ben più grande ghiacciaio del Basòdino. Dal 2000 questo piccolo ghiacciaio ha iniziato a ritirarsi: ora ha la forma di una mezza sfera, poiché l’altra metà è occupata da un laghetto, battezzato Lago di Geren e profondo circa 60 metri. Il 26 novembre del 2020 – una data molto precisa definita grazie alle foto satellitari –, una grossa porzione del ghiacciaio che giaceva sul fondo del laghetto si è rotta ed è emersa a grande velocità, rompendosi in diversi pezzi e creando degli iceberg che hanno iniziato a galleggiare sulla superficie del lago. L’inverno ha gelato il lago e ha “bloccato” queste porzioni di ghiaccio, rendendole visibili e creando “un mondo surreale e molto suggestivo”. Da giugno del 2021 la neve si è ritirata e grazie alle temperature estive i blocchi di ghiaccio lentamente si sono sciolti, sopravvivendo fino allo scorso novembre. Ora sono scomparsi. Una presenza che ha portato molti amanti della montagna sino in questo luogo per ammirare un avvenimento spettacolare e assolutamente unico alle nostre latitudini. Il libro ne immortala la parabola.


© SalvioniEdizioni


© SalvioniEdizioni


© SalvioniEdizioni


© SalvioniEdizioni


© SalvioniEdizioni


© SalvioniEdizioni


© SalvioniEdizioni

L’AUTORE
Giovanni Kappenberger (classe 1948) vive nei Grigioni ed è stato una voce storica di MeteoSvizzera a Locarno-Monti. Meteorologo e glaciologo con studi all’ETH di Zurigo, già deputato socialista in Gran Consiglio, è autore di studi e pubblicazioni legati al clima e ai fenomeni naturali. Fra questi ricordiamo Il tempo in montagna. Manuale di meteorologia alpina (Zanichelli, 1997), scritto con Jochen Kerkmann.

IL LIBRO
Gli iceberg del Gerenpass - Poetica del ghiaccio. Diario di un glaciologo
Pagine 144, con 130 fotografie e disegni. SalvioniEdizioni (2021). Per info: salvioni.ch; tel. +41 (0)91 821 11 11


© SalvioniEdizioni


© SalvioniEdizioni

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved