ghiacciaio-del-ch-eboden-una-storia-di-piccoli-iceberg
© SalvioniEdizioni
+7
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
4 ore

Ambiente & azione

Oltre alla ‘Giornata della buona azione’, questo fine settimana in Svizzera si celebrano anche la natura e gli ecosistemi
Ticino7
4 gior

Salvare una vita è sempre una buona idea

Nelle acque del Mediterraneo continuano a morire esseri umani, leggi e diritti. Spesso nel silenzio. Ne abbiamo parlato con Cecilia Strada della ONG ResQ
Ticino7
6 gior

L’occhio sociale di Alessandro Ligato

‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
Ticino7
6 gior

Se volevo essere un riempimento di vuoti nascevo stucco

Perché è così difficile per le persone percepire la differenza tra essere disponibili ed essere a disposizione?
Ticino7
6 gior

Dimmi come ti chiamano (e ti dirò chi sei)

Ti si attacca addosso in un attimo e ti accompagna per tutta la vita, spesso finendo per diventare anche un nome di famiglia alternativo: è il soprannome
Ticino7
1 sett

Quello sei tu, davvero

Hai voglia a costruirti un profilo pubblico rispettabile, se poi quelli che ti conoscono veramente...
Ticino7
1 sett

Gabriel Stöckli e l’età dell’incertezza

La durezza e la semplicità delle forme coinvolte nelle sue creazioni sono anche la metafora della precarietà della sua generazione
Ticino7
1 sett

Storie e curiosità col ‘ghiro d’Italia’ (ma senza sudare)

Anche se non siete amanti della bici, qui potrete trovare pane per i vostri denti. Perché in su e in giù seguendo la Maglia Rosa non si pedala e basta...
Ticino7
2 sett

Il castoro cerca casa, uomo permettendo

Cacciato, estinto e reintrodotto. Anche quella di questo ingegnoso roditore è la storia di una convivenza fragile e complessa con l’homo sapiens
Ticino7
2 sett

Essere ‘Supergiovani’ dentro

“Nel boschetto della mia fantasia c’è un fottio di animaletti un po’ matti inventati da me, che mi fanno ridere quando sono triste”
Ticino7
2 sett

La scelta ‘silenziosa’ di Claudio Zanini

Guida un’auto elettrica e con 120mila chilometri alle spalle l’esperienza è molto positiva. A parte quei costi legati alla ricarica ‘da migliorare’...
Ticino7
2 sett

Guidare elettrico: lo stile fa la differenza

Come si guida un veicolo con motore elettrico, con un occhio ad autonomia e resa, e rientrare nei margini di percorrenza promessi dai costruttori?
Ticino7
2 sett

Elettrificazione. Ok, la parola è giusta

Piccola guida per capirci qualcosa in un universo fatto di sigle, corrente, cavi, potenza, batterie, prese e molto inglese
Ticino7
3 sett

Mobilità e sostenibilità: le buone intenzioni

Serve a poco utilizzare veicoli (sulla carta) poco inquinanti, se poi si guidano così così
Ticino7
3 sett

‘Egolandia’ o le cinquanta sfumature di Narciso

Volete evitare di cadere vittima del narcisista manipolatore? Ecco il contributo giusto per voi...
Ticino7
3 sett

La narrazione emotiva di Luca Chieregato

Recente autore di un coinvolgente volume, l’attore e cantastorie ci ricorda l’importanza della tradizione orale. Perché raccontare è anche raccontarsi
Ticino7
3 sett

Sandra Zanchi, un volto del popolo

Attrice dialettale, scrittrice, regista e autrice di brani musicali, a inizio aprile è diventata centenaria. Ma l’affetto del pubblico ancora la sorprende
15.01.2022 - 08:00
Aggiornamento : 17.01.2022 - 12:29

Ghiacciaio del Chüeboden. Una storia di piccoli iceberg

In un recente volume, il meteorologo e glaciologo Giovani Kappenberger ripercorre la nascita e la scomparsa di un fenomeno inedito per le nostre regioni

di Redazione/GF

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato settimanale de laRegione

“Agli iceberg del Gerenpass, con gli amici che di volta in volta mi hanno accompagnato, ho dato un nome: si chiamano Olaf, Irene, Cervino, Centrale, Due Balene, Estremo Nord… Dopo l’apparizione degli iceberg e fino al loro dileguamento, sono salito nove volte al cospetto dei giganti di ghiaccio: documentare la loro breve esistenza e cercare di capirne la dinamica mi è parso un omaggio doveroso, degno della loro bellezza”.

Lo spettacolo è mozzafiato sulle alture del Geren che collegano la Val Bedretto al Vallese. A causa del riscaldamento globale, ai piedi del ghiacciaio si è formato un laghetto dove da alcuni mesi sono affiorati dei blocchi di ghiaccio simili a degli iceberg. L’acqua penetra sotto la lingua del ghiacciaio e la sua pressione stacca dei pezzi che poi riemergono, galleggiando nel laghetto. Sembrano proprio degli iceberg: un fenomeno che raramente si è visto negli ultimi anni, di solito a staccarsi è un blocco unico e non dei pezzi in più eventi come è successo sul passo del Geren, ha precisato il glaciologo. Ma lì, come d’altra parte sta avvenendo in altri luoghi con ghiacciai, questi iceberg si scioglieranno nelle prossime estati e con il tempo il ghiacciaio scomparirà completamente”.
Così un servizio della RSI del dicembre 2020 raccontava quanto Giovanni Kappenberger stava studiando sulle cime tra Ticino e Vallese. Ora quelle osservazioni sono diventate un piccolo e interessantissimo volume. Siamo in Alta Valle Bedretto: dalla località All’Acqua (1’612 metri) con circa un’ora di cammino si sale alla capanna Piansecco. Dopo altre due ore a piedi si raggiunge il Gerenpass, un valico a 2’700 metri di quota che divide il nostro Cantone dal Vallese. Qui si trova il piccolo Ghiacciaio del Chüeboden, dalla forma rotonda con una spessa coltre di ghiaccio; oltre 70 metri, molto maggiore, per esempio, rispetto ai 25 metri di spessore del ben più grande ghiacciaio del Basòdino. Dal 2000 questo piccolo ghiacciaio ha iniziato a ritirarsi: ora ha la forma di una mezza sfera, poiché l’altra metà è occupata da un laghetto, battezzato Lago di Geren e profondo circa 60 metri. Il 26 novembre del 2020 – una data molto precisa definita grazie alle foto satellitari –, una grossa porzione del ghiacciaio che giaceva sul fondo del laghetto si è rotta ed è emersa a grande velocità, rompendosi in diversi pezzi e creando degli iceberg che hanno iniziato a galleggiare sulla superficie del lago. L’inverno ha gelato il lago e ha “bloccato” queste porzioni di ghiaccio, rendendole visibili e creando “un mondo surreale e molto suggestivo”. Da giugno del 2021 la neve si è ritirata e grazie alle temperature estive i blocchi di ghiaccio lentamente si sono sciolti, sopravvivendo fino allo scorso novembre. Ora sono scomparsi. Una presenza che ha portato molti amanti della montagna sino in questo luogo per ammirare un avvenimento spettacolare e assolutamente unico alle nostre latitudini. Il libro ne immortala la parabola.


© SalvioniEdizioni


© SalvioniEdizioni


© SalvioniEdizioni


© SalvioniEdizioni


© SalvioniEdizioni


© SalvioniEdizioni


© SalvioniEdizioni

L’AUTORE
Giovanni Kappenberger (classe 1948) vive nei Grigioni ed è stato una voce storica di MeteoSvizzera a Locarno-Monti. Meteorologo e glaciologo con studi all’ETH di Zurigo, già deputato socialista in Gran Consiglio, è autore di studi e pubblicazioni legati al clima e ai fenomeni naturali. Fra questi ricordiamo Il tempo in montagna. Manuale di meteorologia alpina (Zanichelli, 1997), scritto con Jochen Kerkmann.

IL LIBRO
Gli iceberg del Gerenpass - Poetica del ghiaccio. Diario di un glaciologo
Pagine 144, con 130 fotografie e disegni. SalvioniEdizioni (2021). Per info: salvioni.ch; tel. +41 (0)91 821 11 11


© SalvioniEdizioni


© SalvioniEdizioni

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chüeboden ghiacciaio giovanni kappenberger iceberg valle bedretto
© SalvioniEdizioni
Guarda tutte le 11 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved