i-bambini-i-miti-le-bugie-e-i-rituali-del-natale
© Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
3 gior

Braccati e in fuga con Matula (e i Pink Floyd)

Metti una sera davanti alla TV. In onda una vecchia puntata del classico “Ein Fall für Zwei”, ma il bello è quello che si sente in sottofondo...
Ticino7
3 gior

L’arte ‘sociale’ di Manuela Villa-Petraglio

"Vado in studio, resto lì… a respirarne l’aria, tasto l’atmosfera, cerco di estraniarmi dal mondo esterno per entrare in una comunicazione con me stessa”
Ticino7
5 gior

Lassù, tra le cime. La vita dello stambecco alpino

Appartiene al superordine degli ungulati e domina le valli dalle vette dell’arco alpino dove esibisce, con portamento fiero, le sue maestose corna
Ticino7
5 gior

Radio e TV: la staffetta di Carla e Lara

“Scrivi più su di lei, mi raccomando!”. “Ma no, ma no, scrivi più su di lei!”. Vabbè, dai... intanto iniziamo a raccontarvi che c’è di nuovo alla RSI
Ticino7
5 gior

Giornata mondiale della neve. Una scuola coi fiocchi

Il 16 gennaio si celebra la Giornata mondiale della neve. Una ricorrenza istituita nel 2012 per ricordare (anche) la sua importanza per il nostro pianeta
Ticino7
6 gior

Ghiacciaio del Chüeboden. Una storia di piccoli iceberg

In un recente volume, il meteorologo e glaciologo Giovani Kappenberger ripercorre la nascita e la scomparsa di un fenomeno inedito per le nostre regioni
Ticino7
6 gior

Sulle cime e sui pendii occhi aperti. Sempre ;-)

Vivere la montagna significa prima di tutto rispettarla, nel nome della propria sicurezza. E una nuovissima pubblicazione del DT potrà darci una mano
Ticino7
1 sett

Rocco Lombardi: non è (solo) una questione di ritmo...

“La si può suonare anche in assenza di elettricità, quindi non inquina, e non importa se è un po’ scordata, il suono sta nelle mani” (e il talento aiuta)
Ticino7
1 sett

Positiva ma non isolata? ‘Caso conforme’, dice il Cantone

Talora i test PCR possono trovare residui del virus anche nelle persone guarite. Il caso di una donna e i chiarimenti del medico cantonale Giorgio Merlani
Ticino7
1 sett

Una ragazza sola al ristorante (per chi vuole ancora crederci)

“C’erano solo lei e la nebbia che la sospendeva dal mondo, e quanto avrebbe voluto sentire sospesi anche i suoi pensieri”
Ticino7
1 sett

La mente, crocevia di ricordi e di rimpianti

Cʼè chi rivede volti e sentimenti di amori perduti. E chi lo vorrebbe fare, ma un destino beffardo glielo impedisce
Ticino7
2 sett

Un diritto e un rovescio con Susan Bandecchi

Quando le si chiedeva cosa volesse fare da grande, la sua risposta era decisa e di pancia: “La cantante!”. Poi è arrivata la racchetta...
Ticino7
2 sett

Sopra e sotto: la vita ‘misteriosa’ della talpa

Le “mani” sono a forma di badile, robuste, indispensabili per lo scavo. Mentre quelli posteriori hanno “piedi” piccoli. No, non è un alieno, pero...
Ticino7
2 sett

Il Capodanno, la Stube e i balli di gruppo

“Dai fior‘ dai fior′ dai fiordi della Norvegia, è sce′ è sce’ è scesa la vichinga. Cerca’, cerca’, cercava un po′ di sole e invece ha trovato l’amor”
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - I Pesci

“Gli ultimi saranno i primi?”. Voi continuate a fare le vittime, siete bravissimi. Poi però non lamentatevi, né con l’Oroscopo e nemmeno con chi vi ama
Ticino7
3 sett

2020, 2021, 2022: ‘Avanti un altro’

Inutile girarci intorno: anche il 2021 non è stato proprio una bellezza. Andrà meglio, abbiate fede. In fondo domani è...
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - L’Acquario

Quando le cose vanno male, potrebbero anche andare meglio. Per la serie: “Quando hai toccato il fondo, può succedere che ti tocchi pure scavare”
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Capricorno

“L’anno vecchio è finito, ormai / Ma qualcosa ancora qui non va”. Lucio Dalla era del segno dei Pesci, e forse per questo aveva già capito tutto
Ticino7
3 sett

L’Oroscopo (cinico) 2022 - Il Sagittario

Credavate di avere già dato abbastanza. Credavate: ma non avete fatto i conti col resto del mondo e tutti quegli “amici” che tanto vi amavano...
24.12.2021 - 12:310

I bambini, i miti, le bugie e i rituali del Natale

Il manuale del ‘buon genitore’ non esiste, anche se molti lo vorrebbero. Un ruolo spesso messo in discussione da dubbi e domande, pure sotto l’albero

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato settimanale de laRegione

Nel 1989 a Bellinzona nasce, su iniziativa di due psicologhe e una docente di scuola dell’infanzia, il Centro per l’Età Evolutiva. Un luogo pensato come punto d’incontro per genitori, familiari e professionisti interessati ai bambini (dalla nascita all’adolescenza) e alla loro crescita, confrontati con momenti di passaggio evolutivi. Diverse sono le offerte del Centro:
· Psicoterapia: uno spazio di ascolto e di crescita che fornisce un supporto professionale grazie alla presenza di psicologi e psicoterapeuti, che si mettono a disposizione per facilitare passaggi di vita a volte complessi.
· Gruppetto di bambini dai 2 ai 3 anni: tre mattine a settimana i piccoli si confrontano con i loro compagni e creano le basi necessarie per camminare verso la scuola dell’infanzia senza troppi scossoni. Grazie alla presenza di due operatrici si aiutano i genitori e i piccoli durante il primo distacco, ponendo l’accento sull’importanza di rispettare i tempi senza forzature.
· Momenti formativi e supervisioni rivolti ai professionisti (logopedisti, docenti, operatori per l’integrazione, ergoterapisti…).
· Momenti di incontro per genitori, genitori adottivi, genitori affidatari che permettono di condividere le varie esperienze affiancati da psicoterapeuti.

La notte delle meraviglie

È il 24 dicembre, la Vigilia di Natale. Marco ha 7 anni e ci ha vietato di accendere il camino. Aspetta una visita molto importante e il calore della brace potrebbe complicare le cose. Prima di andare a letto prepara un piattino con il sale per le renne. Scenderanno anche loro dal comignolo? Marco questa domanda neppure se la fa. Sul davanzale del camino dei biscotti e un bel bicchiere di latte per Babbo Natale. Una volta andato a letto rimettiamo tutto nei rispettivi contenitori. Un po’ di sale lo lasciamo sul piattino e, grazie a un po’ d’acqua, ecco una perfetta “leccata” in stile renna. Il latte invece me lo bevo. Quanto durerà questa “magia”? Marco qualche giorno fa è tornato a casa piangendo. A scuola l’hanno chiamato “tontolone”. Solo perché lui, a Babbo Natale, crede ancora. E a noi, a essere sinceri, non dispiace che viva nel suo mondo incantato. Ma sarà giusto? Sabrina Gianella, psicoterapeuta del Centro per l’Età Evolutiva (in Via San Bernardino 2 a Bellinzona; info@cee-bellinzona.ch), condivide con noi alcune riflessioni.


Uno degli spazi del Centro per lʼEtà Evolutiva, Bellinzona.

Babbo Natale, Gesù bambino, Befana, Re Magi, elfi, fate e folletti. Bugie bianche?
“Le famiglie tramandano i vari personaggi o le figure fantastiche in base alle loro credenze e vissuti familiari. Raccontare ai propri figli la storia di Babbo Natale (o chi per esso…) è una scelta che i genitori fanno, con lo scopo di creare dei momenti di magia e non di inganno verso il bambino. Spesso questa scelta è frutto del loro bagaglio personale: i genitori che nell’infanzia hanno vissuto una buona esperienza hanno piacere e voglia di tramandarla. Si creano così gradevoli momenti condivisi e ricordi che coinvolgono genitori e figli in una dimensione magica. Aggiungerei inoltre che la magia sta, oltre che nel Natale, nell’attesa e nel sentirsi pensati dagli altri (il regalo porta questo messaggio)”.

Quindi questa ‘magia’ aiuta nello sviluppo del bambino?
“Diciamo che a livello di fantasia e di magia ai bambini non dobbiamo proprio insegnare niente: loro ci insegnano la magia tutti i giorni! Nei giochi che fanno entrano immancabilmente in mondi magici, trasformandosi in pompieri, draghi, commessi, unicorni con poteri di ogni tipo. È sicuramente nella magia che i bambini hanno il loro punto di forza perché grazie a essa riescono a giocare a quello di cui hanno bisogno: capiscono come funzionano le cose – per esempio, quando giocano al negozio –, oppure sconfiggono delle paure come quando combattono mostri. Giocando elaborano e comprendono il mondo. Questo ha ovviamente degli effetti sullo sviluppo emotivo, quello cognitivo e sullo sviluppo globale”.

Quando questa magia si spezza?
“Non c’è un’età in cui dire al bambino che Babbo Natale non esiste, ma ci sono dei confronti che i bambini fanno con gli altri che li portano ad avere il dubbio. Quando un bambino è pronto a sapere, ci chiederà informazioni. È importante rispondere sinceramente a questa domanda, perché dobbiamo restare affidabili e devono fidarsi di noi. La fiducia è un sentimento che si sviluppa attraverso la relazione con il proprio genitore fin dalla nascita, si crea dal legame emotivo e dalla capacità di rispondere ai bisogni del bambino. Sicuramente lo svelamento non va a rompere la fiducia e la relazione non viene meno dopo questa scoperta. Come detto lo scopo di chi racconta ai bambini di Babbo Natale, non è quello di ingannarli, e proprio per questo motivo li possiamo accompagnare nello svelamento. Lo scopo era la magia, e quando raccontiamo ai bambini che Babbo Natale non esiste, possiamo dire loro anche un’altra verità: che era bello crederci e vivere insieme quella magia, come lo è stato per noi da piccoli con i nostri genitori. Possiamo raccontare di quando noi lo abbiamo scoperto e di quanto, seppur cresciuti, ci piace far finta di crederci ancora un po’. Ci sono dei bambini che, con amorevole complicità dei genitori, preferiscono continuare a fingere di crederci nonostante lo svelamento perché desiderano mantenere quella magia. Altri bambini possono restare molto delusi. In questo caso sarà importante accogliere la loro delusione. E una volta svelata la “magia” resta il ricordo di quei momenti, i profumi, le emozioni ed è questo che crea l’atmosfera, portandoci da grandi ad aver voglia di scegliere di raccontare la stessa “bugia” e far rivivere la medesima magia ai nostri figli”.


Sabrina Gianella è psicoterapeuta al Centro per lʼEtà Evolutiva.

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved