dentro-i-cassetti-di-georgina-bernardi
© Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
18 ore

Salvare una vita è sempre una buona idea

Nelle acque del Mediterraneo continuano a morire esseri umani, leggi e diritti. Spesso nel silenzio. Ne abbiamo parlato con Cecilia Strada della ONG ResQ
Ticino7
1 gior

L’occhio sociale di Alessandro Ligato

‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
Ticino7
2 gior

Se volevo essere un riempimento di vuoti nascevo stucco

Perché è così difficile per le persone percepire la differenza tra essere disponibili ed essere a disposizione?
Ticino7
2 gior

Dimmi come ti chiamano (e ti dirò chi sei)

Ti si attacca addosso in un attimo e ti accompagna per tutta la vita, spesso finendo per diventare anche un nome di famiglia alternativo: è il soprannome
Ticino7
2 gior

Quello sei tu, davvero

Hai voglia a costruirti un profilo pubblico rispettabile, se poi quelli che ti conoscono veramente...
Ticino7
1 sett

Gabriel Stöckli e l’età dell’incertezza

La durezza e la semplicità delle forme coinvolte nelle sue creazioni sono anche la metafora della precarietà della sua generazione
Ticino7
1 sett

Storie e curiosità col ‘ghiro d’Italia’ (ma senza sudare)

Anche se non siete amanti della bici, qui potrete trovare pane per i vostri denti. Perché in su e in giù seguendo la Maglia Rosa non si pedala e basta...
Ticino7
1 sett

Il castoro cerca casa, uomo permettendo

Cacciato, estinto e reintrodotto. Anche quella di questo ingegnoso roditore è la storia di una convivenza fragile e complessa con l’homo sapiens
Ticino7
1 sett

Essere ‘Supergiovani’ dentro

“Nel boschetto della mia fantasia c’è un fottio di animaletti un po’ matti inventati da me, che mi fanno ridere quando sono triste”
Ticino7
2 sett

La scelta ‘silenziosa’ di Claudio Zanini

Guida un’auto elettrica e con 120mila chilometri alle spalle l’esperienza è molto positiva. A parte quei costi legati alla ricarica ‘da migliorare’...
Ticino7
2 sett

Guidare elettrico: lo stile fa la differenza

Come si guida un veicolo con motore elettrico, con un occhio ad autonomia e resa, e rientrare nei margini di percorrenza promessi dai costruttori?
Ticino7
2 sett

Elettrificazione. Ok, la parola è giusta

Piccola guida per capirci qualcosa in un universo fatto di sigle, corrente, cavi, potenza, batterie, prese e molto inglese
Ticino7
2 sett

Mobilità e sostenibilità: le buone intenzioni

Serve a poco utilizzare veicoli (sulla carta) poco inquinanti, se poi si guidano così così
Ticino7
3 sett

‘Egolandia’ o le cinquanta sfumature di Narciso

Volete evitare di cadere vittima del narcisista manipolatore? Ecco il contributo giusto per voi...
Ticino7
3 sett

La narrazione emotiva di Luca Chieregato

Recente autore di un coinvolgente volume, l’attore e cantastorie ci ricorda l’importanza della tradizione orale. Perché raccontare è anche raccontarsi
Ticino7
3 sett

Sandra Zanchi, un volto del popolo

Attrice dialettale, scrittrice, regista e autrice di brani musicali, a inizio aprile è diventata centenaria. Ma l’affetto del pubblico ancora la sorprende
Ticino7
3 sett

Chiedilo alla pipì (e vedrai che sorprese...)

Sei giovane o vecchio dentro, schifiltoso o aperto come una rosa di maggio? Lei è in grado di dirci molte cose su noi stessi e sulla nostra specie
Ticino7
3 sett

Non è solo una ‘stupida felicità’

‘Questa è la ballata dell’uomo felice, felice di nome, di fatto, si può dire di mestiere, uno che la felicità l’ha imparata a dovere...’
Ticino7
4 sett

Chiara Zocchetti e l’iconografia della decadenza

Oltre al lavoro legato alla cronaca, si dedica a progetti personali come reportage e la fotografia d’architettura. E poi ci sono i luoghi abbandonati...
18.09.2021 - 13:43

Dentro i cassetti di Georgina Bernardi

Ci sono esistenze che, come alcuni oggetti, vanno di casa in casa attraversando il mondo e portandosi appresso i segni di esperienze variegate

Pubblichiamo l’editoriale apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

Nata e cresciuta in un piccolo paesino tra le montagne messicane, da dieci anni a questa parte gestisce insieme al marito Fabian una Boutique dell’usato a Muralto. Sposati da 25, dopo aver vissuto a lungo negli Stati Uniti dove sono venuti alla luce i loro due figli, è in Ticino che hanno realizzato il loro personale ‘Sogno europeo’. Sogno che per Georgina aveva fin da piccola il sapore della polenta e il suono delle storie raccontate dai nonni.

“Entrate a curiosare” è l’invito sul cartello apposto davanti al grazioso edificio color salmone che tenta di salvare da una fine precoce capi d’abbigliamento, stoviglie, libri, giocattoli, mobili, oggetti rustici e antichi, tutti accuratamente verificati nel loro stato. “Ci sono diversi pezzi unici che non si trovano altrove, oggetti d’antiquariato, altri provenienti da lontano, alcuni davvero particolari – spiega Georgina con evidente senso di attaccamento per quel negozio in cui trascorre le giornate –. Molti dei clienti sono affezionati che passano regolarmente per dare un’occhiata alle novità, fare quattro chiacchiere, lasciare qualcosa di cui raccontano i trascorsi. Passano anche tanti giovani amanti di vestiti e calzature vintage, turisti incuriositi, gente che cambia casa e la vuole arredare con originalità, senza pesare sull’ambiente e senza spendere troppo”. Desiderio di convivialità, gusto per il non convenzionale così come attenzione alla sostenibilità ecologica ed economica sono dunque le motivazioni, spesso intrecciate, che conducono i frequentatori in questo spazio tutto da esplorare. Elementi che costituiscono da sempre anche i cardini della vita di Georgina. “Per me questo lavoro è una vera passione. Da sempre amo le cose antiche e il fatto di dar loro una seconda vita, trasformarle, decorarle, rimetterle in circolazione. Fin da piccola indossavo i vestiti di mia sorella maggiore, in famiglia ci passavamo i mobili e molti altri oggetti. Ho ancora ben presente nella mente l’immagine delle antiche padelle di rame portate dall’Italia da mio nonno”.

La prima valigia

Seguendo lo srotolarsi del nastro dei ricordi, Georgina racconta: “Mio papà e mia mamma erano entrambi di origini italo-messicane, figli di italiani che sono emigrati nello Stato federale di Veracruz. Io appartengo alla terza generazione. Quando ero bambina da mia nonna mangiavo polenta e mortadella, che non erano certo cibi abituali in Messico. E i miei familiari raccontavano spesso del paese che avevano lasciato senza più tornarvi, facendo crescere in me una gran voglia di venire un giorno in Europa”. Terminata la formazione commerciale e incontrato quello che sarebbe divenuto il suo compagno di vita e di viaggio, è iniziata l’avventura. “Mio marito, che è messicano, ha sempre voluto trasferirsi all’estero. Quando ci siamo sposati abbiamo trovato un’opportunità negli Stati Uniti e abbiamo traslocato ad Atlanta, capitale della Georgia. Avevo 24 anni. Abbiamo vissuto lì per 13 anni gestendo una ditta di giardinaggio e nel frattempo sono nati i nostri due figli. Una delle attività che più mi piaceva fare con loro e altre mamme al sabato era girare tra i ‘garage sales’ – tipici mercatini statunitensi di seconda mano davanti alle rimesse per auto e nei giardini privati – in cerca di giocattoli e sorprese”.


© Ti-Press

Altre due partenze e l’approdo

Il sogno per il Vecchio continente continuava però a persistere, così a un certo punto è arrivata la decisione di compiere la traversata. “Seguendo un’altra opportunità ci siamo trasferiti in Francia, ma purtroppo le cose non sono andate come ci aspettavamo. È stato un periodo molto difficile, nel piccolo villaggio in cui stavamo non ci siamo trovati bene, e dopo un anno abbiamo rifatto le valigie e siamo partiti per il Ticino, dicendoci che se non funzionava nemmeno qui saremmo tornati a casa”. Ma è andata diversamente. “All’inizio è stato un po’ complicato perché abbiamo dovuto imparare l’italiano; nonostante le origini, i miei genitori mi hanno sempre parlato solo in spagnolo. Ora però qui viviamo come avremmo voluto. Muralto è una sorta di punto medio tra gli Stati Uniti in cui tutto è nuovo ma alla fine un po’ vuoto, e quel pezzetto di Francia che abbiamo conosciuto, una realtà ristretta in cui mancavano molte cose che per noi erano importanti. In Ticino i nostri figli sono cresciuti facendo una vita simile alla mia in Messico per quel che riguarda l’andare a scuola a piedi, usare la bici per andare a trovare i compagni o a comprare il pane. Hanno potuto fare tanto da soli e si sono integrati molto bene, fin da subito hanno trovato numerosi amici e questo ci ha resi felici. Adesso il più grande studia a Yverdon, mentre il più piccolo frequenta la Spai a Locarno”.

Sponde che si riflettono

La nostalgia del Messico c’è e ci sarà sempre, confida Georgina. “Siamo lontani dai nostri parenti, tanto che ad esempio non ho partecipato al matrimonio di mia sorella, al battesimo di mio nipote. Cose che contano, come queste, purtroppo non si possono sempre fare. Però è la vita che io e mio marito abbiamo scelto. Talvolta è dura, ma qua come negli Stati Uniti abbiamo conosciuto buoni amici che alla fine sono diventati parte della famiglia. A mancarmi è anche il cibo, ma circa una volta al mese cucino messicano, sono pietanze comfort che a casa piacciono a tutti. È simpatico – conclude ridendo e con un’inflessione di commozione nella voce – che quando andavo a trovare mia nonna per farmi piacere preparava i piatti tipici di qua, mentre adesso io faccio lo stesso con la cucina messicana per i miei figli”. Ci sono esistenze che, come la luna, generano maree mantenendo connesse rive lontane.

Yo nací con la luna de plata / Y nací con alma de pirata / (...) / Y me fui / Lejos de Veracruz / Veracruz / Rinconcito donde hacen su nido / Las olas del mar” (“Sono nato con la luna d’argento / Sono nato con lo spirito da pirata / (...) / E me ne sono andato / Lontano da Veracruz / Veracruz / Angolino dove fanno il loro nido / Le onde del mare” (dal brano ‘Veracruz’ di Natalia Lafourcade, originale di Agustin Lara).


© Ti-Press

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
agustin lara georgina bernardi messico muralto negozio usato veracruz
© Ti-Press
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved