PIGOSSI L./STEFANI L.
0
BENCIC B./GOLUBIC V.
0
1 set
(4-0)
SIEGEMUND L./KRAWIETZ K.
STOJANOVIC N./DJOKOVIC N.
14:15
 
i-robot-non-sono-solo-macchine
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

La nostalgia canaglia di noi vecchi dentro

Ritorna sempre tutto. Nietzsche e la peperonata, la storia come tragedia e come farsa, Ulisse e Marty McFly
Ticino7
1 gior

Provare a essere città

In anni diversi e senza un Umberto Eco a sdoganarli, i murales hanno fatto più o meno lo stesso percorso dei fumetti
Ticino7
4 gior

Se la vipera aspis la conosci è meglio

Lenta nei movimenti, la vipera comune è un rettile velenoso da molti temuto. In realtà morde solo se molestata e calpestata, perché fugge al minimo rumore.
Ticino7
4 gior

Nonsense. Quando il significato va cercato altrove

"Abbasso le mappe con rotte, con tappe, / Con terre color verde scuro! / Ci piace la nostra che solo ci mostra / Un nulla vuotissimo e puro!". Sì, ma lo Squarlo dov'è?
Ticino7
4 gior

Monsieur Hulot e la comicità in punta di piedi

Nel 1971 il signore col cappello in testa e la pipa in bocca faceva la sua ultima apparizione al cinema. E la sua dissacrante ironia diventava immortale
Ticino7
5 gior

Massimo Pedrazzini: di immagini e di obiettivi

Dall'apprendistato a Locarno ai grandi palchi, dai maestri del jazz a Francesco: 40 anni sempre con la macchina pronta, perché la passione non si spegne
Ticino7
5 gior

Se non sono lettere saran cerotti

Le buone parole scaldano il cuore: magari son bugie, ma aiutano a coltivare le illusioni
Ticino7
1 sett

Gli spaghetti spezzati e la pistola sulla pasta

Poco prima della partita Belgio-Italia una conduttrice televisiva ha osato spezzare degli spaghetti per sfidare l’Italia. Ma c'è dell'altro
Ticino7
1 sett

La Ficcanaso, il terrazzo e il batticuore

“No Alpitour? Ahi ahi ahi ahi”. Chi non ricorda lo slogan dei tempi in cui affidarsi ad un tour operator era pressoché l’unico modo per prenotare una vacanza?
Ticino7
1 sett

Gian Paolo Minelli, fotografo chiassese in Argentina

Da 21 anni in Sudamerica, il ticinese si può considerare un vero “ambasciatore dell’arte” tra il Ticino e l’Argentina
Ticino7
1 sett

Un amore ticinese nella lotta dei Saharawi

Storia di una relazione e di un popolo perseguitato e condannato alla cattività nei campi per rifugiati.
Ticino7
2 sett

Oregiefregie Band: live in Mendrisio!

Sono ormai rodati e hanno anche un Nissan verde per stipare strumenti e attrezzatura, oltre a loro stessi. Roba da matti
Ticino7
03.07.2021 - 10:050

I robot non sono (solo) macchine

‘Siamo programmati per fare qualsiasi cosa / E quello che vuoi sarà fatto". Ma nell'ultimo romanzo di Kazuo Ishiguro le cose sono più complesse, diciamo

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

‘Quando la Madre parlò di nuovo, risultò più ovvio che stesse dicendo a me.
- A volte deve essere bello non avere sentimenti. Ti invidio. 
Ci pensai e dissi: - Io credo di avere tanti sentimenti. Più cose osservo, e più acquisisco accesso a nuovi sentimenti.
Scoppiò a ridere, facendomi trasalire.
- In tal caso, - disse, - forse dovresti perdere un po’ la voglia di osservareʼ.
Kazuo Ishiguro, Klara e il sole (Einaudi, 2021)


Un romanzo per tre copertine (scegliete voi)

‘Siamo programmati per fare qualsiasi cosa /
E quello che vuoi sarà fatto /
Noi siamo i robot /
Noi siamo i robot /
Noi siamo i robot /

Noi siamo i robot /
Funzioniamo automaticamente /
Ora balliamo la meccanica /
Noi siamo i robot’.
Kraftwerk, “The Robots” (dall'album The Man-Machine, 1978) 

Klara è un’Amica artificiale, un’Aa, un robot umanoide. Josie è una ragazzina molto malata. E il lavoro di Klara, il motivo per cui lei e gli altri Aa vengono progettati e venduti in appositi negozi, è aiutare giovani che non se la passano bene. Si fermasse a questo, il nuovo romanzo del premio Nobel Kazuo Ishiguro, Klara e il sole, sarebbe una bella fiaba per bambini. Cioè il progetto originario dello scrittore inglese di origine giapponese. Per fortuna è diventato molto altro. L’incontro tra Klara e Josie, con la madre, il moroso-non moroso della ragazza e altri personaggi secondari ma che secondari non saranno mai, lo si potrebbe ridurre alla tecnologia che, sempre più evoluta, aiuta ogni giorno l’essere umano. Ma qui si rovescia tutto. Perché se oggi c’è la percezione di essere addirittura schiacciati da questo aiuto alle volte troppo invasivo della modernità, dalla rintracciabilità h24, dalle geolocalizzazioni, qui è l’essere umano a schiavizzare la tecnologia. Perché il disegno pensato per Klara non è semplicemente far compagnia a una giovane malata, bensì lo scoperchiamento di un vaso di Pandora di temi etici che sarebbe scortese spoilerare. Se è tutto tranne che una novità trattare in narrativa il rapporto tra uomo e macchina, Ishiguro lo fa in una forma originale e che si presta a parallelismi musicali che possono completare il quadro. Perché l’anima del robot che prova emozioni, i suoni metallici di The Man Machine o Computerlove dei Kraftwerk sono il battito di un cuore che non c’è, l’emozione di una macchina che dovrebbe far compagnia ma salva una vita. Con un’altra canzone che è bello ascoltare a ripetizione durante la lettura: Set the Controls for the Heart of the Sun dei Pink Floyd, quella ricerca del sole - benzina, nutrimento di Klara - che finisce col diventare un patto di sangue e legame definitivo con Josie. Ragazza debole che è comunque forte, ciò che noi vorremmo essere nel momento del bisogno. Ma che senza Klara non è niente, non sfruttandola ma semplicemente sapendo che c’è. Con Klara che smette di essere un’Aa e comincia a essere gli occhi che la guardano e l’amore che la circonda. Un amore che viene dato dalla macchina oltre che dalla famiglia, dal chip oltre che dall’abbraccio. E dal sole.

Guarda 3 immagini e 1 video
© Regiopress, All rights reserved