se-non-ti-sgranocchi-le-dita-godi-solo-a-meta
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
18 ore

Piccola storia dei certificati lasciapassare

Vaccinati o non vaccinati, oggi il problema è garantire a tutti la libertà di potersi muovere (non solo per bazzicare una spiaggia). Un tema vecchio come il mondo
Ticino7
22 ore

Tra chiacchiere, chiappe e vaccini

In un compleanno estivo che raduna compagni di scuola o parenti, si parla solo di quello. E solo uno stolto può pensare che il campo non sia minato
Ticino7
1 gior

I social, la savana e i leoni da tastiera

Il meccanismo è sempre lo stesso: qualcuno la spara grossa e scrive cose che altrove forse mai direbbe. Ma odio chiama odio, e il piatto è servito...
Ticino7
1 gior

La cultura (vista da Martina Gamboni)

Gira, visita e racconta il territorio a modo suo. Animo contagioso e aperto, la potete incontrare a 'Cultura a spasso Ticino', una comunità che vive di passioni
Ticino7
1 gior

Nei social il silenzio paga

Non volete alimentare il fuoco dell’odio? Evitate di gettare nuova benzina, semplice
Ticino7
4 gior

La nostalgia canaglia di noi vecchi dentro

Ritorna sempre tutto. Nietzsche e la peperonata, la storia come tragedia e come farsa, Ulisse e Marty McFly
Ticino7
4 gior

Provare a essere città

In anni diversi e senza un Umberto Eco a sdoganarli, i murales hanno fatto più o meno lo stesso percorso dei fumetti
Ticino7
1 sett

Se la vipera aspis la conosci è meglio

Lenta nei movimenti, la vipera comune è un rettile velenoso da molti temuto. In realtà morde solo se molestata e calpestata, perché fugge al minimo rumore.
Ticino7
1 sett

Nonsense. Quando il significato va cercato altrove

"Abbasso le mappe con rotte, con tappe, / Con terre color verde scuro! / Ci piace la nostra che solo ci mostra / Un nulla vuotissimo e puro!". Sì, ma lo Squarlo dov'è?
Ticino7
1 sett

Monsieur Hulot e la comicità in punta di piedi

Nel 1971 il signore col cappello in testa e la pipa in bocca faceva la sua ultima apparizione al cinema. E la sua dissacrante ironia diventava immortale
Ticino7
1 sett

Massimo Pedrazzini: di immagini e di obiettivi

Dall'apprendistato a Locarno ai grandi palchi, dai maestri del jazz a Francesco: 40 anni sempre con la macchina pronta, perché la passione non si spegne
Ticino7
1 sett

Se non sono lettere saran cerotti

Le buone parole scaldano il cuore: magari son bugie, ma aiutano a coltivare le illusioni
Ticino7
2 sett

Gli spaghetti spezzati e la pistola sulla pasta

Poco prima della partita Belgio-Italia una conduttrice televisiva ha osato spezzare degli spaghetti per sfidare l’Italia. Ma c'è dell'altro
Ticino7
2 sett

La Ficcanaso, il terrazzo e il batticuore

“No Alpitour? Ahi ahi ahi ahi”. Chi non ricorda lo slogan dei tempi in cui affidarsi ad un tour operator era pressoché l’unico modo per prenotare una vacanza?
Ticino7
2 sett

Gian Paolo Minelli, fotografo chiassese in Argentina

Da 21 anni in Sudamerica, il ticinese si può considerare un vero “ambasciatore dell’arte” tra il Ticino e l’Argentina
Ticino7
19.06.2021 - 12:320

Se non ti sgranocchi le dita, ‘godi solo a meta’

‘Bello questo smalto!’. Me lei, con molta cortesia, mi ha risposto sorridendo: ‘Grazie ma sono unghie finte. Le metto così evito di smangiucchiarmi le dita’

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

Chi soffre di onicofagia, ossia quel brutto vizio di mangiarsi unghie o pellicine circostanti, pone in atto abitualmente e ripetutamente comportamenti dettati dall’impellente necessità di compiere una primordiale e spesso inconscia azione: mettere le mani in bocca. È una pratica che coinvolge più del dieci per cento della popolazione mondiale e tra i personaggi famosi che cadono nell’antiestetica tentazione annotiamo Leonardo DiCaprio paparazzato più volte nel realizzare il non certo titanico gesto, l’elegante duchessa di Cambridge Kate Middleton sorpresa nell’atto poco reale durante gli eventi sportivi a cui assiste, e l’affascinante attrice Eva Mendes che per superare il problema si è addirittura rivolta a un ipnoterapeuta.


Portare qualcosa alla bocca richiamerebbe inconsciamente l’esperienza del seno materno. E il mangiarsi le unghie produrrebbe lo stesso identico effetto calmante, offrendo al soggetto una breve ma piacevole sensazione di consolazione.

Seni materni e fase orale

Lo studioso dei vizi Sigmund Freud sottolineava come l’abitudine di mangiarsi le unghie fosse un chiaro sintomo riconducibile a qualche trauma non superato avvenuto nella fase della fissazione orale, prima tappa dello sviluppo psico-sessuale dell’uomo. Quando siamo bambini, infatti, entriamo in contatto con la nostra adorata mamma attaccandoci al seno e soddisfando in questo modo sia il bisogno primario di nutrirsi che quello di sentirsi protetti e riparati. Siamo indifesi e, in quanto cuccioli, dobbiamo sentirci amati.
Tuttavia anche l’amore, come del resto accade per ogni altra cosa nella vita, deve essere donato in modo equilibrato, per cui se siamo stati accuditi poco premurosamente o, al contrario, al limite della morbosità, il portare qualcosa alla bocca richiamerebbe inconsciamente l’esperienza del seno materno – chissà perché non sono così sorpreso nell’apprendere che per Freud la colpa ricade tutta sulla figura materna – e il mangiarsi le unghie produrrebbe lo stesso identico effetto calmante, offrendo al soggetto una breve ma piacevole sensazione di consolazione. In parole povere, le mani in bocca rappresenterebbero quel ciuccio che non abbiamo più l’età per usare. Al contrario, se rientriamo in quella categoria di persone che, a differenza del fondatore della psicoanalisi, non ha bisogno di ricercare a tutti i costi connessioni di natura psicologica per dare un senso alle proprie dipendenze, possiamo considerare il vizio di mangiarsi le unghie come il semplice risultato di una cattiva abitudine protratta nel tempo e che procura un sollievo nel momento in cui l’azione impulsiva si compie, ma già qualche istante dopo genera senso di colpa per aver commesso il fattaccio. 


Il benzoato di denatonio, noto anche come Bitrex, è un sale d’ammonio. Ha un sapore molto sgradevole, amaro e pungente, grazie al quale è presente nel ‘Guinness dei Primati’ come sostanza più amara conosciuta al mondo.

Di che forma le vuoi?

Ma cosa possiamo fare per evitare la cannibalizzazione delle dita? Tra i possibili rimedi, degno di nota è il “Denatonium benzoate” che non è un incantesimo di Harry Potter, ma il nome della sostanza che si trova nei gel antirosicatura comunemente venduti in farmacia.
Ho provato a metterlo sulle dita e funziona davvero perché, se commetti il madornale errore di portare la mano alla bocca, rimani con quella piacevole sensazione di aver ingerito una tequila al catrame per cui il cervello registra e immagazzina il seguente input: “Non lo rifare, tordo!”. Tra le controindicazioni del gel annovero il fatto che, seppur trasparente, si tratta sempre di uno smalto per cui se sei un uomo e hai una riunione da lì a poco, non stupirti se la platea ha occhi solo per le tue mani perché starà maliziosamente fantasticando sul dove, ma soprattutto sul come hai trascorso il sabato sera. Certo, da un punto di vista spirituale si potrebbe obiettare che la vera risoluzione di un problema non possa avvenire mediante l’utilizzo di facili strumenti esterni, bensì dal nostro equilibrio e dalla nostra consapevolezza interiore, ma per noi pragmatici mangiatori seriali sarà forse più efficace rimarcare come questa pratica, se reiterata nel tempo, possa portare a compromissioni dentali, lesioni gengivali, disturbi gastrici, problemi digestivi, e soprattutto indebolimento del sistema immunitario per l’insorgenza di infezioni batteriche e virali con il rischio di trasportare nella bocca virus di ogni tipo. 
Fortunatamente le cose nel mondo in questo ultimo anno e mezzo stanno andando a gonfie vele, ma se dovessimo finire, che ne so, nel mezzo di una pandemia? Vorresti per caso beccarti un virus perché ti sgranocchi le dita?

  

Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved