Slovacchia
Spagna
18:00
 
Svezia
Polonia
18:00
 
GRANOLLERS M./ZEBALLOS H.
0
DJOKOVIC N./HERRERA C.
0
1 set
(5-4)
GOLUBIC V. (SUI)
2
BENCIC B. (SUI)
0
fine
(6-4 : 6-4)
i-miti-del-jazz-hank-mobley-il-tenore-invisibile
+1
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 gior

È arrivata Yamira (e la sua Valigia Rossa)

Questa è la storia di una casalinga e mamma sulla quarantina. Tra le mille sfumature della sua vita sceglie il rosso, col quale tinge tutto di "piacere"...
Ticino7
3 gior

Zucchero? Sì, ma con giudizio

È opinione diffusa che dolci e affini siano da demonizzare, perché responsabili della dilagante obesità. Ma forse li stiamo solo consumando nel modo sbagliato
Ticino7
4 gior

Ah, ecco cosa attira le zanzare!

In un mondo pieno zeppo di persone in che modo questi fastidiosi insetti scelgono le loro vittime? È una lunga storia che vale la pena di scoprire: seguiteci
Ticino7
4 gior

Se non ti sgranocchi le dita, ‘godi solo a meta’

‘Bello questo smalto!’. Me lei, con molta cortesia, mi ha risposto sorridendo: ‘Grazie ma sono unghie finte. Le metto così evito di smangiucchiarmi le dita’
Ticino7
4 gior

La legge di Tina e la febbre del cuore

La cosa più importante nella vita? Lo sanno tutti: ma per avere ‘membra sane’ anche i sentimenti vanno nutriti. Con passione
Ticino7
1 sett

La montagna come una volta

Oggi è tutto una tecnologia: dai pantaloni ai bastoni alle borracce. Non vorrei perdessimo il senso della fatica, anche se poi il sacco è meglio lo portino gli altri
Ticino7
1 sett

Comunione e Liberazione. La finestra aperta

Dei ciellini si dicono tante cose, ma io non sapevo neanche come si scrive la parola ‘Cielle’. Ne ho sempre sentito bisbigliare. Ecco chi sono e cosa pensano
Ticino7
1 sett

Biennale Architettura Venezia 2021. Visioni svizzere in Laguna

“Nell’opera che presento a Venezia c’è la mia Svizzera. Tutto è cominciato lì: facevamo le torri, le capanne sugli alberi, nel bosco" (Not Vital)
Ticino7
1 sett

Una partita con Claudio Boschetti

Classe 1957, ha studiato Belle Arti si è sempre mosso nel campo della vendita e del marketing. E gli scacchi gli hanno spesso dato una marcia in più
Ticino7
1 sett

I miracoli di tutti (i giorni)

Quando credi che la tua vita sia solo un casino, ascoltare i racconti degli altri aiuta (anche ad andare avanti)
Ticino7
2 sett

Mangiare fuori. Da ogni campo

Come spesso accade nella vita, basta aspettare. Aspettare che il vino faccia effetto, che la carne arrivi in tavola, che i bambini mangino con le mani. Basta aspettare...
Ticino7
2 sett

Alla fonte della tradizione con Edo Cima

Dai 19 ai 33 anni attivo nel campo dell’edilizia. Poi altri dieci come insegnante al Centro Formazione Professionale di Gordola... e ora produttore di bibite gassate
Ticino7
2 sett

La Bocciofila dal Crot. Un racconto di Giorgio Genetelli

"Non accettava la valutazione a occhio e metteva in atto una persistente strategia psicologica per innervosire l’avversario e poi sbeffeggiarlo se la tattica riusciva..."
Ticino7
2 sett

Senza 'diversità' si soffoca un po’

Le città prive di polmoni ‘non convenzionali’ e di luoghi dove sognare mondi diversi sono tombe sociali
Ticino7
3 sett

United Roads of America. Quella Georgia da ʻtenere in menteʼ

“Per loro natura, i neri – disse in un suo celebre discorso il sudista Alexander Stephens – sono adatti alla condizione che occupano nel nostro sistema”. Cioè schiavi
Ticino7
3 sett

Homer e la rivalsa del vero sé

Col debutto dei ʻSimpsonsʼ avvenuto più di trent’anni fa, cominciò a vacillare quel tabù mediatico delle animazioni perbeniste e dal lieto fine. Una rivoluzione
Ticino7
3 sett

Riflessioni sull'arte con Giuliano Togni

"Manca la qualità", secondo lui. E manca soprattutto un riconoscimento per chi fa ricerca e percorre strade diverse
Ticino7
3 sett

Disavventure Latine 4. Frontiera vista mare

Colombia, stiamo arrivando! Sì, prima però ci sono un paio di formalità e alcune usanze locali da "evadere". Procediamo con calma: eccoci alla dogana...
Ticino7
3 sett

Teatro: vivere il palco, ma in modo diverso

La recitazione può diventare un laboratorio dove rileggere il proprio vissuto, a volte drammatico e molto doloroso. Ecco alcune esperienze e testimonianze
Ticino7
01.05.2021 - 17:100
Aggiornamento : 03.05.2021 - 09:23

I miti del jazz. Hank Mobley, il tenore invisibile

La storia della musica nasconde innumerevoli paradossi. Come le vicende e i mancati riconoscimenti (in vita) di questo talentuoso sassofonista dimostrano

Pubblichiamo un articolo apparso su Ticino7, allegato a laRegione.

A volte le qualità artistiche e musicali non bastano. La vicenda personale di Hank Mobley (1930-1986), sassofonista tenore e improvvisatore di straordinarie capacità, potrebbe essere riassunta nelle seguenti parole: la sorte non di rado allontana gli uomini da quello che avrebbe potuto essere un percorso costellato di soddisfazioni e successi. Nato in Georgia, il cuore “nero” degli Stati Uniti e lo Stato confederato in cui nel settembre del 1864 si erano decise le sorti della Guerra civile, la famiglia di Hank Mobley, come molte altre famiglie di colore del Sud, si era trasferita a Elizabeth, uno dei sobborghi di New York. L’occasione di diventare musicista si presentò durante l’adolescenza: costretto a casa da una malattia, per tenerlo occupato, una parente gli regalò un sassofono. Fu un incontro fatale che lo spinse presto a chiedere l’ammissione alla scuola di musica di Newark, dove non fu accettato in quanto non residente in città. Ma il sassofono stava diventando tutto per lui: iniziò a studiare da solo, tenacemente, ascoltando i dischi che giravano in casa ed esibendosi nei complessi di quartiere e non ci volle molto perché il suo indiscutibile talento emergesse. La voce cominciò a girare e giunse alle orecchie di Dizzy Gillespie e Max Roach, sempre attenti ai giovani musicisti.


Hank Mobley, allʼanagrafe Henry Mobley (1930-1986). Per il critico Leonard Feather fu ‘il campione dei pesi medi del sax tenore’, una via di mezzo tra John Coltrane e Stan Getz.

Un ingaggio pericoloso

Le premesse erano ottime. Entrato nel giro “grosso”, iniziò a suonare nei locali di New York con i giganti del periodo: Art Blakey, Horace Silver, Kenny Dorham, Freddie Hubbard, Sonny Clark, Wynton Kelly e Philly Joe Jones, oltre a formare una solida partnership con un altro grande e sfortunato musicista, Lee Morgan, di cui di recente si è scritto su queste pagine. Si trattava di una sfida non facile per un giovane sassofonista tenore: la concorrenza era tremenda, Sonny Rollins e John Coltrane dominavano letteralmente la scena e nuovi talenti, fra cui Wayne Shorter e Archie Shepp, si profilavano all’orizzonte. Dopo l’incisione di Soul Station (1960), forse il suo album più celebre, gli fu chiesto di entrare a far parte del quintetto di Miles Davis in sostituzione di John Coltrane. Poteva rappresentare il culmine della carriera ma in realtà si trasformò in un dramma: la critica non gradì, definendolo un “peso medio” e non all’altezza del musicista di Hamlet. Anni dopo, nel 1973, Mobley, in una pregnante conversazione con lo scrittore John Litweiler, diede voce a quel momento di disperazione con le seguenti parole: “Quando ho lasciato Miles ero talmente stanco della musica, talmente stanco del mondo intero, che non mi restò che la droga”. È importante ricordare che in quel periodo si era nel pieno dell’era hard-bop, un genere musicale che rappresenta una sorta di linea di confine fra la tradizione del jazz classico e le forme più avanguardistiche sfociate a breve, grazie a figure come Coltrane, Ornette Coleman e Cecil Taylor, nel free jazz. In questo scenario, Mobley dimostrò di sapersi muovere con sicurezza su entrambi i fronti, come attesta la partecipazione alla registrazione di A Poem for Malcolm (1969) di Archie Shepp.


Hank Mobley e Alfred Lion durante le registrazioni di ‘Soul Station’, nello studio di Rudy Van Gelder a Englewood Cliffs (New Jersey, 7 luglio 1960).

Gli ultimi anni e la fine

Dotato di un fraseggio lirico, che attingeva a piene mani al blues, e di un timbro schietto e avvolgente – ascoltate la versione di “Darn That Dream” dall’album Poppin’ insieme al baritonista Pepper Adams –, restituiva al pubblico attraverso il suo sound un’ardente energia. Ma Mobley fu anche un compositore prolifico: i suoi temi, sia sul piano dello sviluppo melodico sia per quanto concerne la struttura armonica, sono un esempio di freschezza ideativa pur restando saldamente nei canoni del genere. A partire dalla seconda metà degli anni Settanta la situazione per lui si fece difficile: ammalato a causa dell’abuso di sigarette e di stupefacenti, iniziò a soffrire di seri problemi polmonari vivendo in condizioni di miseria e spesso senza un tetto sulla testa. Gli ultimi, sporadici ingaggi furono all’Angry Squire di New York il 22 e 23 novembre 1985 e l’11 gennaio 1986 con il quartetto del pianista Duke Jordan. La fine lo colse pochi mesi dopo a seguito di una crisi respiratoria dovuta a una polmonite.

L'EREDITÀ DI HANK

La recente pubblicazione da parte della Mosaic Records di un cofanetto di otto cd dedicati all’opera di Hank Mobley – The Complete Hank Mobley Blue Note Sessions 1963-70, disponibile anche su Spotify – permette di approfondire la conoscenza non solo di uno dei maggiori sassofonisti del jazz moderno ma anche di conoscerne la storia emblematica e tragica. Si tratta di tredici sessioni di registrazione, prodotte nell’arco di otto anni, dal 1962 al 1970, da cui dovevano scaturire ben dodici album (ne furono realizzati in realtà solo sette). Dalle ultime registrazioni, a cui partecipò il giovane Herbie Hancock, pur con tutta l’energia e la limpidezza ideativa di cui Mobley era dotato, traspare una sorta di rarefatta anticipazione della fine: i suoi modi si fanno più aspri e spigolosi, quasi a voler contrastare l’imminenza di eventi avversi. Vi si avverte la frustrazione di chi, pur avendo avuto tutte le carte in regola per diventare un grande, era stato costretto nelle retrovie. Ma del resto è proprio il dolore, il blues, la componente essenziale del jazz, forma di liberazione e riscatto dell’anima umana gettata nel mondo e obbligata ad affrontarne giorno dopo giorno le avversità.

 

 

Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved