Spagna
1
Polonia
0
1. tempo
(1-0)
claudio-rivellini-vi-racconto-il-mio-covid
© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
Claudio Rivellini è stato ospedalizzato per tre settimane, riportando due perforazioni polmonari e gravi danni all’apparato respiratorio che lo hanno costretto a un radicale cambiamento di vita.
+5
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
56 min

Zucchero? Sì, ma con giudizio

È opinione diffusa che dolci e affini siano da demonizzare, perché responsabili della dilagante obesità. Ma forse li stiamo solo consumando nel modo sbagliato
Ticino7
2 ore

È arrivata Yamira (e la sua Valigia Rossa)

Questa è la storia di una casalinga e mamma sulla quarantina. Tra le mille sfumature della sua vita sceglie il rosso, col quale tinge tutto di "piacere"...
Ticino7
6 ore

Ah, ecco cosa attira le zanzare!

In un mondo pieno zeppo di persone in che modo questi fastidiosi insetti scelgono le loro vittime? È una lunga storia che vale la pena di scoprire: seguiteci
Ticino7
8 ore

Se non ti sgranocchi le dita, ‘godi solo a meta’

‘Bello questo smalto!’. Me lei, con molta cortesia, mi ha risposto sorridendo: ‘Grazie ma sono unghie finte. Le metto così evito di smangiucchiarmi le dita’
Ticino7
14 ore

La legge di Tina e la febbre del cuore

La cosa più importante nella vita? Lo sanno tutti: ma per avere ‘membra sane’ anche i sentimenti vanno nutriti. Con passione
Ticino7
5 gior

La montagna come una volta

Oggi è tutto una tecnologia: dai pantaloni ai bastoni alle borracce. Non vorrei perdessimo il senso della fatica, anche se poi il sacco è meglio lo portino gli altri
Ticino7
5 gior

Comunione e Liberazione. La finestra aperta

Dei ciellini si dicono tante cose, ma io non sapevo neanche come si scrive la parola ‘Cielle’. Ne ho sempre sentito bisbigliare. Ecco chi sono e cosa pensano
Ticino7
1 sett

Biennale Architettura Venezia 2021. Visioni svizzere in Laguna

“Nell’opera che presento a Venezia c’è la mia Svizzera. Tutto è cominciato lì: facevamo le torri, le capanne sugli alberi, nel bosco" (Not Vital)
Ticino7
1 sett

Una partita con Claudio Boschetti

Classe 1957, ha studiato Belle Arti si è sempre mosso nel campo della vendita e del marketing. E gli scacchi gli hanno spesso dato una marcia in più
Ticino7
1 sett

I miracoli di tutti (i giorni)

Quando credi che la tua vita sia solo un casino, ascoltare i racconti degli altri aiuta (anche ad andare avanti)
Ticino7
1 sett

Mangiare fuori. Da ogni campo

Come spesso accade nella vita, basta aspettare. Aspettare che il vino faccia effetto, che la carne arrivi in tavola, che i bambini mangino con le mani. Basta aspettare...
Ticino7
2 sett

Alla fonte della tradizione con Edo Cima

Dai 19 ai 33 anni attivo nel campo dell’edilizia. Poi altri dieci come insegnante al Centro Formazione Professionale di Gordola... e ora produttore di bibite gassate
Ticino7
2 sett

La Bocciofila dal Crot. Un racconto di Giorgio Genetelli

"Non accettava la valutazione a occhio e metteva in atto una persistente strategia psicologica per innervosire l’avversario e poi sbeffeggiarlo se la tattica riusciva..."
Ticino7
2 sett

Senza 'diversità' si soffoca un po’

Le città prive di polmoni ‘non convenzionali’ e di luoghi dove sognare mondi diversi sono tombe sociali
Ticino7
2 sett

United Roads of America. Quella Georgia da ʻtenere in menteʼ

“Per loro natura, i neri – disse in un suo celebre discorso il sudista Alexander Stephens – sono adatti alla condizione che occupano nel nostro sistema”. Cioè schiavi
Ticino7
3 sett

Homer e la rivalsa del vero sé

Col debutto dei ʻSimpsonsʼ avvenuto più di trent’anni fa, cominciò a vacillare quel tabù mediatico delle animazioni perbeniste e dal lieto fine. Una rivoluzione
Ticino7
3 sett

Riflessioni sull'arte con Giuliano Togni

"Manca la qualità", secondo lui. E manca soprattutto un riconoscimento per chi fa ricerca e percorre strade diverse
Ticino7
3 sett

Disavventure Latine 4. Frontiera vista mare

Colombia, stiamo arrivando! Sì, prima però ci sono un paio di formalità e alcune usanze locali da "evadere". Procediamo con calma: eccoci alla dogana...
Ticino7
3 sett

Teatro: vivere il palco, ma in modo diverso

La recitazione può diventare un laboratorio dove rileggere il proprio vissuto, a volte drammatico e molto doloroso. Ecco alcune esperienze e testimonianze
Ticino7
3 sett

Un giorno da nulla

Una buona azione fa bene agli altri, ma soprattutto fa bene a noi. Non avete ancora deciso cosa fare?
Ticino7
3 sett

United Roads of America. La battaglia sull'aborto

Qui gli animi si sono accesi 50 anni fa e oggi tutti attendono di capire come si pronuncerà la Corte Suprema. In gioco c'è la vita o la morte, e i diritti civili
Ticino7
3 sett

C'era una volta la Valascia (con Danilo Gobbi)

Se volevate una birra e qualcosa da mettere sotto i denti dovevate vedervela con lui, lì, davanti alla "Buvette". E poi tutti in Curva a cantare e saltare
Ticino7
3 sett

Tecnologia e sicurezza. Una faccia, una persona?

Polizie e governi in tutto il mondo li usano, ma gli studi sembrano dimostrare come i sistemi di riconoscimento del viso siano spesso imprecisi e discriminatori
Ticino7
4 sett

Tu, fratello neanderthaliano

Viveva in società, cacciava e pescava, costruiva capanne, utilizzava un linguaggio articolato e cuoceva il suo cibo. Poi un giorno, dalla lontana Africa...
Ticino7
4 sett

Insomma, quante sarebbero: una, alcune o parecchie razze?

ʻNo, la razza non esiste. Sì, la razza esiste. No, certo essa non è ciò che si dice che sia; tuttavia essa è la più tangibile, reale, brutale, delle realtàʼ
Ticino7
4 sett

Siamo sempre, le solite, scimmie

LʼHomo sapiens cerca un nuovo salto evolutivo. La tecnologia lo aiuta, ma non è detto basterà
Ticino7
1 mese

A una certa età (tutti i problemi vengono al pettine)

Le amiche che fino a ieri si interrogavano sul prodotto miracoloso anticellulite oggi sono attanagliate da altri dilemmi. I principali sono botox e capelli bianchi
Ticino7
1 mese

United Roads of America. Chiedi alla ruggine

Una volta la "Rust Belt" era il cuore industriale e produttivo degli USA. Oggi questa manciata di Stati orientali cerca di ripartire, come può e a fatica
Ticino7
1 mese

In pista. Corrente per andare veloci

Il mondo delle gare è tutt’altro che disgiunto da tendenze ed evoluzioni della mobilità di tutti i giorni. Anche qui l’elettrificazione è una solida realtà
Ticino7
1 mese

Dietro al volante con Ivano Di Remigio

Tra i vostri propositi per il 2021 vi è quello di cambiare vettura? Ecco la testimonianza di chi ha fatto la sua scelta, con cognizione di causa va da sé
Ticino7
1 mese

"Sulla Rolls di Lennon". Un racconto di Giorgio Genetelli

Un manipolo di amici, una macchina musicalmente leggendaria, un viaggio senza meta, quella voglia di trasgredire e mandare tutti a quel paese. Se ancora si può fare
Ticino7
24.04.2021 - 19:490

Claudio Rivellini. 'Vi racconto il mio Covid'

È stato fra i primi ricoverati alla clinica Gavazzeni di Bergamo, nella zona in Italia più colpita dalla pandemia. Quando del virus quasi nulla si sapeva

Pubblichiamo un articolo apparso sabato su Ticino7, allegato a laRegione.

Nel mese di marzo del 2020 nella provincia si sono contati in totale oltre 5’400 morti, il 568% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Alcune comunità hanno perso improvvisamente un’intera generazione di anziani, che se ne sono andati senza commiato nella totale solitudine. Impossibilitato a continuare la sua professione, Claudio ha potuto anticipare il suo pensionamento, ma quello che ha vissuto non potrà mai dimenticarselo. 

Tra le immagini della prima ora che più hanno segnato una crepa nella speranza collettiva di arginare in fretta la pandemia, c’è quella dei mezzi dell’esercito italiano carichi di bare incolonnati lungo le strade di Bergamo. Trasportavano verso i crematori di altre località le salme delle vittime di coronavirus perché il cimitero monumentale cittadino non aveva più spazio per loro. Erano giorni spettrali nella provincia lombarda, in cui persino le campane avevano smesso di suonare per i morti; sarebbero dovute andare avanti per ore. La fotografia risale al 18 marzo 2020 e molte di quelle bare, prima che finissero sui camion, le ha viste passare davanti alla portafinestra della sua stanza d’ospedale Claudio Rivellini. “I primi giorni era un continuo viavai di ambulanze della Croce Rossa. Poi è iniziato anche quello delle agenzie funebri. Sono scene che mi ripassano spesso per la mente – dice con un’oscillazione di turbamento nella voce –, non le scorderò mai”.


© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
Claudio Rivellini è stato ospedalizzato per tre settimane, riportando due perforazioni polmonari e gravi danni all’apparato respiratorio che lo hanno costretto a un radicale cambiamento di vita.

Tutto iniziò così…

Quali primi sintomi Claudio ha accusato un herpes che andava estendendosi sul viso, un forte raffreddore e il 17 febbraio è sopraggiunta la febbre. “Ho chiamato il mio medico che mi ha prescritto la Tachipirina, ma la temperatura non accennava ad abbassarsi, così mi ha dato un antibiotico”. Due settimane più tardi si è sentito meglio, ma poco dopo ha cominciato a far fatica a camminare: “Ero esausto come se avessi finito tutte le energie. Poi il respiro si è fatto affannoso e mi è venuto un forte dolore al costato. Allora mi sono recato al Pronto soccorso”. Sul posto gli è stato dato un antibiotico più potente, ma visto il sovraccarico della struttura lo hanno mandato a casa dicendogli “hai 55 anni, sei forte e puoi curarti da solo”. Due giorni dopo, però, la situazione è precipitata. “Ho dovuto chiamare l’ambulanza perché non ce la facevo più dal dolore. Non riuscivo a stare seduto né sdraiato, mi piegavo sulle ginocchia dal male”. In ospedale è arrivato il 3 marzo alle dieci di sera ed è stato ricoverato il giorno successivo all’una del pomeriggio. “Nel frattempo hanno aperto un ambulatorio privato di un medico e mi hanno lasciato lì perché non c’era posto. Per farmi spazio in reparto hanno liberato un magazzino smontando degli scaffali e ci hanno messo dentro un letto. Nei corridoi c’era un casino pazzesco, sembrava un campo di battaglia. Era impressionante”.


© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
Lʼentata dellʼOspedale Maggiore di Lodi, una cittadina di circa 44mila abitanti.

In ospedale

Nella struttura sanitaria Claudio ha trascorso due settimane in preda a lancinanti mali. “Tutti i giorni mi davano 7-8 antidolorifici in vena perché non riuscivo a stare fermo a causa della polmonite. Non ho mai provato nulla del genere in tutta la mia vita, immagino quanto sia devastante una sofferenza simile per gli anziani. Durante due mesi ho dormito seduto perché non riuscivo a sdraiarmi a causa del male localizzato in due punti del polmone destro, dietro in basso e davanti vicino al cuore”. I posti in cui gli hanno riscontrato delle perforazioni polmonari.
L’atmosfera che si respirava nella struttura era surreale e angosciante. “Mi trovavo completamente isolato, ero in contatto con la mia famiglia solo tramite videochiamata, mia moglie poteva solo passare a lasciarmi i panni lavati in portineria. Gli infermieri e i dottori erano bardati da cima a fondo e sembravano degli astronauti”. Di tutta la situazione, ciò che ha colpito particolarmente Claudio è stata l’impreparazione della struttura sanitaria, presa alla sprovvista da una crisi senza precedenti. Analogamente agli ospedali vicini, mancavano medicinali, ventilatori, dispositivi di protezione per il personale sanitario. E quest’ultimo era esausto per i lunghissimi turni ed emotivamente molto provato. “Però si impegnavano tutti in un modo incredibile. Vedevo infermieri e addetti alle sale operatorie che facevano le pulizie. Sono stato curato bene, ma senza dubbio l’organizzazione della struttura non era pronta a un evento del genere”.


© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
Una veduta esterna dellʼOspedale di Codogno, comune di 16mila abitanti.

Finalmente fuori

Una volta dimesso, per Claudio la normalità non è più ripresa come prima. Il giorno in cui è tornato a casa, salire nove scalini gli è parso come scalare l’Everest. “Da quel momento ho passato altri 15 giorni chiuso in camera in completo isolamento. Mia moglie mi portava da mangiare davanti alla porta e quando andavo in bagno disinfettava tutto con l’ammoniaca”. Al termine della quarantena dovevano passare a fargli il tampone “ma gli addetti erano così impegnati che sono dovuto andare io in ospedale. Al rientro ho ricominciato con la febbre e il mal di polmoni. Per fortuna ero negativo, ma il dolore si è affievolito solo assumendo degli oppiacei”. La malattia lo ha lasciato con un polmone più piccolo a causa di numerose ischemie. Spesso gli fa male dopo gli sforzi, compiendo determinati movimenti o con i cambi di tempo bruschi. “Sono sempre stato uno sportivo, facevo competizioni in mountain bike, gare di corsa, montagna, palestra, e non ho mai avuto nessun problema di salute in tutta la mia vita. Poi è arrivata questa mazzata”. Una volta guarito dalla polmonite, la stanchezza, che definisce devastante, è rimasta il principale problema. “Adesso, per fare una salita che prima percorrevo in 25 minuti, ci impiego un’ora. La prima volta che ho fatto una camminata mi sono riempito nuovamente di herpes. E in due mesi sono calato di una decina di chili, che gradualmente per fortuna ho ripreso. Ma la mia condizione fisica è molto cambiata”.


© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
Simona Ravera, infermiera di Cure intense, attiva durante la quarantena dellʼOspedale di Codogno durante la prima ondata dellʼepidemia di Covid-19.

Non era un film

Le conseguenze del coronavirus hanno comportato anche la fine della sua vita professionale. “Ho dovuto lasciare il mio lavoro. Facevo l’attrezzista di stampi nelle macchine a vapore ed era impensabile tornare a svolgere quell’attività con la mascherina a più di 100 gradi e alzando pesi. La mia fortuna è che mi mancava un anno e mezzo prima di andare in pensione e sono riuscito ad anticiparla. Fossi stato in una condizione diversa non so come avrei fatto”. La testimonianza di quanto capitatogli, Claudio l’aveva già affidata ai social media in quelle settimane concitate. “Sono state le mie figlie e i miei nipoti a chiedermi di raccontare la mia storia e renderla pubblica perché all’epoca ancora in molti non si rendevano conto della gravità della situazione. Nella zona in cui abitiamo le nostre vite sono state profondamente sconvolte dalla presenza diffusa della malattia e della morte, ma in altre parti la situazione era ancora abbastanza blanda e in tanti minimizzavano gli effetti del virus. C’era perfino chi diceva che i camion di Bergamo erano solo una montatura usata per fare terrorismo. Per questo ho voluto condividere la mia esperienza”.


© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
Simona Ravera, infermiera di Cure intense, attiva durante la quarantena dellʼOspedale di Codogno durante la prima ondata dellʼepidemia di Covid-19.


© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
Simona Ravera, infermiera di Cure intense, attiva durante la quarantena dellʼOspedale di Codogno durante la prima ondata dellʼepidemia di Covid-19.


© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
Annalisa Malara, medico anestesista rianimatore che ha scoperto il primo caso diagnosticato dʼEuropa allʼOspedale di Lodi infrangendo il Protocollo medico italiano.

 


© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
Stefano Paglia, direttore generale del Pronto soccorso dellʼOspedale di Lodi, ha vissuto in prima linea la prima ondata Covid-19 diagnosticata in Europa, trasformando il suo ufficio in una brandina per riposare.


© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
Massimo Lombardo, direttore generale degli ospedali Civili di Brescia, già direttore dellʼOspedale di Codogno durante la prima ondata di Covid-19, in seguito promosso di ruolo per la buona gestione.

© Ti-Press / Pablo Gianinazzi
Guarda tutte le 9 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved