vanni-bianconi-un-poeta-ticinese-a-londra
© Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
4 gior

Salvare una vita è sempre una buona idea

Nelle acque del Mediterraneo continuano a morire esseri umani, leggi e diritti. Spesso nel silenzio. Ne abbiamo parlato con Cecilia Strada della ONG ResQ
Ticino7
5 gior

L’occhio sociale di Alessandro Ligato

‘L’arte mi ha insegnato ad avere un pensiero divergente che non si ferma mai all’apparenza ma che tenta, piuttosto, di scoprire cosa c’è sotto il tavolo’
Ticino7
6 gior

Se volevo essere un riempimento di vuoti nascevo stucco

Perché è così difficile per le persone percepire la differenza tra essere disponibili ed essere a disposizione?
Ticino7
6 gior

Dimmi come ti chiamano (e ti dirò chi sei)

Ti si attacca addosso in un attimo e ti accompagna per tutta la vita, spesso finendo per diventare anche un nome di famiglia alternativo: è il soprannome
Ticino7
6 gior

Quello sei tu, davvero

Hai voglia a costruirti un profilo pubblico rispettabile, se poi quelli che ti conoscono veramente...
Ticino7
1 sett

Gabriel Stöckli e l’età dell’incertezza

La durezza e la semplicità delle forme coinvolte nelle sue creazioni sono anche la metafora della precarietà della sua generazione
Ticino7
1 sett

Storie e curiosità col ‘ghiro d’Italia’ (ma senza sudare)

Anche se non siete amanti della bici, qui potrete trovare pane per i vostri denti. Perché in su e in giù seguendo la Maglia Rosa non si pedala e basta...
Ticino7
1 sett

Il castoro cerca casa, uomo permettendo

Cacciato, estinto e reintrodotto. Anche quella di questo ingegnoso roditore è la storia di una convivenza fragile e complessa con l’homo sapiens
Ticino7
1 sett

Essere ‘Supergiovani’ dentro

“Nel boschetto della mia fantasia c’è un fottio di animaletti un po’ matti inventati da me, che mi fanno ridere quando sono triste”
Ticino7
2 sett

La scelta ‘silenziosa’ di Claudio Zanini

Guida un’auto elettrica e con 120mila chilometri alle spalle l’esperienza è molto positiva. A parte quei costi legati alla ricarica ‘da migliorare’...
Ticino7
2 sett

Guidare elettrico: lo stile fa la differenza

Come si guida un veicolo con motore elettrico, con un occhio ad autonomia e resa, e rientrare nei margini di percorrenza promessi dai costruttori?
Ticino7
2 sett

Elettrificazione. Ok, la parola è giusta

Piccola guida per capirci qualcosa in un universo fatto di sigle, corrente, cavi, potenza, batterie, prese e molto inglese
Ticino7
2 sett

Mobilità e sostenibilità: le buone intenzioni

Serve a poco utilizzare veicoli (sulla carta) poco inquinanti, se poi si guidano così così
Ticino7
3 sett

‘Egolandia’ o le cinquanta sfumature di Narciso

Volete evitare di cadere vittima del narcisista manipolatore? Ecco il contributo giusto per voi...
Ticino7
3 sett

La narrazione emotiva di Luca Chieregato

Recente autore di un coinvolgente volume, l’attore e cantastorie ci ricorda l’importanza della tradizione orale. Perché raccontare è anche raccontarsi
Ticino7
3 sett

Sandra Zanchi, un volto del popolo

Attrice dialettale, scrittrice, regista e autrice di brani musicali, a inizio aprile è diventata centenaria. Ma l’affetto del pubblico ancora la sorprende
Ticino7
3 sett

Chiedilo alla pipì (e vedrai che sorprese...)

Sei giovane o vecchio dentro, schifiltoso o aperto come una rosa di maggio? Lei è in grado di dirci molte cose su noi stessi e sulla nostra specie
Ticino7
3 sett

Non è solo una ‘stupida felicità’

‘Questa è la ballata dell’uomo felice, felice di nome, di fatto, si può dire di mestiere, uno che la felicità l’ha imparata a dovere...’
Ticino7
1 mese

Chiara Zocchetti e l’iconografia della decadenza

Oltre al lavoro legato alla cronaca, si dedica a progetti personali come reportage e la fotografia d’architettura. E poi ci sono i luoghi abbandonati...
08.09.2018 - 11:35
Aggiornamento : 02.12.2021 - 15:05

Vanni Bianconi: un poeta ticinese a Londra

Traduttore e direttore artistico del festival bellinzonese “Babel” si racconta, tra versi d’amore, ricerca linguistica e nuove sfide

di Samantha Dresti

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, disponibile anche nelle cassette di 20 Minuti per tutto il fine settimana.

È nato a Locarno nel 1977 e vive a Londra. Si è laureato all’Università Statale di Milano in lingue e letterature straniere. È traduttore di opere letterarie – tra gli ultimi W. Somerset Maugham, W.H Auden e W. Faulkner –, direttore artistico del festival bellinzonese “Babel“ e scrive poesie. La sua prima silloge poetica ("Faura dei morti”) è apparsa nell’Ottavo quaderno italiano di poesia (Marcos y Marcos, 2004); per le Edizioni Casagrande sono usciti “Ora” prima (2008; Premio Schiller incoraggiamento), “Il passo dell’uomo” (2012) e “Sono due le parole che rimano in ore” (2016). È uno dei curatori della rivista di traduzione poetica "Testo a fronte”.

Lontano dal traffico e dalle incombenze quotidiane, è certo una fortuna poter passeggiare in mezzo alla natura accompagnati da un poeta. Il filo conduttore della chiacchierata, se l’autore è Vanni Bianconi, non può che essere il senso della vita. Certo, interrotta da aneddoti e «informazioni» più pratiche, ma sempre con un sottofondo dai toni esistenzialisti. Vanni vive a Londra da molti anni, ormai; è stato l’amore che lo ha portato lì ed è l’amore che ancora oggi lo lega alla metropoli britannica.

Tradurre è un’arte

Ma il nostro cantone rimane sempre nel suo cuore: nel Locarnese vive la sua famiglia di origine e vi ritrova regolarmente alcuni dei suoi amici più cari, mentre a Bellinzona ha fatto ergere la sua «Torre di Babele»: parliamo naturalmente di Babel, un festival unico nel suo genere, che si occupa di letteratura e traduzione. Ma qui, al contrario del riferimento biblico, i vari idiomi si confrontano al fine di far chiarezza e togliere dall’ombra – tramite conferenze, cinema, musica, workshop – il mestiere del tradurre. Anche perché troppo spesso, ancora oggi, molte pubblicazioni omettono il nome del traduttore; in questo senso anche grazie al festival bellinzonese si stanno facendo passi avanti.
Vanni, lui stesso traduttore, lo conferma: questo esercizio non è semplicemente una questione tecnica, «contiene sempre anche l’interpretazione del suo traduttore». Ma a vari gradi, come specifica quando gli chiediamo se un’opera tradotta diventi un’altra cosa, cioè un lavoro con una sua identità, un’opera a sé. «La stessa domanda» – ci dice – «andrebbe prima posta riguardo all’originale: ci sono opere che ricreano la loro lingua (e senza dovere essere sperimentali, è una questione di coesione tra ritmo e senso e suoni e sintassi che crea la sua unicità, la sua necessità), mentre altre semplicemente la usano. Questa non è per forza una distinzione di qualità. Così più la lingua dell’originale è originale, più la traduzione sarà un’interpretazione, una ri-creazione. Forse è per questo che i classici, cioè libri che hanno formato non solo la loro lingua ma la nostra cultura, hanno sempre bisogno di nuove traduzioni». Non è quindi sbagliato affermare che la traduzione sia né più né meno che una forma d’arte.


© Ti-Press

Mondo anglosassone

Certo non è tutto semplice quando ci si confronta con la cultura anglosassone: come quando ci confida che nei primi anni inglesi, frequentando amici di amici e conoscenti, si stupiva della loro grande capacità di fare small talk, di parlare per ore, senza scambiarsi in fondo nessuna informazione minimamente personale. «Io invece in questo sono meno portato; ho bisogno di chiederti anche come stai, di dirti come sto… Ma forse è una questione di carattere». E che cosa trova a Locarno che a Londra proprio gli manca? «Comprensione immediata e sfaccettata degli interlocutori» rivela Vanni: «nel momento in cui arrivo a Locarno, in ogni frase, anche di uno sconosciuto, anche sentita a metà, mi sembra di saper cogliere il detto e il non detto: non solo i riferimenti mi sono familiari, ma tutto mi sembra leggibile, le esitazioni e i loro motivi, borbottii e gesti a metà. Ha a che fare con la lingua madre, ma non solo. Questo non accade mai a Londra, con le sue mille barriere linguistiche e non. Ma quello straniamento è anche stimolante, bisogna sempre ritrovare il modo per dirsi oppure per capirsi».


© Ti-Press

Vivere di poesia

Neanche vivere di poesia e traduzioni è semplice. A parte alcune occasioni in cui il proprio lavoro viene riconosciuto, la quotidianità dello scrittore può essere interlocutoria: «La poesia la scrivi, la pubblichi e poi puff, cade nel vuoto. È vero che si fa un lavoro per sé, per il piacere di farlo, ma abbiamo anche bisogno di riconoscimenti. In passato ho avuto voglia di smettere, di occuparmi d’altro». Ma poi – e per fortuna – Bianconi ha ripreso fiducia. Si potrebbe anche pensare buon sangue non mente: Vanni è figlio di Sandro e nipote del compianto Giovanni Bianconi. Ma la sua tenacia è però stata ripagata; basta prendere tra le mani Sono due le parole che rimano in ore apparso nel 2016 per rendersene conto. Come sottolinea Piergiorgio Morgantini nella sua recensione (laRegione, 23.9.2017), è «una raccolta intensa e viva, da leggere in un fiato, che racconta l’amore in tutte le sue forme e le sue sfumature emotive, con semplicità». E ancora: «Tra i meriti di Bianconi quello di avere avuto il coraggio di raccontarcelo in versi, l’amore». E dai, allora, Vanni: scrivi e scrivi ancora. Che il mondo ha bisogno di poesia. Poesia nuova.

PS: Dicembre 2021: dal prossimo 10 gennaio Vanni Bianconi sarà il nuovo responsabile del settore Cultura della RSI: ad annunciarlo è stato il direttore Mario Timbal. Proprio il suo “sguardo aperto sul panorama culturale nazionale e internazionale” è uno dei motivi della scelta citati da Timbal nel comunicato. Complimenti e un grande in bocca al lupo per la nuova e stimolante avventura professionle.

Leggi anche:

Rsi, la Cultura cambia con Vanni Bianconi

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
babel festival cultura rsi poesia vanni bianconi
© Ti-Press
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved