vanni-bianconi-un-poeta-ticinese-a-londra
© Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino7
Ticino7
1 ora

Seminare civiltà per raccogliere rispetto

Le buone idee sono come le piante: se non le coltivi non danno frutti. Ma serve tempo e un buon terreno
Ticino7
4 gior

Diaframma. A ‘Gennaio’ fa freddo, anche a Firenze

“Nessun senso di colpa, non è importante per me / tu non stare in pensiero, è solo un finto cuore”
Ticino7
6 gior

La bacchetta magica di Elena Schwarz

Nata a Lugano nel 1985, le sue radici affondano fra l’Engadina e l’Australia. Direttrice d’orchestra, la musica è la colonna sonora della sua esistenza
Ticino7
6 gior

Vasco Rossi a Locarno. Cosa succede(va) nel 1985?

A pochi giorni dal 70esimo compleanno di Vasco Rossi, ricordiamo attraverso la lettura dei giornali dell’epoca l’incredibile controversia di Piazza Grande
Ticino7
6 gior

Ai margini: riflessioni su chi c’è, ma non si fa notare

Una società senza asociali o è morta oppure è una dittatura. Perché abbiamo molto da imparare da chi non ama i riflettori
Ticino7
1 sett

La scelta del ‘profilo basso’

ʻPiù piccola è la mente più grande è la presunzioneʼ. Esopo aveva ragione, si sa
Ticino7
1 sett

Braccati e in fuga con Matula (e i Pink Floyd)

Metti una sera davanti alla TV. In onda una vecchia puntata del classico “Ein Fall für Zwei”, ma il bello è quello che si sente in sottofondo...
Ticino7
1 sett

L’arte ‘sociale’ di Manuela Villa-Petraglio

"Vado in studio, resto lì… a respirarne l’aria, tasto l’atmosfera, cerco di estraniarmi dal mondo esterno per entrare in una comunicazione con me stessa”
Ticino7
1 sett

Lassù, tra le cime. La vita dello stambecco alpino

Appartiene al superordine degli ungulati e domina le valli dalle vette dell’arco alpino dove esibisce, con portamento fiero, le sue maestose corna
Ticino7
1 sett

Radio e TV: la staffetta di Carla e Lara

“Scrivi più su di lei, mi raccomando!”. “Ma no, ma no, scrivi più su di lei!”. Vabbè, dai... intanto iniziamo a raccontarvi che c’è di nuovo alla RSI
Ticino7
1 sett

Giornata mondiale della neve. Una scuola coi fiocchi

Il 16 gennaio si celebra la Giornata mondiale della neve. Una ricorrenza istituita nel 2012 per ricordare (anche) la sua importanza per il nostro pianeta
Ticino7
2 sett

Ghiacciaio del Chüeboden. Una storia di piccoli iceberg

In un recente volume, il meteorologo e glaciologo Giovani Kappenberger ripercorre la nascita e la scomparsa di un fenomeno inedito per le nostre regioni
Ticino7
2 sett

Sulle cime e sui pendii occhi aperti. Sempre ;-)

Vivere la montagna significa prima di tutto rispettarla, nel nome della propria sicurezza. E una nuovissima pubblicazione del DT potrà darci una mano
Ticino7
2 sett

Rocco Lombardi: non è (solo) una questione di ritmo...

“La si può suonare anche in assenza di elettricità, quindi non inquina, e non importa se è un po’ scordata, il suono sta nelle mani” (e il talento aiuta)
Ticino7
2 sett

Positiva ma non isolata? ‘Caso conforme’, dice il Cantone

Talora i test PCR possono trovare residui del virus anche nelle persone guarite. Il caso di una donna e i chiarimenti del medico cantonale Giorgio Merlani
Ticino7
2 sett

Una ragazza sola al ristorante (per chi vuole ancora crederci)

“C’erano solo lei e la nebbia che la sospendeva dal mondo, e quanto avrebbe voluto sentire sospesi anche i suoi pensieri”
Ticino7
3 sett

La mente, crocevia di ricordi e di rimpianti

Cʼè chi rivede volti e sentimenti di amori perduti. E chi lo vorrebbe fare, ma un destino beffardo glielo impedisce
Ticino7
3 sett

Un diritto e un rovescio con Susan Bandecchi

Quando le si chiedeva cosa volesse fare da grande, la sua risposta era decisa e di pancia: “La cantante!”. Poi è arrivata la racchetta...
Ticino7
3 sett

Sopra e sotto: la vita ‘misteriosa’ della talpa

Le “mani” sono a forma di badile, robuste, indispensabili per lo scavo. Mentre quelli posteriori hanno “piedi” piccoli. No, non è un alieno, pero...
08.09.2018 - 11:350
Aggiornamento : 02.12.2021 - 15:05

Vanni Bianconi: un poeta ticinese a Londra

Traduttore e direttore artistico del festival bellinzonese “Babel” si racconta, tra versi d’amore, ricerca linguistica e nuove sfide

Pubblichiamo un contributo apparso su Ticino7, disponibile anche nelle cassette di 20 Minuti per tutto il fine settimana.

È nato a Locarno nel 1977 e vive a Londra. Si è laureato all’Università Statale di Milano in lingue e letterature straniere. È traduttore di opere letterarie – tra gli ultimi W. Somerset Maugham, W.H Auden e W. Faulkner –, direttore artistico del festival bellinzonese “Babel“ e scrive poesie. La sua prima silloge poetica ("Faura dei morti”) è apparsa nell’Ottavo quaderno italiano di poesia (Marcos y Marcos, 2004); per le Edizioni Casagrande sono usciti “Ora” prima (2008; Premio Schiller incoraggiamento), “Il passo dell’uomo” (2012) e “Sono due le parole che rimano in ore” (2016). È uno dei curatori della rivista di traduzione poetica "Testo a fronte”.

Lontano dal traffico e dalle incombenze quotidiane, è certo una fortuna poter passeggiare in mezzo alla natura accompagnati da un poeta. Il filo conduttore della chiacchierata, se l’autore è Vanni Bianconi, non può che essere il senso della vita. Certo, interrotta da aneddoti e «informazioni» più pratiche, ma sempre con un sottofondo dai toni esistenzialisti. Vanni vive a Londra da molti anni, ormai; è stato l’amore che lo ha portato lì ed è l’amore che ancora oggi lo lega alla metropoli britannica.

Tradurre è un’arte

Ma il nostro cantone rimane sempre nel suo cuore: nel Locarnese vive la sua famiglia di origine e vi ritrova regolarmente alcuni dei suoi amici più cari, mentre a Bellinzona ha fatto ergere la sua «Torre di Babele»: parliamo naturalmente di Babel, un festival unico nel suo genere, che si occupa di letteratura e traduzione. Ma qui, al contrario del riferimento biblico, i vari idiomi si confrontano al fine di far chiarezza e togliere dall’ombra – tramite conferenze, cinema, musica, workshop – il mestiere del tradurre. Anche perché troppo spesso, ancora oggi, molte pubblicazioni omettono il nome del traduttore; in questo senso anche grazie al festival bellinzonese si stanno facendo passi avanti.
Vanni, lui stesso traduttore, lo conferma: questo esercizio non è semplicemente una questione tecnica, «contiene sempre anche l’interpretazione del suo traduttore». Ma a vari gradi, come specifica quando gli chiediamo se un’opera tradotta diventi un’altra cosa, cioè un lavoro con una sua identità, un’opera a sé. «La stessa domanda» – ci dice – «andrebbe prima posta riguardo all’originale: ci sono opere che ricreano la loro lingua (e senza dovere essere sperimentali, è una questione di coesione tra ritmo e senso e suoni e sintassi che crea la sua unicità, la sua necessità), mentre altre semplicemente la usano. Questa non è per forza una distinzione di qualità. Così più la lingua dell’originale è originale, più la traduzione sarà un’interpretazione, una ri-creazione. Forse è per questo che i classici, cioè libri che hanno formato non solo la loro lingua ma la nostra cultura, hanno sempre bisogno di nuove traduzioni». Non è quindi sbagliato affermare che la traduzione sia né più né meno che una forma d’arte.


© Ti-Press

Mondo anglosassone

Certo non è tutto semplice quando ci si confronta con la cultura anglosassone: come quando ci confida che nei primi anni inglesi, frequentando amici di amici e conoscenti, si stupiva della loro grande capacità di fare small talk, di parlare per ore, senza scambiarsi in fondo nessuna informazione minimamente personale. «Io invece in questo sono meno portato; ho bisogno di chiederti anche come stai, di dirti come sto… Ma forse è una questione di carattere». E che cosa trova a Locarno che a Londra proprio gli manca? «Comprensione immediata e sfaccettata degli interlocutori» rivela Vanni: «nel momento in cui arrivo a Locarno, in ogni frase, anche di uno sconosciuto, anche sentita a metà, mi sembra di saper cogliere il detto e il non detto: non solo i riferimenti mi sono familiari, ma tutto mi sembra leggibile, le esitazioni e i loro motivi, borbottii e gesti a metà. Ha a che fare con la lingua madre, ma non solo. Questo non accade mai a Londra, con le sue mille barriere linguistiche e non. Ma quello straniamento è anche stimolante, bisogna sempre ritrovare il modo per dirsi oppure per capirsi».


© Ti-Press

Vivere di poesia

Neanche vivere di poesia e traduzioni è semplice. A parte alcune occasioni in cui il proprio lavoro viene riconosciuto, la quotidianità dello scrittore può essere interlocutoria: «La poesia la scrivi, la pubblichi e poi puff, cade nel vuoto. È vero che si fa un lavoro per sé, per il piacere di farlo, ma abbiamo anche bisogno di riconoscimenti. In passato ho avuto voglia di smettere, di occuparmi d’altro». Ma poi – e per fortuna – Bianconi ha ripreso fiducia. Si potrebbe anche pensare buon sangue non mente: Vanni è figlio di Sandro e nipote del compianto Giovanni Bianconi. Ma la sua tenacia è però stata ripagata; basta prendere tra le mani Sono due le parole che rimano in ore apparso nel 2016 per rendersene conto. Come sottolinea Piergiorgio Morgantini nella sua recensione (laRegione, 23.9.2017), è «una raccolta intensa e viva, da leggere in un fiato, che racconta l’amore in tutte le sue forme e le sue sfumature emotive, con semplicità». E ancora: «Tra i meriti di Bianconi quello di avere avuto il coraggio di raccontarcelo in versi, l’amore». E dai, allora, Vanni: scrivi e scrivi ancora. Che il mondo ha bisogno di poesia. Poesia nuova.

PS: Dicembre 2021: dal prossimo 10 gennaio Vanni Bianconi sarà il nuovo responsabile del settore Cultura della RSI: ad annunciarlo è stato il direttore Mario Timbal. Proprio il suo “sguardo aperto sul panorama culturale nazionale e internazionale” è uno dei motivi della scelta citati da Timbal nel comunicato. Complimenti e un grande in bocca al lupo per la nuova e stimolante avventura professionle.

© Ti-Press
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved