lex-netflix-favorevoli-in-vantaggio-ma-situazione-incerta
Keystone
Al voto il 15 maggio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
5 ore

Munizioni nei laghi un rischio finanziario per la Confederazione

Da un rapporto del Controllo federale delle finanze (Cdf) sul risanamento dei siti contaminati emergono costi valutati in centinaia di milioni di franchi.
Svizzera
8 ore

Zurigo è al quarto posto delle città preferite dagli studenti

La città sulla Limmat si posiziona dopo Londra, Seul e Monaco. Lo racconta il sondaggio ‘Qs Best Student Cities Ranking’
Svizzera
10 ore

Covid, 3 svizzeri su 5 soddisfatti delle comunicazioni ufficiali

Secondo uno studio, in Ticino le persone che immaginano ci sia ‘un piano più grande dietro gli avvenimenti mondiali’ sono presenti in minor misura
Svizzera
10 ore

Fa sapere di aver donato un ovulo a una coppia, condannata

L’accordo scritto fra le parti prevedeva la non divulgazione della questione. Confermata la sentenza della giustizia zurighese.
Svizzera
10 ore

Crisi energetica, abbassare il termostato per risparmiare

La Confederazione potrebbe raccomandare alle famiglie che dipendono da questa energia di diminuire la temperatura in casa durante la stagione fredda.
Svizzera
11 ore

Giovane elefante muore allo zoo di Zurigo

L’animale era affetto da un herpes virus molto diffuso tra i pachidermi e particolarmente pericoloso per gli esemplari più piccoli
Svizzera
11 ore

Travolto e ucciso da un’auto mentre si trovava sul marciapiede

È successo a Baar, nel canton Zugo. Una donna avrebbe perso il controllo della vettura uscendo di strada e schiantandosi contro una fermata del bus.
Svizzera
11 ore

La Svizzera riprende il sesto pacchetto di sanzioni

Le nuove misure contro la Russia prevedono in particolare un embargo sul petrolio greggio e su alcuni prodotti petroliferi provenienti dal Paese
04.05.2022 - 07:53
Aggiornamento: 19:34
Ats, a cura de laRegione

Lex Netflix, favorevoli in vantaggio, ma situazione incerta

Votazioni federali, secondo l’ultimo sondaggio la maggioranza sarebbe per l’accettazione dei tre temi in votazione. Solo due però in modo chiaro

In vista delle votazioni del 15 maggio la situazione è ancora piuttosto aperta per la cosiddetta Lex Netflix, con il 52% di ‘sì’, il 45% di ‘no’ e il 3% di indecisi. Confortevole invece il vantaggio dei favorevoli alla legge sui trapianti e Frontex.

Secondo il terzo sondaggio Tamedia, per quel che riguarda la legge sul cinema c’è stato un lieve aumento dei ‘sì’, che però rientra nel quadro delle incertezze statistiche. Opposizioni si registrano in particolare fra i simpatizzanti di Udc e Plr, mentre il testo continua a essere amato in Ticino e Romandia, così come nelle città e fra la popolazione più anziana.

I favorevoli evocano in particolare il fatto che a oggi gli incassi dei grandi servizi streaming finiscono all’estero. Una parte di questo denaro dovrebbe invece essere investita in Svizzera. Gli oppositori sottolineano dal canto loro che già ora il cinema svizzero viene sostenuto con circa 105 milioni di franchi e che non serve una nuova tassa nascosta per la cultura.

Legge sui trapianti, consensi stabili

Rispetto ai primi due sondaggi risulta stabile l’approvazione della Legge sui trapianti: i ‘sì’ sono attualmente al 61%, contro il 37% di ‘no’. L’accettazione arriva un po’ da ogni ambito, con l’eccezione dei simpatizzanti dell’Udc. Piuttosto numerosi risultano in particolare i favorevoli in Romandia, così come nelle città e fra i giovani.

Secondo i sostenitori, si tratta di un’opportunità per i malati bisognosi di un trapianto, che avrebbero maggiori possibilità di ottenere un organo adatto. Dall’altro lato della barricata, la proposta viene invece vista come contraria all’etica e alla Costituzione.

Frontex verso un ‘sì’ scontato

Ancora più chiara sembra essere la situazione per l’approvazione di una maggiore partecipazione della Svizzera a Frontex: i ‘sì’ vengono dati al 64% e i ‘no’ al 31%. Anche in questo caso i dati sono stabili rispetto all’ultima rilevazione. Il testo è sostenuto in maniera meno convinta da donne e giovani. Solo i simpatizzanti dei Verdi sono contrari alla proposta.

I favorevoli sono convinti che una maggiore protezione delle frontiere esterne dell’Unione europea (Ue) sia nell’interesse della Svizzera, poiché garantirebbe maggiore libertà e sicurezza per il Paese. Gli oppositori sono invece dell’idea che una minore partecipazione sarebbe un segnale per convincere l’Ue a spostare i fondi da paura e violenza verso solidarietà e diritti umani.

Il sondaggio è stato effettuato su 10’069 persone fra il 27 e il 29 aprile. Il margine di errore statistico si attesta a +/- 1,6 punti percentuali.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
frontex legge trapianti lex netflix votazioni federali
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved