Svizzera

Salari reali in calo: Travail.Suisse chiede aumenti fino al 4,5%

Parlando di ‘perdita storica’ (la terza diminuzione consecutiva per la prima volta nel dopoguerra), il sindacato rivendica aumenti generalizzati

Dalla parte del dipendente
(Travail.Suisse)
17 agosto 2023
|

I salari reali dei lavoratori diminuiranno quest'anno per la terza volta consecutiva, ed è la prima volta che ciò accade nel dopoguerra. Per contrastare questa perdita storica del potere d'acquisto, Travail.Suisse esige aumenti generalizzati fino al 4,5%.

A causa del costante incremento dei costi, quest'anno i salari reali in Svizzera si situano al di sotto del livello del 2015. Le aziende hanno un margine di manovra per gli aumenti salariali, vista la continua crescita della produttività e dei profitti, che ormai hanno superato i livello pre-Covid, spiega l'organizzazione sindacale.

Nonostante la guerra in Ucraina, i prezzi dell'energia sempre elevati e l'aumento dei tassi d'interesse l'economia svizzera è in piena forma. Purtroppo però questo non si ripercuote sui portafogli dei lavoratori. Al contrario, l'aumento costante del costo della vita li ha resi più poveri negli ultimi due anni.

Affitti più alti, aumento dei premi dell'assicurazione sanitaria e beni alimentari sempre più costosi, stanno erodendo il potere d'acquisto dei lavoratori, ha spiegato Thomas Bauer, responsabile della politica economica di Travail.Suisse. Sono necessari quindi aumenti salariali conseguenti calcolati sulla base del rincaro, della produttività e degli aumenti degli scorsi anni.

Aumenti secondo i settori

Il sindacato Syna chiede a seconda dei settori incrementi dal 3,5 al 4,5%. Nelle professioni artigianali, nell'industria Mem e nel settore sanitario «non è più accettabile che i salari reali continuino a diminuire in un periodo in cui i carichi di lavoro aumentano sempre di più», ha affermato Johann Tscherrig.

Nel settore pubblico, l'anno scorso non è stato possibile compensare completamente l'aumento dell'inflazione in quasi tutti i settori. Intanto le esigenze nei confronti dei dipendenti aumentano: le riorganizzazioni in corso, la carenza di personale e le varie misure di riduzione dei costi comportano un carico di lavoro crescente. Quest'anno quindi tutti i dipendenti del servizio pubblico hanno bisogno di una compensazione completa per mantenere il loro potere d'acquisto, ha annunciato Greta Gysin, presidente dell'associazione del personale di transfair e consigliera nazionale (Verdi/Ti)

I bassi salari inducono a carenza di personale

Nel settore alberghiero e della ristorazione le trattative salariali sono già concluse e i risultati sono deludenti: oltre alla compensazione dell'inflazione, «il personale ottiene un misero aumento salariale di 5 franchi al mese», secondo Roger Lang, dell'Hotel & Gastro Union. I bassi salari alimentano una spirale negativa e sono il motivo principale per cui i dipendenti lasciano il lavoro e i giovani sono sempre meno attratti dalle nostre professioni. Per invertire la tendenza l'organizzazione padronale GastroSuisse dovrebbe impegnarsi per una migliore formazione – una gestione del personale rispettosa da parte dei datori di lavoro – un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata grazie a orari di lavoro attraenti e affidabili.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE