Svizzera

Ospedale universitario di Zurigo, i cittadini diranno la loro

Dopo gli scandali per la cattiva gestione, il Gran Consiglio ha deciso che i cittadini saranno interpellati sull’esternalizzazione dei servizi

Si volta pagina
(Keystone)
6 marzo 2023
|

Il Gran Consiglio zurighese vuole evitare ulteriori scandali all’Ospedale universitario (Usz): quasi tre anni dopo che il nosocomio è finito sotto i riflettori con le accuse di cattiva gestione, stamane il parlamento cantonale ha approvato in prima lettura una serie di misure in merito. Un punto importante è che i cittadini avranno voce in capitolo in particolare sull’esternalizzazione dei servizi.

L’outsourcing di singoli reparti ospedalieri sarà ora soggetta a referendum facoltativo, nel caso l’importo in questione dovesse superare i quattro milioni di franchi. Potrebbe essere il caso ad esempio dell’esternalizzazione a ditte private dei servizi di pulizia, di fisioterapia o di catering.

I partiti conservatori – a eccezione dell’Udc – erano contrari a questa limitazione della libertà imprenditoriale. Anche la direttrice cantonale della Sanità Natalie Rickli (Udc) si è detta contraria a questa clausola referendaria a partire da un ammontare di quattro milioni. A suo modo di vedere essa equivale a un voto di sfiducia nei confronti dell’Usz.

La seconda lettura degli emendamenti alla legge sull’Usz avrà luogo tra circa quattro settimane.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE