ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
36 min

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
37 min

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
2 ore

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
3 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
3 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
3 ore

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
3 ore

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
3 ore

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
4 ore

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
Grigioni
4 ore

Covid, campagna di vaccinazione al via anche nel Moesano

Dall’11 ottobre sarà possibile farsi fare l’iniezione negli studi medici di Dieter Suter a Grono e di Chebaro Jihad a Mesocco
Ticino
4 ore

Il Festival dell’educazione pronto a parlare di emozioni

L’evento torna dopo la pausa forzata dovuta alla pandemia. Si parte venerdì sera con uno spettacolo al Teatro Sociale di Bellinzona
Bellinzonese
4 ore

Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca

Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
Luganese
5 ore

Una app per il Comune di Vezia

Il nuovo strumento digitale, assieme al rinnovato sito, permetterà una miglior comunicazione con la cittadinanza e informazioni più immediate
Locarnese
5 ore

Collaborazione tra Eoc e Santa Chiara, insorgono Ps e Mps

Strategie ospedaliere nel Locarnese, interpellanze al governo sui vantaggi per il privato e sugli svantaggi per il settore pubblico
laR
 
29.04.2022 - 05:20
Aggiornamento: 16:03

Strade silenti. Lo saranno anche i cittadini?

Il credito di 50 milioni per il risanamento fonico potrebbe essere il primo caso di applicazione del referendum finanziario obbligatorio. Potrebbe

strade-silenti-lo-saranno-anche-i-cittadini
Ti-Press
Deciderà la prossima settimana il Gran Consiglio

Potrebbe essere il primo banco di prova per il cosiddetto referendum finanziario obbligatorio. Potrebbe, perché sarà (eventualmente) il Gran Consiglio a decidere, nella sessione di settimana prossima, se chiamare i cittadini al voto sul credito di 50 milioni di franchi per il risanamento fonico delle strade cantonali.

Andiamo con ordine. Nei giorni scorsi la commissione parlamentare della Gestione ha aderito all’unanimità dei presenti al rapporto del liberale radicale Matteo Quadranti favorevole allo stanziamento della citata somma proposta dal governo e destinata non solo alla posa di pavimentazione fonoassorbente, ma anche ad altri interventi anti-inquinamento fonico, per esempio la messa in atto di "provvedimenti di isolamento acustico" su quasi quattrocento edifici. Invocando la clausola d’urgenza, la ‘Gestione’ ha sollecitato l’inserimento del dossier nell’agenda dell’imminente seduta del Legislativo. Secondo il programma, lunedì 2 maggio il Gran Consiglio si esprimerà sulla richiesta della commissione. Se accolta, il plenum si pronuncerà sul rapporto di Quadranti martedì. Per l’approvazione del credito occorrerà la maggioranza qualificata: quarantasei sì. L’iter però non si concluderà con il via libera del parlamento al credito, cosa che appare scontata alla luce dell’ampio sostegno in Gestione ai 50 milioni. Dato che l’importo supera abbondantemente quello fissato dalla legge (30 milioni di franchi), il Gran Consiglio sarà tenuto a deliberare sulla referendabilità della spesa, che "è data con un terzo favorevole dei presenti e con un minimo di venticinque dei suoi membri", venticinque deputati. In tal caso la parola passerà al popolo. Se così sarà, il ‘referendum finanziario obbligatorio’ verrà applicato per la prima volta in Ticino dalla sua (recente) entrata in vigore.

L’iniziativa, il controprogetto

Lo strumento deriva da un’iniziativa popolare di cui era primo firmatario il deputato democentrista Sergio Morisoli, artefice peraltro del controverso decreto, approvato dalla maggioranza del Gran Consiglio nell’ottobre scorso, che chiede il pareggio di bilancio dei conti del Cantone entro la fine del 2025, agendo prioritariamente sulla spesa pubblica. Tagliandola, sostengono i contrari. No, contenendone la crescita, replicano i fautori del decreto. Fatto sta che su quest’ultimo, impugnato con successo tramite referendum, i cittadini si esprimeranno il 15 maggio. Torniamo al ‘referendum finanziario obbligatorio’. Depositata nel 2017, l’iniziativa popolare costituzionale promossa da Morisoli e denominata "Basta tasse e basta spese, che i cittadini possano votare su certe spese cantonali", aveva raccolto oltre dodicimila firme, circa duemila in più di quelle necessarie per la sua riuscita.

Nel febbraio 2021 il Gran Consiglio opta però per il controprogetto, meno rigido (eleva fra l’altro il tetto di spesa unica da 20 a 30 milioni di franchi), partorito dalla commissione parlamentare ‘Costituzione e leggi’ e inserito nel rapporto di Lara Filippini, collega di partito di Morisoli. L’iniziativa non viene ritirata e così scatta il voto popolare (26 settembre 2021). Il controprogetto ottiene l’ok anche delle urne. Lo strumento del ‘referendum finanziario obbligatorio’, nella versione del controprogetto, viene pertanto ancorato alla Costituzione ticinese e alla Legge sulla gestione e sul controllo finanziario dello Stato con l’introduzione all’articolo 5 del seguente capoverso: "Immediatamente dopo il voto finale su un atto del parlamento che comporta una spesa unica superiore a 30’000’000 di franchi o una spesa annua superiore a 6’000’000 di franchi per almeno quattro anni, viene messa in votazione dal parlamento la referendabilità obbligatoria della spesa, la quale è data con un terzo favorevole dei presenti e con un minimo di 25 dei suoi membri".

Morisoli: troverei piuttosto strana una chiamata del popolo alle urne

«Considerata l’adesione unanime della commissione al rapporto e confidando pertanto in un ampio consenso del plenum del Gran Consiglio al credito, mi auguro – afferma Matteo Quadranti, relatore sui 50 milioni – che si rinunci a chiamare i cittadini alle urne. Tuttavia se dovesse esserci la votazione popolare, ricordo che l’investimento previsto è a beneficio della salute. Riducendo l’impatto fonico della rete viaria cantonale, si tutela da rumori eccessivi una fetta importante della popolazione». Vero, ma il prospettato consistente aumento dei premi di cassa malati e il rincaro dell’elettricità e delle materie prime potrebbero portare una parte dei cittadini a rivendicare un uso diverso del denaro. «In ogni caso – dice Sergio Morisoli – con questo credito non si buttano via i soldi pubblici, ma si risponde a un’esigenza concreta». Quindi? «Quindi troverei piuttosto strano – risponde il capogruppo Udc in Gran Consiglio – che il parlamento, tenuto conto anche della decisione commissionale su questi 50 milioni, votasse per il referendum». La settimana prossima se ne saprà di più.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved