strade-silenti-lo-saranno-anche-i-cittadini
Ti-Press
Deciderà la prossima settimana il Gran Consiglio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
3 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
5 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
5 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
9 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
12 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
16 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
1 gior

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
1 gior

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
1 gior

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
1 gior

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
1 gior

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
1 gior

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
1 gior

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
laR
 
29.04.2022 - 05:20
Aggiornamento : 16:03

Strade silenti. Lo saranno anche i cittadini?

Il credito di 50 milioni per il risanamento fonico potrebbe essere il primo caso di applicazione del referendum finanziario obbligatorio. Potrebbe

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Potrebbe essere il primo banco di prova per il cosiddetto referendum finanziario obbligatorio. Potrebbe, perché sarà (eventualmente) il Gran Consiglio a decidere, nella sessione di settimana prossima, se chiamare i cittadini al voto sul credito di 50 milioni di franchi per il risanamento fonico delle strade cantonali.

Andiamo con ordine. Nei giorni scorsi la commissione parlamentare della Gestione ha aderito all’unanimità dei presenti al rapporto del liberale radicale Matteo Quadranti favorevole allo stanziamento della citata somma proposta dal governo e destinata non solo alla posa di pavimentazione fonoassorbente, ma anche ad altri interventi anti-inquinamento fonico, per esempio la messa in atto di "provvedimenti di isolamento acustico" su quasi quattrocento edifici. Invocando la clausola d’urgenza, la ‘Gestione’ ha sollecitato l’inserimento del dossier nell’agenda dell’imminente seduta del Legislativo. Secondo il programma, lunedì 2 maggio il Gran Consiglio si esprimerà sulla richiesta della commissione. Se accolta, il plenum si pronuncerà sul rapporto di Quadranti martedì. Per l’approvazione del credito occorrerà la maggioranza qualificata: quarantasei sì. L’iter però non si concluderà con il via libera del parlamento al credito, cosa che appare scontata alla luce dell’ampio sostegno in Gestione ai 50 milioni. Dato che l’importo supera abbondantemente quello fissato dalla legge (30 milioni di franchi), il Gran Consiglio sarà tenuto a deliberare sulla referendabilità della spesa, che "è data con un terzo favorevole dei presenti e con un minimo di venticinque dei suoi membri", venticinque deputati. In tal caso la parola passerà al popolo. Se così sarà, il ‘referendum finanziario obbligatorio’ verrà applicato per la prima volta in Ticino dalla sua (recente) entrata in vigore.

L’iniziativa, il controprogetto

Lo strumento deriva da un’iniziativa popolare di cui era primo firmatario il deputato democentrista Sergio Morisoli, artefice peraltro del controverso decreto, approvato dalla maggioranza del Gran Consiglio nell’ottobre scorso, che chiede il pareggio di bilancio dei conti del Cantone entro la fine del 2025, agendo prioritariamente sulla spesa pubblica. Tagliandola, sostengono i contrari. No, contenendone la crescita, replicano i fautori del decreto. Fatto sta che su quest’ultimo, impugnato con successo tramite referendum, i cittadini si esprimeranno il 15 maggio. Torniamo al ‘referendum finanziario obbligatorio’. Depositata nel 2017, l’iniziativa popolare costituzionale promossa da Morisoli e denominata "Basta tasse e basta spese, che i cittadini possano votare su certe spese cantonali", aveva raccolto oltre dodicimila firme, circa duemila in più di quelle necessarie per la sua riuscita.

Nel febbraio 2021 il Gran Consiglio opta però per il controprogetto, meno rigido (eleva fra l’altro il tetto di spesa unica da 20 a 30 milioni di franchi), partorito dalla commissione parlamentare ‘Costituzione e leggi’ e inserito nel rapporto di Lara Filippini, collega di partito di Morisoli. L’iniziativa non viene ritirata e così scatta il voto popolare (26 settembre 2021). Il controprogetto ottiene l’ok anche delle urne. Lo strumento del ‘referendum finanziario obbligatorio’, nella versione del controprogetto, viene pertanto ancorato alla Costituzione ticinese e alla Legge sulla gestione e sul controllo finanziario dello Stato con l’introduzione all’articolo 5 del seguente capoverso: "Immediatamente dopo il voto finale su un atto del parlamento che comporta una spesa unica superiore a 30’000’000 di franchi o una spesa annua superiore a 6’000’000 di franchi per almeno quattro anni, viene messa in votazione dal parlamento la referendabilità obbligatoria della spesa, la quale è data con un terzo favorevole dei presenti e con un minimo di 25 dei suoi membri".

Morisoli: troverei piuttosto strana una chiamata del popolo alle urne

«Considerata l’adesione unanime della commissione al rapporto e confidando pertanto in un ampio consenso del plenum del Gran Consiglio al credito, mi auguro – afferma Matteo Quadranti, relatore sui 50 milioni – che si rinunci a chiamare i cittadini alle urne. Tuttavia se dovesse esserci la votazione popolare, ricordo che l’investimento previsto è a beneficio della salute. Riducendo l’impatto fonico della rete viaria cantonale, si tutela da rumori eccessivi una fetta importante della popolazione». Vero, ma il prospettato consistente aumento dei premi di cassa malati e il rincaro dell’elettricità e delle materie prime potrebbero portare una parte dei cittadini a rivendicare un uso diverso del denaro. «In ogni caso – dice Sergio Morisoli – con questo credito non si buttano via i soldi pubblici, ma si risponde a un’esigenza concreta». Quindi? «Quindi troverei piuttosto strano – risponde il capogruppo Udc in Gran Consiglio – che il parlamento, tenuto conto anche della decisione commissionale su questi 50 milioni, votasse per il referendum». La settimana prossima se ne saprà di più.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
controprogetto iniziativa morisoli referendum finanziario obbligatorio spesa
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved