ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
56 min

In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico

Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
1 ora

Si addormenta al volante e provoca un incidente frontale

Fortunatamente illesi i due protagonisti del sinistro avvenuto a Villmergen, nel Canton Argovia. Al 67enne è stata ritirata la patente sul posto
Svizzera
2 ore

Grave incidente sugli sci per Philipp Kutter

Dopo l’infortunio, il consigliere nazionale zurighese del Centro (e sindaco di Wädenswil), è stato trasferito al centro specialistico di Nottwil
Svizzera
2 ore

Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati

Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
2 ore

Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese

Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
Svizzera
3 ore

Berna accoglie l’appello lanciato dalle autorità turche

La Catena svizzera di salvataggio (composta da un’ottantina di persone) è pronta a partire alla volta delle zone colpite dal violento terremoto
Svizzera
4 ore

La migrazione degli anfibi minacciata dal cambiamento climatico

Non bastava il pericolo di essere investiti durante gli spostamenti verso il luogo di deposizione: il riscaldamento globale ne sconvolge la riproduzione
22.10.2022 - 09:39
Aggiornamento: 23.10.2022 - 16:29

Parmelin: ‘Prevedo una crisi energetica che durerà diversi anni’

Per il consigliere federale, bisogna ‘fare tutto il possibile per produrre di più in Svizzera: più energie rinnovabili, più efficienza’

parmelin-prevedo-una-crisi-energetica-che-durera-diversi-anni
Keysone

Non solo nei mesi a venire, anche nei prossimi anni si rischia una penuria di energia in Svizzera: lo sostiene il consigliere federale Guy Parmelin. "Prevedo una crisi energetica che durerà diversi anni", afferma il capo del Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca in un’intervista pubblicata oggi dall’Aargauer Zeitung e testate sorelle. "Non dobbiamo pensare solo a questo inverno, ma fare tutto il possibile per produrre di più in Svizzera: più energie rinnovabili, più efficienza".

"Ma nel 2023 e 2024 dipenderemo ancora dal petrolio e dal gas", mette in guardia il politico democentrista. "Quello che succederà negli anni successivi dipende dalla rapidità con cui riusciremo a espandere la nostra produzione".

"In materia energetica i rischi sono stati sottovalutati e negli ultimi decenni ci si è affidati all’importazione in caso di difficoltà", prosegue il 62enne . "Un esperto mi ha detto che i problemi risalgono alla decisione di non costruire la centrale nucleare di Kaiseraugst", aggiunge. "Ora siamo diventati molto dipendenti: abbiamo perso l’opportunità di procedere in modo sufficientemente rapido con l’espansione in Svizzera, anche con le energie rinnovabili come l’energia idroelettrica".

Nell’immediato, "non bisogna sottovalutare la situazione", insiste Parmelin. "Nessuno sa come si svilupperà la guerra in Ucraina o quanto sarà rigido l’inverno. Per questo motivo è necessario prepararsi al massimo. Abbiamo lanciato la campagna per il risparmio energetico e i primi risultati sono soddisfacenti: la popolazione è sensibilizzata. I prezzi dell’energia sono ancora elevati e anche questi costi incoraggiano le persone a risparmiare".

Riguardo alla raccomandazione di mantenere 19 gradi di temperatura nei locali, il politico vodese ha detto che il governo "ha ascoltato le critiche: comunicheremo presto a questo proposito", promette. E su altro punto controverso, l’innevamento artificiale delle piste da sci, il ministro mostra di non voler intervenire. "A causa degli elevati costi energetici le stazioni sciistiche ci penseranno due volte nel decidere quanta neve produrre", spiega. "Conoscono la relazione tra il consumo di energia e l’importanza economica delle regioni periferiche. Sono consapevoli che non possono semplicemente bussare alla porta della Confederazione per ottenere il nostro aiuto volto a ridurre al minimo i costi".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved