28.09.2022 - 19:24

Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050

Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici

Ats, a cura di Red.Svizzera
le-ffs-vogliono-60-di-merci-in-piu-su-rotaia-entro-il-2050
Keystone
Entro il 2040 un miliardo di franchi per nuovi terminal e 500 milioni per l’automazione del parco veicoli

Berna – Le FFS puntano a espandere il ramo del traffico merci. Lo scopo è arrivare entro il 2050 a un aumento del 60% delle merci trasportate su rotaia, si legge in un comunicato odierno.

Con il concetto Suisse Cargo Logistics "utilizziamo meglio il sistema ferroviario per la logistica in Svizzera", ha spiegato Monika Ribar, presidente del Consiglio d’amministrazione delle FFS, citata nella nota. "Vogliamo più ferrovia per più merci", ha aggiunto.

Nuove esigenze di mercato

Suisse Cargo Logistics tiene conto delle nuove esigenze di mercato, con i clienti che chiedono sempre più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici, a zero emissioni e ad alta efficienza energetica.

"Vogliamo utilizzare al meglio l’infrastruttura ferroviaria e le superfici, combinare ferrovia e strada e integrare l’offerta di traffico merci esistente. Entro il 2050, la ferrovia sarà in grado di trasportare il 60% in più di merci, sgravando così il traffico sulle strade", ha detto il CEO delle FFS Vincent Ducrot.

Cinque terminali in più, sviluppo di quelli esistenti

Per garantire una combinazione ottimale di ferrovie e strada, verranno fra le altre cose aggiunti cinque terminali alla rete di trasporto combinato fra Ginevra e San Gallo, e gli attuali impianti verranno sviluppati. Le strutture verranno finanziate con le sovvenzioni federali già esistenti e con investimenti delle FFS. Entro il 2040 sono previsti costi per un miliardo di franchi per i terminal, oltre a circa 500 milioni per l’automazione del parco veicoli.

Le Ferrovie federali hanno anche comunicato di aver deciso di cedere la partecipazione di minoranza (2%) in "Cargo sous terrain". La scelta è stata fatta per concentrarsi sull’attività di base.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved