28.09.2022 - 18:20

Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato

Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’

Ats, a cura di Red.Svizzera
maudet-studia-il-ritorno-e-si-candida-al-consiglio-di-stato
Keystone
Ora lavora in una società di cybersicurezza e ha creato una fondazione che sostiene progetti dei cittadini

Ginevra – Pierre Maudet progetta il ritorno in grande stile sulla scena politica ginevrina. L’ex consigliere di Stato, che aveva dato le dimissioni per il caso legato a un suo viaggio ad Abu Dhabi, intende concorrere per rientrare in governo alle elezioni cantonali della prossima primavera.

"La mia candidatura non è dettata dall’ego", ha assicurato Maudet oggi al settimanale GHI, bensì dalla difesa "dei valori di una nuova lista". Secondo il giornale gratuito, essa sarà la stessa dell’elezione suppletiva del 2021, quando era stato sconfitto dalla verde Fabienne Fischer.

Maudet attualmente lavora in una società di cybersicurezza e ha creato una fondazione che mira a sostenere progetti dei cittadini. La sua rendita da ex consigliere di Stato è destinata proprio a questo ente.

Ricorso pendente al Tribunale federale

Quando faceva parte del PLR, Maudet è stato membro dell’esecutivo ginevrino dal giugno 2012 all’aprile 2021. Il suo lussuoso viaggio di famiglia ad Abu Dhabi nel 2015, del valore di 50’000 franchi e interamente pagato dalle autorità dell’Emirato, aveva infine portato alle sue dimissioni nell’ottobre 2020 al culmine di una profonda crisi istituzionale e politica, che lo aveva visto anche cacciato dal proprio partito. Come detto, il tentativo, nel marzo successivo, di restare in governo da indipendente nel quadro dell’elezione suppletiva era poi fallito.

A livello giudiziario, Maudet è stato inizialmente condannato nel febbraio 2021 per accettazione di vantaggi, sempre in relazione alla controversa trasferta negli Emirati Arabi Uniti. In secondo grado però, lo scorso gennaio, il 44enne è stato assolto su tutta la linea. La Procura ha comunque fatto ricorso al Tribunale federale (TF).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved