ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
46 min

Indagine sul mercato del lavoro nel settore bancario

Aperta un’inchiesta preliminare su trentaquattro banche in sei regioni della Svizzera tedesca: nel mirino lo scambio di informazioni sui salari
Svizzera
1 ora

Nelle aree di servizio autostradali approda ‘Braccio di Ferro’

Acquistati da Marché Restaurants tre esercizi di Popeyes, catena statunitense di fast food specializzata in piatti a base di pollo
Svizzera
11 ore

Pericolo marcato di valanghe in molte regioni meridionali

L’allerta riguarda la parte altovallesana delle Alpi, il versante sudalpino centrale, la cresta principale delle Alpi e la zona del Bernina
Svizzera
15 ore

È Zurigo l’El Dorado dei cittadini stranieri

Il 2022 potrebbe essere l’anno record per gli arrivi in riva alla Limmat. Tornano, in particolare, gli italiani
Svizzera
15 ore

Nuotata di San Nicolao da record nella Limmat

Ben 380 persone si sono date appuntamento a Zurigo per la 22esima edizione della tradizionale manifestazione benefica
Svizzera
15 ore

Mercato del lusso, Svizzera scalzata dalla Cina

Il nostro Paese resta in testa nell’orologeria, ma perde il primato per quel che concerne la gioielleria
Svizzera
15 ore

Inabilità al lavoro, impennata delle malattie mentali

Sensibile aumento dei casi di incapacità lavorativa. E non è solo colpa del burnout: altri tipi di diagnosi psicologiche si fanno largo
Svizzera
16 ore

Penuria di sostanze chimiche, laghi a rischio inquinamento

La scarsa reperibilità di sostanze anti-fosforo mette in difficoltà gli impianti di depurazione svizzeri
18.09.2022 - 09:15
Aggiornamento: 15:29

Santésuisse: nuovo sistema tariffario contro i costi in aumento

Il nuovo presidente dell’associazione assicuratori malattia propone un maggior ricorso a tariffe forfettarie integrate da tariffe di servizio individuali

Ats, a cura di Red.Web
santesuisse-nuovo-sistema-tariffario-contro-i-costi-in-aumento
Ti-Press

Un nuovo sistema tariffario, con l’obiettivo di ridurre i costi sanitari: lo propone Martin Landolt, nuovo presidente di Santésuisse, una delle due principali associazioni di assicuratori malattia. "Probabilmente ancora quest’anno creeremo una nuova organizzazione nazionale per le tariffe, coinvolgendo tutti i partner", afferma il consigliere nazionale (Centro) in un’intervista pubblicata oggi dal SonntagsBlick. "Siamo convinti che i costi possano essere ridotti facendo maggiormente ricorso a tariffe forfettarie, integrate da tariffe di servizio individuali", aggiunge. Con questo approccio gli oneri saliranno meno ad esempio nel settore ospedaliero. "Sono molto fiducioso al riguardo".

Secondo Landolt vi è una crescita dei costi che è legittima, ad esempio nelle cure, che stanno diventando sempre più importanti con lo sviluppo della società. "Tuttavia le opportunità di frenare la progressione rimangono inutilizzate perché il parlamento, i Cantoni e il Consiglio federale fanno troppo poco". A suo avviso i problemi sono a tutti i livelli. "Se, ad esempio, un farmaco generico costa il doppio in Svizzera rispetto all’estero, ciò non può essere giustificato né dalle differenze di potere d’acquisto né dal buonsenso. Qualcuno deve correggere questa situazione. Un altro esempio è la densità di medici, che a Ginevra è cinque volte superiore a quella del cantone di Obvaldo. Sono convinto che se domani qualcuno a Ginevra volesse aprire uno studio medico otterrebbe comunque un’autorizzazione".

Secondo l’ex presidente del Partito borghese democratico (2012-2021) oggi il sistema sanitario sarebbe impostato in modo diverso. "Ma questo è il modo in cui è cresciuto storicamente in uno Stato federale", aggiunge. Bisogna però intervenire: "Preferirei che i Cantoni si assumessero maggiori responsabilità di loro iniziativa". Per esempio nel campo delle autorizzazioni degli studi medici e degli ospedali.

Sempre stando al presidente di Santésuisse (in carica da giugno) "la presunta potente lobby delle casse malattia non deve essere così potente, altrimenti avrebbe ottenuto molto di più e i premi sarebbero più bassi". "I lobbisti delle compagnie di assicurazione sanitaria non vengono misurati con lo stesso metro di giudizio di quelli dei medici, degli ospedali o dell’industria farmaceutica", si rammarica il 54enne. "Chi ha mandati nel settore delle assicurazioni sanitarie o della finanza viene criticato, mentre chi li ha nel turismo o in una casa di riposo viene considerato insospettabile". Anche l’idea di limitare gli stipendi dei manager delle casse, fortemente aumentati negli ultimi anni, viene considerata da Landolt "un’espressione di impotenza che ha lo scopo di distrarre dalle vere sfide".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved