ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 ore

‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’

A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
12 ore

Domenica di bocciature a livello cantonale

La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
14 ore

Allevamento intensivo: il no è netto

La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
14 ore

Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti

Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
14 ore

Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni

La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
Svizzera
15 ore

Ambasciatore ucraino a Berna, no asilo per disertori russi

Preoccupano i migliaia di russi in fuga dal loro Paese per evitare il reclutamento, si teme che tra loro vi siano spie di Putin
Svizzera
20 ore

Una votazione che ha lasciato col fiato sospeso

Le urne sono chiuse, è iniziato lo spoglio delle schede. I risultati in tempo reale
Svizzera
23 ore

C’è tempo fino a mezzogiorno per votare

Svizzeri alle urne su Avs, imposta preventiva e allevamento intensivo
Svizzera
1 gior

Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto

La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
1 gior

Se il vaccino è ‘da buttare’

Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
Svizzera
1 gior

Axpo e quell’aiuto non ancora utilizzato

Il gruppo ha ottenuto dalla Confederazione il credito d’emergenza per far fronte all’impennata dei prezzi nel settore energetico
Svizzera
1 gior

L’alternativa è il pellet. Ma meglio fare scorta per tempo

SvizzeraEnergia vara la campagna ‘Zero spreco’: ecco qualche consiglio utile per evitare un inverno (giocoforza) freddo
Svizzera
2 gior

È allarme riscaldamento: ‘Fate il pieno del tank al più presto’

L’obiettivo? Contribuire al raggiungimento del risparmio volontario del 15% dei consumi di gas stabilito dal governo sull’esempio dell’Ue
Svizzera
2 gior

Luce verde all’export di munizioni in Qatar

Il Consiglio federale ha avallato la richiesta di esportazione di armamenti per il cannone di bordo del jet Eurofighter
19.08.2022 - 11:52
Aggiornamento: 14:44

Urgono soluzioni sui binari per il transito nord-sud

I lavori nella Valle del Reno minano la regolarità del traffico merci: l’industria ferroviaria svizzera un’alternativa sulla riva francese

Ats, a cura di Red.Web
urgono-soluzioni-sui-binari-per-il-transito-nord-sud
Keystone
Lavori in corso sulla linea Basilea-Karlsruhe

La linea ferroviaria della Valle del Reno, tra Basilea e Karlsruhe (D), continuerà a essere un punto dolente dell’asse di transito nord-sud fino a quando non saranno terminati i lavori di ampliamento: cantieri, guasti tecnici e deviazioni rendono quasi impossibile il transito regolare delle merci. Lo sostiene l’industria ferroviaria svizzera, che chiede lo sviluppo urgente di un’alternativa sulla riva sinistra (francese) del fiume per evitare un ritorno alla strada.

Esprimendosi oggi a Berna nell’ambito dell’assemblea generale della Vap (associazione che difende gli interessi del trasporto merci ferroviario), rappresentanti di Bls Cargo, di Hupac e della Rete delle ferrovie europee (Netzwerkes Europäischer Eisenbahnen – Nee) hanno sottolineato che già ora si delinea una tendenza a prediligere la strada rispetto alla ferrovia, soprattutto se la merce deve essere consegnata in tempi brevi.

Per contrastare questo trend bisogna assolutamente potenziare le capacità delle linee tedesche di accesso alla nuova ferrovia transalpina (Ntfa): la stabilità del corridoio nord-sud è un prerequisito per proporre un efficiente trasferimento modale delle merci, hanno sottolineato.

Mancano alternative

I numerosi cantieri – in particolare quello di ampliamento della linea ferroviaria della Valle del Reno il cui completamento non è previsto prima del 2040-2045, come pure le frequenti interruzioni tecniche – rendono al momento estremamente difficoltoso il transito dei convogli: il problema principale è la mancanza di percorsi alternativi. "Ciò significa che le previsioni di crescita del traffico merci su rotaia possono essere dimenticate. Le conseguenze per le ferrovie merci, i clienti e gli obiettivi climatici sono drammatiche", hanno rilevato gli oratori.

A titolo di esempio, la puntualità dei treni transalpini di Hupac, operatore ticinese di trasporti su rotaia, è peggiorata, passando dal 75 al 51% tra il 2016 e il 2022. Il ritardo medio all’arrivo è aumentato da cinque a nove ore. Il numero di cancellazioni di treni è aumentato dal 7 al 19%, ha indicato Bernhard Kunz, membro del Consiglio di amministrazione di Hupac.

L’industria ferroviaria elvetica chiede quindi come prima misura urgente un "rapido potenziamento" della linea Wörth-Lauterbourg-Stassburg sulla riva sinistra del Reno. Questo percorso parallelo porrebbe fine al caos edilizio e garantirebbe il traffico di transito, d’importazione e d’esportazione.

Collaborazione internazionale urgente

La seconda richiesta è quella di facilitare l’accesso al percorso di deviazione attraverso la Francia trovando ad esempio soluzioni temporanee per consentire ai macchinisti di lingua tedesca di viaggiare attraverso la Francia.

La terza richiesta è che le tratte di deviazione previste in caso di lavori di rinnovo alla linea principale siano del tutto pronte dal punto di vista operativo e infrastrutturale prima di entrare in funzione. Infine l’industria elvetica chiede che tutti gli operatori delle infrastrutture del corridoio ferroviario Reno-Alpi si siedano allo stesso tavolo per pianificare e coordinare l’azione: urge la creazione di un comitato di lavoro internazionale che comprenda i Ministeri dei trasporti dei Paesi.

Sommaruga: difficoltà dopo il fallimento dell’accordo quadro

La consigliera federale Simonetta Sommaruga, prendendo la parola all’assemblea generale della Vap, ha ammesso che la cooperazione internazionale non è facile dopo il fallimento dei negoziati per un accordo quadro istituzionale con Bruxelles.

In Svizzera, al contrario che altrove, la ferrovia è ancora la "spina dorsale della logistica" per molte industrie e il trasferimento delle merci su rotaia gode di ampio sostegno, ha ricordato la ‘ministra’ dei Trasporti. In quest’ottica il governo intende rafforzare ulteriormente il potenziale del settore.

Tuttavia alcuni servizi di trasporto merci su rotaia non sono più redditizi: bisognerà quindi pensare a un cambiamento. Il Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (Datec) porrà in consultazione in autunno una proposta in materia, ha annunciato Sommaruga.

Valle del Reno, ancora almeno 10 anni

L’ampliamento della ferrovia della Valle del Reno, concordato contrattualmente, prevede un potenziamento a quattro binari. Treni lunghi 740 metri e pesanti 2’000 tonnellate aumenteranno in modo significativo la capacità della linea per il trasporto combinato non accompagnato (Tcna).

Il progetto, stimato in 14,2 miliardi di euro (13,8 miliardi di franchi al cambio attuale), concerne 200 chilometri di rotaie. Attualmente sono stati completati poco più di 60 chilometri. L’espansione a quattro binari è prevista entro il 2035. Entro il 2041, i treni passeggeri dovrebbero essere in grado di circolare a 250 chilometri orari ovunque.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved